Versione classicaVersione mobile

Teobaldo Ciconi

 | 
Gaetano Oliva

Le pecorelle smarrite. Commedia

Atto primo

I formati HTML, PDF, ePub sono accessibili agli utenti delle biblioteche e degli istituti che hanno richiesto la licenza OpenEdition Freemium per Books. Ad ogni modo, l'opera potrà essere acquistata online tramite le nostre librerie affiliate, nei formati PDF e ePub. Se la versione a stampa è disponibile sono proposti dei link verso le librerie in questa stessa pagina.

Estratto del testo

Camera in casa di Vittorio Vettori addobbata con qualche eleganza.
Porta in fondo e due laterali. A destra un tavolino da lavoro per
donna. A sinistra un tavolino ad uso scrivania per uomo. Su
questo
, oltre l’occorrente per scrivere, c’è libri giornali e un
campanello. In fondo uno specchio. Sedie e seggioloni sparsi
all’ingiro. Tappeto in terra.

— Scena I —

Clemenza seduta al tavolo da lavoro che ricama; Vittorio Vettori seduto alla scrivania che legge un manoscritto, in veste da camera.

Vittorio: (legge a mezza voce)

“Angelo mio, mi chiedi Perché la faccia ho mesta
E gemebondo il cor?
Angelo mio, non vedi
Che la sublime è questa Melanconia d’amor?”

(continua a scorrere coll’occhio il resto del manoscritto, indi lo piega, ne
forma un plico
, suona il campanello, viene Giovanni.
Clemenza osserva tutto questo con aria sospettosa)

— Scena II —

Giovanni dalla porta di fondo e detti.

Vittorio: (consegnando il plico a Giovanni) Porterete questo plico in Doragrossa, alla stamperia del Messaggiere delle ...

© Editore XY.IT, 2010

Condizioni di utilizzo http://www.openedition.org/6540

Acquista

Versione a stampa

amazon.fr
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search