Version classiqueVersion mobile

Teobaldo Ciconi

 | 
Gaetano Oliva

Peccati vecchi e penitenza nuova. Dramma

Atto quinto

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

— Scena I —

Barone Alfonso, indi Giorgio Ortis.

Barone: (seduto sul suo seggiolone, oppresso dai fisici e morali dolori, si toglie dal seno il medaglione avuto da Maria, lo guarda, lo contempla per qualche istante. Entra Giorgio dal fondo, si ferma sull’uscio ad osservare il barone poi tossisce.) Chi è là, chi ti ha chiamato? Ti dissi e ti ripeto che voglio restarmene solo... sempre solo, capisci? Va via...

Giorgio: (senza rispondere fa invece qualche passo avanti).

Barone: (battendo forte la destra sul seggiolone) Insomma, mi vuoi o non mi vuoi intendere?

Giorgio: Ammiraglio!

Barone: (guardandolo in faccia e vedendo che si asciuga le lagrime col dorso della mano) Ebbene, che c’è di nuovo? Cos’hai? Parla una volta, che il malanno ti colga.

Giorgio: (imbarazzato) Perdonate... gli è un piccolo servizio che vorrei ottenere dalla signoria vostra...

Barone: Quale servizio? Sentiamo. Di che si tratta?

Giorgio: Ho ricevuto una lettera. L’ammiraglio sa benissimo che io non sono stato alle scuole, e ...

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search