Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte prima. La narrazione e la scuola

1.2 Per una pedagogia della narrazione nella scuola dell’infanzia

Rosanna Ceccattoni

Texte intégral

“Mi racconti una storia?”

1Quante volte i bambini mi hanno posto questa domanda e quante storie ho loro raccontato!?

2Fiabe e favole: un mondo fantastico che sovrasta lievemente la ragione e coinvolge l’affettività; un mondo nel quale entrare in punta di piedi tenendo per mano il vostro essere stati bambini che, come per incanto, ritrovate dentro di voi.

3Un mondo che poi vi afferra, vi stupisce, vi meraviglia e a volte vi lascia senza fiato a gustare momenti sospesi tra realtà e fantasia.

4Questo il ricordo che mi frullava per la testa e accompagnava il mio percorso verso la scuola dove si teneva il corso di formazione: e quel sabato toccava a me.

5Sabato mattina: nella mia lunga attività di insegnante non ho mai seguito un corso in questo giorno considerato sacro. Certo non era il massimo frequentare i corsi nel pomeriggio dalle 16.30 alle 19.30, prima di entrare in sintonia con il docente ci voleva un congruo lasso di tempo, poi certo dipendeva anche dal docente; ah sì! Ora rammento, era stata una decisione collegiale, molte colleghe provenivano da fuori Milano, su 23 (quante eravamo!) meno della metà risiedevano infatti in città e, di queste, solo poche abitavano nelle vicinanze della scuola. Io ero una delle poche, eh già! Ti ricordi il giorno della nevicata?

6A scuola eravamo solo in quattro a accogliere i bambini di dieci sezioni... gulp! Ce l’avevamo fatta, non so spiegare bene come. È vero, i bambini erano meno numerosi; scoraggiati dal freddo e dall’impraticabilità delle strade alcuni erano rimasti al calduccio nelle loro case, ma quelli che arrivavano!?! Imbacuccati fino all’inverosimile, naso rosso, occhi luccicanti, un guanto sì e uno no, candela al naso rapidamente asciugata dal genitore, esordivano con “Rosanna c’è la neve!”. Come se non l’avessi vista! Ma i bambini volevano comunicare per condividere un evento speciale. Infatti, una cosa che ti piace fa saltare dalla gioia, non stai più nella pelle, lo devi dire a qualcuno: “Rosanna c’è la neve!”.

7Come la dissolvenza a punti dell’animazione personalizzata di Power Point, il ricordo però ora se ne va lasciando spazio allo sguardo; sono arrivata a scuola: qui di neve nemmeno l’ombra.

8“Ciao come va?” “Bene! Sto preparando l’attrezzatura... manca un cavo” “È questo?” “Nooo!” “Trovato...!” Collega il videoproiettore, vediamo se il PC legge la chiavetta”. Dopo aver armeggiato un po’, tutto è pronto; volti nuovi, questa volta non conosco le corsiste. Disposte a semicerchio, qualcuna si sta ancora assestando sulla sedia, sedie basse, quelle dei bambini; qualche sguardo si incrocia, qualche parola incomprensibile sussurrata alla collega vicina poi si inizia.

Narrare per conoscersi: narrare e narrarsi

9Il mio obiettivo è di far comprendere alle insegnanti che le due traiettorie della narrazione, raccontare/ascoltare fiabe e favole, ascoltare/raccontare se stessi, hanno la medesima portata educativa agli effetti della formazione dell’identità; vorrei rendere evidente che l’attività didattica intenzionalmente pensata, progettata e quotidianamente proposta trova fondamento e motivazione nella formazione dell’identità infantile. Dai tre ai sei anni il bambino è immerso in questa importante avventura, il passaggio dal ME al SÉ che avviene tramite un movimento incessante e graduale che dalla percezione lo conduce alla consapevolezza di se stesso. Consapevolezza: ecco la parola chiave che ricorre sovente anche nelle Indicazioni Nazionali: quanto e come operiamo in questo senso?

