Version classiqueVersion mobile

La musica nella formazione della persona

 | 
Gaetano Oliva

Esperienze laboratoriali

Progetto al liceo Scientifico "Respighi"

Patrizia Datilini

Texte intégral

1Il terzo aspetto preso in esame è quello che indaga la scuola superiore. Si tratta di un’esperienza del liceo scientifico “Respighi”, in collaborazione con il Conservatorio che, oltre che mostrarci il suo valore formativo, cerca di fare luce anche su aspetti più organizzativi ed istituzionali, ad iniziare dalla così detta “doppia frequenza” per quei giovani che, in età scolastica, praticano contemporaneamente gli studi musicali, per finire su un’ipotesi di realizzazione nel nostro sistema scolastico superiore del liceo musicale e coreutico. Si sa che per andare a sistema questi nuovi indirizzi, in base a quanto previsto dalla riforma Moratti fin dal 2003, hanno bisogno di un istituto superiore e di un Conservatorio o Accademia di danza. Si tratta di una novità assoluta, in quanto in Italia esistono solo alcune sperimentazioni di questo tipo e a Piacenza non sono in corso attività con autorizzazioni ministeriali.

2Sul nostro territorio ci sono esperienze che cercano di interessare il curricolo nel suo complesso e che, in qualche modo, potrebbero far intravedere anche nuove soluzioni istituzionali.

3Un altro motivo di interesse riguarda, come si è detto, l’impostazione del curricolo nel suo complesso. Qui, infatti, non si tratta della didattica dello strumento musicale o del coro all’interno di un indirizzo umanistico o, come era in passato, magistrale, ma più in profondità, si valuta la compatibilità tra le discipline cognitive e quelle espressive nell’ambito del medesimo indirizzo. Le sperimentazioni realizzate evidenziano le difficoltà, sia sul versante dell’offerta, sia soprattutto su quello dell’apprendimento, di costruire un curricolo giustapposto senza un’adeguata riorganizzazione epistemologica e didattica. Un’operazione del genere non può essere fondata soltanto su aspetti organizzativi: indirizzi, orari e discipline; ma si deve pensare ad un’elaborazione interna coerente ed efficace.

4L’esperienza dell’Istituto in ambito musicale non ha alcuna pretesa di considerarsi paradigmatica nell’ambito di una riflessione su musica e curricolo, dal momento che l’attività parte dall’esigenza di offrire risposte concrete ai bisogni di un gruppo di studenti e non dal desiderio di conformarsi a modelli generali prestabiliti. Quindi, solo in un secondo momento, sulla base dei risultati dell’esperienza, si potrà giungere a spunti di riflessione di più ampio respiro.

5Nel 2004 ci si è messi all’opera con il comune intento di rendere meno disagevole il cammino degli studenti di oggi con doppia iscrizione: al Liceo e al conservatorio, creando finalmente ponti, connessioni, reciproci riconoscimenti ufficiali e valorizzazioni, punti di incontro favorevoli fra le due rette un tempo inesorabilmente parallele, per conciliare al meglio, attraverso forme di collaborazione, gli interessi verso gli studi scientifici e verso l’espressione musicale, si è giunti quindi ad una Convenzione.

6Dall’anno scolastico 2001/2002 era già attiva presso il Liceo una Convenzione con il Conservatorio, ma essa si attuava all’interno di un unico corso ad opzione musicale, il corso B, ad indirizzo tradizionale, quello che prevedeva un monte ore settimanale più basso: si pensava, infatti, che questo avrebbe messo a disposizione degli studenti più tempo per organizzare il loro duplice impegno. Ci si è resi conto, però, che nel tempo si era verificata una parabola discendente, ossia una flessione nelle adesioni alla Convenzione, anziché un aumento, benché i liceali iscritti al Conservatorio fossero in buon numero. Ciò poteva essere avvenuto per varie ragioni, ma a nostro parere anche perché i ragazzi iscritti al Conservatorio preferivano comunque scegliere l’indirizzo liceale più coerente, più omogeneo con le proprie attitudini, anziché restringere le possibilità di opzione al solo corso tradizionale. È così che dal 2004 è partita una nuova Convenzione, che di anno in anno si è modificata, a seguito di costanti operazioni di verifica e di feedback volte a migliorare sempre più la formula a beneficio degli studenti.

7La Convenzione dura per cinque anni e i destinatari sono gli studenti regolarmente iscritti sia al Conservatorio che al Liceo, all’interno di qualunque indirizzo (Tradizionale, Tradizionale Bilingue, Informatico, Biochimico, Bilingue con certificazione internazionale) per valorizzare attitudini individuali e interessi specifici. Al centro dell’interesse sono, infatti, le differenti personalità, con la loro specifica fisionomia.

8Ulteriore finalità della Convenzione è quella di valorizzare e arricchire il percorso formativo degli studenti attraverso un’area di integrazione musicale: gli allievi, distribuiti nelle diverse classi dell’Istituto, si riuniscono e si identificano come gruppo prendendo parte ad alcune attività che vengono ad arricchire e ad armonizzare i loro piani di studio presso i due Istituti: Corso di Storia della Musica, Laboratorio di Musica d’Assieme e Corso di Informatica musicale.

