Version classiqueVersion mobile

Il Teatro Polifonico

 | 
Paola Mecarelli

Capitolo Primo. Geografia, trasmissione e suggestioni

1.4 Fortuna della scrittura drammatica polivocale

Texte intégral

  • 17 Cfr. Paola Mecarelli, «Il Zabaione musicale» di Adriano Banchieri, cit., pp. 18-22.

1Il genere polifonico vocale drammatico non ha suscitato interesse né nel resto dell’Italia né all’estero proprio perché, essendosi rivelato come fenomeno antitetico al teatro monodico, ne era stato percepito l’anacronismo. A questa produzione polivocale appartiene comunque un iter cronologico che ne garantisce la parabola storica. Dall’osservazione del repertorio a stampa si evince che i primi sporadici esempi di polifonia vocale drammatizzata risalgono grosso modo agli anni 1535-1540. Si verifica un vuoto nei cinque anni successivi, ma dal 1546 si manifesta la ripresa con i primi dialoghi segnalati come tali dagli stessi compositori. La situazione si mantiene però in termini di estrema saltuarietà fino al 1557, data a partire dalla quale le antologie madrigalistiche contenenti brani di polifonia drammatizzata sono sempre più numerose. Nel 1567 viene data alle stampe la prima opera appartenente alla categoria del teatro polifonico, vale a dire II Cicalamento delle donne al bucato di Alessandro Stàggio. Questo tipo di componimento conoscerà però la sua genesi effettiva solamente nel 1597 con l’Amfiparnaso di Orazio Vecchi. Negli anni seguenti Gaspare Torelli, ma soprattutto Adriano Banchieri, confermeranno la tendenza verso il teatro polifonico il quale conoscerà il suo declino dopo il 1608. Invece, più in generale, la produzione di polifonia drammatizzata all’interno delle collane madrigalistiche rimarrà consistente e inalterata fino al 1630 circa. Nel periodo posteriore assistiamo allo stemperarsi di questo atteggiamento polivocale, la cui ultima evocazione risale al 1698. Ma la data è puramente convenzionale, poiché già dal 1635 si può dire che il modello non esistesse più di fatto, se non come pretestuosa memoria di un passato ormai trascorso. Sintetizzando possiamo quindi affermare che tre sono le tappe fondamentali in riferimento a tutto il genere polivocale drammatico: il 1546 come presa di coscienza da parte degli autori della possibilità di rendere rappresentativa, almeno idealmente, la composizione contrappuntistica; il 1567 anno in cui vede la luce il primo tentativo di costruire un’opera polivocale drammatica unitaria; il 1597 che sancisce l’impegno nitido e oggettivo di affermare, all’interno della composizione a più voci, una reale volontà rappresentativa. Va ricordato che le ultime due date delimitano esattamente il periodo in cui la polifonia drammatizzata trova più frequentemente la sua collocazione nelle raccolte madrigalistiche profane. Non è un caso quindi che, di fronte all’incremento di simili moduli compositivi, alcuni autori abbiano cercato di codificarli in un unico genere musicale. Una conferma del tentativo di codificazione da parte dei compositori è data dall’edizione a stampa della raccolta di Dialoghi musicali de diversi Eccellentissimi Autori del 1590. L’importanza di quest’opera non consiste solo nel suo contenuto dialogico, ma soprattutto nel fatto che per la prima volta viene stampata un’antologia di soli dialoghi, esempio poi seguito anche da singoli autori in altre occasioni, fra le quali è da ricordare l’edizione dei Dialoghi a sette ed otto voci (1608) di Orazio Vecchi. Determinante è infine l’anno 1630 come circostanza di probante riconoscimento dell’inattualità di questo modello compositivo. Inattualità del resto riconosciuta dal più lucido dei compositori di teatro polifonico, ossia Adriano Banchieri. Egli, spogliando il suo Zabaione musicale (edito nel 1604) di tutti gli accorgimenti scenici, e riproponendolo occasionalmente come Trattenimenti da villa nel 1630, dà inizio al declino del genere polivocale drammatico. Il caso dei Trattenimenti non esprime infatti il consueto esempio di riscrittura di un’opera precedente, bensì manifesta una sorta di ambiguità da parte dell’autore. In effetti i Trattenimenti sono una palinodia dello Zabaione musicale. Quest’ultimo possiede strutturalmente tutti i caratteri di una proposta teatrica, e la disposizione interna dei singoli componimenti ha la funzione di fissare allegoricamente la poetica del compositore. Al contrario nei Trattenimenti da villa si verifica lo sgretolamento di tale poetica, per mezzo di un assetto interno modellato su una voluta casualità. Da ora in poi tutto il genere polivocale drammatico subirà la medesima sorte, quasi a seguire l’indicazione di Banchieri17.

  • 18 Cfr. Emil Vogel - Alfred Einstein - François Lesure - Claudio Sartori, Bibliografia della musica it (...)
  • 19 Si tratta di una composizione divisa in cinque parti (corrispondenti ai madrigali n. 15-16-17-18-19 (...)

