Version classiqueVersion mobile

La musica nella formazione della persona

 | 
Gaetano Oliva

Esperienze laboratoriali

Introduzione alla Ricerca-Azione

Giancarlo Sacchi

Texte intégral

1Si intende ora presentare alcune esperienze ed attività realizzate nelle e dalle scuole con lo scopo dello scambio, della condivisione, come occasione di riflessione e sviluppo.

2L’esperienza a volte è considerata o l’applicazione pratica della teoria oppure qualche cosa di meno della teoria ma, altre volte, essa diventa l’elemento che convince, che motiva, aiuta a capire meglio e che costituisce spesso il punto di partenza per la ricerca e l’innovazione.

3Verranno presentate qui tre attività che documentano quanto si possa lavorare dentro la scuola con la musica, pur tra tutte le difficoltà che si conoscono rispetto agli investimenti istituzionali in questo settore: spazi, risorse, professionalità, etc.

4Le testimonianze scelte cercano di indicare una mediazione tra teoria e pratica, sempre in atto nelle discussioni sulla didattica alla quale non si sfugge nemmeno in questo settore. L’efficacia del processo formativo deve essere sostenuta dalla “ricerca-azione”, tra quello che effettivamente si fa e il riflettere per migliorare, tra quello che si impara e come lo si sa usare. Non si può fare senza conoscere, ma le conoscenze da sole non sono l’anima della didattica, perché non producono apprendimento in maniera automatica, nonostante lo si sia creduto, almeno in alcuni percorsi formativi.

5Quindi quello che si fa non ha soltanto degli oggetti da trasferire, ma anche una metodologia, una motivazione, si realizza in un determinato ambiente, etc. Sia il sapere dichiarativo che quello procedurale sono importanti e vanno gestiti in maniera contestuale, in modo da coinvolgere i soggetti che apprendono realizzando così l’apprendimento stesso in modo più efficace.

6La scuola però a volte condiziona, è un luogo in cui i curricoli formali vengono presentati in modo rigido, dove non sempre è possibile affidarsi ad una didattica centrata sull’alunno che c’è, che magari ama la musica, ma non la può frequentare che in maniera marginale, perché il modello di alunno che gli adulti ed il sistema hanno in testa deve dedicarsi ad altro e quindi, anche lo spazio per l’educazione musicale tende a restringersi o a perseguire obiettivi specialistici.

7Questo è un altro dei problemi che coinvolge la nostra progettazione curricolare: l’integrazione della dimensione cognitiva con quella espressiva, specialmente nella scuola superiore. Non è facile. Nonostante le numerose intese tra gli istituti scolastici, licei e Conservatori, non è a portata di mano un percorso formativo che si faccia carico della compenetrazione tra i diversi linguaggi.

8Può anche aver ragione Gardner quando insiste sulla pluralità delle intelligenze, ma come si fa ad andare in quella direzione con modalità imposte da un’organizzazione didattica per discipline e programmi che, prima di tutto, incarnano una visione ancora elitaria e non pluralista degli stimoli formativi? La scuola reale è a volte combattuta tra una prospettiva di sviluppo a partire dal soggetto ed una che ne predilige il trasferimento degli oggetti. Sappiamo che ciò condiziona il suo lavoro e richiede una costante mediazione, per arrivare ad un equilibrio nello sviluppo armonico delle intelligenze.

9Si ha l’autonomia scolastica, che è un’apertura, un tentativo di raccogliere elementi da una parte e dall’altra per provare a ricombinarli in modo da legittimare l’aspetto istituzionale e, nello stesso tempo, liberare da alcuni vincoli le scuole e i docenti.

10Purtroppo però vi sono ancora troppi limiti di carattere amministrativo che incarnano una gestione centralistica del curricolo, atta a riprodurre la citata visione che, per quanto possa manifestare delle incoerenze, è pur sempre quella dominante. Ma non va dimenticato che l’autonomia non può comunque essere una semplice condizione, occorre saperla elaborare, soprattutto sul piano culturale, didattico e professionale; spesso, infatti, si nota scarsa capacità di gestire anche gli spazi autonomi che già ci sono.

11Quello che oggi viene presentato è un aspetto di questa dimensione e del suo rapporto con il territorio. Il progetto regionale ha valorizzato molto l’esperienza musicale nella scuola, in relazione ad un’analoga iniziativa nazionale patrocinata dal ministero dell’istruzione, sotto la guida dell’ex ministro Luigi Berlinguer.

12Un ultimo richiamo è alla documentazione, che ci si augura di riuscire ad incrementare in tema musicale, ma più in generale sul piano didattico nel territorio. La documentazione, infatti, come si è detto, è destinata ad andare oltre all’evento e può mettere in campo una propagazione spontanea nel tempo e nello spazio e motivare così a proseguire anche sul piano delle esperienze musicali.

13Di seguito verranno dunque presentate alcune questioni che possono essere di un qualche interesse anche oltre l’esperienza, per eventuali sviluppi sul piano didattico e istituzionale.

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search