Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte introduttiva

0.3 Una sfida formativa: i linguaggi della narrazione

Enrico Mauro Salati

Texte intégral

1La fissavo, pensoso. Certo, anche da studente si presentava così, entusiasta della conoscenza, intraprendente, pronta a ricercare la traduzione nella pratica di quanto venivamo studiando. Insomma, un’imprenditrice in fieri. La differenza stava nel fatto che ora l’imprenditrice era in atto: con le sue colleghe aveva risposto alla sfida di formazione che avevamo proposto alle scuole, e veniva “a vedere” le nostre carte. Intanto, mi rallegrai con me stesso per il mio passato di docente: se non altro, non le avevo tarpato le ali.

  • 1 Vedi il contributo precedente: 0.2 Lo scaffale delle meraviglie: un’esperienza di organizzazione (...)

2Subito dopo, ecco una certa preoccupazione: se avevamo a nostra volta raccolto il guanto della sfida, saremmo poi stati davvero in grado di rispondere alle loro esigenze, con il nostro “Scaffale delle meraviglie”1? Mi rassicurai: sia pure con occhio critico, le nostre interlocutrici mi parevano ben disposte e collaborative, almeno ascoltando la coordinatrice. Inoltre, il nostro gruppo aveva già lavorato sulla loro domanda, e mi sentivo in grado di formulare una proposta.

3“D’accordo, Roberta, noi abbiamo valutato la vostra richiesta, e abbiamo pensato ad un progetto che, rispondendo alle vostre esigenze dichiarate, si distenda nel tempo, toccando i tre piani dello scaffale. In un primo tempo, affronteremo il piano della sensibilizzazione, ma, poiché nel vostro caso diverse colleghe hanno già qualche buona conoscenza sul tema – altrimenti non avrebbero potuto effettuare richieste così precise – lo abbiamo concepito come una sorta di quadro culturale e professionale, alla ricerca, insomma, di un linguaggio e di una base comune, su cui si ritrovino tutti, corsisti e formatori. Così, nel primo incontro io cercherò di proporre una definizione del tema e di presentarne il significato pedagogico, Rosanna lo collocherà poi nell’ambito della scuola dell’infanzia e Tiziana in quello della prima infanzia, nido e sezione primavera…”. Roberta mi interruppe: “Va bene per me, ma pensa di separare le insegnanti dalle educatrici del nido? Perché, a mio parere, vi sono informazioni che tutte dovrebbero ugualmente possedere”.

4“Assolutamente d’accordo: infatti, noi abbiamo ritenuto che tutte debbano partecipare a tutto, e allo stesso livello; in questo modo, non soltanto verrebbero a conoscenza dei temi, cioè degli argomenti che riguardano anche l’ambito del quale non fanno parte, ma pure dei problemi, cioè della loro dimensione professionale”.

5“Perfetto, professore. Questo consentirà loro di affrontare gli aspetti di continuità in modo collaborativo e amichevole”.

6“Del resto, non toccheremo l’argomento della continuità tra asilo nido e scuola dell’infanzia in un incontro specifico, perché sarà affrontato informalmente grazie a questo escamotage e a qualche attenzione didattica. Vi sarà invece, verso la fine, un incontro della professoressa Pilotto sulla continuità scuola dell’infanzia e scuola primaria, ma nel contesto di una presentazione dell’Educazione alla Teatralità, quindi in prospettiva concreta, sia pure con una contestualizzazione anche teorica”.

