Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte seconda. La narrazione a scuola e i linguaggi

2.1 Raccontare con le nuove tecnologie

Giulio Tosone

Texte intégral

1“Da centro metri, superare la rotonda, prima uscita, poi arrivo”. “Non posso svoltare a destra alla rotonda... è senso unico” rispondo ad alta voce, come se il navigatore potesse capirmi. Se mi vedessero le corsiste mentre parlo col navigatore... Certo che ho proprio un navigatore ignorante. O forse è colpa mia che continuo a rimandare gli aggiornamenti: i comuni cambiano la viabilità e se qualcuno non lo dice a questo povero aggeggio lui come può immaginarselo? Ecco, sembra proprio la metafora ideale per la mattinata che ci aspetta. Una introduzione alle tecnologie senza preoccuparci troppo di come fare a (anche se molte delle partecipanti si aspetteranno questo) ma capire quali dinamiche nuove entrano in gioco con l’utilizzo massiccio che facciamo tutti i giorni dei media.

2Sì, ma adesso è meglio concentrarsi sulla strada, proviamo a fare il giro dell’isolato e vediamo se si riesce a imbroccare l’ingresso di questo senso unico. Eccoci, la scuola, da come la descriveva Enrico deve essere quella... ci siamo... Pronti ad andare in scena.

3Ecco il salone, le sedie, ma non vedo il video proiettore. Cominciamo bene!

4Poi Roberta toglie un telo dal muro ed ecco apparire un bel televisore di una discreta dimensione. Non male come sorpresa. Attacco il mio iPad, provo ad accendere... funziona. Riescono ancora a stupirci le coordinatrici delle nostre scuole dell’infanzia. Siamo così abituati che la periferica standard per una visione comune è il proiettore che quasi non ci viene in mente che un buon televisore di grandi dimensioni ormai ha dei costi simili ma qualche piccolo vantaggio: ha già le casse incorporate (e per chi come me utilizza spezzoni di film non è una cosa da poco) e anche senza oscurare la stanza permette una visione confortevole. Questa idea del televisore me la devo ricordare la prossima volta che mi chiedono un consiglio su quale proiettore comprare per la scuola. Per sicurezza attacco subito anche il mio portatile... c’è chi arriva con una scaletta iper definita e chi, come me, preferisce avere un sacco di materiale, alcuni punti fermi che vanno toccati e poi costruire l’incontro man mano a seconda del gruppo che si ha davanti. Quindi meglio avere tutto pronto e tenere aperte diverse possibilità.

5Ed eccoci finalmente. Una breve presentazione da parte di Roberta durante la quale mi metto in fondo per fare un po’ di training autogeno e poi si comincia.

6Un rapido sondaggio per scoprire quante mi hanno già ascoltato e in che occasione (giusto per evitare di ripetersi troppo). Sono fortunato, pubblico completamente nuovo... Posso divertirmi!

7Visto che il computer è collegato comincio con uno spezzone di film. È passato un sacco di tempo da quando ho cominciato a usare questa modalità negli incontri di formazione. Le prime volte è stato con gli adolescenti. I motivi erano almeno tre: primo, era una scusa per tenere desta la loro attenzione; secondo, perché il loro cervello sembrava riuscire a tenere meglio a mente quello che facevamo e, infine, era un modo diverso dal solito per stimolare la discussione. Poi ho scoperto che funziona bene anche con gli adulti... soprattutto se il film non è troppo pesante.

  • 1 Spezzone tratto da Superfantozzi diretto da Neri Parenti nel 1986.

8“È sabato mattina e cercheremo di usare questo tempo per fare dei ragionamenti molto seri ma non in maniera seriosa”. Eccomi... riconosco questo tono di voce... ho già cominciato a fare l’idiota (in senso buono s’intende). “Vi propongo uno spezzone di film per cominciare la nostra riflessione”. Dopo la prima frase “Era arrivata molto in ritardo dalla Francia dove aveva riscosso un clamoroso successo una sensazionale novità... il cinematografo”1 Silvia e Giusy subito riconoscono il protagonista. Come si fa a non riconoscere la voce del ragionier Fantozzi? Ecco, dopo che il ragioniere viene spazzato via dalla locomotiva iniziamo a ragionare sul tema della giornata.

9“In fondo siamo tutti nella situazione che abbiamo visto nello spezzone. Dobbiamo scegliere come comportarci di fronte a un sacco di novità. E la nostra vita di adulti sempre di più è fatta di scelte e di possibili errori. Due errori dobbiamo evitare e sono – anche se opposti – altrettanto pericolosi: buttarsi a capofitto in un nuovo strumento quando c’è da tenere il freno e, dalla parte opposta, tentennare quando è il momento di sperimentare qualcosa di nuovo”.

