Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte terza. Il linguaggio dei libri

3.2 Costruire un libro: il Pop-up

Erminia Maria Paoletti

Texte intégral

1A tutti è capitato di provare soddisfazione nel realizzare con le proprie mani un manufatto, anche se piccolo, o di sperimentare su di sé quando sia più semplice capire un compito quanto si ha la possibilità di farne esperienza mettendo, come si usa dire, le “mani in pasta”. Sappiamo anche quanto sia importante, per spiegare qualcosa a qualcuno, possederne regole e passaggi, poiché se ne è fatta esperienza in prima persona.

2A maggior ragione quando si tratta di bambini, l’insegnante dev’essere consapevole che, se il bambino fa, costruisce, prova e realizza in prima persona è partecipe, interessato e, pertanto, apprende più facilmente. La motivazione e l’immersione diretta nell’esperienza, in altre parole, sono dunque motori per la promozione di un apprendimento significativo e duraturo.

3Queste riflessioni mi guidano mentre preparo l’incontro di formazione assegnatomi e decido di proporre un’esperienza di costruzione del libro Pop-up in cui insegnanti ed educatrici possano acquisire una tecnica “facendo e sperimentando”.

4Evidentemente non penso ad un fare fine a se stesso, ma arricchito dalla riflessione, all’interno di una cornice di riferimento metodologico-didattica.

5Lo schema base dell’incontro di formazione prende forma: un’apertura iniziale destinata a offrire l’orizzonte di senso, un momento di esperienza diretta di costruzione di un libro Pop-up e una chiusura volta alla decostruzione di quanto vissuto, attraverso una conversazione volta ad una sintesi formativa, ancorché generativa. Dall’immersione in situazione si giungerà, infatti, alla rielaborazione tramite un momento di riflessione cooperativo per trarre riferimenti utili alla trasposizione della proposta ai bambini.

6La doppia lettura dello sfondo metodologico descritto, scorrendo proprio su due livelli strettamente collegati, mi convince: le attività che le corsiste avrebbero sperimentato nel corso potranno, a loro volta, essere “proposte” ai bambini della loro scuola.

  • 1 Si fa riferimento alle attività svolte con gli studenti nell’ambito dei Laboratori di Didattica Gen (...)

7Alcune domande mi sorgono nella mente in modo naturale: “Che cosa conoscono sul tema le colleghe? Che tipo di esperienze avranno già svolto? D’altronde – mi rispondo– hanno chiesto loro di un corso che fornisse piste di lavoro utilizzabili a scuola, ma come vivranno la richiesta di mettersi in gioco direttamente nella costruzione del Pop-up? Mah! Non è la prima volta che utilizzo quest’approccio e ha sempre funzionato, perché dubitare? Mi tranquillizzo. Parto, dunque, progettando l’incontro attraverso un’attenta ricerca bibliografica e sitografica, cui aggiungerò la raccolta dei Pop-up predisposti dagli studenti1 dei Laboratori di Didattica Generale.

8Mostrerò i prodotti degli studenti per rompere il ghiaccio, anzi, meglio, allestirò uno spazio su alcuni tavolini in un angolo dell’aula che la coordinatrice Roberta metterà a disposizione.

Un baule di idee

9Ho appena parcheggiato l’auto fuori dal cancello principale della scuola. Il baule è carico di borsoni contenenti i Pop-up.

10Diluvia.

11Devo portare tutto il materiale dentro la scuola, cartella pesantissima compresa. Ho l’ombrello, ringraziando il cielo. Mi faccio coraggio e inizio a scaricare.

12Un piede oltre la porta e mi sembra di rivedere, o meglio risentire la voce di Carmela, la commessa della scuola primaria in cui insegnavo nel mio paese, che puntualmente mi accoglieva al mattino esclamando a gran voce: “Ecco, è arrivata la befana!”. Sorrido tra me e me. Certo, anche quando prestavo servizio a scuola, in effetti, portavo di tutto, o meglio, qualsiasi cosa potesse servire a supporto delle attività, oltre alla cartella con libri e quaderni…

13Al terzo viaggio sento esclamare: “Professoressa buongiorno, ha bisogno?”. È lei, è Roberta, la coordinatrice, la riconosco dalla voce, l’ho contattata una decina di giorni fa al telefono per presentarle a grandi linee il lavoro e per prendere accordi sul materiale necessario. Roberta accoglie con entusiasmo la proposta e si rende disponibile a collaborare.

