Version classiqueVersion mobile

La musica nella formazione della persona

 | 
Gaetano Oliva

Musica e formazione della persona: confronto con l'Europa

Johannella Tafuri

Texte intégral

1I concetti chiave che sono alla base del presente saggio possono essere desunti facilmente dal titolo: musica, formazione, persona, e quindi, prima di considerare le scelte operate in alcuni Paesi europei, si ritiene utile chiarire questi tre concetti. In base al significato che si attribuisce ad essi, cambiano, infatti, le scelte di politica educativa. È opportuno quindi iniziare delineando alcune coordinate di riferimento, alla luce delle quali interpretare modelli diversi.

2Parlare di formazione della persona significa chiamare in causa due concetti complessi: formazione e persona, concetti che non possono esistere senza un sistema di valori che li animi e a cui fare riferimento. Vediamo perciò come vengono intesi negli studi più recenti. Naturalmente si attuerà un excursus molto breve per dare sostanza al tema centrale.

3Se si mette da parte il termine formazione inteso come formazione professionale, allora tale termine è vicino a quello di istruzione e indica quell’attività che mette l’accento su obiettivi e contenuti dell’insegnamento, e quindi dell’apprendimento, nel senso di concetti e abilità propri di ogni campo disciplinare, necessari per raggiungere degli obiettivi professionali.

4Allo stesso tempo, formazione è un termine usato per indicare quell’attività che favorisce l’acquisizione di modelli culturali, di stili di vita, di comportamenti sociali, etc, basati su sistemi di valore; si parla, infatti, di formazione della personalità, formazione artistica, critica, etc. In questo caso il termine è più vicino a quello di educazione ed indica un processo orientato allo sviluppo delle persone come esseri umani e sociali, un processo che determina il modo di essere.

5Passando al termine persona, è necessario interrogarsi sul contenuto di questo termine. Certamente si tratta di un contenuto ricco e complesso nel quale possiamo evidenziare quattro dimensioni interagenti e interconnesse:

  • quella biologica, che è uguale in tutti gli esseri umani;

  • quella psicologica, con la quale si intende riferirsi alla vita percettivo- cognitiva, che riguarda tutto il funzionamento della nostra mente e alla vita emotivo-affettiva;

  • quella culturale, e qui si intende la cultura nel senso più pieno e più ricco del termine, riferito a tutto ciò che è prodotto dagli uomini; le culture sono tante e ognuno ne ha una propria che è quella del gruppo sociale di appartenenza;

  • infine, la dimensione sociale perché l’uomo è un essere di relazione che non è fatto per stare da solo (che non esclude l’aver bisogno di momenti di solitudine).

6L’universo di riferimento, quando si parla della formazione della persona, è quindi quello di un processo orientato allo sviluppo globale di ciascuno, un processo che determina il modo di essere e di comportarsi.

7Per quanto riguarda il terzo concetto da prendere in esame, la musica, innanzitutto è importante usare il plurale: parlare quindi di musiche. Dire musica, o meglio, musiche significa parlare di comunicazione, di messaggi, di linguaggi. E significa anche parlare di “pratiche”, nel senso che la musica è fatta di pratiche sociali: andare a un concerto, andare a ballare, cantare, sono pratiche, sono “esperienza”.

8Aprendo una breve parentesi sul tema della scrittura, si può affermare che la scrittura sia uno strumento che aiuta a fissare e a trasmettere qualcosa, ma, come è noto, esistono anche le culture orali che hanno trasmesso (e in parte continuano a trasmettere) i loro prodotti per centinaia di anni. Certamente la scrittura, fin dalle più antiche, è uno strumento potente che permette di fissare dei contenuti, ma è bene ricordare che la scrittura musicale non è “la musica”. Pur essendo un preziosissimo strumento, la scrittura non coincide con “la musica” come realtà sonora, è solo una traccia per realizzare quella realtà. Per far musica non è strettamente necessario saperla leggere e scrivere. Ecco perché si ritiene fondamentale sottolineare che il punto di riferimento, il retroterra di ciascun individuo è la musica come fatto esperienziale: si suona, si canta, si balla, si improvvisa, si ascolta, dalle ninnananne ai primi abbozzi di canto, dalla musica operistica a quella sinfonica o cameristica, a quella delle bande, dai canti giovanili alle canzoni di protesta, alla disco-music, alle colonne sonore dei film, dei videoclip, etc. Tutte queste pratiche sono portatrici di messaggi musicali, nei quali sono implicite “visioni” o “costruzioni” del mondo e della realtà sociale.

