Version classiqueVersion mobile

Tessitrici di storie

 | 
Enrico Salati
, 
Christiano Zappa

PARTE TERZA: il sostegno alla ricerca

3.1 Il mondo dentro e fuori di me: esperienze narrative di educazione alla mondialità103

Ilaria Mantegazza

Texte intégral

Chi siamo

  • 103  A cura dell’Ufficio Educazione alla mondalità del Pime.
  • 104  2016-2017.

1La Fondazione Pime Onlus è una realtà senza scopo di lucro, legata ai missionari del Pime. Proponendo percorsi di educazione all’intercultura e alla mondialità intende dare il proprio contributo allo sviluppo di una sensibilità aperta ai problemi del mondo, della solidarietà e della pace. Costituito da un gruppo di educatori esperti in campo pedagogico-didattico, l’Ufficio Educazione Mondialità ha realizzato attività che hanno riguardato circa 60.000 studenti delle scuole di ogni ordine e grado nel corso dell’ultimo anno scolastico104.

2Il principale obiettivo delle attività è quello di relazionarsi con le agenzie formative sul territorio per stabilire un rapporto organico e continuativo con il mondo della scuola attraverso proposte concrete di innovazione culturale e didattica rivolte a studenti, insegnanti e famiglie.

3Il corso dal titolo corrispondente all’intitolazione di questo contributo, pur essendo aperto al personale delle scuole associate Amism, era particolarmente destinato alle insegnanti ricercatrici di “Tessitrici di storie” che vi hanno partecipato quasi tutte. Si è svolto presso la sede della Fondazione Pime tra febbraio e marzo del 2017, prima della fase operativa della ricerca stessa. Di seguito, diamo notizia degli incontri e dei temi fondamentali, nonché dei relativi riferimenti culturali.

4Ogni incontro ha comportato la presentazione di contenuti e attività comuni e/o di gruppo con l’uso di linguaggi narrativi diversi. Infine, l’incontro con il museo antropologico del Pime ha fatto sperimentare l’esplorazione e la ricostruzione da punti di vista non usuali della narrazione di oggetti che narrano, che si narrano, che sostengono una narrazione.

Primo incontro: l’approccio interculturale, la narrazione autobiografica

Abbiamo tutti un immenso bisogno di imparare
a vivere insieme come diversi, rispettandoci,
non distruggendoci a vicenda,
non ghettizzandoci, non disprezzandoci
e neanche soltanto tollerandoci,
perché sarebbe troppo poco la tolleranza.
Ma nemmeno - direi - tentando subito la conversione,
perché questa parola in certe situazioni e popoli
suscita muri invalicabili.
Piuttosto “fermentandoci” a vicenda
in maniera che ciascuno sia portato a raggiungere
più profondamente la propria autenticità,
la propria verità di fronte al mistero di Dio.

(C. M. Martini)

Per poter andare verso l’altro, occorre essere consapevoli di un punto di partenza, occorre essere stati, essere, presso di sé.

(M. Buber)

5Identità sincroniche: queste si presentano e si manifestano anche contemporaneamente, nella stessa stagione della vita, nello stesso momento che stiamo vivendo. La nostra identità non è affatto monolitica: è invece piuttosto articolata, complessa, plurale.

6Identità diacroniche: le differenze diacroniche, quelle che si generano nel corso del tempo, lungo tutta la durata della vita, sono le più evidenti e le riconosciamo con una certa facilità.

7Occhiali culturali: ognuno di noi porta addosso un paio di occhiali, attraverso i quali guarda il mondo dentro e fuori di sé.

 

8M. Buber: l’uomo è relazionale, esiste solo la relazione Io-Tu.

9E. Levinas: fonda l’alterità nel “volto dell’altro”. In principio è l’altro. L’altro anche se non mi “guarda” mi “riguarda”.

  • 105  Cfr. Aime M., Eccessi di culture, Einaudi editori, Torino 2004.

10R. Pannikar: la relatività di ogni cosmovisione, che non vuol dire relativismo. Ogni persona è un alfabeto della realtà105.

  • 106  Cfr ivi.

“Sono molti i problemi che sorgono nel momento in cui si intende definire l’identità di un gruppo. È come voler fotografare una classe di bambini che non stanno mai fermi, che si scambiano continuamente di posto, e magari a scattare la foto è un fotografo anch’egli inquieto e continuamente in movimento. … Molti dei cosiddetti «conflitti culturali» che sembrano caratterizzare la nostra epoca, spesso sotto la patina della cultura celano ben altre spinte, ben altri interessi. … “106

11Può sembrare paradossale che sia un antropologo a denunciare l’attuale eccesso di attenzione alle culture, alle diversità, alle identità, ma il rischio è che il troppo relativismo si trasformi in una nuova maschera della discriminazione.

 

  • 107  Cfr. Nanni A., Curci S., Buone pratiche per fare intercultura, Emi, Bologna 2005.