14La coordinatrice mi accompagna nell’aula dedicata e mi mostra, con atteggiamento soddisfatto e orgoglioso, la disposizione dei tavoli a isola per facilitare il lavoro di gruppo, un tavolone con tutto il materiale da recupero utile richiesto, la zona della gradinata in cui avrei subito allestito l’angolo dell’esposizione dei libri Pop-up e la posizione strategica, di fronte alla gradinata, del grosso monitor che permette la visione delle slide anche a distanza.

15Apro l’incontro, come di consueto, presentandomi e illustrando l’agenda dell’incontro che rispecchia la scansione del lavoro organizzata nelle tre macro sequenze di lavoro sopra indicato. Nella prima slide si legge, infatti, così:

16Nella presentazione della scaletta è implicito lo scenario metodologico, ma non mi soffermo perché preferisco che rimanga un po’ nascosto tra le righe; farò in modo che emerga alla fine, nel terzo momento.

17Invito i corsisti ad avvicinarsi all’esposizione dei libri Pop-up per curiosare, sfogliare toccare e leggere. Si alza un vocìo, ma, a mano a mano che passano i minuti, le corsiste si concentrano e si immergono nella lettura.

18Incrocio l’espressione affaticata di Giusy, accenna un sorriso e mi dice, quasi a giustificarsi: “Sono stanca!”. Le rispondo: “Immagino, dopo una settimana di lavoro con i bambini, so cosa significa, faccia pure con calma”. Sembra rincuorata.

19Passati una decina di minuti, avviso che il tempo per l’attività sta per scadere e le invito a tornare al proprio posto.

20Proseguo invitando le corsiste a provare a spiegare cosa sia, secondo loro, un Pop-up e abbozziamo un’enunciazione che si presenta così:

21Le corsiste evidenziano anche un aspetto legato alla meraviglia, alle emozioni, allo stupore e alla magia del libro Pop-up. Il lettore, infatti, concordano, una pagina dopo l’altra mentre alza, tira, volta le animazioni, s’immerge nella storia, rimanendone catturato come dalla magia di un gioco o di un teatrino.

22Con queste riflessioni entriamo nel vivo degli ingredienti del Pop-up, così presento la slide successiva a sintesi di questa prima parte:

23Passiamo alla fase centrale dell’incontro illustrando la traccia di progettazione che si presenta come una sorta di diagramma di flusso delle diverse macro azioni che andremo poi a realizzare:

24Sull’onda della stella cometa, indico la consegna che recita: “Dopo aver ascoltato la fiaba di “Madama Holle” dei fratelli Grimm e suddiviso in sequenze la fiaba, ogni coppia costruirà una pagina del libro. Al termine ogni coppia animerà la propria pagina con la narrazione orale”.

25“Perché proprio una fiaba? E perché proprio “Madama Holle”. La conoscete, vero?” domando. Mi accorgo, non senza un certo imbarazzo ma cerco di non darlo a vedere, che molte non la conoscono. Spiego che si tratta di una fiaba tradizionale e come tale, possiede tutte le caratteristiche tipiche della fiaba classica. Da qui il carattere di universalità che la rende accessibile, ancorché valida/attuale sia da un punto di vista pedagogico che didattico, anche ai bambini di oggi. “Io adoro le fiabe, ma, a mio parere, si possono utilizzare anche altre tipologie di testo narrativo utilizzando la prosa per la letteratura infantile. In aggiunta interviene Daniela per evidenziare che sarebbe più importante, anzi opportuno, lasciare liberi i bambini, valorizzando la loro spinta creativa e lasciando loro la possibilità di scegliere e, perché no, di inventare il canovaccio, sia esso un racconto reale o fantastico.

26Gli interventi delle colleghe mi offrono la possibilità di andare a meta, attraverso una sintesi che si articola in alcune riflessioni interessanti:

  • l’attività della costruzione del Pop-up ha senso nella misura in cui è inserita in una progettazione educativa e didattica sensibile ai bisogni reali del bambino che, una volta presi in carico, assumono le vesti di obiettivi da perseguire.

