Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte quarta. Il linguaggio della teatralità

4.1 “L’orchestra di Dio”. Drammatizzare una storia all’asilo nido

Elena Rivolta

Texte intégral

1L’orologio è tiranno, ma riesce a riportare tutti alla dimensione reale. Ogni venerdì si ripete la stessa situazione nel laboratorio di Educazione alla Teatralità, con i mezzani della mia scuola: dopo la fatica iniziale per staccarsi da quello che è appena accaduto, dai mille pensieri e dalle emozioni del momento prima, entriamo davvero in un mondo protetto, in un “palcoscenico” che, anche se non corrisponde all’ambiente fisico in cui ci troviamo, ci offre uno spazio e un tempo tutto per noi, un’oasi protetta, ricorrente e attesa durante la settimana, dedicata alla cura del , alla scoperta del tu e alla costituzione e costruzione del noi.

2Siamo a fine novembre, il tempo è grigio, ma il sole è in noi e le attività laboratoriali riportano il sereno a scuola. Poi arrivano i fulmini a ciel sereno, frasi nate senza nuvole all’orizzonte, che risuonano nella nostra testa anche quando il temporale è passato. La frase di Stefano, un tipetto tutto pepe, grande cuore e occhi azzurro cielo, svegli, ma insieme riflessivi, ha avuto questo effetto.

Stefano, uno strumento

3“E io che strumento sono? Voglio allenarmi a suonare bene per Natale, per il compleanno di Gesù!”. Stiamo intraprendendo un bel percorso in compagnia di strumenti e note, sfondo integratore che ci accompagna tutto l’anno. Ciascun attore deve identificarsi con i vari strumenti, riconoscendo i talenti che ha ricevuto e che lo rendono membro onorario dell’“orchestra di Dio”. Nel laboratorio teatrale ogni bambino può sperimentare e sperimentarsi attraverso il gioco, mediatore per eccellenza per conoscersi e vedersi riconosciuti nelle proprie specificità e unicità. Si attribuisce così importanza al singolo bambino, ai suoi tempi, ai suoi spazi. Si creano le condizioni favorevoli per le sue libere esperienze individuali, all’interno di quella del gruppo. Ciascuno, perciò, può relazionarsi con i pari a partire dalle proprie emozioni, i propri sentimenti, il proprio corpo, riconoscendo e rispettando la peculiarità dell’altro.

4“Bene, caro Stefano, hai colpito nel segno e nel cuore!” penso tra me e me. Guardo l’orologio: è tardi, devo correre a prendere il treno, mi attendono un gruppo di educatrici di nido per un incontro formativo. Non posso perderlo, ma nemmeno lasciare cadere nel vuoto l’interrogativo: è nostro dovere dare senso e significato ai preziosi momenti in cui si apre la mente e il cuore degli educandi: “Stefano, bella domanda! Oggi la tua richiesta farà suonare nelle nostre teste e nelle nostre anime tante note. Possiamo ascoltarle, chiedere aiuto a mamma e papà e ripartire da qui, nella prossima volta”. Saluto i bambini, che pare abbiano accolto l’invito, le colleghe, e corro.

5Salgo sul treno, ho bisogno di raccogliere le idee. Penso a quello spazio privilegiato che ho costruito con i bambini chiamandolo “tempo pausa” per passare da una attività all’altra, da un gioco al successivo, da una routine all’altra, fermandosi e raccogliendo energie, emozioni e pensieri. Mai come ora mi accorgo della sua utilità per tutti, non solo per i bambini! Stacco la spina per cinque minuti e mi godo la pausa, rallegrata da un cioccolatino pescato in fondo alla borsa e dimenticato da mio figlio. Rinvigorita apro la cartelletta con gli appunti per l’incontro e inizio a leggere, ma Stefano ha la capacità di farmi frullare in testa le sue note, anche se ora è fisicamente distante e il nostro palcoscenico è in pausa, proprio come me. Prima lampadina: “Ma sono così sicura che il palcoscenico abbia uno stop?” Riprendo la lettura e scorro le immagini che mi regala il treno, anche se ormai si fa buio. In un attimo ecco apparirmi tutti i palcoscenici della mia vita, i compagni di viaggio e i maestri di questa avventura: dalla mia tenerà età ad oggi, tutte le scene hanno avuto un ruolo fondamentale, interpretate da protagonista o da spettatrice, hanno costruito un pezzetto, più o meno grande, della mia identità.

