Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Postfazione

5.1 I salti mortali di Roberta: da dove tutto era iniziato

A. Losurdo

Texte intégral

1Ogni mattina, più o meno puntuale, salgo i quattro gradini dell’entrata e premo a lungo sul citofono per avvisare le educatrici del pre-scuola che sono io... la coordinatrice. Sono arrivata!

2Intanto, controllo con la coda dell’occhio che gli avvisi esposti in bacheca non siano “scaduti”. Entro e saluto tutti: bambini, genitori, segretaria, cuoca, colleghe; in ufficio indosso il grembiule (anche se sono la coordinatrice didattica resto pur sempre al “servizio” della scuola!) e poi vado a posizionare l’impianto stereo nell’atrio per il momento dell’accoglienza.

3Mancano cinque minuti e tutto è pronto: le docenti recuperano i propri alunni del pre-scuola, la cuoca controlla che le entrate siano sbloccate e, sincronizzati gli orologi, parte il conto alla rovescia. Cinque, quattro, tre, due, uno: le ante del cancello si spalancano ed una folla ridente di bambini si dirige verso l’atrio, impaziente di entrare per vedere chi arriva primo!!

4Li osservo avanzare frettolosamente, uno per uno, pronti ad accaparrarsi – anche solo per un giorno – il titolo di vincitore. Non è previsto un premio (anche se potrebbe risultare una strategia utile per educare i genitori al rispetto della puntualità), eppure io so sempre, giorno per giorno, a chi assegnarlo. Il mio segreto? La mia postazione: da lì, vedo tutto!!! Sto proprio all’angolo dell’atrio, vicino agli armadietti, lasciando alle spalle il corridoio che conduce alla segreteria.

5In un clima sereno e festoso, adulti e bambini si dirigono agli armadietti, si spogliano e raggiungono le sezioni salutando con un bacio l’educatrice che li attende alla porta. Il genitore, soddisfatto, raggiunge l’uscita ma improvvisamente si ricorda che non ha controllato: cosa mangeranno oggi? Domanda esistenziale, punto di interesse più alto per un genitore, per cui vale la pena richiedere alla coordinatrice una copia in più da portare a casa onde evitare doppioni culinari. Fortunatamente la cucina si trova in fondo, dopo le quattro sezioni laterali, prima del salone, lontana da tutto e da tutti; non sarebbe stata collocabile diversamente.

6Durante il momento dell’entrata, il telefono suona continuamente ed io non resto mai ferma... il mio nome viene pronunciato innumerevoli volte per svariati motivi: dalla richiesta di un’informazione, al supporto di un’insegnante, al controllo di un bambino.

7Decisamente più difficile risulta la chiusura del cancello per l’inizio delle attività: al suono della campanella alcuni genitori mancano puntualmente all’appello... sono gli “abitudinari”, una categoria decisamente creativa, che elabora quotidianamente nuove forme di giustificazione al ritardo, naturalmente attribuite ora al figlio, ora al genitore stesso, ora a cause esterne ad essi.

8Differente risulta, invece, la sezione del nido, per i genitori come per i bambini. Il traffico in questa zona, al mattino, è decisamente elevato: mamme e nonne hanno ormai una certa dimestichezza nel districarsi continuo di passeggini, borse e ceste contenenti salvascarpe.

9Fortunatamente c’è Laura, la nostra educatrice con più di vent’anni di esperienza che si occupa dell’accoglienza e del coordinamento della sezione. Laura svolge questo lavoro da sempre: in passato (quando c’erano ancora le suore) aveva avuto l’idea di aprire un nido tutto suo, ma purtroppo il sogno non è andato a buon fine (è stata truffata... brutta storia!) e così ha richiesto di tornare nella nostra scuola. Una volta riaccolta, le ho assegnato un ruolo di responsabilità per valorizzarla e permetterle di credere nuovamente nelle sue capacità.

