Version classiqueVersion mobile

Storie di scuola

 | 
Enrico Mauro Salati
, 
Cristiano Zappa

Prefazione e introduzione

Narrare non è solo consapevolezza

Ermanno Paccagnini

Texte intégral

1Narrare non è solo consapevolezza, ma una consapevolezza disposta a mettere in relazione il narrante con gli altri, avvenga questo nella comunicazione-affabulazione orale o nella scritta. E questo in forza di un dato che è proprio di tale ambito: la Parola.

2Ove Parola non significa soltanto elemento comunicativo di un concetto o di un sapere, e neppure solo occasione o possibilità di relazione; perché ove la Parola sia veramente tale, ossia “Pienezza”, è portatrice di un immaginario che vede colui che la riceve costruire a sua volta dentro di sé un proprio mondo, anche altro rispetto a quanto si intendeva comunicargli.

3Di qui il ribaltamento della più comune espressione “Educare è narrare” in “Narrare è educare”. Direi addirittura di più: “Narrare è formare”, e proprio in quanto tale diviene “educare”. Perché narrare è innanzitutto formazione di sé, in quanto momento che consente la estrinsecazione e chiarificazione di quei grumi e grovigli che ci portiamo dentro, e che possono trovare scioglimento, e in quanto tale chiarificazione, proprio attraverso questo atto espressivo che, grazie alla Parola cercante, assume la funzione di “specchio”.

4Un ribaltamento – quello dell’espressione “Educare è narrare” in “Narrare è educare” – che si carica pertanto di una valenza euristica di forte e alta responsabilità, in quanto comporta la piena coscienza di quanto si va facendo: perché in caso contrario – ed è purtroppo quanto assai di sovente accade, specie nel mondo degli adulti – il narrare può deformarsi in azione diseducativa, là ove si traduca in atto anche semplicemente autoreferenziale, o addirittura narcisistico, se non addirittura di subdola violenza verbale.

5Di qui dunque l’acquisizione dello strumento del narrare quale formula strategica di trasmissione del sapere: che significa capacità di coinvolgere chi ascolta – sia esso un pari, come uno studente -, in quanto non solo trasmissione di dati, ma comunicazione e partecipazione di una esperienza: l’esperienza stessa del “narrante”, a sua volta in fase di acquisizione di quei saperi che a questo punto gli vengono dal suo “specchiarsi” nell’altro.

6Perché narrare è donare. È far dono di noi stessi, della nostra storia personale che è venuta arricchendosi con le esperienze attraversate e vissute consapevolmente: che è, come dire: della nostra mente e del nostro cuore. È un atto di generosità, tanto più grande quanto più coinvolge il proprio mettersi a nudo (che è poi quanto fa sì che – nel campo delle narrazioni scritte – fa di un testo un prodotto di valore capace, ove sostenuto da coscienza e capacità stilistica, di divenire un “classico”).

7E credo proprio che si ponga in questa direzione il taglio di Storie di scuola, con la presentazione di vari itinerari didattici sotto forma di narrazione, sia pur con le diversità di accenti propri di ciascun narrante. Dove la classica trasmissione delle varie e singole metodologie didattiche impiegate dalle voci, anche assai differenti di ciascun autore (ma ricche di molti punti in comune, credo insospettabili anche da parte loro), acquisisce pregnanza proprio perché la forma della narrazione non solo aiuta a rifuggire da certe inevitabili freddezze espositive, ma mette in campo – espressamente, ma anche con quei margini di percezione dell’inespresso da parte ieri dell’ascoltante, oggi del lettore di tali esperienze - quel “nascosto” metodologico che sostanzia la capacità di esercitare una didattica efficace e efficiente, qui invece offerto “in diretta” dagli stessi autori.

8Che, con la loro testimonianza, restituiscono all’insegnamento tutte quelle abilità delle quali esso si sostanzia: pianificazione, flessibilità, creatività, passione, senso estetico, motivazione, capacità relazionale e ancora tanto altro che dalle pagine emerge, senza le quali si ridurrebbe a una sterile trasmissione di informazioni.

© Editore XY.IT, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search