Version classiqueVersion mobile

Tessitrici di storie

 | 
Enrico Salati
, 
Christiano Zappa

PARTE QUINTA: allegato agli strumenti

Strumenti per la programmazione

Cristiano Zappa, Enrico Mauro Salati et Enrico Mauro Salati

Texte intégral

Cod : PG

Strumento

Funzione

Reperito

Adaguato

Ideato “Territrici di storie”

Da chi

PG 1

Come si fa un laboratorio ?

Guida per una didattica del laboratorio

Zappa

PG 2 Scheda per la programmazione dei laboratori

Guida per stendere un progetto di laboratori

Salati

PG 3

presentazione del laboratorio

Scheda di presentazione del laboratorio attivato nell’ambito della ricerca/formazione “tessitrici di store”

No

No

Salati

Pg 1 Come si fa un laboratorio?208

Guida per una didattica del laboratorio

Laboratorio:

1il laboratorio è, tra tutte le esperienze di apprendimento, quella che maggiormente pone l’accento sul percorso personale e non solo su un livello standard da raggiungere o su un esito messo a confronto con quello di altri.

Metodologia

2Bambini: sono invitati ad essere davvero scienziati ricercatori o artisti; la collaborazione e la cooperazione tra tutti i partecipanti sono allora i due elementi distintivi fondamentali.

3Campi di esperienza: un laboratorio è tendenzialmente interdisciplinare; è importante che i bambini colgano la natura complessa dei problemi e comprendano le influenze, la portata e le conseguenze (degli argomenti considerati e delle tecniche adottate).

4Diversità: la diversità del laboratorio non consiste tanto in ciò che si fa quanto, piuttosto, in come lo si fa.

5Successo: il successo di un laboratorio è dovuto a quella particolare empatia che dovrebbe sorgere tra gli alunni e gli esperti-conduttori; clima generale di coinvolgimento emotivo.

6Conduttore/conduttrice del laboratorio:

  • Solitamente non interviene con indicazioni troppo orientanti o condizionanti;
  • Sollecita soluzioni mediante strategie cognitive e relazionali;
  • Aiuta a riordinare le osservazioni che scaturiscono dall’interazione verbale e fa osservare le costanti riscontrabili nei diversi interventi;

Fa ricorso alla propria esperienza per sollecitare l’ampliamento di tutte le riflessioni che a suo giudizio meritano un’espansione;

Sollecita l’espressione di un parere da parte di tutti e garantisce a tutti una partecipazione ai lavori in base al personale livello di partenza;

Rispetto alle intenzioni iniziali valuta la coerenza dei prodotti e valorizza l’elaborazione di argomentazioni (espresse dai bambini);

Stimola il confronto tra la particolare esperienza vissuta nel laboratorio ed altre esperienze.

7Non è la raffinata competenza dell’esperto la vera risorsa in più da giocare in un laboratorio; piuttosto, la capacità di trovare espedienti più adeguati per sostenere chi per la prima volta si avvicina ad una certa attività e chi è disposto ad avventurarsi autonomamente nell’uso di certi strumenti o nella realizzazione di certi prodotti.

  • SPAZIO: una delle peculiarità del laboratorio consiste proprio nella possibilità di lavorare in spazi idonei e con caratteristiche alternative a quelle tradizionali dell’aula con i suoi tipici e consueti arredi.
  • STRUMENTI: debbono facilitare la realizzazione dei prodotti, ma soprattutto debbono invitare alla produzione, stimolando l’inventiva alle soluzioni personali.
  • TEMPI: la collocazione oraria e la durata complessiva di un progetto laboratoriale devono necessariamente essere definite all’interno delle scansioni temporali standard della scuola ma, all’interno del periodo assegnato, i tempi dovrebbero essere tendenzialmente duttili, in modo da poter rispettare i personali ritmi immaginativi e produttivi di ciascun bambino.
  • REGOLE
    Sono regole fondamentali:
    • Si prova: si fanno tentativi con strumenti nuovi o utilizzati in forma nuova; attività pratica, concreta, diretta.
    • Ci si sta bene: ognuno deve trovarsi in sintonia con il proprio livello di competenza.
    • Si impara: facendo e non guardando gli altri.
    • La bottega dell’artigiano: chi sa insegna a chi non sa.
    • Produzione: produce sempre risultati, ma questi emergono solo se li si sa identificare (anche se non sono) caratterizzati da concretezza fisica.
  • VALUTAZIONE
    Ogni laboratorio produce sempre un risultato e bisogna imparare a identificarlo anche quando non corrisponde alle iniziali attese (o consiste in competenze acquisite) e non sotto forma di “oggetto”.
    Parte tecnica: in questo caso un elenco di descrittori relativi a specifiche abilità da osservare e valutare potrebbe essere di valido aiuto. L’osservazione dell’incremento di consapevolezza e di abilità rispetto alla situazione iniziale. Una doppia valutazione: una all’avvio del laboratorio e una alla conclusione, o, meglio, una costante osservazione.
    Spendibilità dell’esperienza: ciò che viene acquisito potrebbe non essere automaticamente speso in altri contesti, anche se può creare effetti positivi in diversi ambienti di vita. Nella scuola vengano offerte le condizioni adeguate perché ciò avvenga. La minore o maggiore osmosi tra i diversi contesti. I laboratori, infatti, nella loro realizzazione godono di una relativa autonomia, ma sono sempre condizionati dalle scelte didattiche e pedagogiche di tutto ciò che sta attorno, mentre difficilmente riescono a condizionare il contesto in cui sono inseriti.
  • VALUTAZIONE E GRUPPO

