Version classiqueVersion mobile

La scrittura teatrale nel Novecento

 | 
Gaetano Oliva
, 
Serena Pilotto

Capitolo 3. L’interpretazione di un testo teatrale

Gaetano Oliva

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

I. Analisi dell’opera

L’interpretazione

L’interpretazione di un testo, di una narrazione, di un personaggio, da parte dell’attore consiste nella creazione di una sensazione o di un’immagine in precedenza elaborata dall’autore attraverso la scrittura, in un’azione scenica (fisica) tramite l’uso di diversi linguaggi performativi.

A tale proposito Pirandello afferma:

Ora che fa l’attore? Fa proprio il contrario di ciò che ha fatto il poeta. Rende, cioè, più reale e tuttavia men vero il personaggio creato dal poeta, gli toglie tanto, cioè, di quella verità ideale, superiore, quanto più gli dà di quella realtà materiale, comune; e lo fa men vero anche perché lo traduce nella materialità fittizia e convenzionale della scena.1

L’attore impara un testo entrando nel mondo voluto dall’autore, per poi riviverlo, ricrearlo, secondo i propri modi di espressione, sia come idea, sia come azione. A tale proposito:

Il compito fondamentale dellattore di teatro [...] è la creazione di un personaggio pieno ...

© Editore XY.IT, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search