Version classiqueVersion mobile

Figures d’empire, fragments de mémoire

 | 
Stéphane Benoist
, 
Anne Daguet-Gagey
, 
Christine Hoët-van Cauwenberghe

A. Norme, expression et codification durant l'Antiquité tardive

19. La constitutio de Scyris e l’insediamento dei barbari nell’impero

Pasquale Rosafio

Résumé

La constitution de Scyris datée de 409 représente pour nous le premier témoignage certain de l’utilisation des Barbares iure colonatus. Le panégyrique de Constance Chlore de 297 semble se référer à un emploi des Chamaves et des Frisons suivant des modalités similaires. Il s’agirait dans ce cas d’une attestation de l’application du principe dérivant de l’introduction de la réforme fiscale qui venait d’être introduite au début de l’âge tétrarchique. En réalité, le passage du panégyrique n’est pas aussi explicite que la constitution impériale postérieure. Au contraire, une analyse plus approfondie du texte indique que l’on a affaire à une forme différente d’emploi des Barbares dans le sillage d’une tradition déjà consolidée au iiie siècle et largement répandue tout au long du ive siècle, où l’on voyait des Barbares installés comme cultivateurs et enrôlés comme soldats au service de l’Empire. Il est donc plus juste d’expliquer la transformation des prisonniers Skyres en colons en se basant sur les circonstances historiques de la fin du ive siècle et du début du ve.

Texte intégral

1Questo intervento parte dall’analisi di tre testi, i primi due dei quali (una costituzione del Teodosiano e un passo di Sozomeno) descrivono il medesimo episodio affrontandolo sotto due angolazioni diverse.

  • 1 Cf. la recente messa a punto di P. Jaillette, «Introduction», Codex Theodosianus. Liber V - Le Cod (...)
  • 2 Cf. il documentato saggio di A. Barbero, Barbari. Immigrati, profughi, deportati nell’impero roman (...)

2Si tratta della vittoria dei Romani nel 409 sugli Unni, comandati da Uldin, e sui loro alleati Sciri che furono fatti prigionieri e deportati. Alcuni di essi furono assegnati come coloni a privati possessori, come riferisce la dettagliata normativa di una costituzione di Teodosio II. Molti studiosi hanno ritenuto che tale modalità di insediamento dei barbari nell’impero fosse diffusa già in epoca anteriore al 409 ed alcuni hanno perfino individuato in questa forma di impiego le origini stesse del colonato1. Mentre quest’ultima teoria oggi è stata completamente abbandonata, l’idea di un’ampia diffusione di barbari collocati come coloni su terre imperiali o appartenenti a privati è largamente accolta2.

3In particolare, nel terzo testo che verrà qui analizzato, dove si parla di barbari catturati da Costanzo Cloro e collocati sul territorio dell’impero come coltivatori, è stata vista l’anticipazione più coerente del modello di insediamento dei barbari Sciri, oltre un secolo prima del 409.

  • 3 R. Clausing, The Roman Colonate, New York, 1925 (p. 44-49; 57-61; 75-91) analizza e respinge le te (...)
  • 4 Sul ritrovamento e la pubblicazione del manoscritto contenente la costituzione cf. L. Atzeri, Gest (...)

4Un simile accostamento fu respinto già da Clausing, che riteneva invece che la constitutio de Scyris fosse la prima testimonianza di un utilizzo dei barbari come coloni3. L’opinione di Clausing, che si può ritenere isolata nel panorama degli studi sul colonato e sull’insediamento dei barbari nell’impero, merita a mio avviso una più attenta considerazione, come mi sforzerò di dimostrare attraverso un commento della stessa constitutio de Scyris4 e un confronto tra questo testo e alcune delle più significative testimonianze che la precedono e che sono state spesso interpretate come prova della tesi contraria.

  • 5 CTh, V, 6, 3: «Gli Imperatori Onorio e Teodosio ad Antemio prefetto al pretorio, Costantinopoli 12 (...)

CTh, V, 6, 3: Impp. Honorius et Theodosius AA. Anthemio praefecto praetorio.
Scyras barbaram nationem maximis [Chu]norum, quibus se coniunxerunt, copiis fusis imperio nos[tro] subegimus. Ideoque damus omnibus copiam ex praedicto gen[er]e hominum agros proprios frequentandi, ita ut omnes [scia] nt susceptos non alio iure quam colonatus apud se futu[ros] nullique licere ex hoc genere colonorum ab eo, cui se[mel] adtributi fuerint, uel fraude aliquem abducere uel [fugie]ntem suscipere poena proposita, quae recipientes [alien]is censibus adscribtos uel non proprios colonos in[seq]uitur. Opera autem eorum terrarum domini libera [utantur] ac nullus sub acta peraequatione uel censui ****acent nullique liceat uelut donatos eos a iure census [in se]ruitutem trahere urbanisue obsequiis addicere, [lice]t intra biennium suscipientibus liceat pro rei frumen[tari]ae angustiis in quibuslibet prouinciis transmarinis [tan]tummodo eos retinere et postea in sedes perpetuas [conl]locare, a partibus Thraciae uel Illyrici habitatione eorum [pen]itus prohibenda et intra quinquennium dumtaxat intra [eius]dem prouinciae fines eorum traductione, prout libue[rit, co]ncedenda, iuniorum quoque intra praedictos uiginti an[nos p]raebitione cessante. Ita ut per libellos sedem tuam ade[untibus] his qui uoluerint per transmarinas prouincias eorum [distri]butio fiat.
Dat. Prid. Id. April. Const(antino)p(oli) Hon(orio) VIII et Theod(osio) III conss.5

5Nella costituzione del 12 aprile del 409, diretta dalla corte di Teodosio II al prefetto del pretorio d’Oriente Antemio, si danno disposizioni riguardo alla sistemazione dei prigionieri appartenenti alla nazione barbara degli Sciri, sottomessi insieme ai loro alleati Cuni, dopo che le loro numerose schiere erano state sbaragliate dall’esercito romano. Il provvedimento mette un elevato numero di uomini a disposizione dei possessori che intendessero utilizzarli come manodopera nei propri campi purché però venissero tutti inquadrati esclusivamente secondo la condizione giuridica di colono. A corollario di tale precisazione si richiamano le misure frequentemente ripetute in costituzioni precedenti che condannano i possessori che attirano sui loro fondi coloni appartenenti ad altri o accolgono coloni fuggitivi. Questa disposizione ricorre in altre costituzioni del Teodosiano e si completa con l’altrettanto ricorrente richiamo alle pene comminate contro i possessori che si impadroniscono di coloni che non figurano nelle proprie liste censuali. I possessori sono inoltre obbligati a rispettare la condizione dei prigionieri che non vanno considerati come consegnati in dono e non possono perciò essere depennati dai ruoli censuali e essere utilizzati come schiavi in funzioni domestiche. Dopo queste rigide norme concernenti le modalità di impiego dei barbari, ai possessori vengono anche fornite precise indicazioni sui tempi e i luoghi del loro insediamento. Viene concessa la possibilità di trattenere i barbari per non oltre un biennio all’interno di qualsiasi provincia transmarina, vale a dire in una di quelle situate al di là del Ponto, allo scopo di favorire il superamento della crisi della produzione frumentaria. Si ribadisce che devono essere escluse le diocesi dell’Illirico e della Tracia, al di qua del Ponto. Viene inoltre concesso il trasferimento dei barbari coloni, ma solo all’interno della medesima provincia ed entro un quinquennio, trascorso il quale il loro vincolo alla terra è da considerarsi assoluto, come previsto dallo statuto dei coloni. Come per tutti i possessori di coloni viene poi fatto riferimento all’obbligo della praebitio tironum, dal quale sono tuttavia esentati per un periodo di venti anni. Viene infine affidato al prefetto del pretorio l’incarico della distribuzione dei barbari nelle province transmarine a beneficio dei possessori afferenti alla sua sede che ne avessero avanzato richiesta tramite un libellus.

6Il contenuto della costituzione è di grande complessità e investe alcune delle principali problematiche economiche e sociali della tarda antichità, come quelle della produzione agricola, della pressione fiscale, della crisi demografica, del reclutamento dell’esercito. Essa ci offre anche la prima e unica descrizione precisa e dettagliata di una delle diverse forme in cui si poteva verificare l’insediamento di barbari sul territorio dell’impero. Abbiamo inoltre il vantaggio di poter integrare le informazioni del testo legislativo con la testimonianza di Sozomeno, che descrive l’evento da cui prende spunto l’intervento imperiale.