9Questa forma di comunicazione è assolutamente indispensabile, ma lo è anche per il bambino piccolissimo?

10Quando inizia la sua formazione musicale?

11Fin dalla nascita! Anzi, da prima di nascere, visto che l’udito comincia a funzionare verso la 24a settimana della vita prenatale.

12Il bambino che nasce non entra in un ambiente vuoto, ma in un ambiente concreto che possiede una propria vita culturale e sociale, quindi comincia subito a ricevere determinati stimoli che provengono da fonti diverse (famiglia, scuola, coetanei, operatori culturali, mass media, gestori del tempo libero...) che sono quindi portatori di sistemi di valore a volte uguali o simili tra loro, a volte diversi o anche contrastanti.

13Nell’insieme di attività ed esperienze che costellano la giornata quotidiana di ciascuno un certo posto (Rilevante? Medio? Scarso?) è occupato dalla musica.

14Il neonato non ha altri mezzi per comunicare: non parla, non disegna, non cammina, non gesticola, (i movimenti delle mani e dei piedi sono nei primi mesi istintivi, non intenzionali), l’unica possibilità che ha per comunicare, l’unico strumento è la voce, il suono vocale. Quindi è veramente il primo mezzo di comunicazione. Anche nella Bibbia viene scritto: “Dio disse... e la luce fu”, è il suono, è la parola che crea. Il primo strumento che abbiamo a disposizione per comunicare non può assolutamente essere considerato secondario, essere trascurato. Inoltre, poiché l’udito funziona, il neonato possiede questa finestra sul mondo dalla quale riceve informazioni sull’ambiente e sulla vita che in esso si svolge.

15In sintesi, la musica è un potente mezzo di comunicazione che mette in grado di ricevere e inviare messaggi e quindi stabilisce le prime forme della vita culturale e sociale.

16Quanto più le persone ampliano, arricchiscono, sviluppano e rendono consapevole la propria esperienza musicale tanto più promuovono la propria formazione a livello creativo, critico e relazionale.

L’esperienza musicale in Europa

17Nella molteplicità delle pratiche musicali possiamo individuare un bipolarismo: da un lato produrre, inviare, lanciare e dall’altro capire, ricevere, accogliere. Tradotto in termini musicali possiamo dire: da un lato suonare/cantare e comporre, e dall’altro ascoltare, dove nel suonare/cantare includiamo la possibilità che si tratti di musica preesistente o improvvisata, e nell’ascoltare includiamo l’interpretare indicando con questa parola l’attribuzione di senso, cioè di messaggi e significati. Si analizzerà ora come la formazione musicale sia affrontata all’estero, su quali basi e con quali mezzi.

18Il discorso in merito è lungo e articolato e viene affrontato in diversi testi. In questa sede ci si può solo dedicare ad una rapida carrellata di quelli che rappresentano i punti centrali di una situazione generale riferita principalmente alle offerte che i Paesi presi in considerazione fanno ai propri cittadini, pensando alla loro formazione generale e prescindendo da eventuali scelte musicali professionali che avverranno in futuro.

19La formazione di una persona non può essere completa, ricca, ampia se manca la musica. Alcuni affermano di non averne bisogno, poiché ne hanno fatto a meno senza problemi, certamente non è possibile intervenire in merito, ma questa viene considerata una deprivazione. Ognuno può aver subito una qualche deprivazione (e a volte anche grave), però si tratta sempre di una deprivazione.

20Si prenderanno in considerazione solamente cinque Paesi, alcuni dei quali molto avanzati. È utile ricordare che si pensa ad un’Europa senza frontiere, in cui le differenze non vengono cancellate, ma servono per il confronto, la conoscenza e l’arricchimento reciproco.

Germania

21In Germania vi sono sedici Lànder e questo comporta una certa autonomia tra di essi per cui è presente una certa varietà tra le diverse configurazioni anche se vi sono delle linee generali governative.

