Version classiqueVersion mobile

Tessitrici di storie

 | 
Enrico Salati
, 
Christiano Zappa

PARTE QUARTA: quello che si è appreso

4.1 Uno sguardo partecipe: osservazioni dall’esterno della ricerca

Giuditta Marano

Texte intégral

1Convocata dalla coordinatrice della mia scuola mi viene chiesto se posso essere interessata a partecipare ad un progetto di ricerca/azione che affronterà il tema della Narrazione.

  • 120  Scuola dell’Infanzia “Ferruccio Recalcati”, Bresso (Progetto “La nostra Biblioteca” predisposto, m (...)

2Perché accogliere la proposta? Il tema all’apparenza non sembra poi tanto complesso. Cosa si vuole cercare? Mi chiedo quali aspettative possano avere questi “ricercatori” per scegliere proprio la narrazione tra tutti gli strumenti, le metodologie o le variabili, più in generale, che riguardano il mondo della pedagogia e dell’educazione. In fondo, la narrazione nella scuola dell’infanzia non è certo cosa nuova o così innovativa, la definirei quasi fisiologica. Chiunque si trovi a dover interagire con un bambino, infatti, fin dalla primissima infanzia, usa naturalmente la narrazione, il racconto, la parola, e questo al di là di qualunque confine e cultura. Basti pensare agli antichi greci, alle favole di Fedro o ai racconti della tradizione africana… si potrebbero scrivere pagine e pagine solo per elencare esempi; ma, senza andare troppo lontano, sono sicura che ciascuno, ripensando alla propria esperienza personale, ritrova l’immagine di sé che legge, racconta o, perché no?, canta, ad un bambino. La narrazione appartiene così tanto al contesto dell’infanzia da risultare spontanea persino per i bambini stessi: Elisa (3 anni) quando gioca nell’angolo morbido della sezione di infanzia dove lavoro120, prende in mano i libri, li sfoglia e li legge agli amici: “C’era una volta una bambina… e questa era la sua mamma… che le diceva…”

3Che cosa c’è, dunque, di così straordinario in tutto questo da dover attirare l’attenzione di professori, scuole, insegnanti, coordinatrici, pedagogisti, ricercatori?

4Personalmente, ciò che mi ha colpito della proposta e che mi ha convinto a farmi coinvolgere fin da subito, prima ancora del tema è stata la parola ricerca, legata alla parola azione. Faccio l’insegnante e credo che, forse per deformazione professionale, forse perché il nostro ruolo nell’immaginario collettivo ci ha sempre posto ad un livello dispari rispetto ai nostri interlocutori, troppo spesso cadiamo nella tentazione, o forse illusione inconsapevole, di avere una qualche verità in tasca. Troppo spesso, nel nostro agire, ci adeguiamo al “si è sempre fatto così”; inoltre, nella routine quotidiana o nella ciclicità degli anni, alcuni modus operandi si consolidano e non ci si interroga più su aspetti che sembrano banali, semplici o naturali, proprio come è sembrato a me il tema “narrazione” in un primo momento.

 

5Che la ricerca entri dunque nel cuore del fare, nell’azione viva alla quale sono chiamati ogni giorno gli insegnanti è cosa preziosa. Significa chiedere alle persone che si occupano di formazione di continuare a porsi domande sul proprio operato. Questo interrogarsi ha permesso a me, e credo a tutti coloro che sono stati coinvolti in questa esperienza, di acquisire consapevolezza su come proprio quello che spesso a scuola diventa “pane quotidiano”, scontato e banale, sia la cifra indispensabile che permette al bambino di crescere ed apprendere nel rispetto della propria natura, dei suoi bisogni e delle sue esigenze.

