Version classiqueVersion mobile

Filosofia sociale e politica

 | 
Federica Gregoratto

V. Criteri per giudicare i sistemi di pensiero

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Nella mia precedente lezione ho mostrato le differenze fra la visione tradizionale secondo cui il disordine in una società è determinato dal conflitto fra individui da una parte e la società organizzata dall’altra, e la mia teoria per cui il conflitto sociale trae origine da un netto squilibrio fra gli interessi e i vantaggi di quei gruppi di persone che collettivamente formano la società. Alla domanda se ci sia una differenza significativa fra le prospettive tradizionali e la mia, ho risposto in maniera categorica: «Sì, c’è un’enorme differenza, e di grande rilevanza pratica».

Fino a che continuiamo a definire il disordine sociale in termini di conflitto fra gli individui e la loro società, suscitiamo animosità da un lato e intransigenza dall’altro; incoraggiamo gli uni a un’ostinata difesa delle istituzioni esistenti, a qualsiasi costo; e incoraggiamo gli altri, resi temerari, a sobillare e lavorare per l’abolizione indiscriminata delle organizzazioni esistenti, per rimpiazzarle co...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search