6Con questa consapevolezza apro la porta della scuola che mi accoglie; il tragitto pare essere durato molto poco, o molto tempo hanno occupato le mie riflessioni, tanto da farmi perdere la cognizione del tempo. “Oggi, è in scena la nostra vita!”

7Questo è il punto di partenza, una bella scommessa certo, ma sono consapevole che la formazione, oggi più che mai, debba essere un reale incontro tra persone, un significativo scambio di competenze, una piena condivisione di professionalità e cultura. Entro serena e motivata, desiderosa di incontrare sguardi e mani, per costruire una nuova catena e donarsi uno sguardo nuovo all’interno di ogni palcoscenico che lunedì aprirà il suo sipario nelle varie scuole.

8“Benvenuta, siamo qui!”, una voce conosciuta, una collega con cui si è condiviso un pezzetto di strada, un buon inizio. Basta cambiare direzione per accorgermi che le attrici sono schierate dietro ad una grande cattedra, dotata di pc super aggiornato e di proiettore rigorosamente acceso. Con piacere saluto la compagna di viaggio, divenuta amica durante il corso per Coordinatrici Amism, scambiamo due parole e comprendo subito che in quella sala sono presenti educatrici di nido, di sezione primavera e insegnanti di scuola dell’infanzia di un unico collegio, il suo!

9“Bel colpo! Ho impostato tutto sulla relazione tra sconosciuti”, penso preoccupata, ma questo è il bello della diretta. Non mi demoralizzo, anzi, le sfide mi aiutano a ripartire, rinnovarmi e cercare nuove strategie, le stesse che spesso mettiamo in atto nell’attività quotidiana, imposte dai rapidi cambiamenti di scenario. Parto da quello che vedo e dall’osservazione delle loro dinamiche interne. Noto da subito due gruppetti: da un lato siedono rassegnate le più anziane, dotate di foglio e penna: è ormai lontano il tempo in cui agende e quadernoni non potevano mancare ad un corso di aggiornamento. Al lato opposto, le più giovani, dotate di chiavette per caricare le mie slide, che non ci sono, e apparentemente motivate. Poi un anello di congiunzione: le tre fedelissime della Coordinatrice si sono accomodate nel mezzo, al suo fianco, e scambiano già qualche impressione. Non ci penso: meglio iniziare.

Contro le ricette

10“Grazie per aver predisposto tutto, ma non ho bisogno di grande tecnologia. A dire il vero nemmeno di strumenti, anche le semplici sedie così disposte non ci aiutano. Liberiamocene, accantoniamole in quell’angolo, almeno per ora, e creiamo uno spazio vuoto: oggi saremo noi a riempirlo e a ricrearlo insieme”. Gelo, sguardi straniti e dubbiosi. Poi una voce decisa: “Ma non c’era la formazione? Non avevamo capito di fare ginnastica!” “Entrambe, ma io non la chiamerei propriamente ginnastica. Mi piace di più educazione teatrale. Lo so, avreste preferito nascondervi dietro gli appunti e ricopiare pari pari le slides, a tratti per inerzia, perché confessiamolo, è venerdì, siamo tutte affaticate dal peso della settimana, dai tanti visetti che abbiamo accolto, dalle lacrime asciugate, dai sorrisi condivisi e dalle manine che abbiamo stretto… dall’accoglienza, dai giochi in comune. Non vi ruberò tempo prezioso, vorrei con voi ricreare un incontro di mani e di sguardi, l’essenza relazionale di ogni giorno. Ecco la sfida: mettiamoci in gioco!”.

