Version classiqueVersion mobile

Tessitrici di storie

 | 
Enrico Salati
, 
Christiano Zappa

PARTE SECONDA: cronache e riflessioni

2.2 Il bisogno educativo: bambini, insegnanti, famiglie

Giovanna Gadia

Texte intégral

1Che cos’è un bisogno?

2Come riconoscere un bisogno? Quali possono essere i bisogni educativi?

  • 56  Cfr. Dizionario Garzanti della lingua italiana, Garzanti ed., Milano.

3Con la parola bisogno intendiamo la “mancanza di qualcosa che sia indispensabile o anche solo opportuna, o di cui si senta il desiderio: b. di pane, di ideali, di affetto; ha b. urgente di cure; il ragazzo è piuttosto dotato, ma ha b. di studiare di più”56.

 

4Ma che cosa intendiamo per bisogni educativi?

  • 57  Chiacchiari M., Parole capovolte in “Rubriche” vedi: latuapsicologia.blogspot.it/2014/09/breve-pan (...)

“Tutti noi abbiamo dei bisogni, che manifestiamo in alcuni contesti o in alcuni momenti della giornata, che siano essi educativi, scolastici in senso stretto, sociali o relazionali, e dunque, anche nella scuola i bambini di varie fasce d’età possono manifestare varie tipologie di bisogni, a cui non si può rispondere con vecchie e precostituite formule; bensì la scuola deve adattarsi al contesto odierno e creare nuove risposte e nuovi ruoli al fine di un miglioramento della qualità di vita dei ragazzi nella scuola”57.

5È dall’analisi del bisogno che scaturisce una risposta educativa adeguata.

6Proviamo ad enunciare alcune parole/chiave attorno a cui si evidenziano i bisogni educativi dei bambini:

AMBIENTE

APPRENDIMENTO

ASCOLTO

SGUARDO

ESPERIENZA

COMUNICAZIONE

LINGUAGGIO VERBALE

CONSAPEVOLEZZA

RIFLESSIONE

REALTÀ

FANTASIA

EMOZIONI

7Sono parole che già abbiamo sentito, che sentiamo o che utilizziamo correntemente, ma che lasciamo scorrere, spesso banalmente inserite in un contesto di ripetitiva quotidianità. Inoltre, a chi si riferiscono i bisogni che consideriamo? Ai bambini? Alle insegnanti? Alle famiglie?

 

8Si tratta di soggetti diversi, portatori ai bisogni altrettanto differenti: prendiamo in considerazione innanzitutto il bambino. Egli avverte in sé queste urgenze, cerca di manifestarle in mille modi agli adulti perché possano leggerle come bisogni e offrire risposte adeguate. Rileggendo attentamente le parole/chiave, rileviamo come esse facciano parte della sua vita quotidiana, della sua attività di apprendimento, in altre parole della sua crescita. In particolare, varrebbe la pena di dedicare maggiore attenzione, come ad esempio all’“ascolto”, quale esigenza di imparare ad ascoltare gli altri e di essere a propria volta ascoltati. Importante è anche lo “sguardo” non puramente esteriore, ma come atteggiamento interiore, e, ancora, sguardo profondo del bambino che osserva e che ha bisogno di essere guardato. In effetti, possiamo anche affermare che ascolto e sguardo sono atteggiamenti complementari, azioni sensoriali fisiche che sono motivate da esigenze interiori: si osserva cioè con gli occhi del cuore. In questo contesto, ascoltare, sentire, emozionarsi, sono tre parole chiave che indicano come si può aiutare il bambino a vivere e praticare l’ascolto.

9Purtroppo, oggi le condizioni di vita, insieme all’eccessivo uso di mezzi tecnologici, stanno piano piano spegnendo il desiderio di comunicare verbalmente; le email, i messaggi cellulari (SMS) hanno sostituito la comunicazione verbale, rendendo gli incontri fra le persone sempre più frettolosi e sempre meno coinvolgenti. Infatti, che cosa posso ascoltare col cuore se non fisso il mio sguardo nel tuo? Pertanto, una prima urgenza di fondamentale importanza risulta quella di “proteggere” i bambini da eccessivi strumenti mediatici e tecnologici, non tanto allontanandoli dalle tecnologie, quanto proponendo esperienze significative di ascolto diretto, coinvolgendoli in momenti precisi e determinati di narrazioni emozionali che portino alla luce sentimenti come la gioia, la rabbia, la paura, la tristezza, che occorre necessariamente saper esprimere.