 

  • 1 Demetrio D.D., 2012, Educare è narrare. Le teorie, le pratiche, la cura. Scritti di Elisabetta Biff (...)

10Narrazione, consapevolezza, identità... Opto per un momento di conoscenza per stemperare eventuali percezioni di distanza e per stimolare e facilitare l’esercizio della narrazione di sè: così introdurrò la tematica. In effetti è vero che, come afferma Demetrio, “Ognuno di noi non è altro che un racconto al quale aggiunge ogni giorno qualcosa di nuovo. Ora con aggiustamenti quasi impercettibili, senza variare mai nulla della sua composizione; ora, in ragione di taluni eventi e scelte, invece apportando in esso variazioni sostanziali e significative.”1

 

11“Ho insegnato per 36 anni nella scuola dell’infanzia”... Qualche occhiata stupita, qualche bisbiglio... “Ho seguito gli studi di pedagogia mentre lavoravo, è stata un’esperienza impareggiabile! Mi sono laureata con una tesi inerente all’affettività negli anni dell’ allora scuola materna...”. Seguono alcune informazioni sul mio itinerario professionale e concludo: “Il lavoro di insegnante è sempre stato una ‘bella fetta’ della mia vita, l’ho svolto con passione superando con energia i momenti difficili, a pensarci bene è stato anche un itinerario di crescita personale, è proprio vero ciò che afferma Eduard Spranger che educando ci si educa”.

12“Sono Giusy, insegno in questa scuola da una vita, ho iniziato a 19 anni: ora sono nonna! Ho rinunciato al ruolo nella scuola statale per restare qui, è stata una scelta forse dettata anche dal fatto che la scuola è vicinissima a casa. Mi piace il mio lavoro, stare con i bambini è sempre entusiasmante anche se tante cose sono cambiate; i bambini ascoltano meno di una volta, i genitori sono sempre più esigenti, è sempre più difficile mettersi in relazione... Mi piace il mio lavoro ma vi confesso che... attendo anche con ansia la pensione”.

13“Sono Silvia, sono laureata in scienze della formazione primaria, lavoro da un anno, mi piace, mi trovo bene con le colleghe, ho voglia di imparare ma non so con certezza se desidero proprio fare la maestra...”.

14“Sono Daniela, insegno qui da 3 anni... Bello stare con i bambini! Sento però un desiderio... Sì, secondo me per far bene questo lavoro, forse tutti i lavori, è necessario sapersi rinnovare. Qualche tempo fa ho passato un momento difficile, non ero più sicura della mia scelta, nel frattempo avevo ricevuto offerte di lavoro in ambiti completamente diversi. Non sapevo cosa fare, ero molto combattuta... giorni tosti pieni di ansia... Sì, insomma, dopo tutto questo giro di parole e altre avventure lavorative, eccomi nella scuola dell’infanzia: forse posso dire di aver fatto la scelta giusta? Insomma, sono qui”.

15Fermo l’insegnante che vorrebbe proseguire il giro di presentazione. Sostiamo per analizzare i racconti che abbiamo ascoltato: in tutti sono presenti alcune note puramente informative (nome e numero di anni di insegnamento) ma ciascuno si caratterizza per alcune peculiarità. Giusy ci ha parlato del passato e del presente, di motivazioni e di un desiderio; Silvia ha raccontato di un presente piacevole e di un futuro incerto; Daniela ha espresso la necessità di rinnovarsi e dopo aver rievocato il vissuto di una situazione difficile conclude dicendo a noi e ridicendo a se stessa: “Ho fatto la scelta giusta”.

