Version classiqueVersion mobile

Filosofia sociale e politica

 | 
Federica Gregoratto

VII. Economia e filosofia sociale

Texte intégral

1In questa serie di lezioni ho parlato della natura, dello scopo, e della funzione della filosofia sociale e politica. Ho proposto un criterio per criticare cose come le abitudini, i costumi e le istituzioni sociali. Tuttavia queste discussioni sono state condotte in termini generali e in qualche modo vaghi, temo. A partire da oggi, mi occuperò di alcuni dei problemi più concreti di cui la filosofia sociale e politica deve interessarsi.

2Per comodità, possiamo raggruppare questi problemi in tre categorie. Nella prima categoria, quella dei problemi politici, valutiamo la natura della politica e la finalità della legge e del governo. Proviamo a rispondere a domande quali: cosa è un governo? Quali sono le funzioni appropriate di un particolare governo? Quale genere di governo è migliore? Il governo autoritario e quello aristocratico sono migliori della democrazia, o vale il contrario? Qual è l’estensione, e quali i limiti cui l’autorità di un governo deve sottostare? Cosa si dovrebbe impegnare a fare un governo, e cosa dovrebbe lasciare ad altri enti? Cosa è che un governo può fare per il suo popolo, e cosa non ci si può aspettare che esso compia?

3Ci sono altre domande. I governi autoritari affermano di essere – e spesso paiono esserlo – efficaci, ma fino a che punto arriva questa efficacia, e quali sono i suoi costi, in termini di valori umani? Perché le leggi sono necessarie? Semplicemente, cosa è la legge? Perché abbiamo il diritto penale, e come lo impieghiamo? Quali affermazioni degli anarchici possono essere ragionevolmente accettate? Tutte queste questioni, e dozzine di altre simili, sono sussunte sotto il titolo di problemi politici.

4Sotto il secondo titolo – secondo in lista, ma di primaria importanza – includiamo i problemi della vita culturale e intellettuale dell’uomo. Le questioni umane basilari sono quelle che riguardano la sua cultura, in cui includiamo cose quali la religione, la letteratura e le arti figurative, l’istruzione e il sapere. Qui ci facciamo domande come: che ruolo hanno l’autorità, la tradizione, e la libertà individuale nel campo della credenza? Nei differenti generi di società, quali compiti sono assegnati alla libertà di pensiero, opinione, pubblicazione, e associazione? (Una prospettiva storica è quella per cui quella dell’uomo è la storia di battaglie per conquistare la libertà.)

5I problemi dell’economia cadono sotto il terzo titolo. In questo caso ci interroghiamo su ruoli e status di capitale e lavoro. Esaminiamo la contrapposizione fra proprietà privata e una qualche forma di collettivismo. Cerchiamo di comprendere se la vita economica debba essere pensata primariamente come competitiva o cooperativa.

6Ho intenzione di discutere problemi che riguardano tutte e tre queste categorie: problemi politici, problemi culturali e intellettuali, e problemi economici, uno a uno. Tuttavia oggi parlerò solo di questi ultimi. Se vi state chiedendo perché ho scelto in primo luogo questa ultima tipologia, è semplicemente perché il livello di civilizzazione che un popolo raggiunge, e i tipi di istituzione sociale che l’uomo crea, sono in gran parte funzioni della natura e della finalità delle sue organizzazioni economiche. Proprio come un uomo non può vivere senza cibo, una società non può fiorire quando i suoi bisogni primari non sono soddisfatti. Considero assiomatica l’idea secondo cui i modi in cui un popolo fa fronte ai propri problemi economici determinano considerevolmente ciò che fa rispetto ad altri problemi sociali.

