Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte prima. La narrazione e la scuola

1.3 Per una pedagogia della narrazione nella prima infanzia

Tiziana Rimoldi

Texte intégral

Premessa

1“Un incontro con le educatrici del nido?!... Volentieri! Ho già in mente un sacco di idee!!”

2Così si era conclusa la mia telefonata di oggi con Roberta, amica e collega.

3Da anni lavoravo con i bambini come coordinatrice di una scuola d’infanzia paritaria, e da anni conoscevo Roberta. Ne condividevo lo stile, le proposte, le iniziative. Ogni nostro incontro era sempre una fucina di idee: piccoli e grandi progetti con un unico scopo: arricchire l’offerta educativa e didattica delle nostre scuole e fare un passo avanti nell’attenzione e nell’accoglienza dei bambini e della famiglie. Condividevamo il gusto del tempo con i bambini, delle routines, dei momenti dove lo stupore per le inaspettate abilità e competenze che i bambini dimostravano era già di per sé ragione dei nostri sacrifici.

4Un tempo scuola rilassato, ma non per questo vuoto o lasciato al caso, anzi... uno dei commenti che mi aveva fatto più piacere riguardo alla mia scuola era stato proprio quello di Roberta: “Sembra proprio un piccolo formicaio... ordinato, tranquillo, eppure vedi un sacco di bambini impegnati...”. Quanto tempo però alle spalle di lavoro con le insegnanti (le famose attività non frontali” per costruire quel quadro che poi i bambini riempivano nella quotidianità delle giornate)!

5Adesso Roberta aveva avuto un’ottima idea: uno spazio e un tempo dedicato alla narrazione anche al nido. L’aveva già proposto ai grandi della scuola d’infanzia e si vedeva che ne era entusiasta. Così tanto da propormi da coinvolgere le educatrici del nido, insieme alle insegnanti della scuola dell’infanzia.

6Ed eccomi qua, a pensare ad un momento di formazione comune ai due gruppi: la narrazione con i più piccoli.

7Ma alcune domande mi bloccano.

  • La narrazione al nido: i bambini staranno attenti?

  • “Narrazione”: eppure in mente continuavo ad avere “lettura”: erano così differenti?

  • Perché uno spazio di narrazione con tutte le difficoltà che ne conseguivano? C’erano già tante attività da proporre e la lettura certo non mancava mai, soprattutto prima della nanna, insieme alla canzone.

  • Che senso e che importanza poteva avere pensare ad uno spazio chiaro e definito per la narrazione?

8Una cosa era certa. Dovevo far ordine anche io nei miei pensieri prima di poter avviare un incontro di formazione con educatrici e insegnanti.

Le basi

9Intanto dovevo sciogliere un nodo fondamentale, altrimenti non sarei andata avanti: lettura e narrazione.

10Era ovvio che non erano la stessa cosa, eppure, ogni volta che pensavo ad uno spazio di narrazione al nido finivo per immaginarmi lo scenario di uno spazio di lettura; vario, differenziato con libri di diverso genere, da storie, immagini… ma pur sempre uno spazio di lettura.

11Dovevo partire dalle basi. E, per capire di cosa stiamo parlando, non c’è niente di meglio di una rispolverata al vocabolario:

narrare v. tr. [dal lat. narrare, affine a gnarus «consapevole»]. – Esporre o rappresentare, a viva voce o con scritti o altri mezzi, vicende, situazioni, fatti storici e reali, oppure fantastici, vissuti o, più spesso, non vissuti in prima persona, riferendoli in modo ampio e accurato e nel loro svolgimento temporale (ha sign. molto simile, ma non identico, di raccontare)1

12Bene! Quindi cerco la definizione di raccontare:

raccontare v. tr. [der. di contare, col pref. ra-] (io raccónto, ecc.). – 1. Riferire fatti o parole, spec. a voce: gli piace r. a tutti i fatti suoi; va raccontando i discorsi che sente in casa. Più generalmente equivale a narrare, ma ha tono più fam. e meno solenne; è usato quindi, di preferenza, quando si tratta di fatti privati e quando il discorso è fatto senza particolare cura o arte: mi raccontò un’avventura di viaggio; r. le proprie disgrazie agli amici; r. un sogno; r. frottole; cose.

