Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte terza. Il linguaggio dei libri

3.1 Contatti con il libro e la biblioteca a scuola

Cristiano Zappa

Texte intégral

1Alcuni libri, cartelloni ripiegati, fotocopie, strisce di carta colorata, pennarelli, colla stick, nastro adesivo,… I “ferri del mestiere” sono pronti e scompaiono dentro il mio borsone. Mi sento un po’ Mary Poppins quando incontra i gemellini Bank. Mi saltano in mente le parole di Michele. Il piccolo non potè trattenersi dal dire: “Che buffa valigia!”, toccandola coi ditini. Cerco di visualizzare la scena dell’incontro di oggi… All’arrivo, il borsone blu non svelerà il contenuto. Tirerò fuori i supporti per la formazione solo al momento opportuno, e secondo le necessità.

2È una bella giornata di sole. Raggiungo per tempo la sede del corso. Sta terminando l’uscita dei bambini e per questo rallento il mio ingresso. Intanto osservo la struttura dall’esterno. Noto con piacere che è ricca di grandi vetrate. Ho sempre preferito la sistemazione in aule luminose e calde. Qualche gradino, ed ecco che incontro la coordinatrice Roberta. Dopo i saluti sono catturato dal murale. Rappresenta due simpatici coniglietti che vanno a scuola. “Bentrovato, Cristiano! Le piace? Lo ha realizzato una mamma disegnatrice. Venga, ne ha dipinti altri. Su quella parete c’è la scimmietta cuoca e, di fronte, l’orsetto pittore”. “Davvero ben fatti! I personaggi sono delicati ed espressivi” rispondo compiaciuto. Ci siamo sentiti telefonicamente e l’intesa dialogica sembra naturale. Intanto, prendendomi sottobraccio, percorriamo il corridoio. Sullo sfondo risaltano due leprotti concentrati a «leggere» libri, librini, libriccini, giornalini, nella loro casetta. “Ci siamo, ecco i nostri animaletti lettori!” rivela Roberta. “Ah, benissimo!” esclamo con entusiasmo. E aggiungo: “Entriamo nell’argomento dell’incontro: contatti con il libro e la biblioteca a scuola”. “Per telefono le ho accennato che vorrei allestire una biblioteca scolastica, uno spazio nuovo, un luogo invitante, un centro che cambi nel corso dei mesi per favorire l’incontro dei bambini con i libri. In breve, una biblioteca work in progress, creata da bambini, genitori ed insegnanti, tutti insieme. Anche la gestione potrebbe avvenire a tre voci”, mi svela Roberta. Rapito dalla presentazione, le confermo che si tratta di un progetto che merita il pieno sviluppo e incontra la mia condivisione. È chiaro che il – nostro – spazio dialogico abbraccia due peculiari contrassegni: il primo, una sensibile “relazione comunicativa” e, il secondo, un implicito riferimento professionale al campo di esperienza “I discorsi e le parole”.

  • 1 M. Striano, 1999, Quando il pensiero si racconta, Meltemi Editore, Roma, p. 58.

3“È una relazione comunicativa, in quanto si fonda sulla necessità che ciascuno ha di trasmettere idee, di condividere emozioni, esperienze, pensieri e si dà attraverso il linguaggio, che è a sua volta costruito in forma dialogica, poiché ogni parola è diretta ad una risposta e non può non incontrarla in una vivente interazione tensionale, orientata alla comprensione ed all’interpretazione”1.

  • 2 MIUR, 2012, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d (...)

4“(…) La vita di sezione offre la possibilità di sperimentare una varietà di situazioni comunicative ricche di senso, in cui ogni bambino diventa capace di usare la lingua nei suoi diversi aspetti, acquista fiducia nelle proprie capacità espressive, comunica, descrive, racconta, immagina. Appropriati percorsi didattici sono finalizzati all’estensione del lessico, alla corretta pronuncia di suoni, parole e frasi, alla pratica delle diverse modalità di interazione verbale (ascoltare, prendere la parola, dialogare, spiegare), contribuendo allo sviluppo di un pensiero logico e creativo. L’incontro e la lettura di libri illustrati, l’analisi dei messaggi presenti nell’ambiente incoraggiano il progressivo avvicinarsi dei bambini alla lingua scritta, e motivano un rapporto positivo con la lettura e la scrittura”2.