11“Io condivido!” si espone timidamente la collega più giovane dello schieramento opposto, subito interrotta: “Tutto bello, tutte idee innovative e altamente qualificate, ma non ci servono, noi abbiamo problemi più seri, ha mai visto i bambini del nido di oggi….” e continua rimpiangendo i tempi andati e l’inutilità di tante “invenzioni moderne”; ci metto poco a capire che mi ha etichettato nella seconda categoria, mi sopporta perché le strappo qualche risata qua e là, ma non vede l’ora di provare a contraddirmi.

12“Abbiamo bisogno di ricette per lavorare con i bambini di oggi, non sanno neppure come si ascolta una storia!”, le viene in soccorso una collega seduta accanto.

13“La ricetta, oggi, la scriviamo assieme. Questo è il libro che ho scelto per voi, anzi per noi, perché anche io desidero andare a casa con una bella ricetta, meglio se più di una. Lunedì, come voi torno a scuola con i miei bambini.” Mostro il libro scelto, “Piccolo Giallo e piccolo Blu”, dove è l’immagine a reggere tutta la narrazione, vi sono poche parole che passano inosservate rispetto alle semplici macchie di colore che lasciano spazio a tutti e a tutto. Lo introduco con poche frasi, soffermandomi sul tema centrale: l’io che incontra il tu e provano insieme a diventare un noi. Non aggiungo altro.

14Mi guardano rassegnate, tre ore passano in fretta, qualcuna sorride preoccupata, ha intuito che oggi ci si sporca le mani e non solo; altre, stupite e pure incuriosite, non comprendono fino in fondo dove voglio andare a parare. Due tra le più giovani hanno già avuto contatti con l’Educazione alla Teatralità e partecipano motivate.

15“È il momento di presentare tutti i GIALLI e i BLU che oggi scriveranno la ricetta. Sediamoci in cerchio, comode per terra, come i nostri bambini. Inizio io: mi chiamo Elena, sono carica di emozioni e da questo laboratorio mi aspetto di incontrare tanti sguardi che di certo mi arricchiranno!”. Di nuovo panico. Guance che arrossiscono, scambi di sguardi sospetti. È da questo momento che ogni attrice, siamo tutte donne, inizia a vestire i panni dei “trottolini” che ogni giorno accogliamo nei nostri asili nido colorati, nelle nostre scuole dell’infanzia ricche di stimoli. Senza accorgersi, proprio in questo istante carico di emozioni contrastanti, stiamo scrivendo il copione della nostra “ricetta”. Il giro è più lungo del previsto, molte faticano a presentarsi e mi fissano per la richiesta inusuale e scomoda, meglio nascondersi dietro il blocco degli appunti, fonte di serenità e di estraniazione: qui, invece, ci si mette in gioco. Inevitabilmente creo scompiglio e disagio. Sarebbe stato più facile interrogarle sul loro ruolo, sull’idea di educazione o sulle attività che frullano loro in mente. Le ho spronate, ora si parte con la de-costruzione dell’idea di teatro. Che lo spettacolo abbia inizio!

16“Vi conoscete bene tra voi, trascorrete parte della giornata assieme, ma non sempre vi salutate guardandovi negli occhi. Qui è possibile!”. Di nuovo gelo. Saluti sterili, formali e convenzionali si alternano a scambi affettuosi solo tra le amiche; camminate controllate e sguardi preoccupati. Qualcosa però sta cambiando: alcune attrici ci prendono gusto, sono più rilassate e sorridenti, hanno deposto le armi e, come bambini, dimenticano tutto il resto. Di gioco si tratta, apparentemente. Si distendono e si mettono poco alla volta allo scoperto. In scena c’è ognuna di loro, la loro persona. L’occasione di sperimentarsi in una dimensione laboratoriale in cui è importante essere e non fare, il processo e non il prodotto finale, le singole conquiste, il gioco, stimolano la relazione con l’altro con la crescita personale, superando i propri limiti ed egoismo. La carica valoriale di un’esperienza come questa arricchisce il singolo che si sente al centro, riconosciuto, accettato e amato per quello che è e può offrire, in modo originale rispetto a chiunque altro.