13Ed ecco che finalmente riesco a trovare un posto adeguato alla lettura:

lettura s. f. [dal lat. tardo lectura, der. di legĕre «leggere», part. pass. lectus]. – L’azione di leggere, di decifrare cioè un testo scritto o stampato.

 

14Ero a buon punto! Infatti, questo era un ottimo spunto di partenza, anche perché mi aveva richiamato alla mente una definizione che poteva essermi d’aiuto: M. Bernardini afferma infatti: “Riguardo alla narrazione orale ho ritenuto opportuno distinguere sinteticamente, (…), tra:

15- Narrazione orale primaria, indipendente anche da mediatori importanti e privilegiati quali il libro/ l’albo illustrato.

  • 2 M. Bernardini, La narrazione orale tra bambini ed adulti: da flusso continuo a vena carsica? in (...)

16- Narrazione orale secondaria, in quanto indotta, sorretta e sollecitata proprio dal libro/albo illustrato che viene letto a voce alta, raccontato e ri-narrato cooperando con il bambino”2.

L’incontro di formazione

17È giunto il momento: sono davanti a loro che mi guardano in attesa. So che Salati ha mirato alto, gettato le basi per un nuovo interesse: la pedagogia della narrazione. Ora tocca a me declinarlo nel quotidiano, rendere quell’assunto quotidianità. E con un taglio particolare: la quotidianità del nido…

18Per cui parto e proietto la prima slide: non saranno molte, soltanto alcuni punti su cui riflettere.

19Ecco allora la provocazione:

 

Narrare al nido: QUANDO? SEMPRE!!!

 

20Le facce sono in attesa, per ora ho catturato la loro attenzione.

21“Vedete” inizio “quando Roberta mi ha parlato di Narrazione ho fatto veramente fatica perché continuavo a pensare e rimandare all’idea di lettura, avevo in testa un laboratorio, uno spazio dedicato alla narrazione, un po’ come quelli che tantissime biblioteche organizzano (e per fortuna!!). Ma il nido è un’altra cosa e più ci penso più sono convinta che la narrazione al nido viene ancor prima del cestino dei tesori, dei travasi. Ci è così naturale che quasi non ce ne accorgiamo come fosse parte della professionalità delle educatrici…”.

22Le facce sono perplesse e dubbiose, non sembrano in attesa, paionosoltanto non troppo d’accordo. Come dar loro torto? Anche io da subito avevo pensato ad un laboratorio di narrazione e ora sono qui a tentare di mostrare come la narrazione possa essere la quotidianità del nido…

23“Vi vedo dubbiose, proviamo allora a rileggere la nostra giornata o la vostra vita all’interno del nido seguendo nelle prossime slide queste definizioni”:

 

“NARRARE È CREARE UNA CULLA EMOTIVA CHE CONDUCE PER MANO CHI ASCOLTA”

 

24Quante volte ho visto un’educatrice dar voce alle emozioni, al pianto dei bambini “Sai, c’era una volta un bambino che ogni volta che salutava la sua mamma si sentiva come un vulcano dentro, e le lacrime come la lava gli correvano calde e veloci per le guance… come quelle macchinine che nella pista corrono veloci. Per fortuna però, ogni mattina, quelle macchinine erano già pronte sulla pista della gara…”.