5Roberta mi fa strada e raggiungiamo l’aula multiuso. Assomiglia ad un piccolo palazzetto dello sport con le gradinate ed il pavimento di linoleum azzurro. Da un lato della scalinata, a formare con essa un semicerchio, partono alcune file di sedie per accogliere tutte le insegnanti iscritte, circa una quindicina, ormai quasi tutte presenti e accomodate. Al centro, la mia postazione con gli strumenti media (PC e videoproiettore) e, alle spalle, lo schermo a cavalletto. Si avvicina una maestra sorridente e solare, saluta e, premurosamente, mi chiede se voglio salvare i documenti sul desk. Contraccambiando un sorriso e presentandomi con una vigorosa stretta di mano, le rispondo: “Grazie, molto volentieri, così iniziamo”. L’insegnante aggiunge: “Sono Chiara e lavoro in questa scuola da settembre. Sto completando gli studi in Cattolica, sono iscritta al IV anno di Scienze della Formazione Primaria. Lei si occupa delle attività di tirocinio, vero?”. Non c’è tempo di confermare verbalmente perché Roberta interviene rivolgendosi a me: “Bene, siamo pronte, tutte presenti!”. E poi aggiunge a voce alta per tutta l’assemblea: “In questo secondo appuntamento del corso affronteremo due temi collegati fra loro: il libro nelle esperienze di vita e di apprendimento e l’importanza di allestire, a scuola, appositi angoli e spazi per la lettura. Oggi è con noi un esperto della FISM che ci accompagnerà appassionatamente”. È a questo punto che rivolgo per intero il mio sguardo alle protagoniste. Tocca a me… Per un attimo la loro sistemazione mi fa venire in mente il teatro greco, ed io mi trovo nell’orchestra, lo spazio centrale.

6Do il via alla «rappresentazione» posizionando su un tavolino il mio borsone. Estraggo un libro – indipendentemente dai suoi contenuti testuali – che esibisco alle insegnanti. Non dico nulla per una frazione di secondi, lasciando la scena al «libro», come se fosse illuminato da un fascio di luce. L’evento di avvio mette in moto le prime reazioni. Stefania, seduta in prima fila, apprezza la mossa didattica e confida a voce alta alla sua collega: “Perché non presentiamo ai nostri bambini l’imminente sorpresa-evento, sistemando il caleidoscopio all’interno di un baule?”. L’affermazione dell’insegnante mi permette di effettuare un collegamento diretto: “In effetti si tratta di una mossa strategica (metodologica) che consente di creare uno «sfondo» comune per pensare”. Noto una mano alzata. Silvia fa un cenno per intervenire: “È compito dell’insegnante aiutare i bambini ad imparare a pensare con la propria testa e a non limitarsi a rispondere in maniera meccanica – così sostiene anche M. Lipman –. In questo modo ciascun bambino si abitua ad utilizzare il pensiero per investigare. Può essere un oggetto, un argomento, una situazione problematica,…”. Aggiungo: “Anche sulle immagini di copertina possiamo avviare un’indagine?”. Le colleghe annuiscono. Da questi primi interventi colgo che l’impresa comune è incominciata. Il gruppo è pronto a co-costruire. Ma non voglio ancora superare i due interventi. Scorro rapidamente alcune diapositive alla ricerca di un appoggio finalizzato che proietto. Illustro una significativa immagine proposta da H. Arendt che si ricollega ai contributi e mi apre la strada a svolte successive.

  • 3 H. Arendt, 1987, La vita della mente, Il Mulino, Bologna, p. 34.

7“L’attività del pensare è come uno schiudere gli occhi della mente, un processo meta-cognitivo di costruzione del sapere. Essa, perciò, consiste nella stimolazione di quelle abilità riflessive attraverso cui portare alla coscienza immagini, opinioni, teorie, modelli, che nell’interazione con quelli degli altri potranno contribuire ad uno sviluppo di una cultura, di punti di riferimento condivisi. Infatti, anche se la vera attività di pensiero è un processo personale, di fatto vive di quella circolarità interno-esterno, tra sé e tra sé e il mondo, in un incessante dialogo proteso all’edificazione del «bene comune»”3.