17Decontestualizzandole dal loro ruolo professionale, le corsiste si godono ogni momento senza intravedere l’intenzionalità progettuale che sostiene ogni gioco, somigliando anche in questo ai bambini. Le più diffidenti, invece, restano guardinghe e ancora si domandano dove voglio arrivare. Colgo i loro sguardi, ma non do spiegazioni, non è ciò che serve, almeno in questo momento.

18“Ecco, prima di metterci in ascolto è necessario creare l’atteggiamento idoneo, liberare la mente e il cuore dai carichi di oggi. Troviamo un posticino tranquillo, rilassiamoci. Ora vi racconto la storia che ho scelto per voi, ma devo essere sicura che tutte stiamo davvero ascoltando. Partiamo dall’ascolto di noi stesse, il nostro respiro, il battito del nostro cuore, le nostre emozioni”. Il tono della mia voce si abbassa poco alla volta, rallento il ritmo e scandisco bene le parole, spengo le luci ed evito rumori, creando un clima favorevole. “Chiudiamo gli occhi e abbandoniamoci, proviamo a sgonfiarci come fossimo dei palloncini appena bucati da una piccola spina e abbandoniamoci a terra; percepiamo il peso del nostro corpo, appoggiamo la mano sulla nostra pancia e poi sul nostro petto per avvertirne i ritmi”. Pausa. Pausa, e ancora pausa. Di questo abbiamo bisogno per prendere consapevolezza di noi stesse e ripartire. Rispetto i tempi di tutte. Incredibile: anche le più scettiche continuano in autonomia, nessuna sbircia o pare tesa, nessuna si rifiuta. Poi riprendo con la percezione del corpo e il momento del risveglio, e attendo. Attendo e osservo, non stravolgo l’intero percorso ma adatto, personalizzo, rilancio e sprono a seconda dei rimandi che ricevo, espliciti e non.

19“Siamo libere, siamo pronte a incontraci; liberamente camminando nel nostro spazio, salutatevi in modo nuovo e rinnovato quando le vostre traettorie si incrociano”. Tempi distesi, sguardi intenzionali e prolungati, non per tutte accompagnati da contatto fisico, ma questo è il bello: ciascuna si presenta agli altri come preferisce, rispettando, ancora una volta, il proprio tempo. Al termine si siedono in cerchio: non si ripresentano ora per gruppi separati, sono libere e desiderose di esprimersi singolarmente. Inizio la lettura. “Possiamo trovare un angolo tutto per noi? È un problema se mi sdraio?”. Successo. Accolgo con gioia la richiesta. Mi soffermo sulla singola parola che precedentemente ho sottolineato, desidero far emergere la dimensione personale e la necessità di relazione che tutte avvertiamo, la stessa che è già scritta nei cuori anche dei nostri piccoli. Attendo. Le vedo riflessive e calme, non hanno neppure colto che l’ora della pausa caffè è già arrivata. Prolungo e spezzo poi, non posso interrompere il processo che ha avuto inizio: “Ora lo rileggo mostrandovi le figure, vi chiedo di identificarvi in uno dei personaggi, quello che più si avvicina a voi”. Al termine chiedo di formare tre gruppi a seconda del colore scelto. Due attrici si scusano, non sanno individuare il loro profilo. “Potrebbe esserci anche il Rosso, che dite? È tutto da inventare e creare, a voi la scena. Ora davanti a me siete tanti IO desiderosi di raccontarvi e di incontrarvi. Siete come strumenti unici e irripetibili di una magnifica orchestra!” Pausa caffè. Stefano ha fatto risuonare le sue note anche qui.

