Versione classicaVersione mobile

Letterature è formazione

 | 
Daniela Tonolini

3. Capitolo terzo. Percorsi di lettura

3.11 Curzio Malaparte, La pelle242

I formati HTML, PDF ed ePub di questo libro sono accessibili agli utenti di biblioteche e istituzioni che lo hanno acquistato come parte dell'offerta OpenEdition Freemium for Books. Il libro può anche essere acquistato sui siti dei librai partner, nei formati PDF ed ePub, se l'editore ha scelto questa distribuzione commerciale. Se l'edizione cartacea è disponibile, i link alle librerie sono proposti in questa pagina.

Estratto del testo

È un’opera il cui registro espressivo è di per se stesso sostanza tematica e componente essenziale per via della scelta del lessico, che è tale da rendere con pienezza le dure realtà affrontate.

Malaparte dipinge con parole aspre, taglienti, con un linguaggio spietato la situazione in cui si ritrovano gli abitanti di Napoli subito dopo la II Guerra Mondiale: episodi di pedofilia, orge, violenze, attraversati da una sorta di deformazione morale collettiva. È il racconto di una «peste morale»243 che attacca anche i bambini: «Bastava che un bambino si mettesse in bocca una caramella offertagli da un soldato americano perché la sua anima innocente si corrompesse»244.

Una miseria morale, un orrore, un’esibizione dell’osceno. Un’umanità disumanizzata, dove i bambini sono venduti a peso, mercificati; una realtà non lontana da situazioni odierne, edulcorata, da turismo sessuale.

Il linguaggio adottato da Malaparte ha una forza tale da penetrare l’anima del lettore, per quelle sue immagini fort...

© Editore XY.IT, 2015

Condizioni di utilizzo http://www.openedition.org/6540

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search