12L’intercultura avviene tra persone, per cui occorre concepire l’educazione non solo come tempo e luogo delle spiegazioni, della trasmissione del conoscere, ma anche come ascolto reciproco tra soggetti narranti la cui identità è anzitutto un’identità narrativa107.

13Tanto un bambino quanto un adulto hanno una storia di vita da raccontare. Per questo nessuno è escluso dalla narrazione. Si può chiedere di narrare una fiaba, una festa, un viaggio, un gioco, un sogno, un’avventura, un piatto tipico, un diario, un film, ecc. Nostra convinzione è che la via narrativa sia una delle metodologie più efficaci per l’educazione interculturale. Attraverso la globalità dei linguaggi e il racconto diretto delle esperienze è possibile infatti realizzare uno scambio di valori culturali e confrontare i “punti di vista” sulla realtà. L’obiettivo della pedagogia narrativa non è tanto quello di aumentare il volume dei materiali narrativi nella scuola, quanto piuttosto quello di dare un “impianto narrativo” al percorso educativo. In questo modo la narrazione non è più intesa soltanto come “oggetto” (il contenuto) dell’educazione ma come un suo nuovo e originale “principio epistemico” (educare narrando). Concretamente, si propongono storie di vita degli emigranti, biografie di testimoni, diari di viaggio, film e documentari di autori stranieri; poesie e drammatizzazioni; partecipazione attiva e forme di memoria collettiva.

  • 108  Cfr. Ivi.

14La narrazione è di per sé un’operazione interculturale108, perché ogni storia che noi costruiamo o inventiamo è, in primo luogo, un intreccio di altre storie, di altri racconti: non esistono storie pure, monoculturali; le storie sono sempre risultato di commistione, di contaminazione, di ibridazione. Dunque, ogni narratore - antico, un griot, come viene chiamato nelle culture maghrebine, o moderno - che ha grande familiarità con il piacere di raccontare e di raccogliere storie, è già di per sé interculturalista. Ancora, un buon insegnante - o un buon pedagogista o un buon educatore - che si muove all’interno della prospettiva interculturale è, necessariamente, un buon narratore e, anche, un buon ascoltatore.

15La nostra classe è rappresentabile come “tante storie che meritano di essere narrate” (R. Alves)

  • 109  Cfr. Demetrio D.,1. Pedagogia interculturale: raccontarsi e raccontare tra memoria e progetto, in (...)

16Narrazione autobiografica: “(…) quanto più noi viviamo in una società nella quale le relazioni umane si muovono all’insegna della solitudine; quanto più è difficile incontrarsi, conversare, condividere quella che, per millenni, è stata una tradizione (la tradizione orale, il raccontare dei nonni, la narrazione attraverso la quale noi tutti abbiamo imparato a parlare a capire) tanto più aumenta la diffidenza nei confronti dell’altro - la situazione paradigmatica di questa condizione è la difficoltà, l’imbarazzo a guardarsi in faccia quando ci si incontra, per strada, in autobus, in treno - tanto più c’è nostalgia per l’incontro con le modalità arcaiche della narrazione. In altre parole, di fronte alla spersonalizzazione, all’anonimato di questo tempo, la prospettiva narrativa o autobiografica rappresenta il desiderio di restaurare rapporti umani. Il rapporto umano, infatti, si basa sulla narrazione e il raccontare la propria storia di vita costituisce un desiderio di affermazione della propria unicità, del proprio volto, della propria storia”109.

… in mancanza del tu, noi facciamo selfie
(p. Alberto Caccaro)

17Rievocare, cioè chiamare, ridare voce ai ricordi significa richiamare dalla penombra dell’oblio cose, fatti, sensazioni, figure; rimembrare è ricomporre ciò che è disperso. Questo atteggiamento equivale a rimettere insieme rievocazioni e ricordi per dare loro una forma, un disegno, un’architettura; ricordare è poi riportare al cuore e quindi rievocare emozionalmente. Vuol dire quindi ritrovare quelle rievocazioni più significative di altre per le emozioni, gli stati d’animo e affettivi che ci fanno rivivere.

Secondo incontro: creatività, fantasia ed immaginazione nell’atto narrativo

18La fantasia permette di pensare a qualcosa che prima non c’era senza nessun limite, anche di cose che non sono realizzabili. L’invenzione produce qualcosa che prima non c’era ma non si preoccupa che risponda a requisiti estetici, bensì che sia perfettamente funzionante. La creatività  opera nella memoria e richiama sia la fantasia che l’immaginazione per produrre qualcosa di realizzabile e funzionante che prima non esisteva. L’immaginazione è data dall’unione di queste tre componenti, più dati abbiamo a disposizione più collegamenti si possono fare110.

 

19R. Pannikar: la creazione si produce tutti i giorni, è qualcosa di nuovo e di imprevedibile.

Con la creatività co-partecipiamo alla Creazione.