Statue e armonie

20La ripresa è beneficiata dalla condivisione avvenuta durante la pausa, l’entusiasmo delle più giovani inizia a contagiare le più reticenti, pur se ancora non si sbilanciano. Alcune però manifestano interesse per l’Educazione alla Teatralità e chiedono informazioni su approfondimenti e percorsi personali. Colpite nel segno! Poco alla volta il fascino del nuovo modo di intendere il teatro sta occupando la scena, non per la bravura o meno della formatrice, ma per l’essenza stessa della proposta, dedicando tempo al rilassamento, allo stimolare curiosità, interesse, creatività, scoperta. Ognuno vive l’esperienza personale nell’esperienza del gruppo. Questa è la meraviglia del laboratorio: un momento definito, uno spazio protetto in cui si manifesta l’intento educativo, un’occasione di espressione di sé, di conoscenza, di relazione con gli altri in maniera ludica e divertente.

21“Riprendiamo a lavorare in piccolo gruppo. Condividete e delineate il profilo del vostro personaggio, di voi stesse. Dopo di che abbinatelo ad un bimbo che vi assomiglia. Condividete e scegliete un portavoce per la messa in comune”. Poche consegne, chiare ma essenziali. Il lavoro procede bene, le osservo: impegnate e motivate e, inaspettatamente, anche chi aveva molte riserve a riguardo, si sta davvero mettendo in gioco. È il momento di rincarare la dose, sono pronte.

22“Spesso nei contesti educativi regna la parola, crediamo che con il linguaggio verbale si esaurisca il potenziale espressivo: non è così. Basta osservare i bambini alle prese con la nostra imitazione o ripetere le nostre frasi ricorrenti per rendersi conto di quanto compensiamo anche con il corpo, la mimica, lo sguardo. Siamo un tutt’uno di corpo, anima e intelletto, il nostro stile comunicativo parla di noi”. Per tale ragione all’interno del laboratorio viene valorizzata anche la dimensione del linguaggio “non-verbale” e l’importanza delle pause: sia in teatro, che nella vita di tutti i giorni abbiamo bisogno di fermarci per “assaporare” le relazioni, contrastando la fretta nella quale siamo immersi, fin da piccini.

  • 1 Titolo della rivista dalla Federazione Nazionale delle scuole dell’infanzia di ispirazione cristi (...)

23Ecco i portavoce, puntuali: interessante notare come le componenti dello stesso gruppo, divenute maggiormente “noi”, si sostengano e supportino, completando e arricchendo gli interventi. Emergono riflessioni ricche di contenuti e di passione educativa, serve poco per comprendere che un altro fondamentale cambiamento è avvenuto: all’inizio lo sguardo era puntato su di loro, sulla ricerca di contenuti didattici ed educativi nuovi da mettere in atto con i bambini, ora lo sguardo si focalizza proprio sui bambini: prima i bambini1, appunto. È bastato lavorare sul sé, sulla difficoltà di esprimersi, di ascoltarsi e di mettersi in relazione per comprendere che per agire è indispensabile osservare, cercare di comprendere, lasciare spazio, farsi da parte e mettere al centro coloro che sono i veri protagonisti delle nostre comunità educanti. È un cammino faticoso, giornaliero, non dato una volta per tutte. Non è immediato, ma se vogliamo incontrare ogni “sé” che ci troviamo di fronte, rispettando la sua unicità e la sua bellezza, è l’unica via. E non sono certo io a dirlo! È una piacevole scoperta, è una meravigliosa strada da percorrere.

24“Ora recuperiamo le nostre emozioni divenendo noi stesse delle statue, lo sperimentiamo in contemporanea per tutti i gruppi!” Non servono spiegazioni, ma pause per recuperare il vissuto e lasciare spazio ad ogni sé di esprimersi liberamente.