8Mi avvicino al borsone e questa volta tiro fuori alcune fotocopie. Si tratta di una serie di supporti utili che orienteranno la meditazione. Rivolgendomi all’assemblea, comunico la consegna del compito: “Per raccogliere alcune idee sull’oggetto libro, facendo riferimento sia all’esperienza personale sia a quella professionale, immaginiamo di scrivere un messaggio al destinatario «Libro» per comunicargli cosa rappresenta per noi. Se vogliamo, oltre alla scrittura, utilizziamo pure il disegno. Al termine condivideremo liberamente pensieri, opinioni e messaggi”. E così le fotocopie con impressa l’immagine in filigrana di un libro aperto raggiungono tutte le insegnanti che si mettono subito all’opera. Nel giro di poco tempo Stefania raggiunge l’«orchestra» per riferire il vissuto personale e legge tutto d’un fiato: “Caro Libro, ti scrivo queste poche righe per ringraziarti di avermi dato emozioni diverse: ansia, gioia, rabbia, sorpresa, amore. A casa, nei pomeriggi liberi e nelle ore serali sei stato sempre un buon «compagno»; a scuola, un valido «collaboratore» che ha incontrato con me lo stupore di tanti bambini lettori”. Nel frattempo Daniela scende le scale sfilando come una top model sulla passerella e quando raggiunge il centro narra: “Caro Libro, tu sei per me un’ancora di salvezza perché mi accompagni a riflettere sui problemi, a trovare le risposte, ad incontrare «amici di lettura»… Insomma mi fai «volare» con la mente e con il cuore!”. Mentre ringrazio le insegnanti per i loro interventi spontanei, mi accorgo che sulle gradinate Chiara rivolge verso di me il suo foglio e mi chiede di condividere il suo pensiero: “Il libro è: fantasia, conoscenza, apprendimento”. Interviene con tono risoluto Giusy e, rivolgendosi in particolare alle colleghe che l’anno preceduta, puntualizza: “Libro = piacevole rilassamento da apprezzare in solitudine o con i propri figli (se sono pochi anche con i bambini della sezione, non dimentichiamoci che in aula ne abbiamo ventotto!)”. A questo punto colgo l’occasione per enfatizzare l’ultimo contributo e, al tempo stesso, superare la nota polemica, proiettando una diapositiva che richiama le parole di P. Ritscher. L’Autore afferma in modo suggestivo che intorno ad un libro possono nascere le «coccole letterarie». Sono quelle situazioni nelle quali gli aspetti culturali, cognitivi, affettivi e corporei si potenziano reciprocamente e si amalgamano in un unico vissuto.

  • 4 P. Ritscher, 1998, Coccole letterarie, «Bambini», n. 11, p. 27.

9“Piace leggere perché si sta vicini, distesi, accoccolati «al calduccio». E, viceversa, piace stare vicini perché insieme si legge, si guarda, si parla di un libro”4.

10E così posso continuare, precisando che: “L’attività proposta – di fatto – ha portato allo scoperto la complessità di idee collegate all’oggetto libro. E questo primo sforzo comune è il risultato di un gruppo storico e reale di insegnanti che stanno lavorando con un insegnante-facilitatore su un tema di interesse collegiale, in una determinata situazione e contesto… Ma allora, in sintesi, un libro che cos’è?”. Per rispondere a questa domanda, mi appoggio alla definizione di L. Farina e proietto una diapositiva.

  • 5 L. Farina , 2001, Come si fa un libro per bambini, «Rivista Andersen»,n. 175, p. 35.

11“Un libro non è solo una sequenza di pagine fatta di testo e illustrazioni, ma è un comunicatore più complesso in cui tutto – dalla consistenza della carta, al formato, al corpo dei caratteri tipografici, all’armonia degli spazi bianchi – proprio tutto deve contribuire alla leggibilità del racconto, alla trasmissione delle informazioni, al messaggio, insomma. Nel libro tutto concorre a far capire e pensare”5.