16Pensare, ricordare, riflettere, descrivere, interpretare, spiegare, argomentare sono i processi utilizzati dalle colleghe per presentarsi: elaborare i pensieri e riflettere per distinguere consapevolmente ciò che voglio narrare da ciò che voglio tenere solo per me; descrivere e spiegare per rendere evidenti le teorie sulle quali si basano le mie scelte, argomentare sulle ragioni dell’esperienza personale rintracciandone i significati e esplicitandone il senso e la progettualità. Con semplicità siamo giunte ad alcune sintesi educative significative: narrare di sè educa a prendersi cura di sè, aiuta a conoscersi, attiva e promuove una serie di processi che rafforzano l’identità, contribuisce a farci scoprire che la nostra vicenda umana assomiglia un po’ a quella degli altri rafforzando così il sentimento di similarità.

17La narrazione dell’esperienza restituisce quotidianamente al bambino la sua identità, conferma la sua direzione esistenziale, lo sostiene nella ricerca del senso che ha dato e vuole dare alla sua vita; lo sospinge a argomentare sulle scelte cercando le risposte adeguate ai perchè degli eventi capitati per dare loro maggior coesione e pertinenza.

18Possiamo considerare la narrazione di sè un’urgenza esistenziale dell’infanzia?

  • 2 Scurati C., 2001, Fra presente e futuro, analisi e riflessioni di pedagogia, La Scuola, Brescia, p. (...)

19Forse sì se facciamo nostra l’affermazione di Scurati che “Il postmoderno pedagogico non può arrendersi al modello del bambino consumatore... ma deve restare fedele al principio del bambino abitatore del suo mondo, della sua civiltà e del loro futuro”2. Forse sì, se siamo consapevoli che il bambino, bersagliato e a volte sommerso da innumerevoli stimoli, rischia oggi di perdere il territorio che gli è peculiare per arrancare in zone paludose in cui la dimensione valoriale si è decisamente affossata trascinando con sè i significati più profondi e autentici del vivere umano.

  • 3 Cyrulnik B., 2000, Il dolore meraviglioso. Diventare adulti sereni superando i traumi dell’infanzia(...)

20Forse sì se, con Cyrulnik, la riteniamo utile a riorganizzare l’identità e, laddove necessita, a riprendere contatti con essa, se impariamo a considerarla strumento principe per avviare percorsi resilienti: con essa il bambino rielabora infatti il suo dolore, lo individua interiormente e lo descrive e, seppure con la sua ferita ancora aperta, si presenta a chi lo ascolta ricollocandosi in un luogo preciso della socialità: vive cioè un momento di relazione significativa.Quel luogo che gli sembrava perso o forse per sempre inaccessibile torna a essere disponibile a ricevere il suono delle sue parole e l’immagine della sua esperienza. Tale situazione, ovvero riuscire a “portare alla luce il nucleo traumatico ravvolto nel proprio mondo psichico rappresenta uno dei più efficaci fattori di resilienza”3.

21“Significa forse che dobbiamo riflettere sui reali bisogni del bambino di oggi e ripensare alle modalità didattiche?”.

22“Stai parlando dei BES e dici che la narrazione di sé è utile nei percorsi di sostegno per i bambini in difficoltà?”.

23“Si certamente, è questione di competenze professionali”.

24Le competenze socio-culturali ci chiedono infatti di saper analizzare il contesto sociale per rilevarne opportunità e dimensioni disgreganti, quelle psico-pedagogiche di ripensare che l’educazione integrale è un diritto, le competenze metodologico-didattiche chiedono di riflettere sulla qualità dell’operatività, quelle relazionali di porre maggior attenzione ai bisogni speciali del bambino e della sua famiglia. Potremmo domandarci se pensiamo di più al bambino cosa sa fare o al bambino chi è, se sappiamo coniugare il piano pragmatico con la scoperta dei significati, se siamo convinte dell’efficacia della relazione educativa, se abbiamo capito davvero l’importanza della narrazione.