8Ogni prodotto è inevitabilmente il risultato delle conoscenze, delle intuizioni e delle influenze di tante persone. Si fatta infatti del risultato di una rete intricata di rapporti e di contributi diversi, dove è difficile stabilire quale possa essere il più importante e quale quello determinante.

Procedure di valutazione di prodotti di gruppo: esempio

9Certi racconti collettivi, per esempio, nascono in modo inaspettato quando i bambini si rilanciano la narrazione l’un l’altro e il racconto diventa inarrestabile.

10Certi dipinti collettivi crescono attorno a piccole soluzioni grafiche.

11Certe rappresentazioni teatrali si sviluppano attorno ad una piccola gag provocatoria.

Caratteristiche di un elaborato

12A partire dalle “regole” (vedi) del laboratorio, l’elaborato:

  • porta i segni delle cose fatte insieme, comprese le imperfezioni accettate come segnale del contributo di tutti;
  • è sentito da ogni partecipante come proprio;209
  • (vi è) una consapevolezza collettiva relativa alle difficoltà incontrate e alle soluzioni adottate;
  • (è) coerente con le aspettative iniziali del gruppo anche se modificate nel corso dell’elaborazione.

La critica finale

13Prove di questo genere mancano di obiettività?

  • 210   Calvani A., Elementi di didattica, Carocci, Roma 2001, p. 135.

“Stimiamo esperienze e materiali più o meno adeguati che cadono sotto i nostri occhi, cioè li disponiamo secondo ordini approssimativi (…). L’occhio e la mente scrutano i dati, li soppesano secondo più direzioni cercando di afferrarne le intime potenzialità: sono momenti tipici della ricerca qualitativa, in cui gli stessi criteri di interpretazione possono emergere nel processo attraverso un’attività esplorativa dell’osservatore”210.

Pg 2 Scheda per la programmazione dei laboratori

Imbastire il progetto

14Preliminare: perché (tu insegnante) scegli di fare un laboratorio di narrazione?
I bambini hanno manifestato questo desiderio-bisogno? Lavori su un bisogno? Una proposta?
Che cosa ti aspetti?

  1. Qual è la situazione?
    1.2 Individuo un bisogno - o interesse - esistente nella scuola e che riguardi la narrazione.
    1.3 Come si potrebbe collocare nei confronti della programmazione della scuola (progettazione annuale PTOF, ecc.)?
    1.4 Come si potrebbe collocare nei confronti delle Indicazioni per il curricolo 2012?
    1.5 Provo a ridefinire il problema in pratica.
    1.6 Come potrebbe un laboratorio aiutare a migliorare la situazione?
  2. Quali gli obiettivi?
    2.1 Penso che, ragionevolmente, dopo il laboratorio si potrebbero sperare i seguenti miglioramenti:… .
    2.2 Rilevabili dai seguenti indicatori:211
  3. Che cosa si vorrebbe fare nel laboratorio per perseguire questi obiettivi, sempre salvo 3.1 modifiche suggerite in corso d’opera dalla situazione stessa?
    3.2 Le seguenti attività212… .
    3.3 Usando i seguenti materiali… .
    3.4 Rimanendo nei tempi previsti organizzati nel modo seguente:213… .
    3.5 Durante le quali attività il ruolo dei bambini sarebbe quello di:… .
    3.6 E quello dell’insegnante:… .
  4. Come dovrà essere predisposto il laboratorio per permettere lo svolgersi dell’attività sopra indicata?
    4.1 Come sarà lo spazio e dove?
    4.2 Che cosa ci sarà dentro, in linea di massima?
    4.3 Che cosa sarà messa a disposizione dei bambini?
  5. Quale/i strumento/i di rilevazione penso di utilizzare, oltre al diario di bordo214?
    5.1 Quante volte?
    5.2 Per quanto tempo?