25“Siete uno spettacolo! Lo riproponiamo una alla volta, divisi per personaggio, cercando di inserirvi coerentemente con la posa della compagna precedente. In questa cornice immaginaria le vostre statue assieme diverranno uno straordinario quadro! Siamo partite dal sé per prendere coscienza dello spazio, ci siamo rilassate e concentrate, abbiamo fatto silenzio; da questa situazione di quiete, procediamo attraverso l’improvvisazione, prendiamo una forma.

26Pausa. E ancora pausa. Attorno vi è silenzio e concentrazione. È il momento di fermare i pensieri e le riflessioni, appuntarle per il processo futuro. Propongo il diario di bordo, uno strumento semplice, ma molto efficace, per la rielaborazione di quanto si è vissuto, per attribuire senso e significato all’esperienza. Raccolgo in un cartellone che lascio alla Coordinatrice con l’invito a ripartire da qui nel prossimo Collegio Docenti. Le frasi appuntate non necessitano di commento ma solo di inviti a proseguire perché ciò che ora hanno costruito è destinato a crescere: “Siamo costantemente chiamate a rimetterci in gioco, in ascolto di noi stesse e in discussione, per poter donare e incontrare lo sguardo del nuovo TU. “Questo percorso, questo processo, deve divenire il nostro nuovo stile di vita educativo, per ritornare alla vita di tutti i giorni con una carica in più: saper scegliere e riordinare le priorità al servizio dei nostri bambini e del loro futuro”. “Rendere sempre più ciascun bambino reale protagonista della sua crescita e condividere con le famiglie un progetto educativo specifico e individuale”. Direi che può bastare, sono contenta.

27“La ricetta può essere sperimentata da lunedì con i bambini. A proposito, ora lo chiedo io a voi: cosa farete con i vostri bambini nel momento della narrazione? Prendo carta e penna, sono pronta per portarmi a casa la vostra ricetta”. Nel giro spontaneo prendono la parola quasi tutte le educatrici che si ricredono rispetto alle aspettative iniziali. In realtà ora siamo tutte convinte che non vi sia una ricetta, ma un atteggimento, uno sguardo da cui partire per costruire assieme un’accoglienza che fa stare bene ogni bambino, nel rispetto della sua unicità e delle sue caratteristiche. La narrazione è solo un pretesto, non un fine. L’Educazione alla Teatralità è un mediatore, non il mediatore per eccellenza.

28“Da oggi cambio le priorità: mi interessa ciò che ogni bambino vive, sperimenta, la possibilità che io offro di potersi sperimentare, incontrare, di creare quel vivaio di relazioni che fa crescere”. Ormai non è più necessario il mio ruolo di regista, da sole e in autonomia, rispettandosi e ascoltandosi, si completano e continuano la riflessione a partire dagli imput della collega: “Cerco di tenere a bada l’ansia, meno attività ma più intenzionalità e consapevolezza, più ascolto ed osservazione poiché al centro non ci sono io, ma loro. Dai loro segnali scelgo la strada: delineo assieme al collegio l’itinerario, ma le tappe le definisco con i bambini: è il loro bisogno ciò che mi importa veramente!”.

“Il bello” di ciascuno

29La meraviglia del palcoscenico si è mostrata a tutti, senza copione, costumi o parti da recitare: in scena tutte hanno avuto il ruolo che hanno scelto; in scena, oggi, c’era ogni educatrice!

30“È il momento dei saluti, riprendiamo il nostro cerchio magico custodiamo con cura ciò che abbiamo vissuto e sperimentato. Teniamolo come un semino da coltivare e da far germogliare, da alimentare e far crescere per poter portare molto frutto. Nel salutarci, condividiamo il nostro stato d’animo rispetto all’inizio, quale strumento ci sentiamo all’interno di questa meravigliosa orchestra e ciò che ci portiamo a casa”.