7Quando parliamo di problemi economici, dobbiamo ragionare su tre livelli: (a) gli sforzi per soddisfare i desideri fondamentali che sono comuni a tutti gli uomini – la necessità di cibo e acqua e la protezione dagli elementi; (b) gli strumenti che gli uomini concepiscono per soddisfare i propri bisogni nella maniera più efficace possibile – macchine, se volete, a condizione che vi ricordiate che il termine «macchina» abbraccia un numero disparato di cose, come il bastone usato a mo’ di leva e i grandi transatlantici; e (c) la produzione e distribuzione delle merci necessarie a venir incontro alle esigenze umane.

8La velleità più pericolosa in cui i filosofi sociali e politici possono indulgere – e quella che una certa quantità di filosofi si è concessa – è quella di deprecare l’economia, di supporre che essa non richieda una riflessione filosofica solo perché non si occupa di null’altro che della faccenda mondana della produzione e distribuzione dei beni. Tali filosofi, apparentemente, ignorano la correlazione fra civilizzazione e economia. Infatti, una delle differenze principali fra barbarie e civilizzazione è costituita dall’economia. Un selvaggio ha pochi desideri e bisogni; di conseguenza concepirà relativamente pochi, semplici strumenti e progetti per il soddisfacimento di queste necessità. D’altro canto, un uomo che vive in una civiltà complessa, avendo molti desideri e una certa varietà di bisogni, ideerà una moltitudine di strumenti attraverso cui soddisfarli. Da una prospettiva storica si può vedere come lo sviluppo della religione, della letteratura, e delle arti figurative sia sempre stato associato al miglioramento degli ordinamenti economici con cui gli uomini hanno messo in ordine gli aspetti fondamentali delle loro vite.

9I filosofi hanno definito l’uomo in parecchi modi: come un animale parlante, o come un animale razionale. Si è pure posto l’accento sul fatto che l’uomo è l’unico animale in grado di ridere. Recentemente il filosofo francese Henri Bergson ha offerto la definizione di uomo come animale capace di creare utensili – una definizione particolarmente appropriata, a mio parere. La definizione di Bergson sposta l’attenzione sulla capacità dell’uomo di ricavare strumenti per il soddisfacimento dei suoi desideri dai materiali naturali – una caratteristica che gli animali di ordine inferiore non possiedono, e che è perciò peculiare dell’uomo.

10Fino a questo punto non abbiamo fatto altro che affermare l’importanza delle organizzazioni economiche, e alludere alla futilità di cercare di capire i problemi politici, culturali e intellettuali senza esaminare prima la sottostruttura economica su cui sono state edificate altre istituzioni sociali. Quando una civiltà diventa complessa, sia nelle sue organizzazioni economiche che per altri aspetti, si nota l’importanza crescente di due fenomeni, che sono di natura prettamente economica: la divisione del lavoro e la cooperazione.

11Se a ogni singolo membro di una società fosse improvvisamente richiesto di concepire da sé tutti gli strumenti con cui far fronte al proprio ambiente, la civiltà regredirebbe presto alla barbarie. Anche se fosse possibile per ogni persona prendersi cura di sé – e ci sarebbero solo pochi casi in cui questo sarebbe possibile – in breve tempo gli uomini si trasformerebbero di nuovo in selvaggi, semplicemente perché in queste condizioni non ci sarebbe una vita sociale cooperativa, nessun bisogno di questo tipo se non per il semplice livello di cooperazione praticata nella famiglia attraverso l’associazione naturale della consanguineità.

12Il primo vantaggio della divisione del lavoro è che ogni persona può coltivare la propria specialità, concentrando le proprie energie in una direzione particolare. Pure nell’agricoltura: ai giorni nostri il contadino, di norma, coltiva una o poche culture, e conta su altre persone per soddisfare le sue altre necessità, e perciò è messo nelle condizioni di applicare alla sua specializzazione i risultati di una tecnologia altamente sviluppata e, senza dubbio, di produrre raccolti che sarebbero stati al di là di ogni possibile immaginazione per i suoi antenati.