7Lo storico narra che gli Sciri erano un popolo barbaro e che, alleati degli Unni guidati da Uldin, nello scontro con i Romani nel 409 perdettero un gran numero di uomini. Egli riferisce poi che i prigionieri furono condotti a Costantinopoli. Una parte fu venduta in schiavitù a basso prezzo e altri furono addirittura donati, a condizione che venissero separati dalle aree di origine e trasferiti oltremare. La rimanente parte, molto numerosa, che non era stata né venduta né donata, fu dispersa, secondo Sozomeno, in vari luoghi per evitare che in gruppo costituisse un pericolo. Lo stesso scrittore dichiara di aver visto molti di questi barbari in Bitinia, dove coltivavano le pianure e le colline.

  • 6 Soz., 9, 5, 5-7: «Uldin si salvò a stento oltrepassando il fiume dopo aver perduto molti uomini, d (...)

5. Ὂ δὲ Οὒλδης πρòς τò πέραν τοImage ποταμοImage μόλις διεσώθε πολλοὺς ἀποβαλών, ἄρδην δὲ τοὺς καλουμένους Σκίρους (ἔθνος δὲ τοImageτο βάρβαρον ἱκανImageς πολυάνθρωπον πρὶν οιImageδε περιπεσεImageν συμϕορImage)· ὑστερήσαντες γὰρ ἐν τImage ϕυγImage οἱ μὲν αὑτImageν ἀνῃρέθησαν. 6. Δόξαν δὲ τοImageς ἂ ρχουσι διανεImageμαι τούτοις, μή τι πλImageθος ὄντες νεωτερίσωσι, τοὺς μὲν ἐπ’ ὀλίγοις τιμήμασιν ἀπέδοντο, τοὺς δὲ πολλοImageς προImageκα δουλεImageειν παρέδοσαν, ἐπὶ τImage μη- 'τε Κωνσταντινουπόλεως μήτε πάσης Εὐρώπης ἐπιβαίνειν καὶ τImage μέσῃ θαλάσσῃ χωρίζεσθαι τImageν ἐγνωσμένον αὐτοImageς τόπων. 7. Ἐκ τούτων τε πλImageθος ἂπρατον περιλειϕθὲν ἂλλοι ἀλλαχImage διατρίβειν ἐτάχθησαν πολλοὺς δὲ ἐπὶ τImageς Βιθυνίας τεθέαμαι ρός τImage καλουμενῳ Ὀλύμπῳ ὂρει σποράδεν οἰκοImageντας καὶ τὰς αὐτόθι ὐπωρείας καὶ λόϕους γεωργοImageντας6.

  • 7 Cf. Y. Modéran, «L’établissement des barbares sur le territoire romain à l’époque impériale», dans (...)
  • 8 H. Elton, Warfare in Roman Europe, AD 350-425, Oxford, 1996, p. 130, giustamente osserva nel racco (...)

8Se non vogliamo pensare ad una discordanza tra le versioni dell’episodio tramandate dalle due fonti, dobbiamo ritenere che fu il secondo gruppo di barbari menzionato da Sozomeno, quello fra l’altro insediato in Bitinia, a costituire l’oggetto delle misure adottate nella legge di Teodosio II7. In questo caso lo scrittore sarebbe testimone diretto dell’insediamento di coloni barbari in una provincia transmarina, la Bitinia, secondo quanto stabilito dalla legge8.

  • 9 In generale per l’analisi dei rapporti con i barbari alla luce della testimonianza dei panegirici (...)
  • 10 O nel 298: cf. C. E. V. Nixon, B. Rodgers, In Praise of Later Roman Emperors. The Panegyrici Latin (...)

9Apparentemente analogo al trattamento dei prigionieri catturati nella guerra contro Uldin è quello che era stato riservato ai barbari sconfitti da Costanzo Cloro, secondo la descrizione dell’autore di un panegirico9 composto nel 29710, in occasione del quinto anniversario della nomina del Cesare occidentale, nella prima tetrarchia. L’anonimo panegirista elogia le imprese di Costanzo che sterminò in ogni luogo tante popolazioni barbariche, estendendo i confini e recuperando un buon numero di province:

  • 11 Pan., 5 [8], 1, 4: «Tante vittorie sono state in seguito procurate dal vostro valore, tante popola (...)

Cum tot postea uirtute uestra partae uictoriae, tot excisae undique barbarae nationes, tot traslati sint in rura cultores, <tot> prolati limites, tot prouinciae restitutae11.

  • 12 Sull’uso del verbo seruire applicato ai barbari cf. F. Heim, «Clémence ou extermination: le pouvoi (...)

10Più avanti, egli aggiunge che neppure i luoghi impervi e pieni di rifugi riuscirono a proteggere questi barbari, che si arresero a discrezione all’imperatore consegnandosi con le mogli, i figli e i propri beni, e furono costretti a coltivare in condizioni di dipendenza (seruiendo)12 le terre che forse essi stessi in passato avevano devastato e reso deserte:

  • 13 Pan., 5 [8], 8, 4: «Ma neppure le insidie dei luoghi né i nascondigli che numerosi si insinuano ne (...)

Sed neque illae fraudes locorum nec quae plura inerant perfugia siluarum barbaros tegere potuerunt, quominus dicioni tuae diuinitatis omnes sese dedere cogerentur, et cum coniugibus ac liberis ceteroque examine necessitudinum ac rerum suarum ad loca olim deserta transirent ut, quae fortasse ipsi quondam depraedando uastauerant, culta redderent seruiendo13.

  • 14 Per l’equivalenza tra deditio in dicionem e deditio in fidem in età repubblicana v. W. Dalheim, De (...)

11La formula adoperata dal panegirista per la resa incondizionata dei barbari (dicioni tuae diuinitatis omnes sese dedere… cum coniugis ac liberis)14 è ricorrente in queste circostanze.

12Alcuni di questi popoli, come i Camavi e i Frisii, dopo la sconfitta furono trattenuti come prigionieri in catene, pavidi e impotenti, sotto i portici di alcune città, insieme con le loro donne e con i loro parenti giovani e anziani di entrambi i sessi, in attesa di essere inviati nei territori destinati alla loro coltivazione. Assegnati a varie province, essi ne favorirono il benessere, accrescendo con il loro lavoro la produzione dei cereali e favorendo così sia l’incremento dei viveri che il ribasso dei prezzi, e la vendita sul mercato del bestiame da loro allevato. Infine, se si rendeva necessario, venivano arruolati accettando senza resistenze di sottoporsi alla rigida disciplina militare romana:

  • 15 Pan., 5 [8], 9, 1-4: «Quale dio, anche se avesse voluto apparire e parlare, avrebbe potuto indurre (...)

Quis hoc umquam futurum, etsiamsi coram uoluisset adfari, deus ante uos principes persuadere potuisset quod nunc uidimus et uidemus: totis porticibus ciuitatum sedere captiua agmina barbarorum, uiros attonita feritate trepidantes, respicientes anus ignauiam filiorum nuptas maritorum, uinculis copulatos pueros ac puellas familiari murmure blandientes, atque hos omnes prouincialibus uestris ad obsequium distributos, donec ad destinatos sibi cultus solitudinum ducerentur. 2. Insultare hercule communi Galliarum nomine libet <et>, quod pace uestra loquar, ipsis trimphum adsignare prouinciis. 3. Arat ergo nunc mihi Chamauus et Frisius et ille uagus, ille praedator exercitio squali<di> ruris operatur et frequentat nundinas meas pecore uenali et cultor barbarus laxat annonam. 4 Quin etiam si ad dilectum uocetur accurrit et obsequiis teritur et tergo coercetur et seruire se militiae nomine gratulatur15.

13Ad una prima lettura, la situazione di questi Camavi e Frisii può sembrare simile a quella degli Sciri del 409: infatti, anche i barbari catturati da Costanzo Cloro vengono inviati nelle città in attesa della sistemazione nelle sedi definitive e sui campi destinati alla loro coltivazione.

  • 16 Sulla data della riforma dioclezianea cf. J.-M. Carrié, «Dioclétien et la fiscalité», Antiquité ta (...)
  • 17 Così la maggior parte degli studiosi: cf. da ultimi M. Rodríguez Gervás, D. Pérez Sánchez, «Integr (...)

