Version classiqueVersion mobile

Il Teatro Polifonico

 | 
Paola Mecarelli

Capitolo Primo. Geografia, trasmissione e suggestioni

1.1 La Francia e le origini

Texte intégral

1L’incidenza drammatica è implicita nei modelli poetico-musi- cali già con i primi tentativi di polifonia vocale del XIII secolo. L’embrione da cui musica e poesia derivano la loro possibilità rappresentativa è la ‘ballata’, o meglio la chanson à danser monodica provenzale. L’ispirazione gestuale delle forme musicali per danza è il germe che, traslato nei componimenti per sola esecuzione vocale, conduce ad espressioni più propriamente narrative e/o drammatizzate quali ‘alba’, ‘pastorella’ lai’. L’alba racchiude la tematica fissa del risveglio di due amanti; la pastorella è un componimento di ambientazione bucolica che presenta per lo più carattere di disputa amorosa; infine il lai tratta prevalentemente argomenti di carattere lirico-narrativo. Non va dimenticato neppure il ‘contrasto’ componimento in forma dialogica basato sul confronto di due elementi opposti, ad esempio madonna/cavaliere, angelo/diavolo, vino/acqua e così via. Il passaggio dalla chanson monodica a quella polifonica è costituito dalla ballade e dal rondeau. Anche in questi due momenti musicali si ritrovano elementi rappresentativi: ne sono un esempio la ballata a tre voci Dame, par vous me sens reconfortes di Guillaume de Machaut e il rondeau, Dame, doucement trait di Jean Vaillant in cui vengono intonati dialoghi fra l’amante e la dama. Nel corso di questa evoluzione le tecniche usate variano notevolmente: con l’introduzione del procedimento dell’‘imitazione’ apprezzato soprattutto in Italia - nasce un divertimento a più voci chiamato ‘caccia’ in cui, attraverso una condotta letteraria e musicale fonosimbolica, sono descritte le imprese venatorie. La tipologia fino a qui citata si propone però sostanzialmente come variante della chanson, la quale può essere a buon diritto considerata la colonna portante della polifonia vocale profana fino all’avvento del madrigale cinquecentesco. Anche nel Quattrocento la chanson mantiene in Francia una grande popolarità, mentre conosce in Italia e altrove una discreta fortuna. Ma è soprattutto all’inizio del Cinquecento, con la divulgazione delle opere di Clément Janequin, che questa formula musicale permette di individuare una prima affermazione del genere polivocale drammatizzato di carattere profano.

  • 1 Per l’analisi delle opere di Janequin è stato consultato il testo con trascrizione moderna Clément (...)

2L’originario descrittivismo narrativo della chanson è da Janequin sviluppato al punto da consentirgli di costruire grandi affreschi vocali, perfettamente aderenti alle qualità drammatiche espresse dal testo letterario. Dall’osservazione del corpus delle sue chansons1 si rilevano molte composizioni impostate secondo una struttura dialogica e perfino rappresentativa. Alcuni di questi componimenti sono esplicitamente ascrivibili al genere della polifonia descrittiva: Le chant des oiseaux, La guerre, La chasse, Les cris de Paris. Qui prevale l’onomatopea, volta a rappresentare non già forme di azioni bensì diversificate condizioni della natura e dell’uomo. Diacronicamente si inseriscono fra il 1528 e il 1530. Altri componimenti sono invece dialoghi: Martin menoit son pourceau, Ung gay hergier, Une belle jeune espousée, Ung jour Robin, Ung mari se voulant coucher, Ung jour que madame, Quelque frapart, Ung pélerin que les Turcs, L’espoux a la premiere nuict, Le landemain de nopces, Le jeu n ’ennuye jouez m’amye, Di moy, ma soeur, Nonferay, jenenferay rien.

3Gli argomenti trattati si rapportano a situazioni popolaresche e anche formalmente il discorso è colloquiale. Questi dialoghi sono però tali quasi esclusivamente dal punto di vista letterario: non presentano infatti, se non abbozzata da semplici tentativi di compattezza vocale (vale a dire blocchi sonori che si rispondono), la distinzione anche musicale dei personaggi. La collocazione cronologica dei dialoghi di Janequin si pone fra il 1535 e il 1556. Un tratto rilevante nelle composizioni del maestro francese è affidato alla sua creatività nel campo del ritmo: egli utilizza generosamente l’opposizione dei ritmi binari e ternari, sia per intere frasi sia per una sola battuta, per sottolineare un’immagine o anche una parola. Vedremo in seguito che questo procedimento sarà impiegato dai compositori di polifonia drammatizzata, per colorire ed evidenziare l’ambito rappresentativo del testo letterario.

4Nel 1545 Janequin dà alle stampe Le Caquet des fammes, fondamentale per la comprensione del futuro sviluppo del settore drammatizzato nella polivocalità profana. Pur trattandosi di una composizione compatta, il Caquet può essere idealmente diviso in parti che ne formano l’inizio, lo sviluppo e l’epilogo secondo un’impostazione scenica’. La prima parte (batt. 1-20) è l’introduzione in prima persona del racconto di un immaginario narratore che si è trovato a osservare un gruppo di donne; nella seconda parte (batt. 21-93) sono descritti i pettegolezzi di queste donne; la terza parte (batt. 94-197) comprende le confidenze che le donne si scambiano a proposito dei loro mariti, finendo poi per litigare; con la quarta parte (batt. 198-204) il narratore ricorda il suo intervento nel tentativo di far cessare il litigio; infine la quinta parte (batt. 205-240) descrive la rappacificazione fra le amiche. Sono evidenti la condotta narrativa e l’impostazione drammatica del testo letterario. Ma in questo caso l’ambito musicale vi aderisce: risaltano infatti una spiccata tendenza delle linee melodiche a manifestare il dialogo (anche se spesso vocalmente intrecciato), nonché piccoli blocchi compatti di voci per evidenziare il singolo personaggio. Certamente le incidenze sceniche di questa specifica produzione di Janequin non sono intenzionali. È sufficiente ricordare l’espressione da lui usata per introdurre la narrazione: «Ouvrés vos oreilles», senza nessun altro riferimento a possibilità rappresentative del brano. Con il Caquet assistiamo a un’involontaria sintesi delle caratteristiche descrittivistico-narrative della chanson, con un’aggiunta tuttavia anche rispetto al resto delle composizioni di Janequin stesso: l’introduzione di una sorta di descrizione realistica con l’esposizione di una precisa situazione umana quale quella dei pettegolezzi e dei litigi fra comari.

5A questo punto la Francia e la chanson cedono il passo all’Italia e al madrigale non solo per quanto attiene allo sviluppo generale della polifonia vocale, ma altresì in riferimento alla sua evoluzione drammatica.

Notes

1 Per l’analisi delle opere di Janequin è stato consultato il testo con trascrizione moderna Clément Janequin. Chansons polyphoniques, (a cura di) Arthur Tillman Merrit e François Lesure, 6 voll., Les Remparts Monaco, Editions de l’Oiseau Lyre, 1965-1971.

© Editore XY.IT, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search