 

6Ci diciamo spesso che il bambino deve essere al centro della nostra azione educativa, ma altrettanto spesso ci perdiamo in voli pindarici alla ricerca di cosa “far fare” al bambino senza vedere che gran parte di ciò che serve ed è indispensabile sta nella quotidianità. La narrazione mi sembra proprio una di queste cose. Nella sua semplicità è strumento che già parla la lingua del bambino, il quale dunque può usarla e di cui può servirsi per divenire promotore del proprio apprendimento.

7Basterebbe osservare come si comportano i bambini mentre qualcuno legge loro un libro:

  • 121  Cfr. Naumann-Villemin C., Il ciuccio di Nina, Il Castoro, Milano 2003.
  • 122  Scuola dell’infanzia Ferruccio Recalcati, Bresso. Sezione Rossi 1, Insegnante Giuditta Marano, ann (...)

Viola (4 anni) mi racconta che tra non molto dovrà dare il suo ciuccio a Babbo Natale il quale, a sua volta, lo regalerà a qualche bambino meno fortunato, “senza la mamma” dice. Scelgo allora di leggerle “Il ciuccio di Nina”121. Insieme a lei ascoltano altri bambini, ed è così, come in una magia, che il libro li lascia incollati, con gli sguardi curiosi e vibranti, attenti alle immagini ed ai suoni, alle espressioni, all’intonazione. Leggere un libro è un’arte e come ogni arte racconta e dice qualcosa dentro e fuori di noi, dentro e fuori dalla storia. Dopo averlo riletto quattro volte, su richiesta incalzante del gruppo di bambini interessati, cambio libro. Viola non è pronta a cambiare. È seduta davanti a me, con le sue gambe ben incrociate, la osservo prendere in mano quel libro e poggiarlo con cura sulle ginocchia. Comincia a sfogliarlo e, mentre io leggo un altro libro, lei imita gesti e parole che mi ha visto compiere poco prima. Gesticola e farfuglia qualcosa di incomprensibile, ma con voce alta e chiara pronuncia il testo delle pagine cruciali del libro che io avevo enfatizzato maggiormente: “La-scia-mi-sta-re!”122.

8È successo qualcosa, per cui quel libro che ho scelto, non a caso, ha parlato proprio a lei, forse le ha detto qualcosa che l’ha toccata direttamente: allora la bambina che ascoltava passivamente è passata subito dall’ascoltare al fare, certo per imitazione, ma ha scelto di assumere la realtà e muoverla, usarla, plasmarla. Uno dei nostri obiettivi è proprio quello di formare protagonisti attivi del proprio apprendimento, identità forti, autonome: allora diventa importante scoprire quando questo già avviene in classe naturalmente, ogni giorno, durante la semplice lettura di un libro. Solo così possiamo scegliere consapevolmente proposte orientate e di senso davvero rispondenti alle esigenze dei bambini che ogni giorno sono affidati alla nostra cura educativa.

9Fin dall’inizio di questa proposta la parola narrazione mi ha rimandato all’immagine del libro nella quale personalmente vedevo già molte cose. Il libro è un oggetto che racchiude in sé tanti significati, né voglio ridurne la portata citandone solo alcuni. Certamente, è un fondamentale “strumento” della narrazione. Grazie a lui possiamo conoscere e conoscerci, per somiglianza o differenza, per vicinanza o lontananza rispetto a ciò che esso porta dentro di sé. Ma c’è anche un “fuori dal libro”: il contesto, lo spazio ed il tempo fisici, le relazioni che ciò che viene narrato permette di instaurare e sperimentare. Perché poi un libro si può leggere da soli, ma si può anche farlo in compagnia: qualcuno legge e l’altro ascolta, o forse ad ascoltare sono in tanti. Così anche dalla condivisione di un’esperienza possono nascere nuove possibilità. Un libro serve a comunicare qualcosa o a raccontare qualcosa di sé, di mondi lontani o vicini. Può servire per emozionarsi o emozionare. Le variabili e le possibilità che offre mi sembrano davvero infinite. Del resto, la fantasia di un’insegnante che si interroga su un tema ampio - come ad esempio proprio questo della narrazione, - può evocare molte immagini. Il bello di una ricerca che interroga, chiede di scambiare idee, insieme alla pratica e l’azione concreta è che l’immaginario del singolo entra in relazione con altri immaginari, e questi si alimentano vicendevolmente. Pertanto, mi posso rappresentare la narrazione come un mondo molto vasto nel quale la ricerca/azione funge da lente di ingrandimento che ci aiuta a scrutare ogni angolo, ogni strada ed ogni anfratto.