 

10Narrare e narrarsi è una modalità divertente, ma pure necessaria, di formazione della persona, una risposta a bisogni reali del bambino di educarsi all’essere, oltre che al fare; è un sapersi rifare alla fantasia, alla capacità di formulare un progetto usando mezzi comunicativi di pronto accesso e pure suggestivi quali le immagini, l’ascolto, la ripetizione verbale e gestuale di storie da cui trarre riflessione e consapevolezza di se stessi e dei propri stati d’animo. Del resto, osservare un bambino quando ascolta una narrazione è veramente coinvolgente, contemplandone dallo sguardo attento e incantato all’intero coinvolgimento del corpo. Se ne avverte la sollecitazione non solo emotivo/affettiva, ma è pure evidente la voglia di parlare, di esprimere il proprio parere, di rispondere ai vari interrogativi che la narrazione gli pone. Possiamo aggiungere infine quali elementi visibili della partecipazione alla narrazione le manifestazioni di stupore, i mutamenti delle espressioni del viso, l’evidenza mimica e posturale determinati dalla meraviglia, le tensioni che evidenziano il senso dell’attesa.

 

11Anche gli adulti che svolgono un ruolo educativo nei confronti dei bambini compiono quotidianamente esperienze di narrazione, e ne sono assai gratificati, soprattutto se si trovano a sostenere tale attività in un ambiente fisico e sociale adeguato e appositamente predisposto, tale cioè da valorizzare gli educandi. In tale contesto l’adulto stesso apprende dal bambino, dalle sue riflessioni, dal suo interesse e da quanto propone.

 

12Allora potremmo dire che nella scuola dell’infanzia tutto può ricondursi alla narrazione. Si narra quando si richiama l’attenzione dei bambini, quando si conversa con loro e si risponde alle loro domande; si narra poi modificando il tono della voce secondo ciò che si sta dicendo, si narra drammatizzando, si narra anche col canto. La qualità della narrazione quindi non sta tanto nei contenuti proposti, quanto nella modalità, nei ritmi, nella gestualità…

 

13Infine, concludiamo affermando che per i bambini narrare, ascoltare narrazioni, interagire raccontando è qualcosa di più che un piacere o un’attività di apprendimento: è la risposta ad un bisogno fondamentale.

 

14Già, ma per l’insegnante? L’esperienza della nostra ricerca/azione ci suggerisce che sia un bisogno, un’esigenza sociale, personale, ma non solo. E’ un bisogno anche per lei, perché, prima di tutto, risponde ad un bisogno educativo del bambino. Ci dobbiamo allora porre su un piano professionale, e, ascoltando le nostre ricercatrici, leggendo i loro appunti ne deriviamo che saper narrare e narrarsi costituisca un elemento fondamentale dell’essere educatori nella scuola dell’infanzia, e dovrebbe costituire un aspetto importante nella loro formazione, iniziale come in servizio. Infatti, un modo privilegiato di interagire col bambino è saper comunicare con lui, con toni adeguati e gesti coinvolgenti, al fine di conoscerlo adeguatamente e di farsi conoscere con pazienza, senza forzature innaturali. Si potrà così giungere a un rapporto profondo, significativo, rispettando in modo assoluto i suo pensieri, i suoi affetti, le sue paure.