12A questo punto, per «girare pagina» lancio un nuovo compito: “L’esplorazione dell’oggetto libro continua con un’attività che ci orienta ad utilizzare il pensiero ipotetico. In particolare, ciascuno di noi è entrato in contatto con i libri in modi, luoghi e tempi diversi. Lasciate correre i pensieri sulle «ali della fantasia» e provate a svolgere un’autointervista, seguendo le tracce incipit fornite in fotocopia”.

Se io fossi un libro, sarei…
Se io fossi un luogo dove si legge volentieri, sarei…
Se io fossi una professione che ha a che fare
con il libro, sarei…

13L’assemblea ha raggiunto la temperatura. Ora devo prestare attenzione perché non vada in ebollizione. Ben presto le insegnanti si scambiano le informazioni. Valentina però non resiste. Si alza e, accovacciandosi, raggiunge Daniela per confrontarsi. Sembra curiosa di sapere cosa ha scritto la collega perché la incalza con domande e ripete: “Anch’io vorrei fare la commessa in una libreria specializzata per l’infanzia”. È il momento giusto per dare avvio alla restituzione in intergruppo. Dalle presentazioni dei «Se fossi…» emergono la scelta di: - diverse tipologie testuali; - luoghi di lettura comuni all’interno e all’esterno, ma anche spazi architettonici reinventati; - vari mestieri collegati all’oggetto libro. Riesco ad avvalorare che “L’autointervista ha utilizzato come stimolo alcuni quesiti – i «Se fossi…» – che hanno avuto la funzione di attivare i processi narrativi secondo la prospettiva di affinare la conoscenza di se stessi e riflettere sulla propria storia”. Poi rilancio: “E se li avessimo proposti ai bambini?”. È Monica che interviene: “Di fatto con i bambini usiamo le parole «fai finta di, immagina, inventa, prova a pensare… È in questo modo che gli alunni danno il via ai loro viaggi nell’immaginazione! Io utilizzo queste parole anche con i bambini piccoli, e così diamo inizio al gioco. E piace perché hanno la possibilità di sperimentare tante soluzioni”. A questo punto mi ricollego con una dispositiva che sintetizza il pensiero di G.P. Friedrich von Hardenberg, detto Novalis, sulla funzione di fare ipotesi:

14“Le ipotesi sono come reti. Lancia la rete e prima o poi raccoglierai qualcosa”6.

15La riflessione sull’oggetto libro e sulla sua “funzione inalterata di medium della comunicazione scritta (asincrona, cioè attiva anche dopo il tempo in cui è stata registrata)”7 mi guida ad introdurre un ulteriore compito. Prospetto un’attività da svolgere suddividendosi in due gruppi e proietto la consegna operativa.

16“Il Collegio delle insegnanti ha deliberato di creare per i bambini una biblioteca di scuola. Ciascun docente è invitato a scrivere il titolo di un libro che ritiene importante per il processo di crescita dei bambini. Avete a disposizione delle strisce di carta colorata che simboleggiano il dorso di un libro, da sistemare sopra i cartelloni-libreria”.

  • 8 Per apprezzare il valore dello scaffale-libreria decido di aprire il collegamento Internet (http: (...)

17Mi avvicino nuovamente al borsone e questa volta tolgo vari materiali: innanzitutto i cartelloni che raffigurano gli scaffali8 per posizionare i libri e, a seguire, strisce di carta colorata, pennarelli, tubetti di colla e nastri adesivi. Ben presto l’«orchestra» si trasforma in una bottega e Giusy, ordinata e precisa, non perde l’occasione di lanciare qualche «frecciatina»: “Mi raccomando ragazze, il materiale va spartito e rimesso a posto”. Risponde Stefania con tono ironico: “Non ci sono più le insegnanti di una volta che collaboravano e condividevano…”. Disinteressandosi del battibecco in corso si interpone Silvia che, in qualità di mediatrice, afferma: “Ma il borsone cos’altro potrà contenere?”. Intanto che le librerie vengono composte, un po’ timidamente si avvicinano Chiara e Valentina per confidarmi: “Sa Cristiano che, se sostituiamo i materiali (vale a dire impieghiamo varie tipologie di libri per l’infanzia al posto delle strisce colorate), potremmo far comporre un’originale libreria di sezione anche ai nostri piccoli di due anni?”. “Perché non amplificate questo messaggio?” domando alle insegnanti. E diffusa la comunicazione, rinforzo: “Spetta proprio all’insegnante coinvolgere gli alunni nel loro apprendimento e nel loro lavoro. Ciascun bambino, da protagonista, si avvia a «fare con i compagni» secondo livelli crescenti, imbattendosi nella condivisione di incarichi, decisioni, piani di azione, spazi, regole,…”. Nel frattempo si mette vicino Roberta e indicando l’orologio mi suggerisce: “Cristiano, cosa ne dice, appendiamo alla parete i cartelloni-libreria e poi… ci prendiamo una pausa!”. “Confermo!”.