10In effetti, il nuovo ruolo l’ha completamente trasformata e la sua serenità si riflette sul clima interno alla sezione. La tranquillità e la routine, infatti, rappresentano una costante che genera sicurezza non solo nei bambini, ma soprattutto nei genitori.

11Gli orari di entrata si differenziano tra nido e scuola, così come l’organizzazione della giornata.

12Nel salone presso l’entrata, durante la giornata si svolgono varie attività: motoria, gioco libero, laboratorio. Indipendentemente dalle stagioni, il cortile resta il luogo privilegiato per il gioco libero all’aria aperta: tra una corsa ed una scivolata i bambini trascorrono il tempo all’insegna del divertimento. La nostra scuola è una vera e propria istituzione sul territorio, non soltanto da un punto di vista strutturale (date le dimensioni dell’edificio), ma, per la tradizione centenaria che la contraddistingue, anche storico-culturale.

13L’istituto, infatti, nasce come “asilo” per i bambini poveri del quartiere, grazie alla presenza delle suore che per anni hanno dedicato tempo ed energie nell’opera di assistenza ed educazione.

14La permanenza “storica” delle religiose nella scuola ha rappresentato per la comunità un punto di riferimento stabile e sicuro. Attualmente le suore non ci sono più, e tutto ruota intorno alla mia figura: non per questo sono venuti meno i valori cristiani, poiché siamo una scuola paritaria di ispirazione cristiana.

15Il dialogo con le educatrici rappresenta poi, sia per il nido che per la scuola dell’infanzia, un punto di forza per l’accompagnamento del bambino nel percorso evolutivo.

16Le attività iniziano: mi dirigo in ufficio, ascolto le consegne della segretaria e comincio a lavorare. Non è un lavoro semplice, anche perché il personale è numeroso: cinque maestre di scuola dell’infanzia, tre educatrici di nido e in più le educatrici del pre e del post-scuola.

17Inoltre, non possiamo dimenticare le donne delle pulizie che, insieme alla cuoca, costituiscono una parte importante dell’organizzazione scolastica. Senza di loro mi sentirei persa, mi annoierei sicuramente. Sì, perché le “sciure” - come le chiamo io bonariamente - trasformano con la sola forza della parola un banale episodio di vita quotidiana in una telenovela. Incredibile! Ogni giorno, così, mi ritrovo coinvolta in una nuova puntata della soap opera e se per caso ne ho persa qualcuna, riesco sempre a ricostruire il filo del discorso!

18Il mio ufficio, poi, è un porto di mare: ognuno entra ed esce ad ogni minuto per recuperare il materiale che, per mancanza di spazio, vi è stato sistemato; la fotocopiatrice, poi, costituisce una fonte di seduzione per la maggior parte delle insegnanti.

19Insomma, fare la coordinatrice è faticoso, ma anche divertente! Coordinare tutto e tutti non è semplice, a volte mi sento un po’ come gli acrobati del circo: fare salti mortali è la mia specialità!

20Il mio team è variegato: dieci donne, dieci mondi diversi che si incontrano e scontrano ed io, che sono la figura mediatrice, mi trovo a volte a gestire i conflitti che inevitabilmente nascono soprattutto tra alcune. Sottolineo “inevitabilmente” perché quando si lavora tra donne, si sa, il disaccordo, la competizione ed il giudizio fanno parte della quotidianità. Non a caso, da anni penso di inserire nel team un uomo, ma poi credo che mi sentirei responsabile per quel povero ragazzo e dovrei attivare nei suoi confronti una serie di interventi di tutela del genere maschile. Scherzi a parte, credo che la difficoltà più grande nel gestire un team docenti sia quella di condurre insegnanti anagraficamente differenti, con esperienze lavorative e personali differenti, con gradi di motivazione differenti, verso un unico obiettivo: educare. Ecco la nostra sfida, il nostro impegno, la nostra conquista!