14Il panegirista però non offre indicazioni sufficienti a farci comprendere sotto quale forma i barbari venissero utilizzati come coltivatori. Egli usa un’espressione generica, dicendo che sono distribuiti ad obsequium dei provinciali. La formula viene spesso interpretata nel senso che i barbari furono messi a disposizione dei possessori delle province, e il provvedimento è collegato alla riforma fiscale cui Diocleziano stava dando avvio in quegli anni16. La manodopera costituita dai barbari avrebbe inciso sul calcolo dell’onere fiscale imposto ai possessori provinciali secondo il meccanismo della iugatio capitatio e i nuovi contadini sarebbero stati soggetti all’arruolamento nell’esercito in occasione della praebitio tironum. In altri termini, i barbari sarebbero divenuti coloni dei provinciali, venendo a trovarsi nella stessa condizione prevista per gli Sciri dalla costituzione del 40917.

15Ma purtroppo è finora assente un’indagine volta a dimostrare nel panegirico di Costanzo Cloro un diretto collegamento dell’impiego dei Camavi e Frisii con il nuovo sistema fiscale dioclezianeo. La prova di un tale collegamento conferirebbe al nostro testo un valore eccezionale in quanto costituirebbe la prima attestazione sicura del nuovo meccanismo volto ad assicurare allo stato un’imposta fondiaria prefissata, ripartita secondo le capacità contributive di ogni singola diocesi, e al contempo una stabile base demografica cui attingere per il reclutamento dell’esercito. Non essendo possibile in questa sede procedere ad una simile verifica, sarà necessario limitare questa ricerca a stabilire se sia possibile riconoscere con certezza nell’insediamento dei Camavi e dei Frisii di Costanzo Cloro o di altri barbari, attestati in testimonianze precedenti la constitutio de Scyris, una utilizzazione iure colonatus.

  • 18 Pan., 6 [7], 4, 2: Multa ille Francorum milia, qui Batauiam aliasque cis Rhenum terras inuaserant (...)
  • 19 Pan., 7 [6], 5, 3: Terram Batauiam sub ipso quondam alumno suo a diuersis Francorum gentibus occup (...)

16In merito al brano appena analizzato non offre molto aiuto il generico riferimento allo stesso episodio in due passi di altri due panegirici, rivolti a Costantino, in cui si rievocano le imprese del padre. Il primo passo ricorda l’intervento di Costanzo Cloro che ridusse in prigionia e trasferì una moltitudine di Franchi, che avevano invaso la Batavia e altre terre collocate al di qua del Reno vincolando con il timore la loro fragile fedeltà18. Nel secondo brano si dice che il Cesare di Massimiano non si limitò a sottrarre la Batavia al controllo di Carausio, che in quella terra era nato e l’aveva occupata, ma trasferì anche diverse genti dei Franchi, che si erano poste sotto la sua guida, in terre abitate da popolazioni romane19.

  • 20 Pan., 7 [6], 6, 2: Quid loquar rursus intimas Franciae nationes iam non ab his locis quae olim Rom (...)

17Poco dopo lo stesso panegirista parla di un’altra operazione con cui Costanzo Cloro attaccò le popolazioni franche delle regioni più interne, che erano state lasciate nelle loro sedi di origine al momento dell’invasione romana, e le sistemò nelle regioni spopolate della Gallia affinché le coltivassero in tempo di pace e servissero nell’esercito in tempo di guerra20. L’operazione dunque viene compiuta secondo le stesse modalità e con gli stessi termini, coltivazione (cultus) e arruolamento (dilectus), di quella descritta in Batavia i cui deportati vennero impiegati in altre aree della Gallia come contadini e come soldati.

18I brani dei panegiristi relativi alle imprese di Costanzo Cloro mi sembra che non contengano sufficienti elementi di certezza per assumerli come prova dell’impiego dei barbari come coloni in maniera analoga agli Sciri dell’epoca di Teodosio II. Le date in cui i fatti avvennero sono teoricamente compatibili con l’introduzione della riforma dioclezianea che avviò l’organizzazione tributaria tuttora operante nel 409, ma le descrizioni dei panegiristi non consentono di stabilire se i barbari sconfitti da Costanzo Cloro furono insediati nel territorio dell’impero come coloni, nel senso che il termine assume nel nuovo sistema tributario oppure nelle altre diverse forme ampiamente attestate sia prima che dopo l’età tetrarchica.

  • 21 Qui non si intende entrare nel merito dei ben noti problemi della cronologia relativa agli episodi (...)

19Mi limiterò ad alcuni esempi, partendo da due testimonianze relative alle biografie degli imperatori Claudio e Probo contenute nella Historia Augusta21. In entrambi si parla di barbari che, dopo essere stati sconfitti e fatti prigionieri, vengono utilizzati sia come coltivatori che come soldati.

20Una rapida narrazione del biografo di Claudio, Trebellio Pollione, relativa ad una campagna in Mesia è denso di termini utili alla nostra analisi. L’imperatore fece prigionieri molti re e donne nobili di diverse genti. In seguito alla sua vittoria le province romane si riempirono di servi e agricoltori Sciti. I Goti furono utilizzati come coloni presso i confini con i barbari, mentre nessuna regione rimase priva di schiavi condotti in trionfo:

  • 22 HA, Claudius, 9, 3-5: «Si combatté poi in Mesia e vi furono molte battaglie presso Marcianopoli. M (...)

3. Pugnatum est enim apud Moesos et multa proelia fuerunt apudMarcianopolim. 4. Multi naufragio perierunt, plerique capti reges, captae diuersarum gentium no biles feminae, impletae barbaris seruis Scythicisque cultoribus Romanaeprouin ciae. Factus limitis barbari colonus e Gotho. 5. Nec ulla fuit regio, quaeGothum seruum triumphali quodam seruitio non haberet22.

21Si tratta di una delle tante guerre in cui i barbari furono sconfitti e fatti prigionieri. Il racconto parla di re e di donne di alto rango delle diverse stirpi, ma non dice esplicitamente se questa organizzazione fu conservata una volta che i prigionieri furono insediati in varie province romane. Ma la terminologia relativa alle forme del loro impiego è alquanto significativa: questi barbari vengono infatti trasformati in serui e coloni. Seruus è lo schiavo venduto o donato nelle province secondo uno schema analogo a quello presentato da Sozomeno in relazione ai prigionieri Sciri del 409. Il termine colonus non sembra avere il significato tecnico-giuridico che assume nei testi legislativi tardoantichi, ma piuttosto il valore generico della parola cultor, «coltivatore», che è usata poco prima nel testo.

  • 23 Nei passi dei panegirici sopra menzionati abbiamo incontrato il termine cultor in 5 [8], 1, 4 e 9, (...)
  • 24 Pan., 5 [8], 9, 2: ipsis triumphum adsignare prouinciis.
  • 25 Zos., 1, 46, 2: ‘Όσοι δέ διεσώθησαν, ἢ τάγμασιν ’`Pωμαίων συνηριθμήθησαν ἢ γ(...)

22L’uso del termine cultor riferito ai barbari23 e il loro insediamento nelle province in questo breve accenno della vita di Claudio richiama il racconto delle imprese di Costanzo Cloro nel panegirico a lui dedicato, nel quale l’assegnazione dei barbari come coltivatori destinati ai campi abbandonati figura come frutto del trionfo assegnato alle province della Gallia24. Il brano non parla di un impiego di questi coltivatori come soldati, ma che la loro collocazione presso i confini dell’impero avesse anche questa finalità lo dice in modo esplicito Zosimo secondo il quale, in un rapido accenno allo stesso episodio, quanti dei barbari si salvarono (dalla sconfitta o dal naufragio?) furono accolti nelle divisioni militari romane oppure rimasero a coltivare la terra che ricevettero25.

  • 26 HA, Probus, 13, 5: His gestis cum ingenti exercitu Gallias petit, quae omnes occiso Postumo turbat (...)
  • 27 HA, Probus, 13, 6: Tanta autem illic proelia et tam feliciter gessit, ut a barbaris sexaginta per (...)
  • 28 HA, Probus, 13, 7: Et cum iam in nostra ripa, immo per omnes Gallias securi uagarentur, caesis pro (...)
  • 29 HA, Probus, 13, 8: Tantum his praedae barbaricae tulit, quantum ipsi Romanis abstulerant. Contra u (...)
  • 30 HA, Probus, 14, 7: Accepit praeterea sedecim milia tironum, quos omnes per diuersas prouincias spa (...)
  • 31 HA, Probus, 15, 1-2: Compositis igitur rebus in Gallia tales ad senatum litteras dedit: «ago diis (...)
  • 32 HA, Probus, 15, 6: Arantur Gallicana rura barbaris bubus et iuga Germanica captiua praebent nostri (...)