Promuovere la coscienza interpretativa

25Narrare di sè promuove la coscienza interpretativa tramite la quale anche il bambino si riappropria dei dettagli della sua vita che facilmente si perdono nel tempo concitato della quotidianità. È opportuno dunque proporre, all’interno dell’attività didattica, un tempo di sosta nel quale il bambino sia invitato a pensare e ripensare per riportare alla coscienza e ridelineare ciò che è stato, ciò che è, ciò che vorrebbe essere. Nel ripercorrere un evento tramite il linguaggio interiore, nel canale fecondo e originalissimo della comunicazione intrapersonale, il bambino risente e rivive il clima, ricorda emozioni e sentimenti, rammenta pensieri e ragionamenti. Nel momento in cui può o gli viene richiesto di raccontare la sua esperienza è, in un certo senso, costretto a cercare e poi scegliere le parole giuste per esprimersi al meglio, per facilitare all’altro la comprensione del suo vissuto, puntualizzandolo nel contempo anche a se stesso. L’esperienza, ricordata e verbalizzata, viene così ridefinita inserendosi nei percorsi di crescita dell’ identità, aiutando il bambino a rivedere quel tratto di progettualità inserito nel suo percorso umano.

26La narrazione è tuttavia inefficace se rimane fine a se stessa, efficace se finalizzata all’attribuzione di significato degli eventi vissuti, traumatici e non; in questo senso deve trovare una mente e un cuore disponibili ad astenersi da giudizi e a intraprendere la via dell’ascolto attivo e della comprensione autentica. Solo così il racconto del bambino non sarà una semplice sequenza di pensieri, azioni e situazioni, ma troverà spazio per qualche collegamento significativo con l’area semantica della propria identità.

L’accompagnamento interiore

27Se il bambino tende a sfuggire ai momenti di riflessione e di narrazione perchè ancora sconosciuti al suo vissuto o se, non avendo ancora avviato un dialogo con se stesso, non ne ha apprezzata la positività, ha il diritto a essere aiutato. Come?

28La qualità della relazione educativa si pone come punto nodale perchè, avvalendosi del rapporto empatico, rende manifesta la presenza dell’interiorità e attiva l’area di elaborazione personale. Qualcuno mi ha accolto, compreso, considerato: il bambino sente in profondità le risonanze dell’accoglienza, della comprensione e della considerazione che rimangono in lui come esempi significativi, come esperienze rassicuranti. Il bambino riflette sul suo sentire: piccoli passi nell’esplorazione della propria interiorità e nella costruzione dell’identità.

29“...Ma in classe ci sono tante cose da fare... !”.

30“Poi i bambini non stanno fermi un minuto... !”.

31“Sì, è vero, ma qual è il vero bisogno del bambino? Rimanere preso nel vortice o sperimentare anche qualche momento di sosta?”.

32A volte capita che, per motivi contingenti, tendiamo a cercare l’ottimizzazione dei risultati lasciando in ombra gli aspetti educativi, perdendo lo sguardo su come il bambino sta vivendo e avviando i processi di riconoscimento di se stesso e dell’altro. Tale disattenzione tuttavia, se è funzionale alla nostra società competitiva, non lo è ai fini dell’educazione integrale che sa comporre corporeità, raziocinio, affettività e spiritualità in ciascuna dimensione dello sviluppo infantile. Il bisogno primario che sta alla base di qualunque competenza è, infatti, di riconoscersi persona.

33Propongo ora un’esperienza di consapevolizzazione. Nel salone della scuola le corsiste ruotano a braccia aperte attorno a se stesse per cercare e visualizzare il proprio spazio personale, (in un lampo ricordo i miei giorni scolastici e rivedo i bambini che girano come trottole, qualcuno vacilla e si ritrova per terra!) poi si sdraiano: occhi chiusi, silenzio. Ascoltando le mie indicazioni rilassano a poco a poco le varie parti del corpo, ascoltano il respiro e il battito del cuore, sono invitate a compiere un viaggio immaginario in un luogo per loro speciale...: “Arriva Aladino con il suo tappeto volante e, via, tra le nuvole, con il vento nei capelli...” …Poi torniamo a scuola e piano piano riapriamo gli occhi, ci stiriamo un po’ e restiamo sedute.