31“Devo ammettere che oltre al percorso, intenso e faticoso perché ha scavato dentro me, ho piacevolmente sentito, senza forzature e ridondanze, il desiderio di concretizzare il nostro essere asili e scuole cattoliche o di ispirazione cristiana, il rendere reali i riferimenti al personalismo cristiano nella cura e accoglienza per ciascuno, grazie!”. Ringrazio, ma non aggiungo o commento. Lascio spazio e attendo le protagoniste.

32“Vero, la fregatura è che oggi abbiamo smosso tanto, in termini personali e professionali, e ora resta l’acquolina in bocca. Sarebbe interessante sperimentare un intero progetto educativo che parte dalla tenerissima età e che deve prevedere una piena condivisione con la famiglia”.

33“Mi sento scossa, confusa, ma arricchita. Sono in ricerca. Voglio mettermi in gioco, scommettere su me, rinnovarmi per potermi donare”. “Io vorrei riprendere la metafora dell’orchestra, non credo che lei l’abbia citata a caso. Nell’osservare le mie colleghe ho compreso la bellezza di ogni strumento, la sua particolarità e i suoi limiti. Ecco, noi dovremmo essere come direttrici dell’orchestra con i nostri bambini, per accogliere e valorizzare ogni strumento per ciò che sa suonare!”. “Io direi per ciò che è, non tanto per quello che sa fare; credo che dobbiamo partire dall’essere e abbandonare la mentalità del fare, fare, fare!”.

34Improvvisamente prende parola una collega che non si è mai espressa e che ho lasciato libera di vivere come preferiva questo percorso: “Sono stata in silenzio, ero scettica e in parte lo sono ancora. Ma fortemente motivata a capirci di più. Ho tanti anni di esperienza, ad ondate di moda ho visto cambiare l’idea di educazione e di formazione. Ho preferito e scelto di fare la spettatrice, ho appuntato molti elementi di criticità, ma alla fine credo di dover ammettere che ne vale la pena. All’ultimo ho compreso di avere indossato i panni dei nostri bambini più timidi e riservati, o di quelli molto determinati che non si lasciano andare senza aver prima studiato bene il contesto. Ecco, cosa pretendiamo da loro? Come li sforziamo quotidianamente senza motivarli e spronarli? Quante volte non partiamo dal loro bello, dalle note ricche che sono e li etichettiamo, inconsapevolmente, inviando loro feedback non positivi, con sguardi, battutine. Anche lo spettatore ha un suo ruolo, ha un suo bello! La ringrazio per aver rispettato il mio voler essere spettatrice”.

35“Anche questa volta ho ricevuto più di quanto abbia donato, la sinfonia si crea assieme. La nostra stessa vita è un magnifico strumento, tanto bello perché unico e irripetibile. Il punto di partenza è esserne grati e cercare il bello che c’è in ciascuno, tralasciando difetti e mancanze. Essere componenti dell’orchestra ci aiuta a conoscerci, scoprendo i talenti che ci sono donati per moltiplicarli e vivere in armonia. L’augurio sincero che rivolgo a ciascuna di voi è quello di una vita melodiosa allietata dalle parole di S. Paolo: “Viviamo nello stimarci a vicenda” così potremo davvero fare della nostra vita un capolavoro!”

36Per Stefano ho la risposta: al prossimo incontro porterò un cuore e glielo mostrerò senza aggiungere parole. Ascolterò ciò che è risuonato nel suo cuore e in quello dei suoi amici, grazie anche al prezioso aiuto delle famiglie. Comporremo insieme l’armonia, giorno dopo giorno. Da qui partiremo, nella scoperta di ciò che di bello Dio ha posto in ciascuno, il talento che ci fa cantare: “Nell’orchestra di Dio ci sono anche io!”. Caro Stefano, che l’orchestra continui a suonare al meglio, oggi e sempre!

Notes

1 Titolo della rivista dalla Federazione Nazionale delle scuole dell’infanzia di ispirazione cristiana.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search