2Espresse le osservazioni sulla fortuna esterna’ della polivocalità drammatica, consideriamone ora quella ‘interna’, ossia il peso e l’incisività di questa specifica produzione musicale in riferimento alla totalità della produzione stessa dei singoli compositori che a tale genere hanno dedicato attenzione. Sono circa 260 gli autori di polifonia vocale profana drammatizzata: nella maggior parte dei casi hanno composto solo qualche dialogo o qualche brano di polivocalità descrittiva. Tra essi vi sono anche importantissimi compositori come Verdelot, Willaert e Philippe de Monte. Ma si riducono al numero di dodici i compositori effettivamente significativi in riferimento a questo genere. Essi sono (in ordine alfabetico) Simone Balsamino, Adriano Banchieri, Giovanni Croce, Andrea Gabrieli, Giovanni Gabrieli, Giovanni Giacomo Gastoldi, Orlando di Lasso, Francesco Portinaro, Alessandro Stàggio, Gaspare Torelli, Orazio Vecchi e Jacques de Wert. In modo differente deve invece essere ordinato l’elenco se si considera singolarmente l’ambito della loro produttività polivocale profana complessiva, e la si pone in relazione con il particolare aspetto drammatizzato. Da questo punto di vista infatti si deve nominare in primis Adriano Banchieri in quanto quasi tutta la sua produzione profana (a parte un brano di polifonia descrittiva del 1596) è dedicata non già alla polifonia vocale drammatizzata in generale, ma addirittura si identifica con il teatro polifonico. Delle sue 13 raccolte profane, 8 concernono appunto il teatro polifonico: in più è da ricordare l’opera Tirsi, Fili e Clori (1614) andata perduta ma sicuramente ascrivibile al medesimo genere, come risulta dalla sua indicazione bibliografica18. Anche Orazio Vecchi si occupa di teatro polifonico, anzi ne è in qualche modo l’iniziatore. Tuttavia egli si dedica maggiormente ai dialoghi; il suo Amfiparnaso, sebbene emblematico per la storia del teatro polifonico, è tuttavia l’unico esempio di questo tipo di componimento all’interno della sua produzione profana. Rilevante è invece la quantità di dialoghi scritta dal compositore modenese: la totalità della componente drammatizzata risulta essere quasi la metà dell’intera sua produzione. Un altro compositore specificamente legato al teatro polifonico è Gaspare Torelli il quale, pur avendo composto un numero esiguo di raccolte vocali profane - solo 4 a noi conosciute - ne annette comunque la gran parte alla rappresentatività. È da segnalare un quadro’ di impostazione scenica inserito nella raccolta di madrigali a cinque voci Brevi concetti d’amore del 1598 con la dicitura Diced la bella Filli19, e l’edatante I fidi amanti del 1600 che manifesta tutte le caratteristiche strutturali di una vera e propria opera teatrale per musica. Importantissimo per l’involontario input dato al teatro polifonico è Alessandro Stàggio del quale abbiamo già ricordato II Cicalamento delle donne al bucato, ma che è autore anche di alcuni dialoghi e di una scena compiuta, dal titolo Serenata., inserita nel Primo Libro di Madrigali a sei voci del 1560. Abbastanza corposa dal punto di vista drammatico è poi la produzione di Giovanni Croce: dialoghi, bozzetti descrittivi, due quadri contenuti rispettivamente nel Secondo Libro de Madrigali a cinque voci (1592) e nei Novi pensieri musicali a cinque voci del 1598. Si deve aggiungere anche un affresco di carattere pastorale drammatizzato intitolato Canzone, annesso al Primo Libro de Madrigali a cinque voci del 1585. Sempre in relazione al teatro polifonico vanno segnalati Simone Balsamino e Giovanni Gabrieli. Circa Balsamino possiamo dire che rappresenta un caso particolare poiché siamo a conoscenza di un’unica raccolta profana da lui composta, le Novellette a sei voci del 1594 contenente una scena che, se pur da una scarsa documentazione, risulta essere stata effettivamente rappresentata. Giovanni Gabrieli è invece autore, oltre che di dialoghi, di un quadro drammatico di ambientazione marittima (Udite chiari e generosi figli) datato probabilmente 1600. Dialoghi, ma soprattutto descrittivismo contrappuntistico, caratterizzano la produzione di Giovanni Giacomo Gastoldi: i Balletti a cinque e tre voci (1591 e 1594) sono significativi specialmente per T influenza che possono aver esercitato su Banchieri, dal punto di vista sia compositivo sia letterario. Infine ricordiamo Francesco Portinaro, Giaches de Wert, Andrea Gabrieli e Orlando di Lasso i quali compongono dialoghi che non costituiscono tuttavia una parte numericamente significativa della loro produzione. Anche l’aspetto della fortuna interna sancisce dunque quella condizione di incertezza che animava gli stessi compositori circa uno stile rappresentativo in ambito polifonico vocale. Fu insomma un tentativo, un esercizio compositivo, una sperimentazione.

Notes

17 Cfr. Paola Mecarelli, «Il Zabaione musicale» di Adriano Banchieri, cit., pp. 18-22.

18 Cfr. Emil Vogel - Alfred Einstein - François Lesure - Claudio Sartori, Bibliografia della musica italiana vocale profana pubblicata dal 1500 al 1700 (da qui in avanti Nuovo Vogel), Pomezia, Staderini, 1977, p. 141, n. 235. La didascalia riportata dice: «Tirsi, Fili, e Clori, che in verde prato di variati fiori cantano».

19 Si tratta di una composizione divisa in cinque parti (corrispondenti ai madrigali n. 15-16-17-18-19) in cui è presentato un dialogo amoroso fra due amanti. È pressoché nulla la possibilità di aggiungere osservazioni sul brano, poiché dell’unico esemplare pervenutoci, edito a Venezia da Giacomo Vincenti, è conservata solo la parte del Tenore.

© Editore XY.IT, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search