Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Parte introduttiva

0.1 Raccontiamo la formazione: le scelte che hanno condotto alla proposta presentata in questo libro

Cristiano Zappa

Texte intégral

  • 1 A. Bernardelli, 1999, La narrazione, Roma-Bari, Editori Laterza, p. 7.

1“Per avere una narrazione è sufficiente che ci sia un narratore, una storia e qualcuno a cui raccontarla. In sintesi, si può dire che narrare sia un’attività necessaria all’uomo per comunicare agli altri uomini la conoscenza di eventi, cose e persone. Un narratore infatti, disponendo in un determinato ordine di informazioni a lui solo note, può rendere partecipi della propria personale esperienza anche altri individui. La narrazione è dunque genericamente uno degli strumenti utili alla compartecipazione dell’esperienza dei singoli con una più ampia comunità. Mediante la narrazione si viene così a costituire una parte rilevante di quel patrimonio di memorie e di esperienze che definiscono un’intera tradizione culturale”1

 

  • 2 E. Orsenna, La grammatica è una canzone dolce, 2002, Salani Editore, Milano, p. 14, afferma che “Le (...)
  • 3 Per approfondire la conoscenza del piano formativo si veda il capitolo 0.2 “Lo scaffale delle merav (...)

2“Si parla di narrazione e di pedagogia della narrazione, ma non si usano in merito delle modalità narrative”. È con questa felice espressione che l’amico, prof. Enrico M. Salati, condivide con me l’idea di dare vita ad un impianto narrativo per la formazione degli insegnanti. L’entusiasmo di rievocare le imprese di formazione si mischia con la sfida di creare itinerari narrativi. Le sue parole si vestono di magia e – come afferma E. Orsenna2 – mi fanno comparire davanti agli occhi il piano formativo denominato “Lo scaffale delle meraviglie”3.

 

  • 4 C. Melacarne, Dalle teorie sul curricolo alle pratiche progettuali. La progettazione situata, in (...)
  • 5 E.M. Salati, I Registi Pedagoghi, in E.M. Salati, C. Zappa (a cura di), 2011, La pedagogia della ma (...)

3L’accordo tra di noi è immediato. Del resto veniamo da un’esperienza di scrittura in tandem che mette in risalto gli intrecci e i rimandi fra scuola e teatro e considera il contesto scolastico come set di narrazioni4. Si fa strada l’idea di comporre un testo secondo la scrittura del diario di K. Stanislavskij che narra, attraverso un immaginario attore, ciò che avviene nella scuola del regista Arkadij N. Torcov, e presenta vere e proprie tecniche di formazione usando il linguaggio della narrazione5. Allora i nostri pensieri si concentrano sulla possibilità di collezionare una serie di racconti – con la preziosa collaborazione di amici e colleghi – che si riferiscono alle storie di formazione realmente vissute dalle insegnanti e dai conduttori nelle scuole Amism, ma presentate in un contesto immaginario, per cui qualsiasi attinenza è involontaria e casuale.

  • 6 W. Benjamin, Il narratore. Considerazioni sull’opera di Nicolai Leskov, 2006, Einaudi, Torino, p. 2 (...)

4“Ogni contributo del volume potrebbe trattare un argomento, simulando una «lezione» all’interno di un corso sulla narrazione realizzato in una scuola dell’infanzia ipotetica che ha per protagonisti un gruppo di insegnanti altrettanto immaginari, ma che richiamano possibili profili professionali”. Con questa formulazione definiamo l’impostazione del volume. In questo modo, ciascun “narratore prende ciò che narra dall’esperienza – dalla propria o da quella che gli è stata riferita – e la trasforma, attraverso la propria mediazione, in esperienza di quelli che ascoltano la sua storia. Si fa riferimento, quindi, all’accoglienza di un messaggio, al metterlo in racconto e riconsegnarlo all’ascoltatore”6.

  • 7 A. Sacco, R. Morgese, Gli strumenti della narrazione, della documentazione e della riflessione, in (...)

5Ci mettiamo dalla parte dei collaboratori e condividiamo l’opportunità di permettere loro di scegliere le modalità più consone per narrare, lasciando trasparire le originalità compositive: diario didattico, diario personale, racconto… Ciascun autore arriva a sviluppare la ricostruzione dell’esperienza formativa attraverso tracciati narrativi nei quali “ricompaiono e rivivono [seppur rivisitati e adattati] gli avvenimenti, gli scenari, le situazioni, gli agenti e i protagonisti, le azioni, gli scopi, gli strumenti”7.

 

6“Il volume è indirizzato a chiunque sia interessato all’argomento, ma in particolare a persone che sono impegnate nella formazione iniziale o in servizio di docenti della scuola dell’infanzia”. E così specifichiamo il target dell’opera.

7“Il repertorio di narrazioni può essere utilizzato come modello di autoformazione all’interno della singola scuola o per una rete di scuole”. Con questa affermazione ci rivolgiamo a dirigenti, coordinatori e insegnanti che intendono avviare e gestire la formazione continua per proprio conto. Non solo. Gli esperti intervenuti con le narrazioni costituiscono validi apporti esterni a cui fare riferimento per approfondire argomenti, metodologie e pratiche professionali.

Notes

1 A. Bernardelli, 1999, La narrazione, Roma-Bari, Editori Laterza, p. 7.

2 E. Orsenna, La grammatica è una canzone dolce, 2002, Salani Editore, Milano, p. 14, afferma che “Le parole sono veri e propri maghi. Hanno il potere di farci comparire davanti delle cose che non vediamo”.

3 Per approfondire la conoscenza del piano formativo si veda il capitolo 0.2 “Lo scaffale delle meraviglie. Un’esperienza di organizzazione della formazione degli insegnanti nella scuola dell’infanzia” di E.M. Salati.

4 C. Melacarne, Dalle teorie sul curricolo alle pratiche progettuali. La progettazione situata, in L. Fabbri, M. Striano, C. Melacarne, 2008, L’insegnante riflessivo. Coltivazione e trasformazione delle pratiche professionali, FrancoAngeli, Milano, p. 126 parla di “polifonia di voci” che nascono dalla stretta relazione che viene a crearsi tra le narrazioni personali (degli insegnanti), le narrazioni organizzative (la storia della scuola), le narrazioni territoriali (la storia sociale).

5 E.M. Salati, I Registi Pedagoghi, in E.M. Salati, C. Zappa (a cura di), 2011, La pedagogia della maschera: Educazione alla Teatralità nella scuola, XY.IT Editore, Arona (NO), p. 61.

6 W. Benjamin, Il narratore. Considerazioni sull’opera di Nicolai Leskov, 2006, Einaudi, Torino, p. 239.

7 A. Sacco, R. Morgese, Gli strumenti della narrazione, della documentazione e della riflessione, in E. Nigris (a cura di), 2004, La formazione degli insegnanti. Percorsi, strumenti, valutazione, Carocci Editore, Roma, p. 185.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search