34“Come vi sentite?” Pongo la domanda mentre distribuisco pennarelli e fogli. Le corsiste sono invitate infatti a disegnare l’esperienza appena conclusa e poi, a due a due, ciascuna narra sottovoce all’altra il suo disegno: “No Daniela, non devi scrivere ciò che ti racconta Silvia... solo memorizzare, anche se poi dovrai raccontare tu al grande gruppo il disegno di Silvia e viceversa”.

35Sedute in un grande cerchio sembrano tutte tranquille, forse anche un po’ divertite, ascoltano con attenzione le narrazioni; ascoltare, partecipare, narrare l’esperienza dell’altro così come l’abbiamo compresa, domandare con lo sguardo o con le parole se siamo state fedeli ai fatti del racconto, se abbiamo interpretato bene, se abbiamo omesso qualcosa. Puntualizzazioni e chiarimenti che si susseguono per precisare la narrazione indicano i limiti dell’ascolto e della comprensione mettendo in evidenza e smontando certezze e stereotipi. Siamo nel pieno dell’analisi narrativa, ne approfitto per sottolineare che tutto ciò fa parte della cura di sé, attiene al regno della riflessività, del nostro mondo interiore; è dunque questo luogo e tempo in cui ci ritroviamo per rielaborare con spirito critico le esperienze, per ridelineare quotidianamente il profilo della nostra identità. È pure l’occasione per evidenziare che tutto ciò è presente anche nel bambino: dobbiamo prendercene cura.

36Questo gioco, adattato all’età infantile, può in effetti essere una proposta efficace anche per i bambini che sperimentano, e non è poco, un positivo momento di sosta utile, come è stato per voi, a affinare la percezione della corporeità, a mettere in moto l’interiorità e a cimentarsi nella narrazione del proprio vissuto.

37Dobbiamo essere attente al nostro corpo, riconoscerne i bisogni essenziali, apprezzare il fatto che proprio a partire da lui possiamo poi compiere riflessioni più elevate che conducono alle dimensioni morale e spirituale e alla scoperta del significato di noi stessi, dobbiamo essere attente alla narrazione che è una vera e propria cassa di risonanza del nostro vissuto.

  • 4 Borgna E., 2001, L’arcipelago delle emozioni, Feltrinelli, Milano, p. 35.
  • 5 Scurati C., 2001, Fra presente e futuro, analisi e riflessioni di pedagogia, cit., p. 25.

38Rosa Agazzi molti anni fa diceva che si educa per quel che si è, Borgna in un tempo più recente ci ricorda che “Non vi è autentica dedizione all’altro se non a partire da una consapevolezza profonda di sé: il cammino misterioso della conoscenza dell’altro da noi è segnato dal modo di vivere le proprie emozioni e la propria interiorità”4. Coltivare se stessi per saper coltivare l’identità infantile, pensare alla didattica come evento dialogico, ricordare le parole dei maestri: “Senza racconti di vita non si costruiscono nè l’appartenenza nè l’identità”5.

Notes

1 Demetrio D.D., 2012, Educare è narrare. Le teorie, le pratiche, la cura. Scritti di Elisabetta Biffi, Micaela Castiglioni, Emanuela Mancino, Mimesis Edizioni Milano - Udine, p. 28

2 Scurati C., 2001, Fra presente e futuro, analisi e riflessioni di pedagogia, La Scuola, Brescia, p. 18

3 Cyrulnik B., 2000, Il dolore meraviglioso. Diventare adulti sereni superando i traumi dell’infanzia. Frassinelli, Trento, p. 133.

4 Borgna E., 2001, L’arcipelago delle emozioni, Feltrinelli, Milano, p. 35.

5 Scurati C., 2001, Fra presente e futuro, analisi e riflessioni di pedagogia, cit., p. 25.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search