Version classiqueVersion mobile

Tessitrici di storie

 | 
Enrico Salati
, 
Christiano Zappa

Presentazione: Raccontare e raccontarsi, un paradigma

Gian Luigi Bruschi

Texte intégral

“Tradizione non è culto delle ceneri ma custodia del fuoco”
Gustave Mahler

1Periodicamente l’AMISM pubblica un libro che raccoglie le riflessioni sui corsi di aggiornamento e di ricerca/azione, nella forma letteraria della narrazione delle storie.

  • 1  Salati E.M., Zappa C. (a cura di), Storie di scuola. Pedagogia narrativa per l’infanzia, XY.IT, Ar (...)
  • 2  Castoldi M., Salati E.M. (a cura di), La qualità nelle scuole dell’infanzia paritarie, Franco Ange (...)

2Il volume che presentiamo “Tessitrici di storie”, come il precedente “Storie di scuola”1 che racconta gli itinerari didattici e formativi vissuti personalmente da alcuni educatori, va in questa direzione, che sta diventando un nostro stile argomentativo. Anche il nostro libro sul “monitoraggio” della qualità delle scuole2 può essere considerato conforme a questo genere. Infatti gli attori principali: insegnanti, dirigenti, genitori e comunità si autorappresentano la scuola cui si sentono di appartenere.

 

3Inoltre è noto che le nostre scuole colgono l’occasione degli anniversari di fondazione per stampare volumi e libretti della propria storia: il nostro Centro documentazione ne conserva un discreto numero.

4Le scuole, solitamente abbastanza piccole, mostrano una grande capacità di racconto riuscendo a porre in evidenza lo “specifico” che le differenzia dalle altre e che è sentito caro e condiviso dalla vicina comunità.

5Le storie delle nostre scuole sono ciò che abbiamo di più prezioso; senza, perderemmo molto del significato della loro lunga e complessa vicenda.

  • 3  Bruner J.S., La ricerca del significato. Per una psicologia culturale, Bollati Boringhieri, Torino (...)

6Lo si nota soprattutto quando si riportano i racconti di vita del testimone storico che ha operato nella scuola. In questi casi si osserva che “non si limitava a riferire: cercava di dare un senso alla vita quotidiana. Sembrava fosse alla ricerca di una struttura globale che comprendesse le cose che aveva fatto, le cose che sentiva e le cose in cui credeva”3.

 

7Solo quando ci sentiamo partecipi di una “narrazione” troviamo la forza di assumerci la responsabilità di impegnarci a nostra volta.

  • 4  Ibi, p. 35.

8“La psicologia deve smettere di cercare di essere indipendente dal significato, all’interno del suo sistema di spiegazione”. “Ciò che invece sostengo è che la cultura, e la ricerca di significato all’interno della cultura, sono le vere cause dell’agire dell’uomo”4.

 

  • 5  Moscatelli L., biblista e teologo, in Dissentire e discutere, anche animatamente - Proposta per un (...)

9“Il raccontare è decisivo perché configura la narrazione in prima persona come testimonianza. Il testimone è colui che parla di una cosa che ha visto, nella quale è stato coinvolto, della quale ha fatto esperienza. La narrazione dice il realismo di qualcosa che ci ha anticipato, che è entrato nella nostra storia e che ha cambiato il nostro modo di vedere, di sentire, di vivere”5.

 

10Anche oggi i genitori attribuiscono molta importanza al “clima” relazionale e alla storia complessiva che la scuola riesce a trasmettere tramite gli insegnanti e tutti gli attori in gioco, nessuno escluso: cuoca, inserviente, colui che fa manutenzione, volontari e così via.

 

  • 6  Ribolzi L., Paritarie : buone, cattive, troppe, troppo poche ? , Il sussidiario, 3 febbraio 2018 : (...)

11“Le famiglie, più o meno consapevolmente, cosa chiedono alle nostre scuole? Quali motivazioni le spingono a sceglierci? (…) Quella identitaria, di famiglie che vogliono garantire ai propri figli una coerenza con i valori famigliari, e quella di tutela, che desidera per i propri figli un ambiente più protetto e in qualche modo più “famigliare”6.

 

12In questo periodo le nostre scuole sono impegnate per la prima volta a confrontarsi con il RAV, il Rapporto di autovalutazione, che ogni scuola dovrà periodicamente compilare. Osservo, che al di là dei tecnicismi e degli schematismi che la compilazione richiede, può diventare occasione di riflessione su quello che siamo, su come operiamo e sulla “missione” e gli obiettivi generali che ci prefiggiamo; il tutto dentro l’orizzonte di un miglioramento continuo, fedeli a una storia che dobbiamo testimoniare operando e, all’occasione, narrando.

 

13Quindi un grazie convinto ai ricercatori, e soprattutto al prof. Enrico Mauro Salati che ha condotto e coordinato, con il valido apporto del dott. Cristiano Zappa, il lavoro di elaborazione, studio e approfondimento dell’azione educativa in chiave narrativa, arrivando alla determinazione che raccontarsi e raccontare la nostra attività formativa può diventare una modalità interpretativa, quasi una sorta di paradigma della nostra “politica” educativa.

 

Notes

1  Salati E.M., Zappa C. (a cura di), Storie di scuola. Pedagogia narrativa per l’infanzia, XY.IT, Arona (NO) 2014.

2  Castoldi M., Salati E.M. (a cura di), La qualità nelle scuole dell’infanzia paritarie, Franco Angeli, Milano 2014.

3  Bruner J.S., La ricerca del significato. Per una psicologia culturale, Bollati Boringhieri, Torino 1992, p. 91.

4  Ibi, p. 35.

5  Moscatelli L., biblista e teologo, in Dissentire e discutere, anche animatamente - Proposta per un ritiro spirituale 2018.

6  Ribolzi L., Paritarie : buone, cattive, troppe, troppo poche ? , Il sussidiario, 3 febbraio 2018 : http://www.ilsussidiario.net/News/Educazione/2018/2/3/SCUOLA-Paritarie-buone-cattive-troppe-troppo-poche-/804982/

© Editore XY.IT, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search