Version classiqueVersion mobile

La musica nella formazione della persona

 | 
Gaetano Oliva

Esperienze laboratoriali

Progetto nazionale musica

Benedetta Toni

Texte intégral

1L’esperienza presa in esame consiste nel progetto regionale inserito nel più ampio quadro di azione del “comitato per l’apprendimento pratico della musica” presieduto da Luigi Berlinguer.

2Tale progetto ha come obiettivo la diffusione della pratica della musica nella scuola, perché chi per anni ha lavorato alla pratica musicale, ritiene che ciò rimanga ancora una novità, in quanto nelle scuole non si ha ancora una sua formalizzazione, o meglio esiste a livello normativo, ma non per quanto riguarda le competenze degli insegnanti, che rimangono generalisti.

3In Emilia Romagna grazie al Progetto Regionale si è potuto constatare che molti docenti, pur con diversi diplomi, hanno motivazione ed interesse per la didattica musicale nella suola primaria e dell’infanzia.

4Il 25 ottobre 2008 a Bologna, al Pala Dozza, 600 bambini delle nostre scuole hanno cantato, diretti dal maestro Abbado, il Te Deum, come momento conclusivo di un percorso, iniziato, di coralità nella scuola primaria, rivolta a tutti i generi musicali.

5Le scuole piacentine che hanno partecipato al progetto sono: l’Istituto Comprensivo di Bobbio e la Direzione Didattica del Quinto Circolo di Piacenza, assieme a molti altri tipi di scuola, statale, paritaria e civica. In particolare poi il logo del progetto è stato disegnato da un’altra scuola di Piacenza: il Liceo Artistico Cassinari. In virtù del progetto regionale dunque si sono scoperte molte ricchezze della scuola piacentina e di altre province, anche di quelle che erano rimaste un po’ in sordina; i maggiori premi sono andati proprio a loro, ciò significa che queste realtà sono veramente ferree, forse manca una regia di insieme, che si è provato in qualche modo a dare.

6Claudio Abbado, riguardo all’importanza della musica nella formazione della persona, in particolare rispetto all’incontro dei bambini con la musica e ancor più col canto, afferma che nella vita di ogni persona, e particolarmente da bambini, è importantissimo imparare ad ascoltare e ad ascoltarsi, sono attitudini fondamentali nella vita di ognuno; il fare musica, in particolare il fare musica insieme, è uno strumento particolarmente efficace in questo senso, che ai bambini può essere proposto come un vero e proprio gioco. Questo approccio ormai acquisito in molti Paesi potrebbe radicarsi molto di più anche in Italia, ma è necessario che la musica entri sempre di più nella vita degli studenti di ogni età; il coro è sicuramente la forma più immediata e coinvolgente e quindi l’ideale per un primo approccio, perché si basa su un’attitudine naturale.

7Quanto è radicata la musica di insieme negli altri Paesi, quanto dovrebbe essere maggiormente valorizzata nel nostro Paese? Il coro è la forma più naturale e primordiale, sviluppa il saper ascoltare e il saper ascoltarsi.

8Quale esperienza hanno vissuto i bambini che hanno cantato il Te Deum? È stata un’emozione indimenticabile soprattutto per la modalità con cui è stato insegnato questo brano: essi hanno prima fatto un’esperienza corale all’interno della loro scuola, quindi esperienza di coralità tra diverse scuole, due o più cori uniti e, infine, il coro di 600 bambini. Un’impresa monumentale per la scuola di base, ma davvero entusiasmante.

9Il coro è stato al centro del progetto nazionale e regionale, si è cercato in qualche modo di valorizzare tutte le esperienze corali di maggior risalto, di maggior diffusione della nostra regione. Il coro è stato pensato prima di tutto come esperienza umana, di socializzazione, prima ancora che tecnico-musicale; si è cercato di valorizzare quelle realtà che potessero unire anche un discorso di costruzione interculturale e sociale. Dal punto di vista musicale poi si è cercato, attraverso i corsi di formazione, di fornire a quegli insegnanti o già diplomati o con un quinto anno di Conservatorio, o con un diploma di Belle Arti della musica o comunque motivati alla didattica della musica nella scuola primaria, di incentivare le competenze di direzione di coro, di vocalità, di concertazione, orchestrazione e quelle soprattutto didattiche, di come cioè saperle tradurre in linguaggio da utilizzare con i bambini. Certamente il direttore di coro professionale non è il direttore di coro della scuola primaria, quindi, in qualche modo, bisogna cercare di avvicinarsi ai docenti, cosa che peraltro non si fa nelle facoltà di Scienze della Formazione Primaria.