20G.Rodari: fantasia ed immaginazione devono avere un posto nell’educazione, dobbiamo avere fiducia nella creatività dei bambini e difendere il valore di liberazione che la parola ha.

«Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi»

21Come suggerisce Tilde Giani Gallino, l’invadenza nel mondo dei bambini del videoschermo ha fatto perdere, rispetto ad esempio agli anni 70 - quando oltre il 70% dei bambini aveva un amico immaginario - la capacità di “giocare” con l’immaginazione e la fantasia.

Il mondo disegnato dai bambini. L’evoluzione grafica e la costruzione dell’identità.

22I bambini piccoli usano il disegno per arricchire con le immagini le storie che raccontano a se stessi, attingendole dal loro ricco mondo interiore, proprio come nel gioco del “far finta che”. Quelli più grandi raffigurano invece l’universo esterno, nel modo in cui lo percepiscono.

  • 111  Cfr. Boella L., Sentire l’altro. Conoscere e praticare l’empatia, Raffaello Cortina Editore, Milan (...)

23Immaginazione: ogni percezione, ogni presa d’atto del mondo reale, è attraversata dall’immaginazione. È la possibilità di un’altra logica, di un altro eventuale esito, su un piano diverso. Immaginazione è fondamento per l’empatia, per sentire l’altro e assumercene la responsabilità111.

  • 112  Cfr. Munari B., cit.

24Il laboratorio si pone allora come luogo della migliore educazione, la creatività come “ricerca sincera di varianti”, un metodo che risiede nel “creare relazioni tra gli elementi conosciuti”112.

Terzo incontro: ascolto e osservazione

Presupposti e parte integrante dell’esperienza narrativa

25Le sette regole dell’arte di ascoltare:

  • 1 Non avere fretta di arrivare a delle conclusioni. Le conclusioni sono la parte più effimera della ricerca.
  • 2 Quel che vedi dipende dal tuo punto di vista. Per riuscire a vedere il tuo punto di vista, devi cambiare punto di vista.
  • 3 Se vuoi comprendere quel che un altro sta dicendo, devi assumere che ha ragione e chiedergli di aiutarti a vedere le cose e gli eventi dalla sua prospettiva.

Storiella indiana

“Di fronte a un giudice saggio vennero portati due litiganti. Il giudice ascoltò il primo litigante con grande concentrazione e attenzione e gli disse: “Hai ragione!”. Poi ascoltò il secondo e gli disse: “Hai ragione!”. Si alzò allora un terzo dal pubblico dicendo: “Eccellenza, non possono aver ragione entrambi!”. Il giudice ci pensò un attimo, e poi serafico disse: “Hai ragione anche tu!”.

  • 4 Le emozioni sono degli strumenti conoscitivi fondamentali, se sai comprendere il loro linguaggio. Non ti informano su cosa vedi, ma su come guardi. Il loro codice è relazionale e analogico.
  • 5 Un buon ascoltatore è un esploratore di mondi possibili. I segnali più importanti per lui sono quelli che si presentano alla coscienza come al tempo stesso trascurabili e fastidiosi, marginali e irritanti, perché incongrui con le proprie certezze.
  • 6 Un buon ascoltatore accoglie volentieri i paradossi del pensiero e della comunicazione. Affronta i dissensi come occasione per esercitarsi in un campo che lo appassiona: la gestione creativa dei conflitti.
  • 7 Per diventare esperto dell’arte di ascoltare devi adottare una metodologia umoristica. Ma quando hai imparato ad ascoltare, l’umorismo vien da sé.

Quarto incontro: narrazioni del e dal mondo

26Siamo strettamente interconnessi gli uni agli altri. Sperimentiamo ogni giorno l’intercultura. L’Alterità è dietro l’angolo e mi mette in discussione. L’intercultura è dimensione ordinaria.

27Trasmettere implica per sua natura intrinseca un tradimento.

Notes

103  A cura dell’Ufficio Educazione alla mondalità del Pime.

104  2016-2017.

105  Cfr. Aime M., Eccessi di culture, Einaudi editori, Torino 2004.

106  Cfr ivi.

107  Cfr. Nanni A., Curci S., Buone pratiche per fare intercultura, Emi, Bologna 2005.

108  Cfr. Ivi.

109  Cfr. Demetrio D.,1. Pedagogia interculturale: raccontarsi e raccontare tra memoria e progetto, in https://bambinidelmondo.wordpress.com/2009/01/26/1-pedagogia-interculturale-raccontarsi-e-raccontare-tra-memoria-e-progetto/

110  Cfr. Munari B. in http://www.artsblog.it/post/6901/bruno-munari-fantasia-invenzione-creativita-ed-immaginazione-una-lezione-a-venezia-del-1992

111  Cfr. Boella L., Sentire l’altro. Conoscere e praticare l’empatia, Raffaello Cortina Editore, Milano 2006.

112  Cfr. Munari B., cit.

© Editore XY.IT, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search