23Più abbondanti riferimenti ai modi in cui l’imperatore Probo utilizzò le popolazioni barbariche da lui sconfitte in varie battaglie troviamo nella biografia a lui dedicata. Il teatro delle sue imprese sono le Gallie che avevano subito vari sconvolgimenti a causa della confusione, seguita all’uccisione di Postumo, e della invasione dei Germani, successiva all’eliminazione di Aureliano26. Grazie alle sue brillanti vittorie furono strappate ai barbari sessanta importanti città con i beni che erano stati portati via27. La vita riporta l’inverosimile cifra di quattrocentomila nemici che sarebbero stati uccisi quando ormai si sentivano di poter vagare indisturbati dopo aver invaso il territorio romano sulla riva sinistra del Reno28. Probo continua la guerra dislocando avamposti militari sul suolo germanico, provvedendo a rifornirli di tutto il necessario e premiando con un aureo i suoi soldati ogni volta che recano le spoglie di un nemico fino a quando nove re di tribù barbare si sottomettono all’imperatore, che si fa consegnare ostaggi, frumento e bestiame29. Egli procede quindi alla leva di oltre sedicimila reclute che suddivide in gruppi di cinquanta o sessanta soldati e distribuisce nelle varie province formando reparti militari o rinforzando le truppe dislocate lungo i confini30. La vita riporta poi la relazione con cui Probo annuncia al senato la conquista della Germania e la sottomissione di sette re. L’imperatore riferisce che i barbari coltivano la terra per conto dei Romani e militano nell’esercito romano contro le popolazioni più interne al territorio romano31. Ed aggiunge che i campi delle Gallie sono arati da buoi barbari al servizio dei coltivatori romani e che il bestiame dei barbari ed il frumento da loro accumulato nei granai servono ad alimentare la popolazione romana così come i loro cavalli riforniscono la cavalleria. Che cosa si può ottenere di più, si chiede infine l’imperatore, se ai barbari viene lasciata soltanto la terra, mentre tutti i loro beni vengono consegnati ai Romani32?

24Questi ampi brani estratti dalla vita di Probo offrono maggiori elementi, rispetto alle brevi indicazioni contenute nella biografia di Claudio, per un confronto con il panegirico di Costanzo Cloro. Anche il linguaggio adoperato presenta notevoli affinità con quelle del panegirista di età tetrarchica, ma le descrizioni dei due autori, al di là di alcune analogie, riguardano due contesti e due situazioni diversi.

25Sia Probo che Costanzo Cloro si trovano ad affrontare la minaccia delle invasioni dei barbari in Gallia, ma le soluzioni adottate dai due imperatori per riorganizzare i territori liberati e per sistemare le popolazioni sconfitte sono diverse. Nel racconto del panegirista non appare la minima traccia delle aristocrazie che erano a capo delle genti nemiche, mentre nella vita di Probo si parla della sottomissione dei re di queste genti, così come già in quella di Claudio della cattura di re e di nobildonne. Si è detto che sarebbe possibile ipotizzare nel caso di Claudio, come certamente avvenne in quello di Probo, che le genti vinte siano state lasciate almeno in parte sotto la guida dei loro capi, sebbene insediate sul suolo romano. Per quanto riguarda la sistemazione delle popolazioni sottomesse, invece, Probo adotta misure diverse da quelle di Claudio che, in maniera simile a quanto farà Costanzo Cloro, assegna alle province i popoli sconfitti come coltivatori. Non si può escludere tuttavia che, così come viene detto esplicitamente per Claudio, anche Probo e Costanzo Cloro abbiano tratto in schiavitù una parte dei vinti, in quanto si trattava di un fenomeno ricorrente nelle guerre vittoriose contro i barbari, come si è visto anche nel caso degli Sciri nel 409.

  • 33 Occorre, tuttavia, sottolineare l’affinità di linguaggio tra il biografo di Probo e quello del pan (...)

26Ma la singolarità delle decisioni di Probo, che distingue il suo caso dagli altri tre finora presi in considerazione, consiste nella riorganizzazione dei territori pacificati sia all’interno che all’esterno dei confini. Il biografo di Probo non parla di una sistemazione di barbari all’interno dell’impero romano attraverso una loro assegnazione alle province, ma dice che essi furono lasciati sui loro territori sebbene costretti non solo a restituire il bottino sottratto ai Romani, ma anche a cedere beni e prodotti al popolo dominatore33. Al contrario fu l’imperatore a collocare propri uomini sullo stesso suolo barbarico per la sicurezza dei confini.

  • 34 In un altro caso, tuttavia, lo vita di Probo narra che lo stesso imperatore insediò nell’impero ad (...)

27Se in tale circostanza34 fu questa la linea seguita da Probo nella sistemazione territoriale e nei modi di sfruttamento del lavoro dei barbari, il biografo fornisce anche precise notizie circa il loro arruolamento nell’esercito. Abbiamo visto come la constitutio de Scyris facesse esplicito riferimento al reclutamento degli Sciri divenuti coloni nell’ambito della praebitio tironum, sistema introdotto dai tetrarchi del quale però, come si è detto, non è possibile cogliere con certezza la sua applicazione nel panegirico di Costanzo Cloro, mentre il riferimento di Zosimo al reclutamento dei barbari da parte di Claudio è troppo vago per poter ricavare alcuna indicazione sulle modalità secondo le quali esso si svolse.

  • 35 Su questo tipo di arruolamento vedi ora A. Barbero, Barbari, p. 17-28.

28Il biografo di Probo attesta, invece, che il reclutamento dei barbari da parte dell’imperatore avviene secondo l’uso tradizionale e fino ad allora maggiormente diffuso, cioè quello del loro inserimento nelle truppe ausiliarie o attraverso la formazione di numeri, unità distaccate, spesso inviate in zone dell’impero lontane da quelle di provenienza degli stessi barbari35.

29Un’ultima particolarità che è necessario sottolineare, in relazione al racconto delle imprese di Probo, è la sottomissione dei barbari che si svolge chiaramente secondo le tradizionali forme della deditio in fidem con la rituale umiliazione dei loro re che si prostrano ai piedi dell’imperatore. Solo implicitamente, dal riferimento alla cattura dei re nella vita di Claudio, si potrebbe ipotizzare che la resa di questi barbari avvenne nelle stesse forme. In entrambi i casi, dunque, a tale resa potrebbero essere seguiti degli accordi che avrebbero lasciato i re alla guida delle loro genti regolando le condizioni di una pacifica convivenza tra la popolazione romana e quella barbarica all’interno dei reciproci confini, nel caso di Probo, o quelle della sistemazione dei barbari all’interno dei confini dell’impero, nel caso di Claudio.

  • 36 L’unica trattazione della deditio in fidem che si estende dalle sue remotissime origini fino all’i (...)

30Ad una resa incondizionata36 dei barbari fatti prigionieri da Costanzo Cloro sembra far riferimento anche il suo panegirista, sebbene sia difficile pensare alla presenza di accordi dal momento che non sembra sia stata preservata l’integrità di popoli come i Camavi e i Frisii, i quali appaiono piuttosto smembrati e suddivisi in piccoli gruppi familiari. Può bastare ciò a far credere che essi siano stati utilizzati come coloni in modo analogo agli Sciri della costituzione di Teodosio II?

31Abbiamo visto come dall’analisi interna del testo non sia possibile stabilirlo con sicurezza. Ma c’è un’altra difficoltà dovuta al fatto che tra l’epoca di Costanzo Cloro e quella di Teodosio II, sebbene disponiamo di un’ampia documentazione sui rapporti tra Romani e Barbari, non troviamo alcun indizio di un impiego di barbari come coloni sia individualmente che in gruppi. Si tratta evidentemente di un argumentum ex silentio che non può servire nemmeno a sostenere la tesi opposta. Tuttavia, prima di avviarmi verso le conclusioni mi sembra opportuno esaminare brevemente ancora alcune testimonianze a partire da alcuni passi di Ammiano Marcellino.