21In una società precaria e sempre più incapace di educare, il nostro ruolo diventa un “must” imprescindibile che ci spinge a rispondere attivamente, in qualità di educatori competenti, all’appello “emergenza educativa”. Tutti noi siamo consapevoli di avere una grande responsabilità nei confronti dei bambini e dei genitori. Così, quando si lavora insieme, anche se la collaborazione tra alcune insegnanti non risulta ottimale, si cerca di superare divergenze e differenze caratteriali per favorire un clima sereno tra colleghe.

22Le docenti delle sezioni dell’infanzia sono tutte titolari di sezione tranne una, Monica, che quest’anno è di supporto quale insegnante di sostegno per un bambino di cinque anni. Nella sezione del nido ci sono tre educatrici: Laura e due giovani colleghe.

23Insieme progettiamo percorsi di crescita innovativi e a volte “alternativi”, volti a sviluppare sempre più l’autonomia e l’identità del bambino. Attenzione particolare è data all’esperienza, allo sperimentare e mettersi in gioco, al provare e riprovare per imparare. Le insegnanti stesse provano a mettersi in gioco con mentalità aperta e flessibile anche nei confronti delle attese.

24Il momento di scambio e di confronto reciproco resta comunque quello del collegio docenti, che si incontra periodicamente e diventa strumento di verifica e valutazione del proprio operato.

25Ricordo ancora quell’insolito pomeriggio piovoso di giugno quando, riunite intorno al tavolo, ci trovammo ad affrontare il primo punto dell’O.d.G.: valutazione curricolo 2012-2013.

26Eravamo consapevoli dei risultati positivi raggiunti grazie a una progettazione ben strutturata e dettagliata, che tanto era piaciuta ai genitori da riceverne i complimenti a fine anno; non ci sentivamo però del tutto soddisfatte e, volendo andare a fondo nell’analisi delle proposte educative e didattiche, abbiamo elencato aspetti di criticità dei bambini. Per la prima volta, insieme, abbiamo cercato di andare oltre il dettato della progettazione curricolare, interrogandoci su alcuni obiettivi. Cosa volevamo veramente per i nostri bambini? Una serie pre-costituita di esperienze o proposte e opportunità per sviluppare abilità ancora carenti o mancanti? Avvertivamo i nostri limiti, ma la voglia di cambiare era più forte. Fu Stefania, quel pomeriggio, a prendere per prima la parola: “I nostri bambini non sanno raccontare, o meglio non sanno ascoltare per poi raccontare”.

27“È vero!” intervenne Giusy, “le mamme si lamentano perché i bambini non raccontano niente di quello che si fa all’asilo!”.

28Osservai i volti per cogliere nell’immediato le possibili reazioni. L’osservazione apparentemente sembrava ovvia, ma celava una verità difficile da ammettere. Ascolto, concentrazione, comprensione e rielaborazione di un racconto, di un’esperienza...quante volte era stato affrontato l’argomento? Su quante pagine di progettazione si trovavano come traguardi delle competenze? Quante di noi potevano affermare in tutta sincerità di aver raggiunto quegli obiettivi? Proprio nessuna. Come davanti ad uno specchio, in quel momento, infastidite dall’improvviso temporale estivo provavamo la stessa sensazione di fastidio per non aver assolto al nostro compito.

29In quel momento, dopo un momento di silenzio, Valentina, giovanissima educatrice del doposcuola che partecipava per la prima volta al collegio docenti insieme a Chiara (educatrice del pre-scuola) intervenne: “A volte, il bambino non racconta di sé perché considera il proprio vissuto un fattore privato e quindi difficilmente condivisibile con altri, mamma compresa!”.

30“Sì, potrebbe anche essere ” – replicò Daniela – ma sarà un bambino su dieci!”.

31“Secondo me – intervenne Monica – bisognerebbe ridurre la parte dedicata alla religione, decisamente eccessiva e concentrarsi maggiormente sui campi di esperienza”.