22Da un punto di vista musicale, si ricava dai documenti ufficiali che la musica viene considerata indispensabile nell’educazione generale, ed è interessante analizzare come, nelle linee guida generali dei programmi nazionali, si sottolinei esplicitamente l’importanza della musica nella formazione di tutti i cittadini. L’educazione musicale è una materia obbligatoria nelle scuole pubbliche ed è considerata indispensabile nell’educazione generale. Studi musicali sono presenti sia nella scuola primaria (2 ore settimanali), sia nella scuola secondaria (3 o più ore settimanali) ed è possibile, in quest’ultima, scegliere l’orientamento musicale e studiare uno strumento. Alle lezioni di strumento si aggiungono corsi opzionali di coro, orchestra, jazz band e rock band.

23Gli interventi politici sono orientati in 4 direzioni:

  1. Educazione musicale generale in tutte le scuole;

  2. Formazione degli insegnanti;

  3. Facilitazioni per i più bravi;

  4. Attività musicali per amatori.

24Esiste un Centro di Informazione Musicale che fornisce informazioni a livello nazionale e internazionale e che organizza e sponsorizza molte attività soprattutto per i giovani musicisti quali concorsi, cori, orchestre, progetti per musica da camera, master classes vocali e strumentali, produzione di CD, etc.

25Esistono molte Scuole di musica private (più di 1.000) e molti corsi per adulti, orientati ad attività musicali amatoriali. Questo è un aspetto interessante perché manifesta interesse per gli amateurs, (che noi chiamiamo “dilettanti” ma con una sfumatura negativa) cioè per coloro che hanno fatto studi musicali, sono interessati alla musica ma non ne fanno una professione pur avendo a volte sviluppato una notevole sensibilità musicale.

Gran Bretagna

26In Gran Bretagna esiste una grande varietà di attività musicali alle quali le persone si accostano sia mediante l’ascolto di radio o CD, sia attraverso la partecipazione (molto alta) alle numerosissime sale da concerto. Questo è particolarmente significativo dall’infanzia all’adolescenza ma vale molto anche tra gli adulti.

27Ciò significa che una forte “inculturazione musicale” avviene principalmente nel tempo libero.

28In Gran Bretagna vi è anche una forte presenza di etnie diverse e quindi delle loro tradizioni musicali; i gruppi più numerosi provengono da India, Pakistan e Bangladesh, di conseguenza, l’ambiente musicale è molto ricco e vario di generi e sottogeneri e quindi bambini e ragazzi si abituano presto a esperienze musicali culturalmente diverse.

29Ciò che è significativo è che lo sviluppo musicale sia considerato un percorso “normale”: tutti i bambini possono sviluppare la propria musicalità e raggiungere un certo tipo di risultato.

30Prima di entrare nella scuola primaria, i bambini fanno esperienze musicali molto ricche e, quando arrivano in prima, possiedono già una serie di competenze musicali: conoscono e cantano correttamente numerose canzoni, hanno sviluppato il senso tonale e della struttura musicale e possiedono già un buon senso ritmico. Nel National Curriculum emanato dal Ministero per la scuola primaria e secondaria (5-14 anni) la musica occupa un posto molto importante e ruota intorno a 4 attività generali o ambiti considerati centrali:

  • eseguire (performing): saper cantare, suonare, studiare, provare con gli altri;

  • comporre (composing): saper improvvisare, esplorare, sviluppare, produrre;

  • valutare (appraising): analizzare, confrontare, comunicare, adattare;

  • ascoltare (listening): interpretare, commentare.

31Per ciascuno di questi ambiti vengono proposte una serie di attività specifiche molto dettagliate e articolate.

32È importante sottolineare che comporre e improvvisare, in tutte le programmazioni, sta tornando a far parte degli studi musicali e che sta acquistando importanza l’appraising, cioè il “valutare”, nel senso di saper capire e apprezzare i repertori musicali ascoltati (brani di compositori diversi), ma anche le proprie invenzioni. A volte gli insegnanti non promuovono fattività di composizione/improvvisazione nello studio di uno strumento così come anche nelle attività con la voce e con le piccole percussioni; perché non sanno usare dei criteri di valutazione: la coerenza interna, il rapporto con il progetto, il livello di originalità, etc. Non si tratta di dire “mi piace/non mi piace” ma di avere dei criteri di valutazione e ciò permette a un insegnante di saper guidare fattività di composizione-improvvisazione.

33Nelle scuole dell’obbligo inglesi è possibile svolgere attività strumentali e i bambini vengono sollecitati a studiare all’inizio 2 o 3 strumenti prima di scegliere quello preferito.

34L’attività strumentale può continuare nella scuola secondaria e molte università hanno addirittura la loro orchestra.

