Desktop versionMobile version

Teobaldo Ciconi

 | 
Gaetano Oliva

Le pecorelle smarrite. Commedia

Atto primo

The HTML, PDF, ePub formats of this book are available to the users of libraries and institutions subscribing to the OpenEdition Freemium program for Books. The book will also be available to buy in PDF and ePub formats on the websites of our partner bookstores. If a print edition of the book is available, links to bookstores will be displayed on this page.

Excerpt

Camera in casa di Vittorio Vettori addobbata con qualche eleganza.
Porta in fondo e due laterali. A destra un tavolino da lavoro per
donna. A sinistra un tavolino ad uso scrivania per uomo. Su
questo
, oltre l’occorrente per scrivere, c’è libri giornali e un
campanello. In fondo uno specchio. Sedie e seggioloni sparsi
all’ingiro. Tappeto in terra.

— Scena I —

Clemenza seduta al tavolo da lavoro che ricama; Vittorio Vettori seduto alla scrivania che legge un manoscritto, in veste da camera.

Vittorio: (legge a mezza voce)

“Angelo mio, mi chiedi Perché la faccia ho mesta
E gemebondo il cor?
Angelo mio, non vedi
Che la sublime è questa Melanconia d’amor?”

(continua a scorrere coll’occhio il resto del manoscritto, indi lo piega, ne
forma un plico
, suona il campanello, viene Giovanni.
Clemenza osserva tutto questo con aria sospettosa)

— Scena II —

Giovanni dalla porta di fondo e detti.

Vittorio: (consegnando il plico a Giovanni) Porterete questo plico in Doragrossa, alla stamperia del Messaggiere delle ...

© Editore XY.IT, 2010

Terms of use: http://www.openedition.org/6540

Buy

Print version

amazon.fr
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search