Version classiqueVersion mobile

La pedagogia teatrale

 | 
Gaetano Oliva

Introduzione

Texte intégral

1Le grandi riflessioni dei registi-pedagoghi del Novecento, il concetto dell’attore- persona e l’idea dell’uomo al centro del processo educativo e pedagogico, rappresentarono la base e il punto di partenza per la trasformazione del senso del teatro e dell’arte da arte come rappresentazione ad arte come veicolo.

2La centralità del processo fu sempre attribuita all’uomo, per questo si può affermare che le riflessioni sul concetto di arte come veicolo costituirono proprio una conseguenza logica rispetto alla ricerca effettuata dai registi-pegagoghi.

3In particolare i grandi registi-pedagoghi consideravano il teatro un momento ed un luogo determinante in cui si concretizzava il processo creativo, dove l’attore poteva prendere coscienza della propria dimensione creativa, a volte senza avere uno scopo ben preciso quale poteva essere la produzione dello spettacolo. Il teatro del Novecento, in definitiva, tendeva ad essere, prima che spettacolo, training, ricerca della pre-espressività e della espressività dei diversi linguaggi, realizzata non tanto sul piano della manifestazione ma della elaborazione; un teatro di ricerca che ha privilegiato una nuova metodologia di lavoro, quella cioè del laboratorio teatrale, luogo per eccellenza protetto, dove l’attore poteva sperimentare e proporre ad altri la sua umanità, dopo aver lavorato su se stesso, attraverso il proprio corpo, la propria voce e il movimento. Un nuovo teatro in cui non spettava più solo al capocomico o al drammaturgo trasmettere emozioni e passioni ma dove la creatività e la capacità degli attori, sulla spinta dei registi-padagoghi, si facevano doti concrete, atte ad esprimere emozioni e a dare vita ai personaggi sulla scena.

4Il teatro, in questo modo, possiede una sua realtà comune: dentro il teatro ha come centro l’attore, fuori dal teatro si propone come rappresentazione simbolica della visione del mondo. L’attore, come dimensione espressiva del fare teatro, fu il fine e il progetto dei registi-pedagoghi: l’attore, prima di tutto persona, usa consapevolmente se stesso per esprimere; la ricerca uscì quindi dal teatro e l’attore, in quanto uomo, divenne un progetto. Questa idea fu istanza comune dei registi-pedagoghi come Stanislavskij, Copeau, Mejerchol’d e Brecht.

5Tra le novità più significative del Novecento, vi fu la volontà e il bisogno di uscire dal teatro, dalla sua ideologia, dalle sue condizioni ambientali e di produzione, per ricercare nuove forme e nuove realtà di teatri. I registi-pedagoghi si misero alla ricerca e alla conquista di un significato, in una società in cui, l’individuazione dei bisogni e la risoluzione ai loro problemi, diventarono la modalità per fare teatro.

6Il teatro venne ad assumere la connotazione di “evento unico”, reale e non ripetibile, che si crea nuovo ogni volta. Per questo si può affermare che il teatro uscì dal teatro stesso e dagli spazi del teatro per cercare la strada, la piazza e si identificò come una “casa comune” per fuggire dalla miseria presente, per costruirsi come avventura e viaggio nella società.

7Dietro agli insegnamenti dei registi-pedagoghi si definì un teatro che restituisce pienezza di valore all’attore-persona e la formazione di gruppi ed ideologie si servì del teatro per vivere e creare una diversa realtà sociale.

8La storia della regia del Novecento (quella dei registi-pedagoghi, dei maestri e non dei capocomici-registi o attori interpreti) si basò su delle teoretiche che rappresentarono l’espressione acuta della crisi di valori che il teatro del XX secolo assunse come consapevolezza di sé, progettando e ricercando, non tanto nuove tecniche o particolari modalità del fare teatro, ma un nuovo senso del teatro nella società degli uomini; in definitiva, con la formazione di un nuovo uomo che, prima di essere regista, attore o uomo di scena, è uomo come tale.

9L’Educazione alla Teatralità, che nasce come teoria consequenziale alle teoretiche del Novecento, ha come obiettivo primario quello di favorire il benessere psicofisico della persona, per questo si pone come un mezzo e non come un fine della sua crescita e del suo cambiamento; la teatralità e l’arte in generale, così concepiti, vengono ad assumere il ruolo di veri e propri veicoli per la conoscenza di sé. L’Educazione alla Teatralità trova la sua affermazione nel concetto dell’«arte come veicolo» che è una definizione di Grotowski, il quale dedicò gli ultimi anni della sua esistenza alla ricerca dell’arte come mezzo per l’attore per trascendere e crescere. Questo concetto, fondamentale per l’Educazione alla Teatralità e per la progettazione pedagogica, consiste nel superamento dell’idea di arte come presentazione, ovvero come spettacolo, per una concezione di arte come strumento per la conoscenza di se stessi.

10Grotowski rappresenta, a partire dal 1960, l’ultimo regista pedagogo, insieme a Peter Brook e a Eugenio Barba, ed incarna il termine della tradizione che è il fulcro centrale del Novecento teatrale e che trova origine in figure come Stanislavskji, Mejerchol’d e Copeau; Grotowski, in realtà, è l’erede e il superamento di Stanislavskji, cioè colui che ha dato vita ad una nuova pedagogia, portando il teatro oltre allo studio del personaggio, al testo e alla rappresentazione, fino a definire l’arte come veicolo.

11La vera rivoluzione grotowskiana novecentesca portò il teatro a trasformarsi da fine a mezzo, cioè da semplice occasione di divertimento e intrattenimento estetico, ad essere uno strumento efficace di conoscenza e di scoperta della propria consapevolezza (acquisita nel corpo e con il corpo) e in una ricerca spirituale più profonda. Il regista polacco cercò quel distacco, già rappresentato da altri registi pedagoghi precedenti come Artaud, tra teatro e spettacolo, fino a concepire e a praticare un teatro addirittura senza lo spettacolo: un teatro come lavoro su di sé finalizzato, in prima istanza, a chi lo compie e non a chi assiste, cioè allo spettatore.

12Oggi chiunque desideri approcciarsi all’arte e, in particolare, al teatro non può prescindere dall’idea di arte come veicolo e non può che partire da questo concetto.

13La pedagogia teatrale rappresenta una struttura fondamentale per l’arte, poiché permette all’arte di rigenerarsi e di ripensarsi come veicolo ma anche, in continuità alla tradizione dei registi-pedagoghi, come rappresentazione che non è più concepita solo fine a se stessa, ma diventa parte di un vero e proprio processo creativo.

© Editore XY.IT, 2009

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search