  • 37 Amm. Marc., 17, 8, 1-4.
  • 38 Amm. Marc., 17, 8, 4: «accolse quelli che si offrivano con i propri beni e i figli».
  • 39 Pan., 5 [8], 8, 4: dicioni tuae diuinitatis omnes sese dedere cogerentur, et cum coniugibus ac lib (...)

32Lo storico narra che, all’epoca di Costanzo II, approfittando della confusione seguita all’usurpazione di Magnenzio i Franchi Salii, come altre genti barbare, sconfinarono in territorio romano dove decisero di fissare la loro sede37. Quando Giuliano, nominato Cesare, decide di attaccarli cogliendoli di sorpresa, essi gli mandano degli ambasciatori per offrire la pace in cambio essere lasciati sul territorio che avevano occupato. L’azione di Giuliano si risolve in una fulminante vittoria; quindi di fronte alla loro sottomissione li accoglie con i loro beni e i figli: dedentes se cum opibus liberisque suscepit38. Questa ultima frase è troppo lapidaria per permetterci di capire in che senso Giuliano accolse questi barbari e come eventualmente li impiegò. Non possiamo però fare a meno di osservare come la formula con cui lo storico esprime la sottomissione sia molto simile a quella adoperata dal panegirista di Costanzo Cloro39.

33Nel frattempo sul fronte del Danubio, nello stesso periodo di quell’anno (358), Costanzo II deve affrontare la minaccia dei Sarmati Limiganti i quali, quando si rendono conto della superiorità militare dei Romani, pregano di avere salva la vita offrendo la propria sottomissione, il pagamento di un tributo e il reclutamento di giovani atti alle armi:

  • 40 Amm. Marc., 17, 13, 3: «promisero di versare un tributo annuo e di fornire giovani validi per il r (...)

tributum annuum dilectumque ualidae iuuentutis et seruitium spoponderunt40.

  • 41 Cf. n. 22.
  • 42 Cf. n. 33.

34Anche questa volta la narrazione di Ammiano è estremamente sintetica, ma la terminologia impiegata dallo storico e la situazione descritta presentano diversi elementi di somiglianza con le fonti sopra esaminate, sebbene ciascuna delle diverse realtà descritte presenti caratteri peculiari che le distinguono tra loro. Il termine seruitium qui adoperato da Ammiano lo abbiamo già incontrato nella biografia di Claudio41, mentre in quella di Probo e nel panegirico di Costanzo Cloro l’attività dei barbari posti al servizio dei Romani dopo la sconfitta è espressa con il verbo seruire42.

  • 43 Pan., 5 [8], 9, 4. (cf. n. 15); 7 [6], 6, 2 (cf. n. 20).

35Ma l’elemento più rilevante di questo brano è ancora una volta l’associazione tra l’attività produttiva dei barbari e il loro arruolamento nell’esercito romano. Mentre questo secondo aspetto è espresso con il consueto termine dilectus (ualidae iuuentutis)43, il frutto dell’attività economica che essi promettono di mettere a disposizione dei Romani viene materializzata attraverso la corresponsione di un tributum. Manca qualsiasi indizio che ci consenta di capire di quale tipo di imposta si tratti, ma possiamo senz’altro escludere qualsiasi collegamento con il canone che i coloni versavano per la coltivazione delle terre dei privati o delle proprietà imperiali.

  • 44 Amm. Marc., 19, 11, 6: tributariorum onera subirent et nomen.

36Nella descrizione del seguito di questa vicenda, Ammiano ci fornisce ulteriori informazioni riguardo i rapporti tra Romani e Sarmati Limiganti. L’anno successivo questi ultimi ripresero a costituire una minaccia vagando nei pressi dei confini dell’impero. Anche questa volta cercarono di venire a patti con i Romani dichiarandosi pronti a trasferirsi in terre lontane del territorio dell’impero assumendo gli oneri e il nome di tributari44.

  • 45 Aus., Mos., 9: aruaque Sauromatum nuper metata colonis. Cf. A. Barbero, Barbari, p. 122.
  • 46 Cf. n. 22.
  • 47 Aus., Mos., 23; 163; 458; dove colonus sembra avere lo stesso significato di cultor (ibid., 167) e (...)
  • 48 In questo senso anche P. Jaillette, Introduction, p. 142.

37Si è voluto vedere una connessione tra i coloni Sarmati menzionati nella Mosella di Ausonio e i barbari sconfitti da Costanzo II e trapiantati nella regione del fiume45. L’uso del termine colonus, così come nel brano della vita di Claudio46 sopra esaminato e in altri versi della stessa opera di Ausonio47, dimostra che esso ancora in epoca tardoantica poteva avere il significato generico cultor oltre a quello tecnico-giuridico con cui appare nelle fonti legislative48.

  • 49 Claud., In Eutr., 2, 258.
  • 50 Claud., In Eutr., 2, 196-197; cf. H. Wolfram, Storia dei Goti, ed. italiana rivista e ampliata a c (...)
  • 51 Claud., In Eutr., 205-206: concessoque cupit uixisse colonus / quam dominus rapto «e desidera vive (...)
  • 52 Cf. P. J. Heather, «The anti-Scythian tirade of Synesius’ De Regno», Phoenix, 42, 1988, p. 152-175 (...)

38Infine va ricordato il riferimento del poeta Claudiano ai Grutungi che, sconfitti intorno al 386 e fatti prigionieri49, furono installati da Teodosio in Frigia per coltivare la terra50. Si tratta dell’unica testimonianza, tra quelle finora esaminate, che in effetti potrebbe far pensare a barbari impiegati come coloni dipendenti in quanto vi è detto che ottengono la terra «in concessione» (concesso) e appaiono contrapposti ai loro signori (domini), che li hanno conquistati con la violenza (rapto)51. Ma questa breve testimonianza è ancora una volta priva di elementi determinanti che ci inducano a stabilire con certezza che questi barbari fossero impiegati iure colonatus52.

  • 53 Sul cui contenuto del trattato le opinioni degli studiosi sono discordanti: alcuni ritengono che e (...)

39Volendo ora cercare di ricostruire gli eventi che prepararono il contesto storico nel quale fu emanata la costituzione sugli Sciri del 409, concluderò con alcuni esempi relativi all’epoca di Teodosio I e alla situazione di emergenza in cui l’imperatore fu costretto ad operare all’indomani della battaglia di Adrianopoli del 378. I nodi centrali della sua politica verso i barbari, dopo questo tragico evento, si racchiudono nel trattato stipulato con i Goti nel 38253.

  • 54 Tem., or., 16, 3.
  • 55 Cf. M. Cesa, Impero tardoantico e barbari: la crisi militare da Adrianopoli al 418, Côme, 1994, p. (...)
  • 56 Tem., or., 34, 22: εἴτε γεωργο(...)
  • 57 Pan., 12, 22, 3: Dicamne ego receptos seruitium Gothos castris tuis militem, terris sufficere cult (...)

40In merito al problema che ci riguarda, quello dell’utilizzo dei barbari da parte dell’autorità imperiale, le testimonianze contemporanee ai fatti ne confermano la duplice natura, quella cioè di un loro impiego sia come coltivatori sia come soldati. Il consenso verso questo genere di politica nei loro riguardi proviene da entrambe le parti dell’impero unite, nonostante diverse voci discordanti, nell’elogio degli accordi siglati dall’imperatore Teodosio. Il retore Temistio, all’indomani della conclusione delle trattative condotte da Saturnino nel 382, presentandosi come portavoce del senato costantinopolitano54, giudica positivamente la politica di pacificazione con i barbari55. Alcuni anni dopo in un’altra orazione egli ricorda l’umano trattamento riservato ai Goti da Teodosio che decise di utilizzarli sia come contadini che come soldati56. Nel 389 Pacato, panegirista originario di Bordeaux, elogia a Roma Teodosio per aver accolto i Goti e averli impiegati come soldati nel suo esercito o come contadini nel lavoro dei campi57.

  • 58 Sin., De regno, 19.

41La politica filobarbarica di Teodosio dopo la sua morte fu proseguita da Stilicone, sebbene con difficoltà, in Occidente, mentre fu presto osteggiata presso la corte orientale. Un celebre intervento di Sinesio con forti accenti antibarbarici, rivolto all’imperatore Arcadio nel 39958, contrasta con quello indirizzato a Teodosio da Temistio e pronunciato, come si è detto, qualche tempo prima.