  • 2 G. Reynolds, Presentationzen. Idee semplici su come progettare e tenere una presentazione, Milano (...)

10Poi attacco con una slide. Per diversi anni ho smesso di usare questo tipo di supporto – inconsciamente si trattava di nausea da cattivo uso di PowerPoint (avete in mente quelle presentazioni con slide piene di testo fitto fitto che spesso si usano in università?) – fino a quando, qualche anno fa, ho scovato in libreria (o meglio lui ha trovato me mentre girovagavo tra i banchi di una grossa libreria di Milano senza una precisa meta d’acquisto) un bel testo su come costruire presentazioni efficaci con molte immagini e poco testo2.

11Le corsiste vedono proiettata una grossa bussola e una scritta «Ricette? No, grazie!».

12“Ecco, immagino che qualcuna di voi sia qui stamattina con questa aspettativa, qualche ricetta utile da portare a casa e riutilizzare. Mi spiace, non ne troverete!” Non è del tutto vero, ma devo spiazzarle un po’ all’inizio per farle ragionare. “Non perché io sia cattivo, ma perché, purtroppo, il mondo iper tecnologico di oggi non è più un mondo in cui ha senso cercare ricette nei corsi di formazione. Se vi dicessi: fate così e risolverete i problemi, vi racconterei una frottola. Quello che funziona oggi, nel mondo dei media e dell’educazione, magari non vale più domani con un gruppo diverso o dopodomani con gli stessi bambini. Guardate l’immagine. Quello che ci serve, e che spero di lasciarvi, è qualcosa di simile a questa bussola”. Pausa per lasciarle pensare. “La bussola è uno strumento interessantissimo, è estremamente pratico anche se non mi dice mai esattamente cosa fare. Mi fornisce una indicazione fondamentale «dove è il nord» ma non mi dice che strada devo prendere. Quello lo decido io, combinando l’informazione della bussola con le mie esigenze (dove voglio andare). Ecco, se dovete portare a casa una sola cosa dal corso di stamattina, vi prego di portare questo. Abituatevi a cercare strumenti di questo tipo. I trucchi pratici li troverete poi voi rimettendo in gioco tutta la vostra esperienza”.

13Passo poi a una seconda slide con un paio di occhiali da sole e una breve scritta «Con quale sguardo?».

  • 3 Per approfondire questo tema può essere utile M. Sclavi, 2003, Arte di ascoltare e mondi possibil (...)

14“L’altra cosa molto importante per partire col piede giusto è riflettere sul nostro sguardo. Quando ci fermiamo a guardare il mondo delle tecnologie e dei media con che sguardo lo facciamo? Ritornate per un momento a Fantozzi. Siamo dei “tecno entusiasti”? Siamo dei tecnofobi? Siamo curiosi? Ci sentiamo totalmente incapaci?”. Come accade quasi sempre a questo punto qualcuna annuisce
“Se voglio essere un bravo accompagnatore devo per prima riconoscere il mio sguardo, perché questo influenzerà le mie reazioni e le mie scelte3.Vi propongo due sguardi”. Recupero dai miei materiali una serie di stampe gualcite dal troppo uso.

“Meravigliose invenzioni”

15“Il primo è in un documento del Concilio Vaticano II e inizia così:
Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l’ingegno umano è riuscito, con l’aiuto di Dio, a trarre dal creato, la Chiesa accoglie e segue con particolare sollecitudine quelle che più direttamente riguardano le facoltà spirituali dell’uomo e che hanno offerto nuove possibilità di comunicare, con massima facilità, ogni sorta di notizie, idee, insegnamenti. Tra queste invenzioni occupano un posto di rilievo quegli strumenti che, per loro natura, sono in grado di raggiungere e influenzare non solo i singoli, ma le stesse masse e l’intera umanità. Rientrano in tale categoria la stampa, il cinema, la radio, la televisione e simili. A ragione quindi essi possono essere chiamati: strumenti di comunicazione sociale4.

16Il secondo ancora una volta ve lo propongo con una slide”. Trovano proiettato un grosso amo da pesca e una citazione: «Amino ciò che piace ai giovani e i giovani ameranno ciò che piace ai superiori». Subito riconoscono la provenienza.