 

“NARRARE È MODULARE LA VOCE PER CREARE RITMO ED ATMOSFERA”

 

25Quante volte in “sala nanna” abbiamo raccontato una storia lenta, pacata, per abbracciare i bambini, coccolarli con la voce stessa, per guidarli come per magia nel mondo dei sogni…

26Quante volte per iniziare un gioco, magari un percorso motorio abbiamo improvvisato una storia in un mondo fatato…

 

“NARRARE È DARE SENSO E SICUREZZA ALLE ROUTINES”

 

27Se penso alle routines e a momenti scanditi mi viene in mente la filastrocca all’ingresso per l’accoglienza, la canzoncina quando andiamo in bagno… E se lo dimentichiamo, come sono svelti anche i più piccoli a richiedere “E la storia?” e guai a sbagliare o cambiare una strofa o una parte del racconto…

 

“NARRARE È DARE VALORE E STRUTTURARE LA REALTÀ”

 

28“Dai, raccontiamo insieme alla mamma cosa abbiamo fatto oggi, quando sei arrivato…”. Intanto gli altri, ti sei divertito?

29Mi fermo ed osservo le insegnanti, a volte è quasi imbarazzante quanto sia evidente il pensiero sul volto delle persone. Le educatrici del nido sembrano quasi su un palcoscenico, annuiscono, si sentono a loro agio; come se le mie parole avessero dato valore alla loro quotidianità. Una maestra della scuola d’infanzia sembra particolarmente staccata… Ragiono in fretta, vorrei cogliere i suoi dubbi e farli diventare spunti… Mi viene in mente un appunto… lo cerco in fretta…proseguendo il discorso senza interruzioni…

30“Vorrei condividere con voi un’affermazione di Milena Bernardini sulla narrazione”:

“In un’epoca di grande vitalità e visibilità dei modi e delle forme della narrazione, tra cui abbondano le produzioni scritte, illustrate, filmate per l’infanzia, c’è una zona marginale e quasi sommersa della comunicazione narrante che sembra sfumare in una sorta di oblio.

  • 3 M. Bernardini, La narrazione orale tra bambini ed adulti: da flusso continuo a vena carsica?, cit.

A quella zona marginale appartengono, però, le conversazioni, i dialoghi, i racconti spontanei e casuali, i rimandi alle esperienze raccontate, così come le narrazioni di storie, di eventi, le ripetizioni di trame condivise, le riscritture orali di sequenze della vita, le affabulazioni dei racconti autobiografici, fino ai canti, alle ninna nanne,…” 3.

31“Ma questa non è narrazione, no, le ninna nanne no!” ne esce di rimando una delle insegnanti della scuola d’infanzia.

32Centro! Era la reazione che mi aspettavo.

33“Vero. Cosa ti sembra stonare in questa lettura della narrazione?”.

34“È troppo leggera, narrare non può essere un dialogo o una ninna nanna. Narrare appartiene al mondo delle fiabe e delle favole, al C’era una volta e vissero felice e contenti. E con la narrazione di racconti e storie che possiamo costruire uno spazio educativo. Ecco, un laboratorio di fiabe. Non può essere tutto narrazione”.

35“Ed è estremamente corretto, quella della narrazione è una categoria molto ampia e per questo non bene definita: ne fanno parte le fiabe, le favole, i miti e le leggende,… persino le parabole se ci pensate sono narrazione!…

  • 4 B. Maggioni, 2012, Le parabole, Ed.San Paolo, Alba (Cn)

36Don Bruno Maggioni in un libro che leggevo ai miei bambini da piccoli diceva che Gesù ha parlato in parabole “perché, come tutti gli uomini geniali, (…) voleva che il suo messaggio fosse chiaro. (…)” così per parlare di Dio, del suo mistero “Gesù prende spunto da un’esperienza che tutti sono in grado di comprendere”4.

37Il comune denominatore della narrazione è proprio quello stesso spunto che rende le parabole ancora attuali oggi: sono le “vicissitudini umane”.

  • 5 J.S. Bruner, (1990), Acts of meaning. Cambridge, MA: Harvard University Press. (tr.it. La ricerca (...)