9Perché la Storia della Musica? Non perché non si affronti al Conservatorio, si tratta anzi di un serissimo percorso di due anni per quattro ore settimanali pomeridiane; ma, proprio perché intensivo, tale corso finisce per essere un po’ gravoso per gli studenti che hanno anche lo studio liceale da portare avanti contemporaneamente.

10Allora, in un’ottica di alleggerimento volta a favorire gli studenti mantenendo intatta la ricchezza dei contenuti, si è pensato di diluire il percorso, gestito da un docente del Conservatorio, in quattro anni per un’ora settimanale, posta in coda alla mattinata al fine di evitare dispersioni di tempo; l’esame finale consente di ottenere un titolo equipollente a quello di Conservatorio e, in quanto tale, spendibile anche all’Università.

11Il Laboratorio di Musica d’Assieme è nato sotto la guida del M° Ugoni, che peraltro collabora ancora con il M° Guerra, cui esso è affidato dal 2005. Il Laboratorio accoglie gli studenti con doppia iscrizione, in convenzione e non, ma è aperto anche a tutti i liceali che sanno suonare uno strumento e che quindi desiderano fare musica insieme. La nostra esperienza strumentale, infatti, non è chiusa, ma si presta ad accogliere chiunque possieda le competenze minime che consentano un inserimento. Si è costituita così una formazione orchestrale d’istituto, che ha scelto di chiamarsi molto semplicemente “I ragazzi del Liceo Respighi”. L’orchestra è diventata in pochi anni un fiore all’occhiello per il Liceo, perché non si limita a realizzare concerti a Natale e fine anno rivolti agli altri studenti, al mondo della scuola e ai genitori, ma rappresenta ed ha rappresentato l’Istituto in più di un’occasione di rilievo, come la Festa di primavera, i Venerdì piacentini e altre varie manifestazioni. È quindi una realtà viva e operante all’interno del nostro territorio e talvolta anche al di fuori. La logica sottesa all’attività è quella dell’integrazione del percorso di studio e dell’acquisizione di un valore aggiunto.

12Il corso di Informatica musicale, già sperimentato lo scorso anno, propone moduli intorno a competenze specifiche e graduate di 10/15 ore pomeridiane nell’arco dell’anno scolastico (integrazione del percorso di studio). È aperto a tutti gli studenti interessati ed è gratuito per i giovani in Convenzione.

13Questa l’offerta del nostro Istituto. Ma quali sono gli altri punti caratterizzanti la Convenzione?

14A nostro parere, importante è l’esistenza di un tutor, nominato dal Conservatorio, che ha il compito di mantenere i contatti fra il Conservatorio e Liceo e partecipa, se necessario, ai Consigli di classe del Liceo coinvolti nella convenzione e obbligatoriamente agli scrutini quadrimestrali; a lui la funzione di favorire, all’interno del Consiglio di classe della scuola secondaria superiore, l’attenzione alle attività musicali svolte dagli studenti e la valorizzazione del loro impegno (al Liceo sono poi presenti, con funzione di coordinamento e collaborazione con il Conservatorio, Referenti dell’area musicale).

15Altro punto importante: il riconoscimento di credito non solo formativo, ma anche scolastico alle discipline musicali. Si tratta di valorizzare, anche nel calcolo della media scolastica del Liceo, la serietà dell’impegno degli studenti in Convenzione, attraverso un voto che compare in pagella alla voce “Musica” e che costituisce la media matematica dei risultati raggiunti in tutte le discipline musicali affrontate. Ciò fa sì che la musica entri nel curricolo liceale, in quanto, a formare il profilo dell’allievo, concorre anche la sfaccettatura delle competenze raggiunte in ambito musicale, attraverso i corsi seguiti sia al Conservatorio che al Liceo. Inoltre ogni Consiglio di Classe, considerando il percorso musicale degli studenti in Convenzione un importante valore aggiunto dal punto di vista formativo, si impegna a favorire la pianificazione degli impegni degli studenti attraverso forme di collaborazione concordate con la mediazione del tutor del Conservatorio (ad esempio, qualche giustificazione concessa dai docenti nei momenti di maggior impegno musicale per gli alunni). Una presa di coscienza istituzionale, non lasciata, come si diceva all’inizio, alla libera iniziativa del singolo insegnante, del valore formativo dell’attività musicale.

16Ora, brevemente, quali sono le novità in cantiere?

17Fino a questo momento l’area di integrazione musicale era considerata obbligatoria. Ci si è però resi conto che l’obbligatorietà dei corsi rendeva difficoltosa per alcuni studenti l’adesione alla Convenzione, per ragioni principalmente logistiche o organizzative (allievi che abitano fuori città e faticano ad organizzare il loro tempo in rapporto alle lezioni, sovrapposizioni di impegni di Conservatorio e Liceo...). Per questo l’intenzione è di rendere opzionale l’area integrativa: così tutti gli allievi con doppia iscrizione entreranno direttamente in Convenzione; usufruiranno dei corsi solo coloro che vi aderiranno liberamente, ma anche gli altri vedranno riconosciuto il credito scolastico; naturalmente si terrà conto, per la valutazione delle materie musicali, solo dei corsi musicali effettivamente seguiti da ciascun allievo.