17“Così scriveva Giovanni Bosco ai suoi salesiani nel 18845. Dobbiamo però evitare un fraintendimento. L’interesse che possiamo avere per i media non è semplicemente un interesse funzionale, come se fosse un amo per prendere i ragazzi (ogni tanto qualcuno questa citazione la interpreta così), ma dovremmo semmai chiederci: se un bambino da me sente continuamente lamentele sulle cose che a lui piacciono e che trova belle, interessanti, quale idea si potrà fare di me? Pensiamo alla nostra esperienza: chi di noi di fronte a un adulto (c’è sempre qualcuno più grande di noi) che snobba o schifa ogni nostro interesse si fiderà dei consigli e dei suggerimenti di questo adulto? Ecco, secondo me, è questo il nocciolo della questione. Se ai nostri bambini piacciono sempre più certi modi di comunicare non possiamo fare finta di niente. È proprio perché vogliamo tanto bene a questi bambini che ci interessa tutto il loro mondo (anche se non condividiamo tutto)”. Vedo le rotelle e che girano e sento tra i bisbigli una frase del tipo “questo serve anche con le mie figlie”. Centro! L’incontro prende la piega giusta.

18“Esatto” esclamo a gran voce. Stefania si schermisce, pensava di essere fuori tema, ma non è così: “Noi non siamo un mosaico di frammenti separati. Non siamo una serie di compartimenti stagni. Siamo una unità. Quello che potete imparare o scoprire stamattina non serve a voi solo come insegnanti, ma come essere umani che vivono in questo mondo e in questo mondo sono chiamate a essere figure educative... a scuola, a casa, sempre...

Media education

19“A questo punto è giunto il momento di introdurre un nuovo termine: media education”.

20Sguardi interrogativi dal pubblico. “Provate ad aiutarmi voi: come definireste questa parola? Cosa vi viene in mente?”.

21Arrivano le prime timide risposte: “Educare a usare i media”, “i media educano”, “educare usando i mezzi di comunicazione”.

22“Ottimo! In qualche modo tutto quello che avete detto rientra in questo termine. Non a caso non si è riusciti a tradurlo in italiano, perché nell’originale ci sono una serie di significati diversi che nella nostra lingua richiederebbero una traduzione molto lunga.

  • 6 D. Buckingham, 2006, Media education. Alfabetizzazione, apprendimento e cultura contemporanea, Ed (...)

23Ci sono visioni diverse6 ma io ritengo che per noi sia molto utile considerare media education come un intreccio di tre attività: educare coi media, educare ai media e educare per i media. Educare coi media corrisponde a un primo gradino, qualcosa che probabilmente già fate, cioè utilizzare i media in una attività educativa o formativa. Educare ai media è il secondo passo, cioè educare all’uso consapevole dei media. E il terzo è l’avvio alla produzione coi media. Non sempre è facile distinguere quale tipo di attività ci troviamo a fare e non sempre si propongono tutte in un percorso di media education. Nel vostro caso probabilmente ci si focalizzerà alle prime due”.

24Mano alzata. Lascio subito la parola a Valentina:“In un corso che ho seguito in università ci dicevano che usare i media non è ancora media education? Lei adesso ci ha detto una cosa diversa!”.

25“Corretto. Vi dicevo che ci sono visioni diverse. Personalmente, lavorando con educatori e insegnanti, preferisco includere nel termine anche la prima voce, per un semplice motivo: voglio sottolineare l’importanza di sporcarsi le mani coi media prima di poterne parlare e ragionarci sopra. Tanto per capirci, che autorevolezza può avere un educatore che si rifiuta di usare i media quando spiega ai suoi ragazzi come vanno usati?”. Vedo una serie di teste che si scuotono. “Nessuna! È vero che utilizzare i media nell’attività educativo-didattica non necessariamente è media education, ma è anche vero che già un certo tipo di uso lascia il segno. Vi faccio un esempio, tanto per capirci. Talvolta incontro genitori che, preoccupati di educare bene i figli, rinunciano ad avere la televisione in casa. Ma – mi chiedo io – se un bambino non viene mai in contatto con questo strano oggetto come potrà imparare a usarlo? Quando poi lo incontrerà dai nonni, dagli amici,... ogni occasione sarà buona per gettarcisi a capofitto. In un mondo in cui la modalità normale è lasciare acceso e poi fare zapping fino a che non si trova qualcosa da guardare, educa molto di più all’uso della televisione un genitore che prima di accenderla guarda se ci sono programmi utili o interessanti e poi decide se accenderla o meno. Nelle scelte quotidiane di utilizzo può passare un forte segnale educativo, anche se non necessariamente viene esplicitamente verbalizzato tutte le volte. Se a casa la tv non ci fosse questo non si potrebbe fare. Ecco perché preferisco includere anche l’educare coi media in questo processo. Anzi, per come funziona la nostra società, temo che oggi la maggior parte dell’impatto educativo noi lo abbiamo proprio nei momenti in cui non siamo preoccupati di educare ma, senza accorgercene, passiamo comunque un segnale. Le vedo pensierose e intanto Roberta si sbraccia dal fondo e mi fa un gesto chiarissimo: “pausa caffè!”.