 

15Naturalmente, il bisogno di essere e di rivelarsi dell’insegnante nasce dall’esigenza di conoscere se stessa prima di tutto, di analizzarsi e “scoprirsi” durante la relazione col singolo bambino ed in gruppo durante le varie attività. A questo proposito, rivelatore è il commento di una ricercatrice: “Preparare un laboratorio di lettura sulle emozioni, pensato perché sono una componente fondamentale nelle esperienze quotidiane… il tema della rabbia che spesso invade i bambini portandoli ad avere atteggiamenti aggressivi nei confronti dei coetanei durante il gioco; contrariamente alla difficoltà di altri ad esprimere il proprio stato d’animo. Ci si pone come obiettivo quello di imparare a riconoscere l’emozione attraverso la narrazione, la sperimentazione, il gioco, permettendo al bambino di esprimere e comunicare i propri stati d’animo.

16Attraverso un laboratorio di narrazione i bambini diventano protagonisti loro stessi, imparando a relazionarsi in modo adeguato nel reciproco rispetto di tutti.

  • 58  Dal progetto di ricerca/azione Tessitrici di storie della scuola, “M.G.Brivio, S. Giuliano Milanes (...)

17È importante pensare di far entrare i bambini nella storia creando l’ambiente in cui si svolge la vicenda: una casa in cui entrare suscitando stupore, curiosità, emozioni”58.

 

18Di conseguenza, pensare, ricordare, riflettere, descrivere, interpretare, spiegare, argomentare, sono le azioni proprie dell'insegnante che si impegna nella narrazione

 

19Possiamo alfine sostenere che la narrazione sia un bisogno, un’urgenza esistenziale dell’infanzia?

20La risposta è certamente positiva, se condividiamo l’affermazione di Cesare Scurati:

 

  • 59  Scurati C., Fra presente e futuro, analisi e riflessioni di pedagogia. La Scuola, Brescia 2001, p. (...)

21“Il postmoderno pedagogico non può arrendersi al modello del bambino consumatore… ma deve restare fedele al principio del bambino abitatore del suo mondo, della sua civiltà e del loro futuro”59. La narrazione ci pare la miglior forma attraverso la quale i nostri piccoli possono non solo accostarsi, ma vivere, interpretare, e cioè “abitare” la propria cultura.

 

22La ricerca/azione “Tessitrici di storie” non ha solo proposto un tema (la narrazione) ma anche un’attività didattica particolare, quella “laboratoriale”.

 

23Ma c’è differenza fra un’attività tradizionale, d’aula, ed un’attività di laboratorio?

24Anche qui la risposta è positiva. Infatti, una didattica d’aula tradizionale prevede soprattutto ascolto unidirezionale, con induzione più o meno voluta di atteggiamenti passivi, e, a volte, di noia; abitualmente in laboratorio domina l’azione concreta, il che stimola interesse ed anche soddisfazione, quando non anche divertimento. Simili atteggiamenti e sentimenti si possono a volte attribuire alla stessa insegnante, perché narrare, in qualche modo, è anche sempre gratificante. In questo modo la docente scopre un modo diverso di “essere” scuola, di “fare” scuola. Allora si interroga su quali siano le priorità, su come rendere sempre più l’educando protagonista, si entusiasma lei stessa nell’osservare il mutare dei comportamenti dei bambini durante il laboratorio, si conferma nell’intento di procedere su questo percorso, perché rende i bambini felici e, più attivi, propositivi. C’è dunque anche nella didattica del laboratorio il soddisfacimento di bisogni essenziali, primo fra tutti quello di abitare il proprio mondo, così come sopra affermava Scurati.

 

25La scuola finalmente allora si pone come un cantiere aperto che produce relazioni positive, dove lo stimolo ad imparare si nutre della curiosità intelligente dei bambini resi capaci di apprendere, da loro stessi, dai coetanei, da tutto ciò che li circonda.

 

26Narrazione e laboratorio costituiscono allora non tanto importanti modalità, ma veri e propri aspetti fondamentali della scuola d’oggi, non solo perché importanti per i bambini, ma anche perché lo sono per la produttività professionale - ma anche per lo star bene - delle stesse docenti.

27Quanto alle famiglie, esse sono narratrici da sempre, quasi la “culla” della narrazione.

28Mi piace pensare che la mamma narri e parli col suo bimbo fin da quando lo porta dentro di sé; quando nasce, ascolta e rilancia i suoi vocalizzi, il suo pianto… anche il bimbo le narra.