10Poter essere osservatrice del progetto “Tessitrici di storie” pur senza aver avuto, purtroppo, l’occasione di prenderne parte quale ricercatrice in prima persona, è stata per me occasione preziosa per scoprire come la narrazione costituisca davvero “il pane quotidiano”, nel senso più pieno e profondo che può assumere. È effettivamente qualcosa di imprescindibile in una scuola dell’infanzia, intorno alla quale gravitano elementi altrettanto importanti ed è proprio lì che si deve posare lo sguardo dell’insegnante, in modo che la quotidianità sia costituita da scelte consapevoli e mirate e non da più o meno fortunate casualità. Perché, come nella vita, anche quando ci si occupa di formazione le non scelte hanno un peso tanto quanto le scelte stesse: la relazione educativa è un sistema talmente complesso in cui interagiscono elementi che non consideriamo o che avevamo sottovalutato. La nostra professionalità richiede però un’intenzionalità educativa per cui gli interventi vanno pensati e le concause vanno previste e calcolate o quantomeno osservate e studiate, perché ci permettono di crescere in consapevolezza e competenza.

11In questo senso credo, inoltre, che il vero modo in cui la ricerca può e dà valore all’azione è quando l’attenzione si focalizza non solo sui contenuti, non dunque esclusivamente sul “cosa possiamo far fare ai bambini”, attorno a cui mi sembra che spesso le insegnanti si affannino perdendo di vista il resto, ma sul come si stia in questo fare, come gli attori della relazione educativa si pongano rispetto ai contenuti. Penso fortemente che la ricerca/azione abbia il prezioso potere di aprire lo sguardo, di cambiare lo sguardo su ciò che succede e ci consente di diventare consapevoli degli strumenti e delle modalità che scegliamo di mettere in campo.

12Pertanto, sono convinta che a questa ricerca vada riconosciuto un successo quando chi vi partecipa o ne legge formula anche solo un pensiero nuovo, un dubbio, una curiosità, un nuovo punto di vista. Chiedere allora ad un gruppo di insegnanti di riunirsi per esplicitare e condividere i significati delle parole “ricerca”, “azione”, “narrazione”, “laboratorio” e chiedere alle stesse di provare a riflettere sulla propria esperienza, facendosi contemporaneamente influenzare dalle esperienze e dalle riflessioni altrui per proporre progetti e realizzarli ciascuno nella propria realtà scolastica, ha avuto il potere di ridare significato e valore a tanti elementi che come insegnanti già conosciamo, ma su cui abbiamo bisogno di rinnovare continuamente lo sguardo. È stata un’occasione per riflettere nuovamente sull’importanza degli spazi e della loro predisposizione, sulla scelta dei materiali, sul ruolo dell’adulto e sul ruolo del bambino, non già come oggetto passivo, ma attivo e promotore del proprio apprendimento, sugli strumenti, i mediatori didattici, le modalità di relazione, di apprendimento. Ancora, ritengo che la funzione più importante in un’esperienza di questo tipo venga svolta dalla documentazione la quale ci permette un agire ed un osservare scientifici.