“Media-educarsi”

26“Riprendiamo l’ultimo ragionamento perché siamo arrivati a un punto chiave. Non possiamo concentrarci solo su come educare i bambini all’uso dei media. Dobbiamo entrare in un’ottica diversa: ci media educhiamo noi per primi per poter accompagnare loro. È come quando si va in montagna e ci si lega in cordata. Vi è mai capitato?”. Sguardi mediamente smarriti tranne Silvia che annuisce. Mi rivolgo direttamente a lei: “Quando si sale verso la cima la guida è all’inizio o alla fine della cordata?”. “All’inizio!”. Risponde decisa. “E quando si scende?” riprendo io. “Alla fine”. Mormorii e Daniela che verbalizza: “Ma non dovrebbe sempre stare davanti a segnare la via?”. Intervengo deciso: “No! Perché la funzione più importante è quella di garantire la sicurezza. E questo è possibile solo se la guida è posizionata un po’ più in alto degli altri. Se si trova in basso e uno scivola viene trascinata via anche la guida”. Annuiscono.

27“Adesso usciamo dalla metafora. Noi ci guadagniamo la posizione più alta solo se ci media educhiamo, se accettiamo di iniziare questo percorso (che come tutti i percorsi educativi non si può mai dire concluso) di auto educazione all’uso dei media. Perché da adulti competenti e consapevoli possiamo essere dei buoni accompagnatori”.

28La mattinata procede e la stanchezza incomincia a sentirsi. È il momento di tirare un po’ il fiato.

29“Ma cosa vuol dire essere competenti? Beh, proviamo a fare qualche esempio, giusto per muovere i primi passi. Innanzitutto dobbiamo riconoscere che i media vivono di narrazioni. Se vi dicono che i giovani, i nativi digitali, non sono più abituati alla narrazione non credeteci. Più probabilmente sono abituati a forme diverse di narrazione. Magari non leggono un romanzo (non lo reggerebbero) ma amano molto film e canzoni, che sono narrazioni fatte con mezzi comunicativi diversi.

30Se poi le loro narrazioni preferite a voi sembrano insopportabili” – robusti cenni di assenso dal pubblico – “dobbiamo capire qualcosa di loro”. Mi avvicino al computer.

31“Guardate qua”. Piazzo un DVD con un episodio a caso del tenente Colombo. Si vedono semplicemente lui e una donna in aeroplano, lei pilota e lui seduto a fianco. Pochi secondi e poi blocco l’immagine.

32“Secondo voi che ruolo ha la donna nel telefilm?”. Voci in coro: “È la colpevole!”

  • 7 Georges Méliès, Le voyage dans la Lune, 1902.

33“Esatto! Questa è una tipica narrazione apprezzata da chi ha almeno 40 anni. È un telefilm molto lento che segue uno schema ripetitivo: vediamo il colpevole che commette il delitto, compare il tenente Colombo, passa buona parte dell’episodio a fare il finto tonto giocando con il colpevole e alla fine lo inchioda. Sempre così, cambiano i protagonisti, cambiano i dettagli della storia, ma c’è sempre una narrazione sola e ricalcata sullo stesso schema. Per chi ha più di 50 anni è una modalità narrativa accettabile mentre nei telefilm di oggi c’è troppa confusione: immagini rapide, musica ad alto volume, due o tre vicende che si intrecciano e che solo alla fine scopriamo essere parte di un unico evento. Ma per i giovani questo è piacevole, mentre il tenente Colombo è noioso. È colpa loro?” Non lascio il tempo di rispondere e passo a un diverso contributo video. “Guardate qua”. E faccio partire “Viaggio verso la luna”7. Dopo le prime sequenze noto i primi segni di impazienza, gambe che si accavallano e che cambiano posizione... lascio scorrere ancora un po’ le immagini e poi, bloccata l’immagine, chiedo: “Che ne pensate del ritmo narrativo?” Una di loro sintetizza egregiamente “una noia mortale” e le risatine avallano l’affermazione.