10Per un docente della scuola primaria che viene dall’ex istituto pedagogico, cioè dal magistrale, non bastano due corsi da trenta ore per insegnare musica alla scuola primaria; i Conservatori stanno cercando di fare molto di più, almeno nei bienni sperimentali, dal punto di vista della pratica musicale ma, purtroppo, non è solo una questione di competenza c’è anche la conoscenza dei repertori: l’educazione sonora e musicale, nel suo complesso, ha bisogno di tanto altro, per questo si ritiene necessaria un’integrazione tra il Conservatorio e i corsi di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Se si riuscisse ad attuare questo connubio forse si risulterebbe vincenti sulla formazione di base, ancora però non sono presenti le premesse perché chiaramente c’è un discorso politico che non consente per ora di coniugare questi due aspetti: l’impegno del comitato tuttavia è proprio quello di avere universitari e docenti del Conservatorio, per trovare soluzioni possibili per la formazione di base.

11Il progetto in esame ha garantito la formazione a 420 docenti circa e 1200 bambini nei cori: il lavoro di documentazione di tale percorso risulta essere quindi molto lungo.

12Non è sufficiente, infatti, la diffusione della pratica musicale, bisogna, attraverso la documentazione, migliorare costantemente la didattica.

13Il comitato vorrebbe avere i musicisti “a suo servizio”, vorrebbe che l’esperienza dei grandi musicisti fosse utile per la didattica musicale nella scuola, in modo da poter portare anche una testimonianza ed in qualche modo valorizzare la musica pratica nella scuola, in ambito educativo.

14I finanziamenti regionali vanno a sostegno delle attività di laboratorio nelle scuole e per le manifestazioni di insieme; l’intento è quello di cercare di produrre esperienze musicali fin dalla scuola primaria.

15Brevemente alcuni dati. Sono stati investiti in un anno 548.000€; queste le 4 azioni che sono state realizzate:

  • corsi di formazione per 400 docenti di scuola dell’infanzia e primaria di 70 ore, dei quali il secondo modulo di quest’anno riguarda in modo specifico la coralità, con una formazione sul campo;

  • laboratori e spazi attrezzati e cori scolastici;

  • laboratori musicali nelle scuole aperte;

16Risultano separati perché i laboratori e gli spazi attrezzati sono nel curriculum scolastico, mentre quelli di scuole aperte (41 progetti) sono stati finanziati dal ministero, nell’extra scuola.

17120.000€ impiegati nella formazione metodologica della vocalità, coralità, produzione strumentale, in particolare con lo strumento, anche se nella scuola primaria non si è riusciti ad introdurre lo strumento tradizionale, dell’ascolto, della notazione musicale e dell’interdisciplinarietà.

18Altre cifre: per i laboratori sono stati investiti 35.000€, per gli spazi attrezzati, che sono spazi di ricerca, spazi di scuole che si candidano a funzione di laboratorio, oppure nuove pratiche per la scuola dell’infanzia come il progetto Ritmìa, Memo, il centro educativo di Modena, le scuole dell’infanzia di quella città, o come Reggio Children, cioè spazi attrezzati non solo di didattica della musica, ma anche in qualche modo di riflessione sull’esperienza della pratica musicale.

19I cori: un coro per ogni scuola di Abbado per 7700€, i cori regionali 224000€, con aree privilegiate di composizione e di improvvisazione musicale nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. Le iniziative realizzate sono innumerevoli: importate il Convegno “Cantando si impara” che si è svolto a Bologna sulle indicazioni nazionali relative al curricolo, insieme al comitato Berlinguer: una tre giorni con 300 docenti sulla coralità nella scuola; tra le altre i “dialoghi sulla musica”, la creatività e la formazione fra Jerom Bruner e Luigi Berlinguer a Reggio Children.

20Le testimonianze vanno oltre l’interesse che può essere posto a qualsiasi riforma, esse dimostrano la capacità della scuola di raggiungere risultati ragguardevoli se solo viene messa in condizioni adatte per operare. Occorre sostenere e qualificare le risorse interne all’istituzione, anche se occorrerebbe maggiore autonomia e maggiori investimenti. Anche sul piano finanziario c’è stato un concorso di forze, e lo sarà sempre più in futuro, se si vuole promuovere la qualità in generale e rispondere alle esigenze della propria comunità, in quanto non si tratta solo di risorse economiche, ma di presa in carico del valore del lavoro che viene svolto. La scuola è quindi sempre di più un presidio per il proprio territorio e non solo una struttura che eroga percorsi formativi e, pertanto, ha bisogno di risorse finanziarie, ma soprattutto di autonomia per poterle finalizzare al miglioramento qualitativo e organizzativo.

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search