13È stato chiesto alle insegnanti di usare diversi strumenti di documentazione e penso che ciò abbia permesso a tutti di riuscire a vedere tanti aspetti che, se non ci si ferma per raccoglierli e valutarli, vengono persi e smarriti per sempre. Infatti, documentare significa ancora una volta guardare - ma guardare davvero! - con una lente capace di cogliere il dettaglio. Forse chi ci legge penserà che noi maestre siamo “precisine e perfettine”, ma i bambini sono un complesso di “dettagli”, dettagli importanti, ed ogni giorno ci sollecitano perché li guardiamo ed ascoltiamo. Spesso purtroppo gli adulti che si occupano di loro hanno occhi che non vedono ciò che dovrebbero vedere, attenti agli orologi ed al tempo che scorre, ai cellulari ed ai social, ma non all’irrefrenabile voglia che hanno i bambini di dirti “Ehi guarda! Il piatto è un cerchio!”. Il che ci parrà l’osservazione più banale del mondo, ma per loro ha la forza e potenza di una scoperta, di una conquista. Perché davvero è scoperta, davvero è una conquista.

 

  • 123  Cfr. Paccagnini E., Narrare non è solo consapevolezza, in Salati E.M., Zappa C. (a cura di) “Stori (...)

14Ancora, la parola è molto spesso la spinta fondamentale per simili conquiste. Infatti, grazie ad essa fumosi concetti si fanno concreti, divengono competenze, acquisizioni. Essa ha il potere di portare il pensiero lontano, di trasformarlo, farlo evolvere: allora, davvero narrare diventa strumento per formare123. Sembra quasi che la narrazione, in tutte le sue infinite forme, possa costituire lo strumento magico capace di creare ponti per portare il pensiero oltre, di aprire porte e finestre su mondi altri. Ciò che vale per i bambini a scuola, vale anche per noi adulti che ci occupiamo di formazione ed educazione. Il fare ha bisogno di navigare nelle acque della ricerca e della riflessione tanto quanto è vero il contrario. Scrivere di una ricerca o documentare un progetto comporta un dono prezioso per chi scrive: aiutare il suo stesso pensiero ad evolvere ed alimentarsi dei contributi di tutto il contesto che lo circonda, un contesto fatto di persone, ricordi, oggetti, esperienze, altre narrazioni.

  • 124  Vedi Carroll L, Alice attraverso lo specchio, Garzanti, Milano 2016.

15Alla fine di questa esperienza mi sento come Alice dopo aver attraversato il Paese delle meraviglie, o per chi lo ha letto, meno famoso ma altrettanto illuminante, dopo il suo viaggio attraverso lo specchio124: alla fine del viaggio non sono più la stessa persona che lo ha intrapreso, perché nel percorso il pensiero e le parole mi hanno plasmato. Sicuramente il fare e l’agire arricchiscono e riempiono il bagaglio delle nostre esperienze, ma poter ragionare su di esse condividendo con altri viaggiatori l’esperienza, usando come mezzi le parole e la narrazione, ascoltandosi in un cerchio di condivisione, o stilando un proprio contributo, fa crescere il seme di un’idea, lo innaffia ed alimenta fino a che germogli, si sviluppi e divenga pianta rigogliosa, pronta a dare frutto.

Notes

120  Scuola dell’Infanzia “Ferruccio Recalcati”, Bresso (Progetto “La nostra Biblioteca” predisposto, ma mai realizzato).

121  Cfr. Naumann-Villemin C., Il ciuccio di Nina, Il Castoro, Milano 2003.

122  Scuola dell’infanzia Ferruccio Recalcati, Bresso. Sezione Rossi 1, Insegnante Giuditta Marano, anno scolastico 2017/2018 (momento di vita quotidiana, fuori da quelli documentati durante la ricerca, preso in prestito a titolo esemplificativo).

123  Cfr. Paccagnini E., Narrare non è solo consapevolezza, in Salati E.M., Zappa C. (a cura di) “Storie di scuola”, XY.IT, Arona (No) p. 7.

124  Vedi Carroll L, Alice attraverso lo specchio, Garzanti, Milano 2016.

© Editore XY.IT, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search