18Durante il break si riaccende l’intesa dialogica con la coordinatrice. Mi rivela che predilige una formazione che consenta agli insegnanti di vivere percorsi laboratoriali che armonizzino l’operatività con il dialogo e la riflessione su quello che si fa, integrando in giuste dosi i riferimenti culturali. Annuisco, esprimo il mio “Sono d’accordo!” e discendiamo le gradinate per riprendere.

19Per ritornare sullo scenario mi avvalgo di una diapositiva che permette di mettere a fuoco il secondo argomento dell’incontro: tipologie diverse di «fare biblioteca».

  • 9 J. Rincón Parra, Biblioteche ambulanti alternative: su asini e cammelli, carretti e moto, https:/ (...)

20In modo spontaneo, le insegnanti mettono in moto la narrazione di esperienze vissute che si rifanno alla organizzazione e gestione di biblioteche scolastiche e di sezione. Non mancano dichiarazioni che esplicitano l’intenzionalità a studiare in forma corale (coordinatrice, gestore, insegnanti, genitori, bambini, bibliotecario comunale) progetti per la realizzazione di nuovi allestimenti scolastici per la lettura e la consultazione di libri. Ma la curiosità dei presenti è catturata dal tema “La biblioteca nomade”. È Silvia che interviene: “So che esistono dei servizi bibliotecari che avvengono su minibus che girano i quartieri delle grandi città o raggiungono paesi isolati, o camper che attraversano le località marine raggiungendo i villeggianti sulla spiaggia…, ma nella scuola dell’infanzia?”. Come un lampo mi anticipa Stefania e comunica con soddisfazione: “Qualche estate fa lo letto un romanzo originale, tratto da una storia vera, che vi consiglio di leggere. La protagonista è una bibliotecaria che accetta l’incarico di condurre una biblioteca itinerante per diffondere la lettura tra le popolazioni del Kenya che non hanno mai visto un libro. Il progetto prevede che i libri arrivino al villaggio sul dorso di un cammello… Forse possiamo creare nelle nostre scuole un sistema diverso per fare circolare i libri?”. “Bersaglio colpito in pieno!”, rispondo con trasporto e aggiungo: “In effetti in molte parti del mondo sono stati istituiti sistemi bibliotecari ambulanti alternativi con l’obiettivo di portare i libri – e alcuni media digitali – a chi non ha modo di accedere al servizio di persona perché le condizioni territoriali non consentono di utilizzare mezzi di trasporto comune”9. E aggiungo: “La mia proposta è quella di riflettere insieme sull’idea di «biblioteca cammello», contestualizzarla in riferimento alle nostre scuole e progettare con i bambini – ma non solo – un «servizio» di biblioteca itinerante da usufruire all’interno delle sezioni dell’infanzia – e perché no –, magari anche fuori”. C’è fermento e le considerazioni delle insegnanti si intrecciano. Percepisco il loro slancio a elaborare ipotesi ideative e attuative. Concordo il lavoro di ricerca e, in tempi stretti, producono un cartello di sintesi.

Biblioteca itinerante

1. Finalità di utilizzo- Promuovere la continuità con l’asilo nido e la scuola primaria.

  • Favorire il raccordo con altre scuole dell’infanzia del territorio.

  • Collaborare con la biblioteca civica.

  • Stimolare la partecipazione dei genitori alla vita della scuola.