34“Vedete, questo era uno spettacolo innovativo per l’epoca. Per gente abituata al teatro, che scopriva appena le immagini in movimento, questo, nella sua lentezza, era uno spettacolo esaltante. Per noi adulti è troppo lento e noioso. Lo stesso vale per i giovani quando guardano quello che piace a noi”.

35“Negli ultimi anni si sono fatte scoperte interessanti sul cervello (e probabilmente se ne faranno altre nei prossimi). Se una volta ci dicevano che il cervello da una certa età in poi inizia il declino, oggi ci dicono che conserva la sua neuroplasticità”. Sguardi che mi fissano. Ho capito, ho detto una parolaccia.

36“Il cervello, a qualsiasi età, è plastico e può, entro certi limiti, ricablare i suoi collegamenti e riadattarsi a nuove situazioni. Man mano che vediamo o ascoltiamo prodotti mediali di un certo tipo il cervello si abitua. La cattiva notizia è che se tutti i giorni guardo film d’animazione brevi e con azioni molto veloci il mio cervello si abituerà a questo ritmo narrativo creando così parte del mio gusto. La buona notizia è che allo stesso modo, con molta pazienza il cervello si può riprogrammare. Certo non posso mostrare di colpo qualcosa di troppo noioso, ma posso creare dei momenti di narrazione diversa, piccoli all’inizio che diventano man mano più lunghi. Allo stesso modo dovremmo ragionare sugli ipertesti. Spesso i ragazzi sono in grado di cogliere i collegamenti tra più filoni narrativi semplicemente perché il loro mondo è popolato di ipertesti, cioè di narrazioni non lineari in cui a ogni micro porzione di narrazione si può scegliere se saltare da una parte o dall’altra”. “Come i libri gioco” esclama Chiara “Esatto! Proprio come i libri gioco in cui il lettore non è più uno spettatore passivo ma alla fine di ogni frammento deve decidere come vuole che la storia vada avanti. In fondo, a differenza della situazione standard - autore che crea e lettore che fruisce - qui ci troviamo di fronte a un autore che imbastisce le diverse trame e a un co-autore che decide che combinazione rendere effettiva in quel momento. Non è una cosa brutta. Certo, se portata all’estremo diventa incapacità a concentrarsi troppo a lungo. Ma a piccole dosi diventa un esperimento interessante per coinvolgere a fondo in una narrazione”.

37Butto l’occhio sul monitor, guardo l’ora sul computer e... “Ci sarebbero molte altre cose da dire, ma ormai il nostro tempo è scaduto” movimento tra il pubblico a controllare l’orologio... qualche mormorio “di già?”

38Quando il tempo passa in fretta vuol dire che si è fatto qualcosa di piacevole e questo di già è uno dei complimenti più belli che il formatore possa portare a casa.

39Pronuncio la frase di rito: “Se ci sono dubbi, domande, angosce, perplessità…” silenzio, reazione normale... “non vi preoccupate, è normale, dopo tutto quello che vi ho riversato addosso... l’importante è che la mattinata di oggi sia un modo per iniziare a ragionare a decidere di muovere i primi passi in questo mondo...”. Poi, tanto qualcuna che viene a chiedere mentre si ritira l’attrezzatura c’è sempre... ma anche per oggi è andata. Adesso tocca a Roberta chiudere l’incontro... io posso finalmente rilassarmi.

Notes

1 Spezzone tratto da Superfantozzi diretto da Neri Parenti nel 1986.

2 G. Reynolds, Presentationzen. Idee semplici su come progettare e tenere una presentazione, Milano-Torino, Pearson, 2008.

3 Per approfondire questo tema può essere utile M. Sclavi, 2003, Arte di ascoltare e mondi possibili. Come si esce dalle cornici di cui siamo parte, Bruno Mondadori, Milano.

4 Il testo è reperibile sul sito http://www.vatican.va/archive/hist_councils/ii_vatican_council/documents/vat-ii_decree_19631204_inter-mirifica_it.html [accesso 20.06.2014].

5 Il testo è reperibile su http://www.sdb.org/index.php?ids=10&sott=6&doc=Documenti/2004/_1_10_6_4_2_.htm&ty=3%5 [accesso 20.06.2014].

6 D. Buckingham, 2006, Media education. Alfabetizzazione, apprendimento e cultura contemporanea, Edizioni Erickson, Trento.

7 Georges Méliès, Le voyage dans la Lune, 1902.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search