Version classiqueVersion mobile

Teobaldo Ciconi

 | 
Gaetano Oliva

La gelosia. Dramma postumo

Atto quinto

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Sala come nell’atto terzo

— Scena I —

Tecla seduta presso il tavolino col capo tra le mani. Colomba entra in punta di piedi avvicinandosi a Tecla.

Colomba: (con tuono afflitto) Piangete zia?

Tecla: (con soprassalto) No (asciugandosi gli occhi).

Colomba: Eppure...

Tecla: Ma no ti ripeto, e perché dovrei piangere? (mostra calma).

Colomba: (dolcemente) Non lo so, e sarà forse la mia sola immaginazione, ma parmi che spiri tanto mistero, tanta tristezza nel castello, che piangerei anch’io senza conoscerne la ragione.

Tecla: E che t’accadde mai fanciulla mia? Il tuo fidanzato t’avrebbe egli dato nuove inquietudini. Dubitereste forse ancora ch’egli non t’ami.

Colomba: Oh! Non è questo; e perché dovrei io dubitare del suo amore? Non ha egli giurato d’amarmi? E la sua voce non tremava in quel momento, oh! I suoi occhi si fermarono tranquilli, ed amorevoli su i miei il suo sguardo dolce, e melanconico parlava in quel momento un linguaggio, che non poteva essere quello della menzogna. Due lagrime spunt...

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search