  • Sviluppare progetti tematici.

  • Apportare contributi originali in occasione di manifestazioni e feste.

  • Creare eventi con il libro (“merenda in biblioteca”; incontro con l’Autore; concorso letterario).

2. Inventario dei mezzi di realizzazione (a misura di bambino):
carrello della spesa, carrello di legno, carriola, carrozzina, scaffale con le rotelle, consolle di legno con rotelle, «portatutto» con tasche, ecc.

21L’incontro è alle battute finali. Prima della conclusione riprendo alcuni appoggi tematici per «fare scuola in e attraverso la biblioteca». Sfoglio così i contenuti di alcuni siti Web (segnalati negli Allegati) come se fossero pagine di un libro. Ma siamo alla «quarta di copertina». Roberta è già al mio fianco e si rivolge a tutti: “Cristiano questa sera ci ha orientati a scorrere un indice articolato per scrivere un bel «romanzo» che si concentra sull’oggetto libro. Ora tocca a noi procedere con l’elaborazione di piani di azione nelle nostre scuole. Ci risentiamo presto!”. Ai ringraziamenti e ai saluti per l’accoglienza aggiungo un supporto di congedo, richiamando le parole di D. Pennac.

  • 10 D. Pennac, 2000, Come un romanzo, Feltrinelli, Milano, p. 11.

22“Il verbo leggere non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con alcuni altri verbi: il verbo «amare»… il verbo «sognare»…” 10.

23Chiudo la cerniera del mio borsone blu e sono pronto. Arrivederci, alla prossima.

Allegati

1) Informazioni fornite tramite la visualizzazione di documenti in Internet

242) Suggestione poetica

  • 11 G. O’Connell, 2006, Libro!, Interlinea, Novara p. 3. L’Autore descrive in poesia l’interazione b (...)

“Libro!”11
(…) Libro!
Mi piace come ti apri.
Le tue pagine so girare.

Mi piace come ti chiudi
E so metterti sullo scaffale.
Posso leggerti
al gatto,
Leggerti da sotto in su,
o forse…
Usarti come cappello!
Ti mostrerò al bebè.
Ti porterò con me
in un posto segreto,
Dove stare soli io e te.
E poi troveremo braccia di mamma
per leggerti insieme, prima di nanna.
Ti leggeremo al caldo e al sicuro,
Libro! Ti voglio abbracciare!
E poi spalancare.
Guardare e guardare
Libro!

Notes

1 M. Striano, 1999, Quando il pensiero si racconta, Meltemi Editore, Roma, p. 58.

2 MIUR, 2012, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, Roma, p. 22.

3 H. Arendt, 1987, La vita della mente, Il Mulino, Bologna, p. 34.

4 P. Ritscher, 1998, Coccole letterarie, «Bambini», n. 11, p. 27.

5 L. Farina , 2001, Come si fa un libro per bambini, «Rivista Andersen»,n. 175, p. 35.

6 G. Rodari, Grammatica della fantasia, [accesso: 25.05.2014], https://portalebambini.it/grammatica-della-fantasia/

7 L. Balsamo, Dal libro tipografico al libro digitale, http://docenti.unimc.it/rosa.borraccini/teaching/2017/17542/files/storia-del-libro-e-delleditoria-2017-2018/dal-libro-tipografico-al-digitale Dal libro tipografico al libro digitale

8 Per apprezzare il valore dello scaffale-libreria decido di aprire il collegamento Internet (http://www.museomusicabologna.it/percorso.htm) e di mostrare l’immagine del capolavoro pittorico “Libreria musicale” dell’artista Giuseppe Maria Crespi (1665-1747).

9 J. Rincón Parra, Biblioteche ambulanti alternative: su asini e cammelli, carretti e moto, https://www.lastampa.it/blogs/2010/02/20/news/biblioteche-ambulanti-alternative-su-asini-e-cammelli-carretti-e-moto-1.37252529

10 D. Pennac, 2000, Come un romanzo, Feltrinelli, Milano, p. 11.

11 G. O’Connell, 2006, Libro!, Interlinea, Novara p. 3. L’Autore descrive in poesia l’interazione bambino-libro.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search