Portogallo

35La situazione politica, la dittatura, il cambiamento, la storia di questo Paese aiuta certamente a capirne fattuale impostazione.

36Nelle ultime norme emerge che il progresso della riforma scolastica, è consistito nell’inserire l’educazione artistica; ovviamente nelle arti vi è anche la musica, però il concetto di educazione musicale è ancora poco affermato e, in sostanza, si fa poca educazione musicale.

37La scuola di base ha la durata di otto anni, raggruppati in: quattro + due + due (anziché cinque + tre come in Italia). L’educazione musicale generale, cioè finalizzata alla formazione della persona, ha acquistato da poco un certo rilievo. Secondo il Curriculum Nazionale è obbligatoria fino a 11 anni e opzionale da 12 a 15. È necessario però aggiungere che l’insegnante dei primi quattro anni è l’insegnante elementare “generalista” non specializzato in musica, con tutte le conseguenze che è possibile immaginare. Nel quinto e nel sesto anno è presente l’insegnante esperto (come nella nostra scuola media), nel settimo e nell’ottavo, come abbiamo detto, è opzionale. Per le classi I-IV, il programma nazionale è piuttosto vago e l’attività musicale dipende soprattutto dall’interesse e dalle capacità degli insegnanti, oltreché da eventuali attività extrascolastiche promosse dalle famiglie.

38Nelle classi V-VI, l’educazione musicale è svolta da insegnanti musicisti per 3 ore alla settimana e gli alunni, se opportunamente stimolati e sostenuti dagli insegnanti, formano gruppi strumentali con lo strumentario Orff oppure dei cori.

39Dalla VII alla IX classe, dove la musica è opzionale, quando viene insegnata, è disciplina di insegnanti musicisti.

40Nel complesso, quindi, nellambito portoghese, l’educazione musicale è piuttosto limitata malgrado il Ministro della Pubblica istruzione riconosca l’importanza dell’educazione alle arti per tutti i bambini e i giovani.

41È interessante comunque notare che c’è una certa “educazione musicale” extrascolastica che avviene per lo più attraverso la partecipazione alle bande, molto diffuse soprattutto nei piccoli centri e molto attive in particolare durante l’estate, mediante la partecipazione a festival e rassegne. I ragazzini che desiderano far musica si rivolgono quindi ai corsi di avviamento bandistico facendo così un’esperienza molto interessante e arricchente.

Scandinavia

42I tre Paesi della penisola scandinava hanno visto un risveglio e una crescita musicale in questi ultimi 30 anni quale non si era mai vista prima. Vengono considerati come un insieme perché, in questo campo, Svezia, Norvegia e Finlandia risultano abbastanza simili. L’educazione musicale è considerata importante a livello educativo generale, non è rivolta necessariamente a chi vuol fare il musicista professionista, ma è adatta e aperta a tutti perché permette di esprimersi, di comunicare, di crescere e raggiungere un livello più armonioso della propria persona.

43Oltre all’educazione musicale svolta a scuola, sono molto diffuse le attività musicali nel tempo libero e le persone coinvolte anche a livello amatoriale sono numerose. L’educazione musicale è obbligatoria nei primi 6 anni della scuola dell’obbligo (in Svezia 9), e i programmi ruotano intorno a quattro obiettivi generali: eseguire, ascoltare, conoscere e creare. Rispetto alla Gran Bretagna, troviamo qui il “conoscere” che risulta abbastanza vicino al discorso dell’approfondimento nell’attività di ascolto, quindi un ascoltare che fa conoscere e progredire e va nella direzione della capacità di valutare.

44Oltre all’educazione musicale svolta a scuola, in quasi tutte le comunità scandinave esistono centri musicali presso i quali è possibile imparare a suonare uno strumento e il saper suonare viene ritenuto una capacità importante per conoscere meglio la musica. Oltre al suonare, viene inoltre favorita la capacità di danzare. Ci sono moltissimi centri dappertutto dove poter suonare, far parte di un’orchestra, di un coro: molte scuole, che di mattina funzionano come scuole classiche, nel pomeriggio diventano dei centri per poter fare le prove e fare concerti e questa è una pratica comune molto diffusa. Coloro che insegnano educazione musicale a scuola sono, molto spesso, direttori di ensembles musicali, cori e orchestre, per cui le scuole diventano sede di prove e concerti di tutti i tipi e gli alunni partecipano come esecutori all’intensa vita musicale locale.