27È proprio l’interpretazione del bisogno del bambino in relazione ai traguardi di competenza da raggiungere l’orizzonte che guida la scelta dei contenuti;

    • 2 J. Bruner, 1992, La ricerca del significato, Bollati Boringhieri Torino, p. 84.

    la condizione per l’efficacia di un’attività didattica è la consapevolezza che occorre operare delle scelte: narrare una storia o lasciare libero il bambino di inventare è sempre un’opzione derivante da una valutazione: “I bambini organizzano spontaneamente l’esperienza in modo narrativo (…) inventano e comprendono storie, ancora prima di gestire forme grammaticali complesse”2;

    • 3 Ivi, p. 83.

    la scelta di una tipologia di testo, sia esso una favola o una fiaba o racconto reale nasce proprio all’interno dello scenario dell’azione progettuale, a partire dalla consapevolezza – per dirla con Bruner – che le “forme narrative della cultura cui il bambino partecipa potenziano il discorso narrativo del bambino stesso” (…) e che “la cultura di appartenenza ci fornisce “sempre nuove capacità di narrazione, mettendoci a disposizione il suo insieme di strumenti, nonché la tradizione del raccontare e dell’interpretare”3;

  • la possibilità per un bambino di scegliere un’attività piuttosto che un’altra, va oltre l’aspetto didattico, facendo riferimento all’educazione alla scelta, strettamente connessa con la conquista dell’autonomia di pensiero e capacità critica.

28Cerco lo sguardo di Roberta e le annuisco. Lei sa che mi deve far partire la musica di sottofondo. Alle prime note invito le colleghe a mettersi comode e, un po’ a sorpresa, inizio con “C’era una volta una vedova che aveva due figlie4…”.

29Al termine, invito le colleghe a suddividere le sequenze al fine di ottenere una sintesi schematica. “Con i bambini, quando dobbiamo costruire le sequenze di un testo - precisa Monica - di solito rileggo il testo è mi fermo quando c’è un cambio di scena o quando si conclude un’azione importante”. Bene, è con il suggerimento di Monica che procediamo con la scansione delle sequenze; al termine ne avremmo rintracciate sei.

30Ai fini della costruzione del nostro libro il passaggio della suddivisione in sequenze è fondamentale perché ciascuna di esse corrisponderà a una pagina.

  • 5 C. Tassi, F. Lucchini, 2006, Costruisco i libri pop-up, Editoriale Scienza , Trieste pp. 22-25.

31Nella progettazione di un Pop-up che si rispetti non può mancare il momento della costruzione del menabò5, ovvero la rappresentazione sintetica e schematica dell’assemblaggio delle diverse pagine. Accompagno intanto la mia comunicazione, presentando ciò che sarebbe diventato il nostro menabò: un foglio di carta da pacchi color avana che apro e appendo alla parete. Spiego che le sei pagine-sequenza si svilupperanno in orizzontale, mentre la storia in verticale. Con un pennarello traccio sei righe orizzontali in cui si abbozzeranno in modo schematico le sei sequenze di cui si comporrà il libro, mentre in verticale abbozzo una linea tratteggiata a indicare la piegatura della pagina. Preciso, infatti, che la pagina del Pop-up è necessario che sia doppia per consentire, con l’apertura, il movimento delle animazioni che si sviluppa proprio a partire dalla piegatura centrale.

32In considerazione del fatto che le coppie in contemporanea non avrebbero mai potuto lavorare insieme sul foglio, comunico che ciascuna di esse, cui sarà affidata la predisposizione di una pagina-sequenza, lavorerà su un foglio A3, con orientamento orizzontale.

33A questo punto chiedo a Chiara di passarmi gentilmente la sua pagina vuota del Pop-up, cioè la scatola di cartone della pizza appoggiata accanto alla sua sedia e che avevo chiesto, tramite Roberta, a ciascuna insegnante di portare con sé. La apro e mostro come si presti molto bene a diventare una pagina del nostro Pop-up perché oltre a possedere le due facciate interne della scatola, ha il vantaggio di essere dotata sui tre lati di alette delle piegature che possono fungere da vere e proprie “quinte” di un teatro. Fili, corde, lustrini, tendine e quant’altro possono “scendere” e “muoversi” tra quelle scene, regalando un pizzico di magia in più al nostro libro.

34Per la stesura del menabò, proseguo, si rendono necessari alcuni accorgimenti tra cui l’attenzione a predisporre per ogni pagina: l’ambiente che fa da sfondo, gli elementi vari, i personaggi, tenendo presente che, per una buona riuscita dell’effetto Pop-up, è da privilegiare un’animazione centrale più grande attorniata da alcune minori.

35“Lei ci sta parlando di cose bellissime, ma noi, almeno io, non so da che parte iniziare; oltretutto, sono stata sempre un disastro a disegnare, per non parlare delle costruzioni di carta … figurati i bambini!” incalza a questo punto Giusy.