18La formazione orchestrale, pur essendo composta per lo più (ma non solo) da studenti del Conservatorio, è senza alcun dubbio formazione del Liceo “Respighi”, lo rappresenta ed è orchestra di scuola media superiore a tutti gli effetti. Il gruppo, costituito da una trentina di studenti, è eterogeneo per età, strumento praticato e livello di studi musicali. La formazione, che si rinnova e modifica per forza di cose di anno in anno, comprende strumenti ad arco, flauto, oboe, clarinetto, tromba, pianoforte, percussioni. I ragazzi per lo più frequentano dall’anno di prova al VI corso; essi, pertanto, in quanto principianti, trovano qui l’occasione di incontrarsi, riconoscersi, identificarsi, avere il piacere e la gioia di fare musica insieme, accanto all’opportunità di potenziare e riqualificare le loro competenze anche a livello tecnico e interpretativo: si parla, insomma, di formazione integrale della persona.

19Fin dall’esordio, ed in maniera sempre più forte nel tempo, è stata tangibile la ricaduta positiva dell’attività sul clima e sulla vita dell’Istituto. Si sono accresciuti interesse, sensibilità e considerazione verso la pratica e la cultura musicale, consapevolezza del serio impegno che sta dietro ad ogni realizzazione musicale. I ragazzi del gruppo hanno sentito crescere intorno a loro un clima positivo di apprezzamento e di attesa, che diventa fonte di gratificazione e motivazione ulteriore ad andare avanti nel difficile percorso intrapreso. I loro compagni d’altra parte hanno avuto modo di accostare più da vicino, in maniera più immediata, strumenti e vita musicale, stanno imparando a comprendere e sostenere in modo più spontaneo e consapevole l’impegno di chi si applica su due differenti fronti scolastici e qualcuno, per “contagio”, sta risvegliando la propria propensione a intraprendere un personale cammino musicale, che potrebbe in futuro concretizzarsi in nuove formule di attività musicale anche all’interno della scuola.

20A fronte di questa esperienza, che è stata così significativa si può portare in questa sede uno spunto di riflessione: si parla tanto di diffusione della conoscenza e dell’amore per la musica classica presso i giovani e tutti conoscono le difficoltà che si incontrano nell’avvicinare i ragazzi a questo mondo straordinario, ma apparentemente, e in parte pregiudizialmente, ostico per orecchie abituate ad apprezzare altri generi e repertori più moderni e vicini alle nuove generazioni.

21Ma cosa accadrebbe se tutti gli Istituti di scuola media superiore possedessero un’esperienza non uguale, ma analoga a questa? Se, in collaborazione e con la garanzia dei Conservatori, le scuole promuovessero formazioni musicali di giovani che potessero rivolgersi ai coetanei e conquistarli con la freschezza, l’entusiasmo e anche la competenza acquisita in un iter di formazione serio e rigoroso? Cosa accadrebbe se si tentassero intrecci fra i diversi generi musicali (penso al programma dedicato alla musica da film o a certi preziosi arrangiamenti di canzoni dei Beatles elaborati dal Maestro Parmigiani) per gettare ponti fra le buone musiche presenti in ogni tempo e genere e quindi fra i loro cultori? Cosa accadrebbe poi se le diverse formazioni musicali scolastiche di una città trovassero momenti di collaborazione e di fusione in complessi interscolastici giovanili, come al “Respighi” si è tentato di fare negli ultimi due anni con le scuole medie “Nicolini” e “Calvino” nel Progetto Intrecci musicali? E se la rete di scuole divenisse sempre più ampia, fino a formare un solido tessuto, regionale e nazionale, di giovani capaci di fare, ascoltare e promuovere la musica e di diventare, una volta adulti, efficaci educatori presso le nuove giovani generazioni? Attenzione, senza nulla togliere alle esperienze di diverso segno, ai Laboratori musicali espressamente studiati per chi non coltiva la musica con impostazione professionale, ma riesce comunque a far musica in modo ricco dal punto di vista formativo ed espressivo. Anche al “Respighi” si sta pensando agli altri giovani che vogliono comunque partecipare attivamente in questo campo. Ad esempio, sono attivi un corso di Pianoforte ed uno di Chitarra, tenuti da insegnanti segnalati dal Conservatorio e rivolti a chiunque voglia imparare a suonare. Si sta pensando al repertorio vocale, che può coinvolgere più facilmente i giovani dotati di potenzialità canore e non necessariamente studenti di Conservatorio e altro ancora. Questo grande progetto cioè, non tende all’esclusione delle altre esperienze, ma alla collaborazione e alla valorizzazione di ogni risorsa che possa diffondere la conoscenza e l’amore per la musica e tutti i valori che essa porta con sé, con cui è possibile arricchire i nostri giovani in crescita e, quindi, il nostro futuro.

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search