13Nell’industria i vantaggi della divisione del lavoro sono ancora più ovvi. Fabbri, argentieri, pittori, ingegneri – sono tutti impegnati nel campo delle loro rispettive specializzazioni. Se non potessero farlo – se ognuno fosse costretto a sprecare energie in una miriade di compiti – non potrebbero mai sviluppare davvero le proprie potenzialità.

14La divisione del lavoro non facilita solo lo sviluppo di tecnologie specializzate, ma promuove anche la cooperazione nella vita sociale. La complessità della vita sociale in una civiltà avanzata rende la cooperazione indispensabile, semplicemente perché più grande è la complessità, più pressante diventa la necessità di distinzioni ancora più sottili e più grande il numero di divisioni nella responsabilità generale per la produzione dei beni e dei servizi vitali. Il contadino produce alimenti e fibre; l’operaio le trasforma in merci di consumo; il mercante gestisce lo scambio e la distribuzione dei prodotti agricoli del contadino e dei beni lavorati dell’industria. Ognuno dipende dall’altro; i segmenti della società sono interconnessi, e la società è per natura cooperativa. Una società senza una divisione del lavoro piuttosto complessa rimane una società primitiva, e resta in un relativo isolamento; ma le società più complesse in cui la divisione del lavoro è la regola acquistano una qualità organica, allorché l’attività di una parte influenza necessariamente tutte le altre parti in un modo che si può quasi comparare a quanto avviene nell’organismo di un individuo.

15Queste giustificazioni della divisione del lavoro sono luoghi comuni, note a tutti, cose che è davvero inutile dire. Insisto sul punto per richiamare l’attenzione sulla fallacia che riguarda la pratica comune di assegnare alle faccende economiche una posizione in qualche modo inferiore nell’ordine d’indagine, e di assumere che siano assai lontane dalla vita spirituale dell’uomo. Pure oggi in Europa ci sono ancora persone che si lamentano che lo sviluppo degli aspetti materiali della civiltà va di pari passo con – se addirittura non ne è la causa – la decadenza degli aspetti spirituali. La mia personale posizione è esattamente il contrario di questa: dicotomizzare fra aspetti spirituali e materiali della vita finisce per essere fuorviante. La cooperazione nella vita sociale di cui stavamo parlando ha certamente a che fare con le condizioni materiali di vita, ma è anche un fondamento importante della vita spirituale dell’uomo in un senso molto forte.

16Abbiamo espresso il nostro disaccordo con i filosofi che deprecano l’importanza delle questioni economiche, ritenendole un soggetto inappropriato per l’indagine filosofica. Tuttavia, ora dobbiamo dare un’occhiata a un gruppo di teorici che sono giunti all’estremo opposto. Quando, fra il tardo xviii secolo e il primo Ottocento, alcuni studiosi britannici si appassionarono ai concetti di divisione del lavoro e cooperazione sociale, fecero un cesto con queste idee e ci misero dentro tutte le loro uova. Asserirono che tutti i problemi politici sono fondamentalmente e essenzialmente problemi economici.

17Nella seconda metà del xix secolo Herbert Spencer era uno strenuo difensore del darwinismo sociale, e sosteneva l’idea che l’evoluzione delle istituzioni sociali, e in particolare quella delle organizzazioni economiche, era analoga all’evoluzione organica come Darwin l’aveva descritta. Era ottimista quando insisteva nel dire che la divisione del lavoro forniva agli individui opportunità per sviluppare le loro potenzialità, e che l’incremento di produzione e lo scambio di merci resi possibili dalla divisione del lavoro si sarebbero tradotti in cooperazione e, infine, nell’eliminazione di ogni ostilità.