36Silvia risponde: “Beh, se fossi la formatrice ti risponderei con le stesse parole che usiamo con i bambini”. Così, schiarendosi la voce e muovendo il dito indice, si alza in piedi e, proprio come se fosse davanti al gruppo classe, esclama: “Non voglio sentire dire non sono capace, ciascuno fa come meglio può e piano piano impara!”.

37A quel punto, Giusy sorride e annuisce. Le altre la seguono.

38Confermo, anzi ringrazio Giusy per avermi offerto la possibilità di rilevare quanto sia davvero importante lasciarsi guidare non tanto dal canone di perfezione, ma dalla motivazione e dal piacere di costruire cooperativamente il libro; inoltre, tale processo richiede una complessità di abilità di pensiero, grafico-pittoriche, manuali e sociali. L’orizzonte di senso è avvicinare il bambino dell’età della scuola dell’infanzia al libro, attraverso un dispositivo di animazione. In altre parole, il nostro scopo è sostenere il fantastico viaggio del bambino nel mondo-libro lanciando il seme della curiosità, del piacere e della motivazione a lettura.

39L’attività di costruzione del libro comunque, come buona abitudine a scuola, non è improvvisata, richiede l’acquisizione di alcune tecniche di base per creare il tipico movimento ad effetto, i Pop-up, appunto. Esse possono essere tranquillamente apprese attraverso attività veloci e gratificanti per il bambino.

40Spiego, infatti, che esistono effetti Pop-up molto semplici. Per esempio, è possibile rappresentare graficamente elementi vari (case, castelli, ambienti, alberi, personaggi, animali e oggetti) lasciando una linguetta d’appoggio alla base della figura. L’àncora servirà a incollare le figure su uno sfondo che coprirà una pagina del libro. Nella creazione di una pagina del Pop-up è conveniente, infatti, evitare di lavorare direttamente sulla pagina e, quindi, preferire la creazione di sfondi come nella seconda immagine riferita alla slide seguente.

  • 6 C. Tassi, F. Lucchini, Costruisco […], cit., p. 25

41Oltre ad ancorare gli elementi perpendicolari alla base, è utile collegarli orizzontalmente allo sfondo tramite un ponte, ovvero una linguetta di carta con una piega che incolleremo, come da slide6 di Figura 5. In questo modo quando il libro è chiuso le figure restano piegate, quando si apre,invece, esse si sollevano in posizione verticale creando l’effetto tridimensionale.

42Illustro anche un’altra possibilità: predisporre uno sfondo con due o più uscite/ganci sui quali il bambino può direttamente incollare gli elementi che andrà a costruire. Mostro uno sfondo, come esempio, e insieme cerchiamo di evidenziarne la procedura: piegare il foglio/cartoncino a metà, disegnare due o più linguette uguali e equidistanti, ritagliare tutti i contorni tranne la parte centrale, riaprire il foglio e piegare verso l’interno.

43Daniela prende la parola: “È meglio però, in vista della costruzione del libro, proporre ai bambini, quale gioco magico, qualche breve attività a soggetto, così che acquisiscano dimestichezza con il movimento di immagini di carta”. Annuisco e invito a prendere in considerazione il suggerimento di Daniela.

44Suggerisco anche un sito, in cui andare a scaricare rappresentazioni grafiche di oggetti e animali che, piegati e ritagliati seguendo le istruzioni, si trasformano in Pop-up7.

Nascono i Pop-up

45Prima di procedere, chiedo a Roberta di scoprire il tavolone al centro dell’aula e su cui avevo chiesto di predisporre una quantità e varietà adeguata di materiale di recupero vario: tra cui filati di ogni genere (lana, fettucce, rafia, cotone); bottoni, rocchetti, gomma piuma, cannucce, stuzzicadenti, batuffoli di cotone, spugne, fettucce, lana, tappi di sughero, ritagli di stoffe e di velo da sposa; carta di ogni genere e colore (velina, lucida, crespa, stagnola, ruvida ecc.); cartone, cartoncini di varie forme, colori e spessore. Non mancano forbici, colla, cucitrice, matite, pennarelli, pongo, scotch eccetera.

46Il tutto si presenta molto ordinato e organizzato con cura.

  • 8 C. Tassi, F.Lucchini, Costruisco […], cit., p..26

47Ricapitolati i diversi passaggi, stabilisco le coppie, raccomando alle corsiste di suddividersi equamente il lavoro e di non rappresentare direttamente sulla pagina del Pop-up gli elementi, ma di realizzarli su un pezzetto di carta o cartoncino. Alla fine, ogni elemento sarà raccolto e incollato sulla pagina del libro, nelle posizioni già concordate nel menabò. Tale accorgimento consentirà sia la possibilità ai membri della coppia di lavorare contemporaneamente sia di non compromettere, nel caso di errore, il lavoro di tutti8.