  • 59 Cf. É. Demougeot, De l’unité à la division de l’Empire romain, 395-410. Essai sur le gouvernement (...)
  • 60 Per le sue simpatie per Stilicone vedi la ricostruzione di S. Mazzarino, Stilicone. La crisi imper (...)
  • 61 Ricordiamo ancora come ad Antemio sia indirizzata la constitutio de Scyris.
  • 62 Per le gravi ripercussioni dell’assassinio di Stilicone sul comportamento dei barbari arruolati da (...)

42Alcuni eventi determinano poi a Costantinopoli il prevalere di un partito che spinge ad isolare ed allontanare l’elemento barbarico dalla corte e dall’esercito. Agli inizi del quinto secolo assistiamo alla rivolta di Gainas, che unì le sue truppe a quelle gotiche di Tribigildo, forse in seguito alla delusione di non vedere riconosciuta dalla corte imperiale la sua aspirazione a svolgere un ruolo simile a quello di Stilicone in Occidente59. La repressione della rivolta fu affidata al goto Fravitta, che fu in un primo momento premiato con l’elezione al consolato nel 400, ma pochi anni dopo fu eliminato60 per iniziativa del prefetto del pretorio d’Oriente, Aureliano, promotore di un inasprimento della politica antibarbarica, di cui fu sostenitore poi Antemio61 che gli successe nella carica al momento dell’ascesa al regno di Teodosio II nel 408. Come è noto, nello stesso anno Stilicone cadde vittima di un impulso antibarbarico di Onorio che cedette alle pressioni dei suoi consiglieri avversi al generale62.

43Come si è detto all’inizio di questo intervento, non si può stabilire con certezza se gli Sciri siano stati i primi barbari ad essere utilizzati come coloni, ma mi sembra che si possa concludere che la costituzione che li riguarda sia la prima testimonianza sicura in nostro possesso di un tale impiego su larga scala. La deportazione dei barbari Sciri nelle regioni transmarine, decretato dalla costituzione, intendeva rimuovere dai confini dell’impero quella che in quel momento la corte orientale considerava una minaccia piuttosto che una risorsa per la sua difesa. I barbari non vennero insediati, come spesso in passato, in aree che coltivavano ed erano interessati a difendere militarmente da eventuali minacce di altri popoli barbari ai confini dell’impero, ma vennero allontanati e dispersi per essere utilizzati come quei coloni che, da un parte, cercavano in tutti i modi di fuggire per sottrarsi al vincolo che li legava ai padroni, responsabili per il pagamento della loro capitazione, e, dall’altra, malvolentieri si prestavano al servizio militare cui erano sottoposti per l’obbligo di contribuire alla praebitio tironum.

Notes

1 Cf. la recente messa a punto di P. Jaillette, «Introduction», Codex Theodosianus. Liber V - Le Code Théodosien, Livre V, Turnhout, 2009, p. 16-20 (= Introduction).

2 Cf. il documentato saggio di A. Barbero, Barbari. Immigrati, profughi, deportati nell’impero romano, Rome-Bari, 2006, p. 81-84; 141-142; 224-225 (= Barbari).

3 R. Clausing, The Roman Colonate, New York, 1925 (p. 44-49; 57-61; 75-91) analizza e respinge le teorie di Zumpt e Huschke che ponevano le origini del colonato come istituzione nell’insediamento dei barbari. M. Mirković, The Later Roman Colonate and Freedom, Philadelphie, 1997, p. 87, concorda su questo punto con Clausing, ma ritiene erronea la sua opinione di un’assenza nelle nostri fonti di barbari coloni prima del 409.

4 Sul ritrovamento e la pubblicazione del manoscritto contenente la costituzione cf. L. Atzeri, Gesta senatus Romani de Theodosiano. Il Codice Teodosiano e la sua diffusione ufficiale in Occidente, Berlin, 2008, p. 27-31; P. Jaillette, Introduction, p. 11-29; P. Jaillette, supra, ch. 17.

5 CTh, V, 6, 3: «Gli Imperatori Onorio e Teodosio ad Antemio prefetto al pretorio, Costantinopoli 12 aprile 409.
Abbiamo sottomesso al nostro potere gli Sciri, una nazione barbara, dopo aver disperso le numerosissime truppe di Cuni, con i quali si erano alleati. Perciò diamo a tutti la facoltà di popolare i propri campi con gli appartenenti al genere di uomini ora menzionato in modo tale che sappiano che coloro che hanno ricevuto saranno presso di loro con un diritto non diverso da quello di colonato e che a nessuno è permesso di condurre via con la frode qualcuno di questo genere di coloni a colui al quale siano stati a suo tempo assegnati o di appropriarsi di qualche fuggitivo, essendo in vigore una sanzione per chi accoglie quanti sono iscritti nelle liste del censimento altrui o coloni che non gli appartengono. Invece i padroni delle terre (utilizzino) il loro libero lavoro… e a nessuno sia permesso di trasferirli, come se fossero stati donati, dalla loro posizione giuridica fissata dal censo in schiavitù né di assegnarli a compiti urbani, ma sia concesso di trattenerli per un biennio in qualunque provincia purché sia transmarina a coloro che li ricevono a causa della scarsità della produzione di frumento e poi di collocarli in sedi permanenti, ma la loro residenza deve essere proibita nelle regioni della Tracia o dell’Illirico, e solo dopo un quinquennio deve essere concesso di trasferirli dovunque si voglia all’interno dei confini della medesima provincia, essendo anche sospeso entro i predetti venti anni l’arruolamento delle giovani reclute. Così abbia luogo la loro distribuzione entro le province transmarine a chi lo voglia attraverso richieste fatte pervenire presso la tua sede».

6 Soz., 9, 5, 5-7: «Uldin si salvò a stento oltrepassando il fiume dopo aver perduto molti uomini, del tutto i cosiddetti Sciri (stirpe questa abbastanza popolosa prima di incappare in una tale disgrazia); attardandosi infatti nella fuga alcuni furono sterminati, altri messi in catene furono inviati a Costantinopoli. Le autorità giudicarono opportuno disperderli, affinché rimanendo compatti non si sollevassero, vendettero alcuni a poco prezzo, consegnarono gratis altri in schiavitù a molti, purché non li inviassero né a Costantinopoli né in alcuna parte dell’Europa e li separassero per mezzo del mare dai luoghi a loro noti. Dopo questo tempo si ordinò che la moltitudine che era rimasta invenduta venisse trasferita alcuni in un luogo altri in un altro; io ho visto molti abitare sparsi in Bitinia presso il monte detto Olimpo e coltivare le valli e le colline del luogo».

7 Cf. Y. Modéran, «L’établissement des barbares sur le territoire romain à l’époque impériale», dans C. Moatti (dir.), La mobilité des personnes en Méditerranée de l’antiquité à l’époque moderne. Procédures de contrôle et documents d’identification (CEFR 341), Rome, 2004, p. 337-397, part. 356.

8 H. Elton, Warfare in Roman Europe, AD 350-425, Oxford, 1996, p. 130, giustamente osserva nel racconto di Sozomeno l’assenza di ogni termine tecnico, di grande aiuto per un confronto con la costituzione del Teodosiano.

9 In generale per l’analisi dei rapporti con i barbari alla luce della testimonianza dei panegirici latini cf. U. Asche, Roms Weltherrschaftsidee und Aussenpolitik in der Spätantike im Spiegel der Panegyrici Latini, Bonn, 1983.

10 O nel 298: cf. C. E. V. Nixon, B. Rodgers, In Praise of Later Roman Emperors. The Panegyrici Latini, Berkeley-Los Angeles-Oxford, 1994, p. 105-106.

11 Pan., 5 [8], 1, 4: «Tante vittorie sono state in seguito procurate dal vostro valore, tante popolazioni barbare sradicate in ogni luogo, tanti coltivatori insediati nelle campagne, tanti confini estesi, tante province riconquistate».

12 Sull’uso del verbo seruire applicato ai barbari cf. F. Heim, «Clémence ou extermination: le pouvoir impérial et les barbares au ive siècle», Ktèma, 17, 1992, p. 281-295, part. 285.

