Version classiqueVersion mobile

Tessitrici di storie

 | 
Enrico Salati
, 
Christiano Zappa

PARTE SECONDA: cronache e riflessioni

2.1 I partecipanti, i singoli progetti

Giovanna Gadia

Texte intégral

1Il presente contributo vuole presentare schematicamente il “chi” ed il “che cosa” della ricerca/azione “Tessitrici di storie”. L’intento è quello di costituire una sorta di premessa alle riflessioni che seguiranno, le quali sono basate sul lavoro fatto e qui di seguito registrato, senza ulteriori commenti, proprio per evitare pre-condizionamenti nei lettori.

 

2Pertanto, ecco l’elenco delle ricercatrici e dei progetti proposti. Si tenga presente che alla ricerca hanno partecipato due distinti gruppi di insegnanti appartenenti all’AMISM, in linea di massima suddivisi rispettivamente secondo l’appartenenza alla città metropolitana di Milano e alla provincia di Monza e Brianza. L’inserimento nei due gruppi non è però sempre stato dettato da criteri di collocazione geografica, poiché si sono avuti travasi e scambi per ragioni organizzative o di maggiori disponibilità di alcune partecipanti a recarsi in un luogo piuttosto che in un altro.

Gruppo della Città Metropolitana di Milano

3Il gruppo è stato coordinato da tre tutor, già impegnate nella scuola quali coordinatrici, nonché in Associazione come coordinatrici di rete:

  • BRAMANI Cristina
  • GADIA Giovanna
  • TAINI Roberta

Ricercatrici e progetti:

Numero

Cognome Nome

Scuola

Titolo progetto

1/A

BOTTANI

Debora

“Cocchetti”

Milano

Educare alla quotidianità

1/B

GAMBETTA

Lidia

“Cocchetti” Milano

Educare alla quotidianità

2/A

PEZZOTTI

Nadia

“M.G.Brivio”

S. Giuliano Mil.

La giostra delle emozioni

2/B

ROVERE

Elisabetta

“M.G.Brivio”

S. Giuliano Mil.

La giostra delle emozioni

3

CAVALLO

Barbara

“Banfi”

Rho

Fantasfogliando sotto il segno del mito

4

MACCHIONE

Chiara

Dairago

Dairaghetta e il palloncino

5

MATTAVELLI

Roberta

“A. Moro”

Inzago

Gino, piccolo grande girino

Presentazione sintetica dei singoli progetti:

Scuola

Titolo progetto

Note

1

“Cocchetti”

Milano

Educare alla quotidianità

Il progetto parte dalla rilevazione del bisogno del bambino di tre anni di narrare se stesso nel vissuto della quotidianità.

Il progetto non era stato ideato per la ricerca/formazione, ma è iniziato a novembre con il gruppo dei piccoli e portato avanti per tutto l’anno scolastico; non avendo le caratteristiche di un “laboratorio del racconto” è stato riletto con riferimento alla “scheda per la programmazione dei laboratori” proposta in ricerca (vedi negli allegati della pubblicazione)

2

“M.G.Brivio”

S. Giuliano Milanese

La giostra delle emozioni

Poiché la scuola sta lavorando sulle emozioni, in questo anno scolastico, è stata rilevata la difficoltà dei bambini nel saperle gestire.

Il progetto si presentava molto ampio, con tanti obiettivi e contenuti, per cui è stato necessario operare una selezione.

3

“Banfi”

Rho

Fantasfogliando sotto il segno del mito

Il progetto si è rivolto ai 17 bambini del gruppo dell’ultimo anno dell’intera scuola. È stato rilevato il bisogno di migliorare la capacità di attenzione e di verbalizzazione dei bambini.

 

Poiché mancavano strumenti adeguati di rilevazione, è stato necessario provvedere in merito.

4

Dairago

Dairaghetta e il palloncino

La ricercatrice coinvolta lavora con il gruppo dei bambini piccoli dell’intera scuola. Sono state rilevate difficoltà di linguaggio in tanti bambini.

Il progetto si è rivolto ai 60 bambini di tre anni di tutta la scuola, suddivisi in gruppi da 15/20 bambini che sono stati differenziati, in modo che vi è stato chi ha svolto la ricerca vera e propria, mentre altri hanno funto da gruppi di controllo. Il progetto presentava due percorsi didattici differenti tra i quali la ricercatrice ha scelto quale utilizzare.

5

“A. Moro”

Inzago

Gino, piccolo grande girino

Il progetto si è rivolto ai nove bambini grandi. Sono state rilevate difficoltà nella capacità di ascolto, di verbalizzazione e di gestione dell’ansia legata al passaggio alla scuola primaria.

 

Poiché mancavano strumenti adeguati di rilevazione, è stato necessario provvedere in merito.

6

“Recalcati” Bresso

La nostra biblioteca

Il progetto, completo ed esaustivo, non ha potuto essere attivato come ricerca per problemi oggettivi sopraggiunti. L’insegnante interessata ha comunque partecipato ai lavori fungendo da osservatrice/valutatrice esterna. L’esito del suo lavoro si trova in questo report finale.

