Version classiqueVersion mobile

La musica nella formazione della persona

 | 
Gaetano Oliva

La riforma degli studi musicali in Italia: quale prospettiva per i nuovi musicisti

Bruno Carioti

Texte intégral

Le leggi

1La Legge 508/99 ha riformato il segmento finale degli studi musicali in Italia ed ha sancito la trasformazione di Conservatori in Istituti Superiori di Studi Musicali, conferendo loro la facoltà di rilasciare Diplomi Accademici di I e di II livello equivalenti rispettivamente alle Lauree e alla Lauree Magistrali, titoli questi ultimi rilasciati dalle Università.

2Nella stessa Legge viene ampliato l’ambito di azione dei Conservatori che vedono indicati, tra i loro fini istituzionali, oltre a quello tradizionale della formazione, anche quelli della ricerca e della produzione artistica.

3In questi anni, attraverso l’attivazione dei corsi sperimentali, i Conservatori hanno operato una profonda rivisitazione dei loro programmi e, in ossequio ai dettami della Legge, hanno avviato un’intensificazione della loro presenza nell’ambito della produzione artistica, correlata all’attività di formazione. A tal proposito vorrei ricordare alcuni dati tratti dal sito del MIUR riguardo alla produzione artistica nel settore AFAM: 130 orchestre, 303 formazioni corali o da camera, 5129 manifestazioni pubbliche realizzate nello scorso anno (14,25 manifestazioni al giorno).

4Per quanto concerne l’ambito della formazione, dal momento che i Conservatori sono stati inseriti nell’ambito del segmento terziario della formazione - quello finalizzato all’avvio alla professione - , oltre a rivisitare i programmi formativi dei corsi già in essere, hanno dovuto adeguare l’articolazione dei corsi alle regole proprie del segmento universitario, utilizzando quindi il meccanismo dei crediti formativi, in sintonia altresì con il modello europeo. L’offerta didattica quindi risulta molto più strettamente, che in passato, collegata alle necessità evidenziate dal mondo del lavoro e si esplica anche in ambiti che fino ad oggi non sono stati toccati dal Conservatorio.

5In conseguenza di ciò sono stati avviati numerosi corsi innovativi nell’ambito dei nuovi linguaggi musicali (jazz, pop, musica elettronica), della musica antica, della musica etnica.

6Oltre a questo ci si è rivolti anche all’ambito delle professioni che, pur essendo legate al mondo musicale, non avevano trovato ospitalità all’interno dei Conservatori. In aggiunta alle professioni figlie dell’evoluzione delle nuove tecnologie (tecnici del suono, etc.) ci si è rivolti, infatti, anche a settori totalmente nuovi quali quello del marketing in ambito musicale, del management in ambito musicale, della musicoterapia e altri.

7Accanto a queste possibilità di occupazione in settori innovativi, oltre all’insegnamento, restano ancora valide le tradizionali possibilità di impiego dei musicisti che si diplomano nei nostri Conservatori: strumentisti nelle orchestre e nei gruppi da camere, artisti del coro, solisti e così via. Le scarse possibilità di impiego nell’ambito della produzione artistica sono determinate da molteplici motivi: scarsa sensibilità del nostro Paese nei confronti della musica “colta” (palinsesti RAI dai quali è praticamente scomparsa la musica classica), mancanza di una educazione musicale diffusa. A questo si deve aggiungere un’incomprensibile politica dei governi che si sono succeduti negli anni i quali, forse ignari o peggio disinteressati dalle grandi tradizioni che l’Italia vanta nel settore artistico, hanno penalizzato e continuano a penalizzare il settore con continui tagli ai finanziamenti, tagli che rischiano di soffocare i Conservatori. La paventata soluzione di trasformare le Università - e quindi anche i Conservatori - in fondazioni non può certo costituire una soluzione al problema, anche in considerazione delle difficoltà economiche contingenti che non fanno intravedere nell’immediato la possibilità di reperire finanziamenti alternativi a quello ministeriale. Evidentemente l’aver collocato i Conservatori nel segmento finale degli studi musicali, ha sollevato il problema della formazione musicale precedente il segmento dell’alta formazione. In questo campo ben poca strada è stata fatta e la situazione è, tutt’oggi, assai confusa.

I curricoli scolastici

8Le recenti affermazioni contenute nei nuovi curricoli scolastici prevedono lo studio “pratico” della musica all’interno della scuola primaria (infanzia ed elementare) e nella scuola media. Questa previsione aprirebbe enormi prospettive di occupazione per i diplomati nei Conservatori anche in considerazione delle nuove possibilità formative che si aprono con i corsi triennali di didattica previsti nei nuovi ordinamenti. In questo ambito sta operando con grande efficacia il Comitato per l’inserimento della pratica musicale nella scuola presieduto dal Prof. Berlinguer. Da tempo si parla della creazione dei Licei ad indirizzo musicale, previsti nella Riforma Moratti e mai attuati. L’istituzione dei Licei dovrebbe completare quel complesso iter di riforma tratteggiato nella Legge 508 e che dovrebbe delegare ai Licei la parte di formazione del periodo medio che a oggi viene impartito esclusivamente all’interno dei Conservatori. Proprio a questo riguardo è necessario fare alcune riflessioni utili per capire le peculiarità dell’insegnamento della musica come attualmente viene svolto nei Conservatori e come invece potrebbe essere nei futuri Licei musicali.