13 Pan., 5 [8], 8, 4: «Ma neppure le insidie dei luoghi né i nascondigli che numerosi si insinuano nelle selve poterono offrire protezione ai barbari, ma furono tutti costretti a sottomettersi al potere della tua divinità e si trasferirono con le mogli e i figli e con la schiera dei parenti e clienti e con i loro beni in zone da tempo deserte che forse essi stessi avevano spopolato saccheggiandole, affinché le restituissero alla coltivazione con il loro servizio».

14 Per l’equivalenza tra deditio in dicionem e deditio in fidem in età repubblicana v. W. Dalheim, Deditio und societas: Untersuchungen zur Entwicklung der römischen Aussenpolitik in der Blütezeit der Republik, Munich, 1965, p. 46.

15 Pan., 5 [8], 9, 1-4: «Quale dio, anche se avesse voluto apparire e parlare, avrebbe potuto indurre a credere che sarebbe potuto mai accadere prima di voi, o principi, ciò che ora abbiamo visto e vediamo: sotto tutti i portici delle città sedette una schiera di barbari prigionieri, uomini che tremavano svanita la loro ferocia, donne anziane che osservavano l’inerzia dei figli, le spose quella dei mariti, fanciulli e fanciulle incatenati gli uni alle altre che si sussurravano frasi intime: tutti costoro distribuiti a beneficio dei vostri provinciali, prima di essere condotti ai campi abbandonati ad essi destinati. 2. Fa piacere, per Ercole, esultare per il comune interesse delle Gallie e, cosa che vorrei dire con il vostro consenso, concedere il trionfo alle stesse province. 3. Arano per me ora dunque il Camavo e il Frisio, e quel girovago, quel predatore attende alla coltura della campagna trascurata e ai miei mercati si recano per vendere il bestiame e il barbaro contadino accresce i viveri. 4. E per di più accorre se viene chiamato alle armi e si piega all’obbedienza e si sottomette alle punizioni e si compiace di servire in seno all’esercito».

16 Sulla data della riforma dioclezianea cf. J.-M. Carrié, «Dioclétien et la fiscalité», Antiquité tardive, 2, 1994, p. 33-64.

17 Così la maggior parte degli studiosi: cf. da ultimi M. Rodríguez Gervás, D. Pérez Sánchez, «Integración ideológica y transformación del bárbaro: de servus a colonus», dans A. Gonzales (éd.), La fin du statut servile? (affranchissement, libération, abolition…), XXXe Colloque du GIREA, Besançon 15-17 décembre 2005, Paris, 2008, p. 125-241, part. 134-135.

18 Pan., 6 [7], 4, 2: Multa ille Francorum milia, qui Batauiam aliasque cis Rhenum terras inuaserant interfecit, depulit, cepit, abduxit… et totius gentis lubricam fidem timore uinxisti. «Molte migliaia di Franchi, che avevano invaso la Batavia e altre terre al di qua del Reno, egli massacrò, respinse, catturò, deportò… e legò con il timore la fedeltà vacillante di tutto il popolo».

19 Pan., 7 [6], 5, 3: Terram Batauiam sub ipso quondam alumno suo a diuersis Francorum gentibus occupatam omni hoste purgauit, nec contentus uicisse ipsas in Romanas transtulit nationes (…) «Sgombrò da tutti i nemici la terra della Batavia, occupata sotto il comando di un capo, che vi era cresciuto, da diverse genti dei Franchi e, non contento di averle sconfitte, le deportò in territori controllati da popolazioni romane».

20 Pan., 7 [6], 6, 2: Quid loquar rursus intimas Franciae nationes iam non ab his locis quae olim Romani inuaserant sed a propriis ex origine sui sedibus atque ab ultimis barbariae litoribus auulsas, ut in desertis Galliae regionibus conlocatae et pacem Romani imperii cultu iuuarent et arma dilectu? «Che cosa dovrei dire inoltre delle stirpi più interne della terra dei Franchi, che furono strappate non da questi luoghi che i Romani avevano un tempo invaso ma dalle proprie sedi di origine e dai litorali più lontani della terra dei barbari, affinché venissero collocate nelle regioni deserte della Gallia e giovassero alla pace dell’impero romano con la coltivazione e alla guerra con l’arruolamento?».

21 Qui non si intende entrare nel merito dei ben noti problemi della cronologia relativa agli episodi narrati nelle vite degli imperatori, in quanto ai fini del nostro discorso la questione cronologica non è tanto rilevante quanto quella terminologia. In altri termini, l’ipotesi che intendo proporre è la mancanza di un loro possibile collegamento con l’utilizzo dei barbari secondo le norme del colonato, sia che ciò riguardi l’epoca dei due imperatori sia quella degli autori delle loro vite.

22 HA, Claudius, 9, 3-5: «Si combatté poi in Mesia e vi furono molte battaglie presso Marcianopoli. Molti perirono a causa di un naufragio, furono fatti prigionieri molti re e nobildonne di diverse popolazioni, le province romane furono riempite di servi e coltivatori sciti. Il Goto divenne colono al confine con i barbari. E non vi fu alcuna regione che non avesse uno schiavo goto in trionfale servizio».

23 Nei passi dei panegirici sopra menzionati abbiamo incontrato il termine cultor in 5 [8], 1, 4 e 9, 3; cui va aggiunto 21, 2 (cultor barbarus). Ugualmente abbiamo incontrato il participio cultus, a, um sempre in 5 [8], 9, 1 e il sostantivo cultus, us (ib. 8, 4 e in 7 [6], 6, 2).

24 Pan., 5 [8], 9, 2: ipsis triumphum adsignare prouinciis.

25 Zos., 1, 46, 2: ‘Όσοι δέ διεσώθησαν, ἢ τάγμασιν ’`Pωμαίων συνηριθμήθησαν ἢ γImageν λαβόν-τες εις γεωργίαν ταύτῃ προσεκαρτέρησαν ; «Quanti riuscirono a salvarsi o furono arruolati nell’esercito romano o si dedicarono a coltivare la terra che fu loro affidata».

26 HA, Probus, 13, 5: His gestis cum ingenti exercitu Gallias petit, quae omnes occiso Postumo turbatae fuerant, interfecto Aureliano a Germanis possessae; «Compiute queste imprese, con un potente esercito si diresse nelle Gallie, che erano state sconvolte dopo l’eliminazione di Postumo ed erano state occupate dai Germani in seguito all’assassinio di Aureliano».

27 HA, Probus, 13, 6: Tanta autem illic proelia et tam feliciter gessit, ut a barbaris sexaginta per Gallias nobilissimas reciperet ciuitates, praedam deinde omnem, qua illi praeter diuitias etiam efferebantur ad gloriam; «Lì condusse tante battaglie e con tanto successo che strappò ai barbari sessanta tra le più nobili città delle Gallie, e poi anche tutto il bottino del quale quelli si facevano vanto non contenti di essersi impossessati delle ricchezze».

28 HA, Probus, 13, 7: Et cum iam in nostra ripa, immo per omnes Gallias securi uagarentur, caesis prope quadringentis milibus, qui Romanum occupauerant solum, reliquos ultra Nigrum fluuium et Albam remouit; «E quando ormai si sentivano sicuri di vagare oltre la nostra riva (del Reno), anzi dappertutto nelle Gallie, dopo aver sterminato quasi quattrocentomila uomini, che avevano occupato il suolo romano, egli respinse i rimanenti al di là del Nigro e della zona dell’Alba».

29 HA, Probus, 13, 8: Tantum his praedae barbaricae tulit, quantum ipsi Romanis abstulerant. Contra urbes Romanas castra in solo barbarico posuit atque illic milites collocauit. 14, 1-3: Agros et horrea et domos et annonam Transrhenanis omnibus fecit, his uidelicet quos in excubiis conlocauit. 2. Nec cessatum est unquam pugnari, cum cotidie ad eum barbarorum capita deferrentur, iam ad singulos aureos singula, quamdiu reguli nouem ex diuersis gentibus uenirent atque ad pedes Probi iacerent. 3. Quibus ille primum obsides imperauit, qui statim dati sunt, deinde frumentum, postremo etiam uaccas atque oues. «E sottrasse a questi barbari tanta preda quanta essi avevano tolto ai Romani. Di fronte alle città romane sul territorio dei barbari pose accampamenti e vi collocò soldati. Diede campi, granai, case e rifornimenti a tutti i Transrenani, a coloro cioè che mise di guardia. E non si smise mai di combattere e ogni giorno gli venivano portate le teste dei barbari per ognuna delle quali veniva versato un aureo, fino a quando nove piccoli re di genti diverse non vennero a prostrarsi ai piedi di Probo. Da questi egli per prima cosa pretese degli ostaggi, che gli furono immediatamente consegnati, e inoltre frumento, infine anche vacche e pecore».