18Questa era la dottrina del libero scambio. Il libero scambio, sostenevano i suoi difensori, sarebbe in grado di eliminare la guerra perché un miglioramento nello sviluppo economico porterebbe le persone a riconoscere la dispendiosità della guerra; il libero scambio ovvierebbe alle tensioni internazionali, sia diplomatiche sia politiche, e ci accompagnerebbe in un’era di pace. Il libero scambio (al giorno d’oggi più conosciuto come libertà d’impresa) non si limiterebbe a ridurre le ostilità internazionali fino a farle scomparire, ma, secondo i suoi difensori, promuoverebbe anche la cooperazione interna in un dato paese. La loro teoria sosteneva che incoraggiare la libera competizione attraverso l’ammorbidimento di tutte le interferenze del governo con i naturali processi economici sarebbe andato a vantaggio di venditori e compratori.

19Questi teorici postulavano l’egoismo come caratteristica umana universale, e ammettevano che l’egoismo fosse radice di molti dei mali che affliggevano la società. Facevano tuttavia una distinzione fra egoismo naif o irriflessivo da un lato, e quello che chiamavano egoismo razionale o illuminato dall’altro. Confidavano nell’idea che le persone avrebbero presto riconosciuto che la prima forma di egoismo comportava sempre effetti dannosi, e che, come risultato di una tale presa di coscienza, si sarebbero votati a un egoismo razionale o illuminato, che inevitabilmente richiede la pratica della cooperazione.

20Non possiamo giudicare questa teoria sulla base dei suoi effetti pratici, dal momento che non è mai stata messa alla prova. Non c’è, e non c’è mai stato, un paese che si sia potuto permettere un libero scambio completamente indipendente dalla regolamentazione e dal supporto di un governo. Ma anche se non ci sono effetti pratici su cui basare la formulazione di un giudizio, ci sono ovvie debolezze intrinseche alla teoria stessa. Il punto debole fondamentale della teoria sta nell’assunzione di una condizione che è impossibile, ossia l’assunzione di eguaglianza di capacità fra individui o nazioni coinvolti nella competizione. Quando si parla di competizione economica, né le persone né le nazioni hanno, o hanno mai avuto, le stesse capacità. Se tale uguaglianza potesse esistere, la dottrina del libero scambio sarebbe sostenibile, ma il fatto bruto è che non esiste. Le differenze nelle doti naturali, nelle risorse naturali, nello sviluppo dei mezzi per sfruttare queste risorse, nel capitale disponibile, e in altri fattori sono troppo evidenti per essere ignorate. Né è ragionevole aspettarsi che l’egoismo razionale o illuminato sostituisca automaticamente quello irriflessivo prescindendo dalla guida fondata nell’osservanza di validi e consistenti principi morali. Per come stanno le cose, se la teoria della libera impresa fosse messa alla prova, il risultato sarebbe certamente che sia fra gli uomini, sia fra le nazioni, quelli più riccamente dotati di risorse e competenza soverchierebbero i loro vicini meno fortunati, l’egoismo genererebbe egoismo, e il risultato finale sarebbe ineguaglianza, ingiustizia, e tirannia.

21Questa teoria conobbe la sua più ampia diffusione intorno alla metà del xviii secolo. Le sue debolezze divennero sempre più evidenti fra il 1880 e il 1914, il periodo dell’imperialismo, quando le nazioni industrializzate dell’Occidente dominavano e sfruttavano i paesi più deboli che avevano risorse economiche scarse e poco sviluppate. In una situazione in cui ogni nazione perseguiva il proprio vantaggio sotto la maschera della libertà d’iniziativa, le nazioni industrializzate del Nord Europa producevano più di quanto i loro popoli potessero consumare, e la loro competizione per i mercati – specialmente i mercati delle nazioni meno sviluppate – le portò a combattersi duramente le une con le altre. Invece del mondo unito e pacifico immaginato dai profeti della libera impresa, nel 1914 assistemmo all’esplosione di una guerra che alla fine coinvolse il mondo intero.