9I Conservatori da sempre riescono a servire un territorio molto ampio dal momento che le lezioni di musica, soprattutto nei primi anni di corso, occupano soltanto uno o due giorni alla settimana. Gli allievi quindi frequentano le scuole alle quali sono iscritti nel luogo di residenza e raggiungono il Conservatorio solo nei giorni prescritti. Il Liceo invece, per sua organizzazione, ha necessità di una frequenza quotidiana, con classi ben strutturate e con orari comuni a tutti: alle 8,30 si entra in classe e alle 13,30 si esce. A questo si aggiunga che gli studenti che attualmente seguono gli studi musicali nei Conservatori frequentano contemporaneamente sia istituti professionali che licei, secondo la loro scelta vocazionale o semplicemente perché l’istituto prescelto è il più vicino a casa. È evidente che se si sostituisse integralmente il segmento iniziale dei Conservatori, per moltissimi ragazzi che attualmente studiano in Conservatori sarebbe impossibile frequentare le lezioni di musica perché la sede del Conservatorio è ad una distanza tale che non consente loro di frequentarne quotidianamente le lezioni. È necessario quindi prevedere un periodo più o meno lungo di coesistenza tra i Conservatori e il Liceo musicale. Questo è peraltro espressamente indicato nei documenti ministeriali nei quali l’attivazione dei licei viene condizionata all’esistenza di una convenzione con un Conservatorio. Non è ancora chiaro come si procederà per selezionare le proposte di attivazione che sono numerosissime. E proprio il modo di selezione delle proposte che, al di là dei tecnicismi, è un atto squisitamente politico, farà meglio capire cosa ci si aspetta da questi licei. Per far questo è necessario anche prendere in esame i curricula proposti per tali licei. Dai documenti che sono circolati in questi tempi, riportano le bozze dei piani orari dei futuri licei, e da questi, tramite un’attenta analisi, si evince che, su un totale di 32 ore settimanali, ben 12 sono dedicate alle materie squisitamente musicali divise tra le discipline di Esecuzione e interpretazione, Teoria e composizione, Storia della Musica, Laboratorio di musica d’insieme, Nuove tecnologie. È chiaro che le materie musicali sono fortemente caratterizzanti e improntate ad una preparazione pre-professionalizzante degli studenti. D’altro canto non potrebbe essere altrimenti visto che la Legge 508/99 (la Legge di riforma dei Conservatori) prevede espressamente che il segmento inferiore dei Conservatori dovrebbe essere sostituito proprio dai licei musicali.

Conclusione

10Vorrei dire che sarebbe finalmente ora che, anche in Italia, si riconoscesse alla Musica quel valore formativo della persona che in altre nazioni - e già da tempo - le è attribuito, tant’è che tale disciplina è presente all’interno dei curricoli formativi della maggior parte dei Paesi del mondo in misura ben maggiore di quanto lo sia in Italia. Siamo invece purtroppo agli ultimi posti nelle classifiche mondiali e purtroppo non solo in campo musicale. È tempo che anche la nostra classe politica si renda conto di quanto importante sia la formazione dei nostri giovani. Solo investendo nel campo della formazione e, in particolare, nel campo della formazione superiore, si potrà immaginare un futuro diverso per il nostro Paese, altrimenti destinato al declino, nonostante le nostre grandissime tradizioni in tale campo. Basti pensare che le Università più antiche sono nate proprio in Italia e che, per quanto riguarda la formazione musicale, abbiamo addirittura il primato mondiale. Mi piace ricordare che il primo Conservatorio è nato proprio in Italia, a testimonianza di quanto fosse viva l’attenzione nei confronti di tale disciplina.

11Si vuole, infine, concludere citando Socrate e le sue considerazioni sulla Musica:

  • 35 Platone, Opere complete, volume VI, Roma-Bari, Laterza, 2000, p. 113

La mousiké, nel suo senso ampio di complesso di arti cui presiedono le Muse, è uno strumento essenziale per l’educazione dei cittadini, perché, fin da bambini, li guida senza che se ne accorgano all’apprezzamento disinteressato (philia) e alla consonanza (symphonia) con la bella ragione (kalos logos). In questo modo, il bambino acquisirà una propensione ad apprezzare ciò che moralmente è bello e a disprezzare ciò che moralmente è brutto, prima di essere in grado di afferrarne il logos. Mentre i bambini vengono indirizzati alla virtù senza che se ne rendano conto, chi li educa deve avere presenti gli eide (immagini) della sophrosyne, del coraggio, della eleutheriotes (generosità), della magnanimità e delle altre virtù sorelle.35

12Sarebbe bello che i nostri politici tenessero bene in evidenza tali affermazioni e adeguassero le loro decisioni a tale illuminata visione dell’importanza della musica nella formazione dell’individuo.

Notes

35 Platone, Opere complete, volume VI, Roma-Bari, Laterza, 2000, p. 113

Auteur

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search