38Chi si accinge a narrare racconta l’avventura di un uomo, di una creatura fantastica, di un personaggio, insomma, e ne riporta le azioni. Queste stesse azioni, siano esse parte del quotidiano o di un’impresa epica, sono ordinate e concatenate secondo uno schema. Spesso è presente una speciale formula d’apertura “In un mondo lontano”…, “C’era una volta”… Che colloca gli eventi in un limbo atemporale immaginario... e nonostante ciò “essa può essere reale o immaginaria senza che la sua forza come racconto ne abbia a soffrirne”5.

39Ma questo smentisce quanto ci siamo detti prima? Narrare la nsotra storia non è comunque narrazione? Riportare la nostra esperienza in uno spazio di dialogo fantastico non è forse narrazione?

40“Sì, ma allora...” interrompe Roberta “quando la narrazione assume un valore pedagogico?”.

41Bella domanda. Proviamo a rispondere insieme, così a ruota libera ditemi: quando la narrazione assume un valore pedagogico?

42“Per me la narrazione assume un valore educativo quando definisce la cultura in cui viviamo”, “per me quanto veicola valori e comportamenti su cui riflettere insieme”, “per me”, irrompe una delle educatrici che fino a questo momento è stata particolarmente distante... “per me assume un grosso valore quando mi permette di affrontare temi difficili con i bambini, come la malattia della mamma o la separazione dei genitori. Spesso cerco nel centro documentazione dell’AMISM recensioni o segnalazioni di titoli che mi aiutino ad affrontare questi argomenti!”.

43“Brave, avete proprio centrato il valore educativo della narrazione. Aggiungerei solo una cosa: Narrare è relazione. È ascolto reciproco. La narrazione c’è se due persone si ascoltano e vivono insieme un’avventura nella storia.

  • 6 M. Castiglioni La narrazione nella relazione educativa: un percorso di senso e di metodo tratto d (...)

44E in questo mi piace molto l’interpretazione di Micaela Castiglioni, docente di pedagogia, che afferma “La narrazione ci invita a essere individui adulti meno centrati su di sé, meno preoccupati “di sé”, e “per sé”, meno protesi verso il centro della scena compresa quella educativa e didattica meno difesi, dentro la classe, dietro il proprio ruolo professionale di insegnanti. (…) Potremmo dire che l’insegnante narrativo è impegnato in un costante lavoro di riflessione su di sé, sulla propria identità professionale e sulla propria pratica educativa messa in atto quotidianamente”6.

45Quando racconto la giornata al nido di un bimbo creando una narrazione in cui è coinvolto lo aiuto a rielaborare il suo vissuto cristallizzandolo e rendendolo organico. Quando andiamo a nanna uso la narrazione per tranquillizzarlo e rilassarlo. Sono tanti e diversi i motivi per cui attingere alla narrazione, ecco perché la reputo uno strumento estremamente versatile della professionalità di un’educatrice.

46Vi auguro questo: “che la narrazione diventi riflessione professionale per accostarsi alla relazione educativa con i bambini avvicinandosi a loro nell’esperienza quotidiana, come Gesù un tempo ha usato la nostra quotidianità per spiegarci Dio Padre”.

Notes

1 Dizionario on line http://www.treccani.it.

2 M. Bernardini, La narrazione orale tra bambini ed adulti: da flusso continuo a vena carsica? in Ricerche di Pedagogia e Didattica (2010), 5, 1 – Infanzie e Famiglie.

3 M. Bernardini, La narrazione orale tra bambini ed adulti: da flusso continuo a vena carsica?, cit.

4 B. Maggioni, 2012, Le parabole, Ed.San Paolo, Alba (Cn)

5 J.S. Bruner, (1990), Acts of meaning. Cambridge, MA: Harvard University Press. (tr.it. La ricerca del significato, Torino: Bollati Boringhieri, 1992).

6 M. Castiglioni La narrazione nella relazione educativa: un percorso di senso e di metodo tratto da : http://www.lua.it.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search