Version classiqueVersion mobile

Teobaldo Ciconi

 | 
Gaetano Oliva

Peccati vecchi e penitenza nuova. Dramma

Atto secondo

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Sala come nel primo atto. Solo presso la finestra a sinistra, un piccolo tavolo da lavoro per donna, su cui una cestellina con pizzi, trine, ecc. È la cestellina del lavoro di Gabriella.

— Scena I —

Gustavo e Celestino De-Boni.

Gustavo: (dando in uno scroscio di risa) Domando scusa, notaio amabile, ma non posso starmi dalle risa.

Celestino: Padrone di ridire quanto v’accomoda, ma nello stesso tempo siete pregato di credere che non vi dico una cosa per l’altra.

Gustavo: Impossibile, vi ripeto, impossibile.

Celestino: Impossibile niente affatto. In fine dei conti io sono una persona pulita, un uomo di mondo, esercito una professione, pratico il foro, possedo una casa con quattro piani, ho 32 anni, 32 denti, non sono gobbo, non sono cieco, non sono invalido, e credo benissimo che una fanciulla onesta non perda del suo decoro accettando di dividere il mio nome e la mia posizione notarile.

Gustavo: Questo lo credo anch’io, ma non credo dall’altra parte che la Baronessa, facendovi la strana prop...

© Editore XY.IT, 2010

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search