PG 3 Presentazione del laboratorio.

Scheda di presentazione del laboratorio attivato nell’ambito della ricerca/formazione “Tessitrici di storie”.

Voce

Suggerimenti

Spazio per la risposta

Note/osservazioni

PARTE PRIMA

DA CONSEGNARSI ENTRO LA PRIMA META’ DI GIUGNO

Titolo

Argomento

Giudizio personale relativo ai contenuti trattati

es.: difficile, inadeguato,

appropriato, utile …

Dove:

Scuola paritaria

/_/ parrocchiale

/_/ di congregazione

/_/ ente: (specificare) ………………

/_/ altro: (specificare) ……………...

Istituto

/_/ di scuola dell’infanzia

/_/ comprensivo

Numero delle sezioni coinvolte

Numero complessivo degli alunni

Indirizzo postale ………………

Telefono ………………………

Indirizzo e-mail ………………

Insegnante/i ricercatrice/i

Tempi:

Data inizio/fine progetto …………..

Quante unità di lavoro …………….

E con che cadenza

/_/ settimanale

/_/ più di una volta alla settimana

/_/ quindicinale

/_/ occasionale

/_/ altro (specificare)

giudizio personale relativo ai tempi utilizzati

es. : inadeguati, appropriati, da adattare (come) …

Destinatari

/_/ bambini singoli

/_/ singola sezione

/_/ più sezioni

/_/ tutti i bambini della scuola

/_/ bambini appartenenti a più sezioni

/_/ altri (specificare)

Coinvolgimenti

/_/ altri gruppi di bambini

/_/ genitori/famigliari

/_/ insegnanti

/_/ comunità (specificare se parrocchiale, del quartiere/paese, del comune ecc.)

/_/ altri (specificare) ……………………

PARTE SECONDA

DA CONSEGNARSI ENTRO LA FINE DI SETTEMBRE

Giudizio personale eventuale relativo a ruoli e coinvolgimenti

max 5 righe

Perché lo abbiamo fatto: origine del progetto

giustificare la scelta,

max 5 righe

Breve descrizione dell’esperienza

max 10 righe

Risorse eventuali attivate

Umane interne alla scuola

Umane interne alla scuola

Materiali interne alla scuola

Giudizio personale relativo alle risorse utilizzate

es. : inadeguate, appropriate, da recuperare

Verifiche: quali?

Giudizio personale relativo alla validità e praticità delle verifiche didattiche attuate

anche difficoltà incontrate

Strumenti di rilevazione di ricerca: quali?

Giudizio personale relativo alla validità e praticità degli strumenti di rilevazione della ricerca utilizzati

anche difficoltà incontrate

Nella scuola puoi trovare

Giudizio generale 1.

sull’attività laboratoriale

Giudizio generale 2

sulla didattica della narratività

Giustificazione della foto allegata come significativa dell’attività laboratoriale

max 5 righe

Come ho vissuto personalmente l’esperienza

max 5 righe

note, evidenze

Notes

208  Estratti e adattamenti da Vigo A., Con la testa fra le nuvole, in A.Di Bella, B. Rapelli (a cura di), Banchi di nuvole, Ferraro, Napoli 2005, pp. 155-165.

209   “Negare le differenze di contributo da parte dei singoli non ha senso, ma è importante che tali differenze non creino in forma stabile ruoli da gregario e ruoli da protagonista”. (A.Vigo, cit.)

210   Calvani A., Elementi di didattica, Carocci, Roma 2001, p. 135.

211  INDICATORI: in parole povere: da dove a da che cosa si capisce se la situazione è migliorata.

212  ATTENZIONE: non dimenticare il protagonismo (prima i bambini!) dei bambini nel laboratorio.

213  Es. una mezz’ora (+ un quarto d’ora di organizzazione) al giorno per una settimana; opp. una mezz’ora (+ un quarto d’ora di organizzazione) alla settimana per un mese e mezzo; opp. una mezz’ora (+ un quarto d’ora di organizzazione) due volte alla settimana per un mese, ecc.

214  RICORDA: il diario di bordo va stilato sinteticamente dopo ogni incontro, usando dello schema già consegnato.

© Editore XY.IT, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search