7Per non confondermi, trassi dalla cartelletta “I linguaggi della narrazione” (così infatti nello staff avevamo definito il corso per la scuola di…) un foglietto spiegazzato e pasticciato con note e noticine fin sui margini, e, consultandolo, continuai: “Questa prima parte potrà già essere fatta in autunno, si tratta in fondo di appena tre incontri. All’inizio della primavera potremo iniziare in modo più disteso il secondo piano, quello della consapevolezza, che però si estenderà – almeno dal punto di vista tematico– anche al prossimo autunno. Si inizierà con un incontro di Cristiano Zappa su come programmare attività didattiche di narrazione, il quale fungerà da cerniera tra la prima e la seconda parte, per entrare poi nelle varie forme di narrazione, considerate a partire dagli “strumenti narrativi” tradizionali o moderni, escludendone però il più classico, e cioè quello verbale, cui dedicheremo una parte, come ti dicevo, nell’autunno successivo. Quindi io proverò a far raccontare con i suoni, a Giulio Tosone chiederemo – ovviamente – di affrontare il tema delle nuove tecnologie”. Roberta mi interruppe proponendo lo spostamento dell’intervento di Zappa a conclusione del primo piano, anche perché: “Forse, creerebbe un’aspettativa tra le insegnanti. Magari potrebbero cominciare a fare qualcosa di propria iniziativa, in modo da essere pronte al confronto con gli esperti e a porre domande concrete...”.

8“Soprattutto sensate, direi. Credo non vi siano problemi. Continuando, mi pare che ormai sia chiara la struttura del progetto. A ottobre si riprenderà e si concluderà il piano della consapevolezza affrontando, come dicevo, il linguaggio verbale, con riferimento ai libri. Cristiano presenterà il libro, la sua conservazione ed il suo uso nella scuola dell’infanzia. Toccherà alla dottoressa Paoletti approfondire una tecnica che costituisce un passaggio fondamentale nell’approccio al testo e sembra piacere molto ai bambini… ma anche alle maestre, e cioè la costruzione di libri pop-up. La primavera successiva si svolgerà il terzo piano, quello della professionalizzazione, proponendo attività e riflessioni su un linguaggio integrato, il più classico…”.

9“Quello della teatralità, vero? Non poteva certo mancare”.

10“Giusto, ma mireremo a far acquisire delle competenze professionali. Elena Rivolta proporrà modalità di narrazione drammatica con i più piccoli, all’asilo nido, Giovanna mostrerà come un’intera scuola dell’infanzia possa trasformarsi in un grande racconto globale, che coinvolgerà anche i genitori; infine Serena Pilotto, come già avevo detto all’inizio, utilizzerà i modi della teatralità in iniziative di continuità con la scuola primaria”.

11In quel momento comparve sull’uscio una minuscola filippina armata di secchio e scopa che, con un bel sorriso, esplose in una cascata di suoni argentini i quali, forse, potevano voler dire: “Oh, scusa!... Tornerò più tardi”. In ogni caso, pensammo che il senso fosse quello e, poiché la coordinatrice sembrava riconoscersi nell’ipotesi che le presentavo, chiudemmo l’incontro. Ci saremmo dunque confrontati sulle date e io avrei infine confermato il programma in dettaglio. Per tutto quanto riguardava gli aspetti pratici e materiali, se ne sarebbe direttamente occupata lei con gli interessati.

12Ci salutammo e, uscendo dal corridoio tra possenti mura medioevali, sorrisi ampiamente alla filippina. “Grazie! Noi ora andiamo. Buona sera”. Non mi inchinai all’orientale, ma poco ci mancò.

13Giunti nel cortile fummo accolti dal rimbombare solenne delle campane del Duomo. Allora mi ricordai che era il 14 settembre e, probabilmente, in quel momento il mio amico arciprete stava con grande compunzione salendo sulla “nivola”, il curioso ascensore inventato da Leonardo per recuperare il Sacro Chiodo dal tabernacolo che si trova sulla volta della Cattedrale.

14Soffrendo assai di vertigini, non lo invidiai neanche un po’: “Grazie, Signore, che mi hai voluto formatore di maestre, e non arciprete”.

Notes

1 Vedi il contributo precedente: 0.2 Lo scaffale delle meraviglie: un’esperienza di organizzazione della formazione degli insegnanti nella scuola dell’infanzia.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search