22Proprio come i tentativi di mettere in pratica la teoria della libera impresa a livello internazionale ha condotto allo sfacelo della guerra, gli sforzi per farla funzionare a livello nazionale ebbero come risultato una molteplicità di mali. Oggigiorno, senza dubbio, c’è un certo livello di cooperazione fra gli individui nelle imprese commerciali e industriali, ma questa cooperazione è messa in ombra dalla concorrenza, e in questa competizione, discrepanze nelle abilità e nelle risorse danno vantaggio ai più forti, generando ineguaglianza e ingiustizia.

23Con il passaggio dalla manifattura artigianale alla produzione meccanizzata, senza dubbio il controllo sulle vite dei lavoratori si concentra più saldamente che mai nelle mani dei capitalisti. L’accumulazione di capitale nelle mani dei capitalisti dà a questi il controllo non solo sui mezzi di produzione, ma anche su quelli di distribuzione. La cessione dei beni artigianali è un affare intricato, e richiede tempo. L’uomo con parecchio capitale a sua disposizione può permettersi di tenersi stretta la merce fino a che il mercato non è a suo favore; l’uomo con meno capitale deve vendere le proprie scorte in base a quanto il mercato può offrire, perché non può permettersi di conservarle fino a che i prezzi non salgano. A queste condizioni il concorrente più ricco mette il più debole con le spalle al muro e si trova presto nella posizione di assorbire il secondo a prezzi svalutati – per fare poi profitti più alti che mai.

24Ponendo la faccenda senza giri di parole, in teoria, capitalisti e lavoratori possono cooperare gli uni con gli altri, ma di fatto, sotto un sistema di libera impresa e in assenza di controlli del governo, il capitalista quasi sempre si approfitterà dei lavoratori. Una reazione a questo stato di cose è stata quella dei sindacati, la cui principale preoccupazione consiste nel limitare, se non eliminare, le peggiori ineguaglianze e ingiustizie generate dalla libera impresa. In questo momento la classe operaia considera questi esiti come una negazione dei diritti umani, e ritiene che il problema sia uno di quelli che esige soluzioni radicali. D’altro canto, il capitale, citando a propria giustificazione le teorie economiche formulate nel xviii e xix secolo, vede nella libera impresa un fenomeno totalmente naturale e completamente irreversibile. Senza adottare integralmente alcuna delle due posizioni, offro due suggerimenti.

25In primo luogo, la cooperazione nella moderna vita economica ha avuto effetti negativi e positivi. In epoche precedenti in cui la vita era più solitaria, e c’era poca comunicazione, anche il livello del conflitto era relativamente basso. Ma la cooperazione ha promosso la comunicazione fra le persone, accelerando dunque lo sviluppo della cultura. Questo è il lato positivo. Quello negativo è che, assieme alla promozione della comunicazione e allo sviluppo della cultura, fra le persone si è generato anche il conflitto – e nel caso presente, ci riferiamo al conflitto fra capitalisti da un lato e lavoratori dall’altro. Il problema attuale è quello di sviluppare modalità di cooperazione che producano gli effetti desiderati e al tempo stesso impediscano o eliminino gli effetti negativi che deploriamo.

26In seconda battuta, dobbiamo riconoscere che libertà e uguaglianza non procedono mano nella mano. Lo slogan della Rivoluzione francese alla fine del xviii secolo era libertà, uguaglianza, fraternità. L’idea era che se la libertà fosse stata garantita a ciascuno, l’uguaglianza sarebbe seguita in maniera automatica. I centoventicinque anni che seguirono la Rivoluzione sono stati un periodo in cui la libertà ha raggiunto un grado prima sconosciuto nel mondo, ma è stato anche un periodo in cui clamorose ineguaglianze sono state così comuni che, al giorno d’oggi, molti pensano siano inevitabili. E l’ineguaglianza è inevitabile quando coloro che possono godere di libertà senza restrizioni ne approfittano. Il problema attuale è quello di concepire limitazioni appropriate alla libertà individuale, affinché ogni persona possa godere sia della libertà che dell’uguaglianza in una sorta di equilibrio che garantisca a ciascuno la massima possibilità di sviluppare completamente il proprio potenziale.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search