4Gli incontri del gruppo di Milano:

5(a) 7 aprile 2017. SEDE CENTRO ASTERIA MILANO. Temi affrontati:

  • stato del lavoro: a che punto siamo con il progetto?
  • confronto: bisogni, proposte, esperienze avviate;
  • calendario prossimi incontri.

(b) 11 maggio 2017. SEDE AMISM MILANO. Temi affrontati:

  • riflessione sul percorso intrapreso;
  • riflessione sul progetto dopo l’avvio;
  • narrazione della nostra esperienza alla luce della ricerca.

6Nel corso dell’attività il team di tutoraggio si è incontrato tre volte, prendendo in considerazione:

  • Lettura dei progetti delle ricercatrici, condividendo elementi di forza e di criticità;
  • Condivisione delle tematiche dell’incontro;
  • Definizione data-luogo;
  • Organizzazione generale dell’incontro.

 

7Nell’ultimo incontro si sono messe in luce alcune fatiche rispetto al lavorare insieme con stili e approcci tanto diversi. La fatica è quella di costruire, mattoncino su mattoncino, una struttura che si compone poi come corpo unico.

8Vero è che incontrarsi, confrontare esperienze, imparare una dall’altra, riuscire a superare qualche divergenza, ha permesso alle partecipanti di sperimentare il lavoro di squadra, e quindi anche la bellezza del confronto, della condivisione e della crescita insieme.

9(Estratto dalle note del team di tutoraggio)

Gruppo della Provincia di Monza e Brianza

10Il gruppo è stato coordinato da due tutor, già impegnate nella scuola quali coordinatrici, nonché in Associazione come coordinatrici di rete:

  • Majo Elisabetta
  • Marasi Maria Gabriella

Ricercatrici e progetti

Numero

Cognome e Nome

Scuola

1

CESANA Giulia Maria

“S. Maria” Carate B.

2

COLCIAGO Federica

“S. Maria” Carate B.

3

GOBBO Cristina

“Umberto primo”, Desio

4

MUSCI Tiziana

“Maria Assunta” Rancate di Truggio

5

SACCO Simona

Scuola dell’Infanzia di Corso Marconi,

Seveso

6

SPINELLI Cinzia

Vittorio Emanuele III Briosco

7

TAGLIABUE Chiara

“S. Maria” Carate B.

8

FERRARI Alice

“S. Francesco” Cesate

9

GRACI Sabina

“S. Francesco” Cesate

10

D’ALESSANDRO Giovanna

“S. Francesco” Cesate

Presentazione sintetica dei singoli progetti:

Numero

Titolo

Note

1

Storie in valigia

Simona segue un laboratorio di bambini grandi. A loro ha dedicato la sua ricerca/azione, un laboratorio di narrazione. Per evitare difficoltà nel visionare le immagini della storia si è costruito un KAMISHIBAI, “teatrino” in cui si visionano le immagini.

La storia scelta è stata CAPPUCCETTO ROSSO, con la motivazione che è un racconto che appartiene alla stessa infanzia dell’insegnante, quando la nonna gliela raccontava… “A quel tempo mi faceva paura il lupo”.

L’obiettivo era quello di esplorare le emozioni legate alla rabbia, alla paura, alla timidezza.

L’insegnante avvertiva l’importanza della narrazione a scuola. “Abbiamo una biblioteca, ma i bambini non possono prendere da soli i libri, non possono toccarli se non c’è l’ adulto con loro”.

2

A caccia del tesoro

Laboratorio di narrazione, legato agli elementi naturali, e alla manipolazione degli stessi, per alunni della fascia dei “grandi” suddivisi in 2 gruppi (9+9).

La storia ha previsto la costruzione del castello, e la scoperta di uno scrigno, e di un tesoro. Alla fine i bambini hanno scoperto che erano proprio loro il tesoro!

I bambini hanno scelto i personaggi: un drago, una principessa, una lumaca magica, una farfalla, un topo con gioielli, un gatto.

Stupore e ricerca.

3

La rabbia si “sgabbia”

Il filo conduttore è stato “il libro della giungla”. Anche i bambini possono sentirsi pericolosi. Il progetto è stato destinato ai grandi.

Sono stati proposti giochi motori, usati piccoli strumenti musicali, nonché materiali di riciclo, il tutto in uno spazio dove era possibile sperimentare la rabbia e gestirla grazie alla costruzione della “scatola della rabbia”. Il laboratorio ha anche previsto la ricerca di immagini della rabbia, e un’intervista ai bambini stessi

4

Coccoliamoci di storie

Il laboratorio ha riguardato 10 mezzani. L’ insegnante ha proposto una storia sul coraggio, presentata in uno spazio adeguato per raccontare, nonché l’ausilio di una fodera di cuscino per coccolarsi nell’“angolo della narrazione”.

5

Palconarrando

Un palco, già utilizzato come deposito di materiali, è stato liberato e pulito in modo da diventare lo spazio del racconto. La narrazione è iniziata con un tema dell’insegnamento della religione cattolica, e cioè la parabola della “pecorella smarrita”.