30 HA, Probus, 14, 7: Accepit praeterea sedecim milia tironum, quos omnes per diuersas prouincias sparsit, ita ut numeris uel limitaneis militibus quinquagenos et sexagenos intersereret dicens sentiendum esse non uidendum, cum auxiliaribus barbaris Romanus iuuatur; «Inoltre arruolò sedicimila reclute, che suddivise nelle diverse province formando distaccamenti militari o aumentando i soldati la difesa delle frontiere con gruppi di cinquanta o sessanta uomini dicendo che si doveva sentire ma non vedere quando i Romani si servivano di ausiliari barbari».

31 HA, Probus, 15, 1-2: Compositis igitur rebus in Gallia tales ad senatum litteras dedit: «ago diis immortalibus gratias, p. c., quia uestra in me iudicia comprobarunt. 2 Subacta est omnis qua tenditur late Germania, nouem reges gentium diuersarum ad meos pedes, immo ad uestros, supplices stratique iacuerunt. Omnes iam barbari uobis arant, uobis iam seruiunt et contra interiores gentes militant»; «Sistemate dunque le cose in Gallia, inviò al senato questa lettera: “Ringrazio, o senatori, gli dei immortali poiché hanno approvato la vostra fiducia nei miei riguardi. La Germania è stata sottomessa su tutto il territorio su cui si estende, nove re di diverse genti sono venuti a prostrarsi supplici ai miei, anzi ai vostri piedi. Ormai tutti i barbari per voi arano, sono al vostro servizio e combattono contro le genti più interne”».

32 HA, Probus, 15, 6: Arantur Gallicana rura barbaris bubus et iuga Germanica captiua praebent nostris colla cultoribus, pascuntur ad nostra alimoniam gentium pecora diuersarum, equinum pecus nostro iam fecundatur equitatui, frumento barbarico plena sunt correa. Quid plura? Illis sola relinquimus sola, nos eorum omnia possidemus; «I campi delle Gallie sono arati da buoi barbari e gioghi prigionieri offrono il collo ai nostri coltivatori, le greggi di diverse genti sono condotte al pascolo per le nostre mense, mandrie di cavalli vengono allevati per la nostra cavalleria, i nostri granai si riempiono con il grano dei barbari».

33 Occorre, tuttavia, sottolineare l’affinità di linguaggio tra il biografo di Probo e quello del panegirista di Costanzo Cloro: «Omnes iam barbari uobis arant, uobis iam seruiunt», avrebbe infatti detto Probo ai senatori, così come il panegirista aveva elogiato Costanzo Cloro con le seguenti parole: «Arat ergo nunc mihi Chamauus et Frisius» e poco prima «loca olim deserta… culta redderent seruiendo».

34 In un altro caso, tuttavia, lo vita di Probo narra che lo stesso imperatore insediò nell’impero addirittura centomila Bastarni. HA, Probus, 18, 1: Facta igitur pace cum Persis ad Thracias redit et centum milia Bastarnarum in solo Romano constituit, qui omnes fidem seruarunt; «Stipulata pertanto la pace con i Persiani tornò in Tracia e insediò sul suolo romano centomila Bastarni, che si comportarono tutti fedelmente nel tempo».

35 Su questo tipo di arruolamento vedi ora A. Barbero, Barbari, p. 17-28.

36 L’unica trattazione della deditio in fidem che si estende dalle sue remotissime origini fino all’inoltrata età bizantina è quella di B. Paradisi, «Dai foedera iniqua alle crisobulle bizantine», SDHI, 20, 1954, p. 1-126 (= id., Civitas Maxima. Studi di storia del diritto internazionale, Florence, 1974, p. 426-549), che meriterebbe un aggiornamento alla luce dei numerosi studi apparsi successivamente. Cf. più recentemente G. Wirth, «Rome and its Germanic Partners in the Fourth Century» e P. J. Heather, «Foedera and foederati of the fourth century», dans W. Pohl (éd.), Kingdoms of the Empire. The Integration of Barbarians in Late Antiquity, Leyde-New York-Cologne, 1997, p. 13-55 et p. 58-74.

37 Amm. Marc., 17, 8, 1-4.

38 Amm. Marc., 17, 8, 4: «accolse quelli che si offrivano con i propri beni e i figli».

39 Pan., 5 [8], 8, 4: dicioni tuae diuinitatis omnes sese dedere cogerentur, et cum coniugibus ac liberis ceteroque examine necessitudinum ac rerum suarum. Cf. n. 14.

40 Amm. Marc., 17, 13, 3: «promisero di versare un tributo annuo e di fornire giovani validi per il reclutamento e la loro subalternità». L’episodio viene riportato da altri autori antichi: cf. A. Barbero, Barbari, p. 110-111.

41 Cf. n. 22.

42 Cf. n. 33.

43 Pan., 5 [8], 9, 4. (cf. n. 15); 7 [6], 6, 2 (cf. n. 20).

44 Amm. Marc., 19, 11, 6: tributariorum onera subirent et nomen.

45 Aus., Mos., 9: aruaque Sauromatum nuper metata colonis. Cf. A. Barbero, Barbari, p. 122.

46 Cf. n. 22.

47 Aus., Mos., 23; 163; 458; dove colonus sembra avere lo stesso significato di cultor (ibid., 167) e di agricola (ibid., 400) e preferito per ragioni stilistiche e metriche.

48 In questo senso anche P. Jaillette, Introduction, p. 142.

49 Claud., In Eutr., 2, 258.

50 Claud., In Eutr., 2, 196-197; cf. H. Wolfram, Storia dei Goti, ed. italiana rivista e ampliata a cura di M. Cesa, (Geschichte der Goten, Munich, 1979), Rome, 1985, p. 235.

51 Claud., In Eutr., 205-206: concessoque cupit uixisse colonus / quam dominus rapto «e desidera vivere come colono ricevendo un beneficio piuttosto che come padrone compiendo una violenza».

52 Cf. P. J. Heather, «The anti-Scythian tirade of Synesius’ De Regno», Phoenix, 42, 1988, p. 152-175, part. p. 156.

53 Sul cui contenuto del trattato le opinioni degli studiosi sono discordanti: alcuni ritengono che esso abbia costituito una svolta rispetto ai precedenti accordi, mentre altri lo considerano prevalenti gli elementi di continuità. I principali punti del trattato che possono considerarsi sicuri sono elencati da H. Wolfram, Storia dei Goti, Rome, 1985, p. 232-233.

54 Tem., or., 16, 3.

55 Cf. M. Cesa, Impero tardoantico e barbari: la crisi militare da Adrianopoli al 418, Côme, 1994, p. 39-40.

56 Tem., or., 34, 22: εἴτε γεωργοImageς αὐτοImageς ἐθέλει χρImageσθαι βασιλεύς «l’imperatore vuole servirsi di loro o come contadini o come soldati».

57 Pan., 12, 22, 3: Dicamne ego receptos seruitium Gothos castris tuis militem, terris sufficere cultorem? «Dovrei parlare dei Goti posti al nostro servizio per offrire soldati all’esercito e coltivatori alle terre?».

58 Sin., De regno, 19.

59 Cf. É. Demougeot, De l’unité à la division de l’Empire romain, 395-410. Essai sur le gouvernement impérial, Paris, 1951, p. 253.

60 Per le sue simpatie per Stilicone vedi la ricostruzione di S. Mazzarino, Stilicone. La crisi imperiale dopo Teodosio, Milan, 19902 [Rome, 1942], p. 156 [224], che ricorda come dal luglio 399 al dicembre 400 a Costantinopoli cambiarono tre governi, prima che si affermasse quello antigermanico; cf. A. Cameron, Claudian. Poetry and Propaganda at the Court of Honorius, Oxford, 1970, p. 135.

61 Ricordiamo ancora come ad Antemio sia indirizzata la constitutio de Scyris.

62 Per le gravi ripercussioni dell’assassinio di Stilicone sul comportamento dei barbari arruolati dal generale barbaro v. T. Stickler, «The Foederati», dans P. Erdkamp (éd.), A Companion to the Roman Army, Oxford, 2007, p. 495-514, part. p. 507.

© Presses universitaires du Septentrion, 2011

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search