45In questo modo la formazione musicale di base viene ampliata e arricchita con una pratica musicale non tanto individuale quanto piuttosto collettiva: si suona insieme, si fa musica insieme e sono gli stessi insegnanti di musica della scuola ad avere il loro coro, la loro orchestra, il loro gruppo cameristico.

46In Svezia, in particolare, la recente riforma (1994) ha favorito le autonomie locali lasciando libertà ai singoli istituti circa il numero di ore da assegnare ad alcune materie, tra le quali è compresa la musica. Ciò ha contribuito a rafforzare la relazione tra la scuola e la società. Gli obiettivi musicali tradizionali si sono arricchiti mediante un notevole pluralismo musicale diffuso soprattutto nelle attività del tempo libero.

47Nelle linee generali nazionali, è riconosciuta l’importanza della musica nella scuola e nella società e si sottolinea che l’insegnamento della musica non deve solo favorire lo sviluppo musicale, ma deve soprattutto soddisfare gli interessi e i bisogni degli studenti nei confronti della musica. Si ritiene, inoltre, importante fornire loro gli strumenti necessari per orientarsi nel flusso massificante di informazioni.

48Nella penisola scandinava vengono riconosciute le autonomie locali nel senso che ogni scuola ha la possibilità di scegliere il proprio numero di ore per poter valorizzare le realtà locali e ciò rafforza maggiormente la relazione tra la scuola e la società. La circolazione di gruppi etnici diversi favorisce anche un certo pluralismo e vi è molta presenza di musica giovanile pop, rock, jazz che dialoga, interagisce, arricchisce, non si contrappone.

49L’educazione musicale deve quindi contribuire allo sviluppo personale e sociale degli alunni nonché condurli a una relazione piacevole con la musica.

Spagna

50La recente riforma del sistema scolastico ha avuto delle ripercussioni positive anche sull’educazione musicale e sugli studi musicali.

51La possibilità di avere, unico Paese in Europa, insegnanti elementari specializzati in musica presso le università, ha favorito una buona diffusione dell’educazione musicale fin dalla scuola primaria.

52Nel programma nazionale spagnolo si dà una certa importanza all’educazione artistica suddivisa nei tre ambiti: musica, arti figurative e drammatizzazione, ambiti che, nella pratica didattica, devono essere differenziati.

53L’educazione musicale include da un lato la percezione attiva e l’ascolto attento (individuare, riconoscere, analizzare...), dall’altro l’espressione e la elaborazione musicale (pratica vocale e strumentale). In sintesi, come dice il Regio Decreto «l’educazione musicale si propone di preparare gli allievi come interpreti, ascoltatori e fruitori di musica, produttori espressivi e creativi, e conoscitori dei primi rudimenti della tecnica e del linguaggio musicale. Questi quattro aspetti, a loro volta, sono campo di lavoro sia ai fini della comunicazione, sia ai fini del poter esprimere il proprio vissuto, sentimenti ed emozioni personali».

54Un’altra attività importante in Spagna, in questi ultimi anni, è la notevole valorizzazione delle scuole di musica per favorire la pratica amatoriale. La grande diffusione delle Scuole di musica private ha quindi sollecitato il governo centrale e i governi regionali ad avere un’attenzione particolare nei loro confronti così da tutelare e promuovere il lavoro da loro svolto.

Formazione degli insegnanti

55Come ultimo punto, si prende in considerazione la formazione degli insegnanti: un’esigenza europea molto sentita soprattutto dopo la Dichiarazione di Bologna, firmata da numerosi ministri dell’educazione europei. Finalmente in Europa aumentano sensibilmente i Paesi convinti che gli insegnanti debbano essere formati sul piano psico-pedagogico-didattico, e che non basti “sapere” o “saper fare” qualcosa per “saperla insegnare” ma è necessaria un’altra competenza: il “saper far fare”. Ci sono dunque Paesi convinti che l’insegnamento richieda anche l’acquisizione di specifici strumenti metodologico-didattici da applicare alla propria disciplina.

56Nei Paesi presi in considerazione, è vivissima la preoccupazione su questo tema con conseguente attivazione di corsi e scuole idonei allo scopo, dal momento che, senza insegnanti preparati per tutti i livelli d’insegnamento, qualunque serio progetto educativo diventa irrealizzabile.

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search