Version classiqueVersion mobile

Educazione alla teatralità

 | 
Gaetano Oliva

Capitolo quarto. La Progettualità

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

I. Progetto Uomo

Premessa

Se il teatro sopravvive anche oggi, è perché risponde a un preciso bisogno sociale: il miglioramento della qualità di vita sia dello spettatore sia, in misura maggiore, di chi fa teatro, come scrisse Julian Beck negli ultimi anni della sua vita: «il teatro è una cerimonia il cui scopo è vitalizzare la comunità. Se fosse meno di ciò non interesserebbe a nessuno». 1

Ed è questo è il concetto fondamentale: per sua natura, per soddisfare una delle sua necessità intrinseche, una comunità tende a “rappresentarsi” o, per meglio dire, “fare teatro”. A tale proposito Silvio D’Amico afferma:

il teatro drammatico. E cioè una forma d’arte; di rappresentazione. I soldati in una parata, i calciatori in uno stadio, i giocolieri e gli acrobati, i toreri e i cavallerizzi, non rappresentano nulla: danno spettacolo sì, ma di se stessi: offrono al pubblico una autentica seppure atteggiata verità. Invece gli attori del Teatro drammatico offrono una finzione: rappresentano altri per...

© Editore XY.IT, 2016

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search