Il tema dominante nel laboratorio ha riguardato la “paura”.

6

Ladri di fiabe.

C’era una volta, ora te la racconto io

Laboratorio per i grandi di una sezione. Il progetto non ha potuto coinvolgere tutte le insegnanti perché hanno un’organizzazione della giornata molto scandita, da attività di 45 minuti l’una. La settimana è organizzata in laboratori, molto valutativi con scheda di performance finale. Ogni attività è seguita poi dal disegno del vissuto. Quando manca un’insegnante tutto il sistema si blocca, e/o si rallenta. Risulta difficile cambiare le abitudini all’interno della scuola, i tempi, i modi, gli orari. Siccome c’era consapevolezza di voler/poter cambiare, il rischio era di non sapersi organizzare nel modo più corretto.

11Prime osservazioni emerse:

  • Tutte le insegnanti hanno lavorato su argomenti afferenti alle “emozioni”;
  • Le insegnanti hanno generalmente individuato una storia, senza coinvolgere i bambini nella scelta. Questa pertanto era stata fatta a priori;
  • Tutte le insegnanti hanno sottolineato la necessità di fare narrazione; molte di loro pensavano che i bambini non sapessero raccontare, non avessero nulla da raccontare, e hanno visto la ricerca come un’opportunità di uscire dalla routine di attività “scolarizzanti” non a misura di bambino, giustificate magari dall’affermazione che “i genitori lo chiedono”.

Raggruppamenti

Parole

Dimensione soggettiva

Emozioni, ansia, paura

Atteggiamenti individuali

Bambini silenziosi, telematici

Attività

Ascolto, racconto, costruire

Contenuti

Storie di infanzia

Spazio. Ambiente

Posto tranquillo, ambiente rilassante, angolo, biblioteca, aboratorio

Mezzi e materiali

Libri

Situazioni relazionali/sociali

Bambini aggressivi, soli, isolati, grandi

Considerazioni

12Alcune ricercatrici avvertivano l’esigenza di essere accompagnate, magari limitate nelle aspettative, guidate. Sicuramente i gruppi erano molto motivati, seri e disponibili.  L’organizzazione interna delle scuole si differenzia nell’organizzazione di spazi e tempi. Le insegnanti hanno chiesto aiuto, anche pratico, hanno condiviso strategie, abitudini, metodi, annotandosi curiosità e particolari sollecitazioni.

 

13Il lavoro ha permesso di intrecciare interessanti relazioni, scambi, condivisioni. Ci si è rese conto che non tutte assumevano lo stesso “sguardo”, per cui nulla poteva darsi per sottinteso, ovvio. Fra tutor ci si è confrontate parecchio… a volte riuscendo anche a stupirsi… .

 

14Una prima osservazione è stata quella di rendersi conto di quanto poco si pone il bambino al centro dell’azione didattica: si è certamente più attenti ad assecondare le richieste dei genitori. Queste, inevitabilmente, tendono a promuovere la scuola del fare rispetto a quella dell’essere!

15C’è ancora molta strada da fare, certamente. Abbiamo però potuto rilevare come le due diverse tipologie di azione, quella della ricerca scientifica, ma anche quella metodologico-didattica, hanno favorito un maggior confronto fra tutti ed arricchimento per l’intero gruppo. Questo si può tranquillamente affermare sia avvenuto in entrambi i gruppi di ricerca.

16Ogni studio dei singoli progetti, pur affrontando le medesime necessità rilevate nei bambini delle diverse scuole, ha permesso di costruire, progettare e apportare nei gruppi modifiche importanti riguardanti lo star bene dei bambini, sia singolarmente sia in gruppo, fisicamente, ma anche intellettualmente e moralmente.

17In tal modo, grazie alla ricerca/azione, la formazione dell’insegnante è continua, costante, non limitata a periodi o a corsi prestabiliti, ma riguarda tutta l’organizzazione scolastica, l’intero collegio docenti e tutte le attività proposte ai bambini.

18Del resto, cambia anche la posizione ed il ruolo dell’insegnante nella scuola: diventa osservatrice, regista, non ricopre prevalentemente il ruolo di guida direttiva, ma sa accompagnare autorevolmente il bambino perché sia lui stesso il protagonista creativo delle proprie esperienze.

19Lavorare in questa ricerca/azione, pertanto, ha convinto i partecipanti tutti dell’opportunità, anzi della necessità di appoggiare e prodigarsi per costruire una scuola maggiormente aperta, in cui il bambino stesso, attraverso il suo agire concreto, si ponga problemi, cerchi la soluzione ai suoi quesiti e persegua con serenità e determinazione i traguardi relativi alle competenze, così come recitano le Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell’Infanzia.

20Infine, ci pare che sia proprio l’agire consapevole e competente dei piccoli a stimolare nelle insegnanti un atteggiamento professionale di autoriflessività, di risposta seria ai veri bisogni dei bambini, e questo si risolve pure in una nuova capacità della scuola di sostenere correttamente le proprie proposte educative e di motivarle pedagogicamente alle famiglie.

© Editore XY.IT, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search