29Lei lo guarda intensamente con lo sguardo dell’amore, della protezione, lo tiene con sé accarezzandolo, baciandolo, gli canta, gli sorride, gli trasmette se stessa…

30Nell’ambito familiare il linguaggio verbale del bambino appare da subito, si evolve, comunica all’interno della sua famiglia, apprende dai suoi genitori il desiderio e la voglia di comunicare, di fare domande, di rispondere.

 

31Gran parte di questi atteggiamenti li possiamo ritenere spontanei: basta considerare le tante forme di attenzione alle manifestazioni di relazione tra mamma papà e bambino per accorgersi di come queste si pongano come una sorta di “naturale” narrazione.

 

32A scuola, da sempre si hanno sotto gli occhi le relazioni che si manifestano in momenti importanti della giornata: il distacco ed il ricongiungimento. Quest’ultimo è poi carico di emozioni narrative, di abbracci parlanti, di desiderio di raccontare. “Oggi mamma mi sono divertito un sacco in lavoratorio”; “Ammo giocato con la farina…”.

33Oppure: “Sai mamma oggi è venuto un signore che faceva la magia delle bolle, ha chiuso la Giovanna in una bolla grandissima”.

 

34E poi, a casa, il consueto rito serale in cui, a tavola, ci si racconta la giornata e poi, nell’ora di andare a nanna, c’è la lettura o il racconto di una storia, la “sua” storia, forse la medesima per tante sere, per scacciare la paura della strega regina di Biancaneve o del lupo di Cappuccetto rosso o dei tre porcellini… La storia che mamma e papà è bene collochino in un tempo cercato, pensato, vissuto per vivere col loro bimbo momenti intimi, irrinunciabili e farlo sentire importante, il tesoro da custodire con cura. Purtroppo oggi alcune di queste immagini possono lasciare il posto ai cellulari, alle mamme che invece di parlare ed ascoltare col bambino usano il telefono per comunicare con altri, per scrivere messaggini o email…

 

35Da questo punto di vista la ricerca/azione “Tessitrici di storia”, più che offrire spunti e risposte, induce domande su come la scuola possa aiutare le famiglie a riprendere e valorizzare i momenti narrativi. Sarebbe inoltre utile individuare modalità per stimolare la famiglia, la quale sembra talvolta persa in interessi lontani, a riassumersi la sua funzione fondamentale di narratrice, quella primaria. Infatti, siamo davvero in molti ad aver appreso proprio dai nostri genitori ad ascoltare i loro racconti, ad amare la lettura dei libri. A questo punto mi sia permesso di ricordare alcuni episodi della mia infanzia quando mia madre, seduta sul mio lettino, spendeva con amore il suo tempo per raccontarmi favole, modificando il tono della sua voce per drammatizzare il racconto per trasmettermi così in modo avvincente il contenuto della lettura. Questa passione è entrata così prepotentemente dentro di me che, appena sono riuscita ad imparare a leggere, mi sedevo col libro accanto a lei che cuciva e stirava.

 

36Perché, infine, è proprio questa a mio parere la strategia vincente: lavorare insieme, scuola e famiglia, alla riscoperta della Narrazione quale grande motore educativo che possa riequilibrare le suggestioni della virtualità tecnologica, riempiendo il tempo dei bambini di accattivanti storie e racconti, senza le quali vi è “mancanza di qualcosa che sia indispensabile”, cioè il “bisogno di narrare e di narrarsi”.

Notes

56  Cfr. Dizionario Garzanti della lingua italiana, Garzanti ed., Milano.

57  Chiacchiari M., Parole capovolte in “Rubriche” vedi: latuapsicologia.blogspot.it/2014/09/breve-panoramica-sui-disturbi-specifici.html

58  Dal progetto di ricerca/azione Tessitrici di storie della scuola, “M.G.Brivio, S. Giuliano Milanese (MI).

59  Scurati C., Fra presente e futuro, analisi e riflessioni di pedagogia. La Scuola, Brescia 2001, p. 18.

© Editore XY.IT, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search