48Al termine ogni contenitore della ‘pizza’ potrà essere incollato al successivo così da formare le pagine dell’unico “librone”.

49Durante la realizzazione delle pagine del Pop-up giro tra i tavoli, rispondo a domande e osservo le colleghe all’opera, annotandomi spunti e passaggi degni di essere ripresi insieme in fase finale.

50Una volta conclusa la fase di realizzazione, organizzo un momento di animazione alla lettura in cui ciascuna coppia darà vita alla sua pagina, dopo aver concordato i diversi ruoli: chi apre la pagina, chi assume il ruolo del narratore e chi, calandosi nella parte dei personaggi, interpreta dialoghi. Invito le coppie a disporsi a partire da sinistra in ordine successivo e do il via, non senza aver prima avviato il sottofondo musicale sulle note di “Quadri di un’esposizione” di Mussorgskji.

51Sono molto brave, coinvolte e immerse fino in fondo nella loro parte. Sono soddisfatta ed emozionata. Un applauso caldo e spontaneo generale chiude l’animazione.

52Dopo un breve intervallo, riprendiamo il lavoro per entrare nella terza ed ultima parte del lavoro.

53Parto domandando alle corsiste se e come pensano di riutilizzare l’esperienza vissuta nella loro attività didattica di sezione e di scuola. Tutte concordano sulla validità e fattibilità della proposta, riutilizzabile, senza neanche troppi adeguamenti, all’interno di percorsi laboratoriali con piccoli gruppi di bambini delle diverse sezioni.

54Dal confronto emergono alcune riflessioni conclusive interessanti che è possibile categorizzare in alcune aree:

  • la centralità del bambino, che si fa costruttore attivo del suo libro, nonché del suo processo di apprendimento, toccando in modo trasversale i traguardi di competenza dei diversi campi di esperienza. Un bambino che impara facendo, anche sbagliando, senza avere il timore di non essere in grado perché è un’attività accessibile a tutti, secondo le proprie capacità. È un’indicazione cara a Stefania, così attenta ai bambini con bisogni speciali e all’esercizio della cittadinanza. L’utilizzo dell’approccio cooperativo, che valorizza le abilità sociali in compiti di apprendimento di tipo cognitivo, e dei mediatori didattici9 sono segnali di una scuola attenta ai processi inclusivi;

  • l’insegnante che assume la veste di regista “cui compete programmare gli interventi didattici, organizzare le risorse per convogliarle verso il buon esito degli stessi interventi e dirigere in modo tale che i veri e propri protagonisti, cioè gli alunni, riescano con successo nei propri sforzi di apprendimento”10;

  • la metodologia di lavoro. La proposta si inserisce nella prospettiva di un modello di insegnamento/apprendimento non direttivo che pone l’accento sulla costruzione e pianificazione di dispositivi di apprendimento11 finalizzati alla promozione di competenze. Proprio a superamento di modalità di tipo trasmissivo si insiste nel valorizzare una didattica indiretta, attenta ai processi di costruzione di significati e all’interazione sociale, valorizzando gli approcci narrativo, ludico e esperienziale.

55L’incontro si conclude con l’affermazione, lasciata volutamente aperta all’inizio, che l’articolazione dell’incontro: lancio iniziale, immersione nell’esperienza diretta e decostruzione è risultata efficace in quanto ha permesso di conoscere e sistematizzare diverse conoscenze, ma anche perché esportabile come modalità di lavoro in sezione.

56Bene, posso ritenermi soddisfatta!

Notes

1 Si fa riferimento alle attività svolte con gli studenti nell’ambito dei Laboratori di Didattica Generale presso la Facoltà di Scienze della Formazione Primaria, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, a.a. 2007-2012.

2 J. Bruner, 1992, La ricerca del significato, Bollati Boringhieri Torino, p. 84.

3 Ivi, p. 83.

4 Fratelli Grimm, Madame Holle, in http://www.grimmstories.com/it/grimm_fiaba/madama_holle

5 C. Tassi, F. Lucchini, 2006, Costruisco i libri pop-up, Editoriale Scienza , Trieste pp. 22-25.

6 C. Tassi, F. Lucchini, Costruisco […], cit., p. 25

7 http://www.pop-ups.net/makepopups/makepopups.htm

8 C. Tassi, F.Lucchini, Costruisco […], cit., p..26

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search