Versione classicaVersione mobile

Teobaldo Ciconi

 | 
Gaetano Oliva

La figlia unica. Commedia

Atto terzo

I formati HTML, PDF, ePub sono accessibili agli utenti delle biblioteche e degli istituti che hanno richiesto la licenza OpenEdition Freemium per Books. Ad ogni modo, l'opera potrà essere acquistata online tramite le nostre librerie affiliate, nei formati PDF e ePub. Se la versione a stampa è disponibile sono proposti dei link verso le librerie in questa stessa pagina.

Estratto del testo

Salone in casa della marchesa Villanis, arredato con lusso. Porta in fondo. Porte laterali. A destra un tavolo contornato da seggioloni. Sul tavolo una gran lucerna a campana opaca accesa, un grande album da fotografie e l’occorrente per scrivere. A sinistra sofà. In fondo due tavolini appoggiati alla parete. Uno di questi serve a sostenere un servizio da thè.

— Scena I —

Marchesa Villanis e Ippolito Grigioni.

(La marchesa Villanis, elegantemente vestita, è seduta a destra presso il tavolino. Ricama. Entra Ippolito dal fondo).

Ippolito: (sull’uscio) Sola?

Marchesa Villanis: (volgendosi) Coi miei pensieri... e colle mie pantofole (mostrando il ricamo).

Ippolito: (avanzandosi) Sarebbe il caso di aggiungere: e coi vostri

rimorsi?

Marchesa Villanis: Sedete. I signori Castellani saran qui a momenti. Quanto ai rimorsi, f indirizzo è sbagliato.

Ippolito: (seduto) Dunque?

Marchesa Villanis: (ricamando) Dunque che?

Ippolito: La vostra ultima parola?

Marchesa Villanis: La mia ultima parola è sempre la pr...

© Editore XY.IT, 2010

Condizioni di utilizzo http://www.openedition.org/6540

Acquista

Versione a stampa

amazon.fr
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search