Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte introduttiva

0.2 Lo scaffale delle meraviglie. Un’esperienza di organizzazione della formazione degli insegnanti nella scuola dell’infanzia

Enrico Mauro Salati

Texte intégral

1Il titolo è ambizioso, magari inventato per stupire il lettore, ma vuol essere rivelatore: di che cosa? Innanzitutto dell’idea che il formatore è come il padrone di casa del vangelo, “che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche»”(Mt 13,44-52). È questo il senso del termine “meraviglia”, il quale non vuol indicare qualcosa di mirabolante, strampalato, ma di nuovo ed antico insieme. Nuovo, perché senza qualche cosa che interroghi, interpelli l’insegnante perché non è abituale alla sua esperienza quotidiana, un contenuto non ha senso sia proposto, non permette di “aggiornarsi”, cioè di adeguarsi ai cambiamenti culturali, didattici, organizzativi … Ma non si può dimenticare l’antico: vale a dire, i nuovi contenuti della formazione non avranno ugualmente senso se non saranno messi in dialogo con quella che è già esperienza vissuta da parte di chi partecipa all’attività formativa, pena il rimanere estranei alla vita ed alla professionalità del docente. Cioè lettera morta. Meraviglia è dunque ciò che sa offrire la freschezza di nuove conoscenze e competenze, ancorando però la novità sull’esperienza e su reali bisogni. E questo è davvero innovazione, cambiamento produttivo.

2Il titolo però assegna centralità al termine “scaffale”. Che dire? Lo scaffale è un conosciuto mobile, d’ufficio forse più che di casa, fornito di numerose mensole, sulle quali “si ripongono libri o altri oggetti”, come recita il dizionario. Una libreria, allora, e c’è chi, di questo mobile utile e quotidiano, ne ha fatto versioni artistiche e fantasiose straordinarie, come l’architetto Sottsass. Uno scaffale delle meraviglie è un oggetto di uso comune, che diventa ricco ed utile per ciò che vi vien collocato, ma che può stupire ed affascinare anche per la sua struttura stessa, per com’è fatto. La progettazione di un’attività di formazione degli insegnanti vale per i suoi contenuti (i “libri” della libreria), ma anche per la qualità della sua struttura (la “libreria stessa”, come quella di Sottsass). In questo caso, però, una buona organizzazione di contenuti e metodi si deve coniugare con l’adeguatezza ai bisogni formativi dei destinatari. Ecco perché “scaffale”, cioè “struttura” della formazione; ecco perché “meraviglie”, unione di cose nuove-stupore, cose antiche-rassicurazione.

3Alla ricerca di questo scaffale formativo l’AMISM – Associazione Milanese Scuole Materne – un’associata alla Fism che riunisce più di 360 scuole dell’infanzia paritarie delle province di Milano e Monza, ha così attivato un piano di formazione pedagogico-didattica per insegnanti ideato per adattarsi alle varie domande del territorio, mantenendo però un impianto unitario. L’unità proviene dalla tematica del linguaggio, quale sistema di comunicazione tra il soggetto ed il suo mondo, tra persone e oggetti, mezzo per adeguare ed adeguarsi alla realtà.

I piani della libreria

4Per ottenere ciò era importante rilevare quale fossero i bisogni formativi, raccogliendo informazioni da chi chiedeva interventi e da chi se ne faceva interprete presso l’associazione, quali le coordinatrici di circondario, ma anche di scuola. Il risultato è stato che le coordinate comuni riguardavano tre tipologie: bisogni di conoscenza su argomenti pressoché sconosciuti, bisogni di approfondimento di tematiche culturali di cui si possedeva qualche esperienza, e infine di “professionalizzazione”, vale a dire di competenza nell’utilizzare al meglio quanto si possiede già sufficientemente, ma non al punto da padroneggiarlo compiutamente nell’attività professionale. Da qui l’ideazione di una struttura a tre piani, in ognuno dei quali è possibile collocare esperienze formative indirizzate a soddisfare, rispetto alle tematiche più diverse richieste, dei pacchetti di opportunità, materiali, linee metodologiche e suggerimenti adeguati a una prima conoscenza, piuttosto che alla padronanza dei contenuti sul piano personale, o, infine, alla gestione di questi temi sul piano della professionalità.

5Gli argomenti più diversi, si è detto: ad esempio, la proposta per il primo anno riguardava cinque tematiche: i libri e parole, le arti espressive, il corpo e la psicomotricità, l’educazione teatrale e il suono e la musica. Per ognuno di loro sono stati collocati sullo scaffale tre progetti, rispettivamente di sensibilizzazione, per chi era un neofita rispetto a quel dato argomento; di approfondimento-consapevolezza, per chi non ne era del tutto digiuno; di compiuta professionalizzazione per chi lo sapeva già sufficientemente gestire. I relativi corsi sono autonomi rispetto a quelli delle altre tematiche, ma inseriti in un insieme metodologico coerente: ad esempio, la struttura suggerisce dei focus metodologici per il piano della sensibilizzazione: “dall’azione alla riflessione; integrazione delle conoscenze; auto riflessività; la pratica e la grammatica”. Di conseguenza, si propongono (non impongono) delle strategie e attività coerenti come un approccio laboratoriale che possa favorire il passaggio dalla pratica alla teoria e viceversa, stimoli la riflessione su ciò che effettivamente si fa, e non su puri spunti teorici, ecc.

6Questa scaffalatura permette di inserire quando e come si vuole altre proposte, derivanti da richieste di scuole, di gruppi di docenti, di reti di scuole; non solo, si possono senza danno lasciare sulle mensole alcune iniziative già programmate, ma che per ora non riscuotono interesse. Esse rimangono a disposizione, ben riconoscibili come contenuti ed approcci metodologici grazie al fatto di essere inseriti su un certo piano dello scaffale.

7Su una proposta di cinque tematiche, già nel primo anno ne sono stati richieste due: i libri e le parole e il corpo e la psicomotricità, per complessivi cinque corsi sul territorio. Si sono avuti, ci pare, risultati davvero lusinghieri: ci siamo raccontati delle storie in buona parte partecipate. Abbiamo allora pensato di ricostruire, in uno scenario formativo non reale, ma neppure irreale, alcune situazioni scolastiche immaginarie, come però se ne possono incontrare un po’ dovunque, tra le istituzioni che sono associate alla Fism…

8Ma, come dice Kipling nel “Libro della Giungla”, questa è un’altra storia. Quella che vi raccontiamo qui di seguito, appunto.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search