32“Cosa vorresti dire con questo? – disse con tono concitato Stefania – ti ricordo che siamo in una scuola di ispirazione cristiana: devi proporre, insieme alle attività progettate sui campi di esperienza, quelle relative all’I.R.C.”.

33“I.R.C.! Certo! Sembra la sigla di un’associazione benefica! Peccato che voi maestre del ‘privato’, così desiderose di terminare in tempo le schede operative di questi benedetti I.R.C., non avete trovato il tempo per verificare se i bambini, nel corso dell’anno, abbiano assimilato o meno i contenuti trasmessi! E questo vale per ogni ambito, non soltanto per la religione!”. Stefania, alterata, coinvolse le colleghe in una discussione animata circa l’efficacia della proposta curricolare fatta l’anno precedente e dei risultati che ciascuna insegnante aveva potuto riscontrare. Giusy e Daniela l’appoggiavano pienamente, mentre Silvia tentava di mediare considerando l’appunto di Monica come una possibile opportunità per rendere più completa ed equilibrata la modalità di progettazione.

34“Scusate – intervenne Silvia – credo che giudicare superficialmente l’operato altrui non sia il modo migliore per trovare una soluzione al problema!”.

35Il clima si surriscaldava e dovevo trovare al più presto una soluzione operativa che mettesse tutti d’accordo, fornendo allo stesso tempo strumenti adeguati per far fronte alla criticità, nella diversità. Decisi allora di coinvolgere nella conversazione le educatrici del nido che non osavano intervenire per non peggiorare la situazione.

36“Scusate – richiamai all’ordine – Chiedo a Laura e alle sue colleghe se l’anno scorso hanno partecipato alla formazione proposta dall’Amism di Monza e Brianza per le educatrici del nido e delle sezioni primavera”.

37“Certo! – rispose prontamente Laura – è stata un’ottima occasione per confrontarsi con colleghe di altre realtà e per impegnarsi in un percorso di formazione molto esperienziale”.

38Silenzio tombale. Intravedevo negli occhi delle educatrici un senso di smarrimento, stupore misto a negazione... chi scuoteva la testa e si guardava intorno, chi guardava l’orologio... era giunta l’ora... fatidica in cui giocare le carte che avevo a disposizione per affrontare l’impresa più difficile, il compito più arduo: dire ad una maestra che non ha ancora imparato tutto quello che bisogna sapere!

39La situazione era delicata ed il tempo stava per scadere, a minuti la lancetta dell’orologio a muro avrebbe segnato le diciotto e oltre quell’orario non sarebbe più stato possibile parlare.

40Mi avvicinai alla libreria dell’ufficio e andai verso lo scaffale contraddistinto dall’etichetta: “formazione”. Estrassi un vecchio libro di favole che non ricordavo neanche più di avere... uno di quelli con la copertina in pelle... lo aprii davanti a loro e le guardai. Le pagine ingiallite mostravano semplici illustrazioni dal contorno poco definito per via dell’usura e dell’umidità. Sfogliandolo passai una ad una tutte le classiche storie che col tempo sono diventate “storia”. Ammutolite, le insegnanti non osavano chiedere dove volessi arrivare. Ero riuscita ad ottenere il silenzio e l’ascolto, obiettivi richiesti quotidianamente ai bambini ma, spesso, difficilmente raggiungibili dagli adulti. Riposi il libro e conclusi la riunione: “Questo è il mio scaffale delle meraviglie... il vostro dovete ancora costruirlo... non da sole...ma insieme!” Consegnai a ciascuna la scheda d’iscrizione al corso di formazione “Lo scaffale delle meraviglie” curato dall’Amism, riposi i miei fogli nella valigetta, congedai tutte ricordando loro di riportarmi l’indomani la scheda compilata e firmata. Erano le diciotto e un minuto. Con un sorriso indossai il cappotto, spensi le luci e mi diressi verso la porta d’uscita pensando: “eh sì... è proprio vero... i salti mortali sono la mia specialità!”.

Roberta

Auteur

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search