Version classiqueVersion mobile

Filosofie della natura dopo Schelling

 | 
Iain Hamilton Grant

6. Filosofia dinamica, fisica trascendentale

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

 

Soltanto come potenza, infatti, l’essere è contenuto del puro pensare. Ciò che però è potenza, è secondo la sua natura portato a saltare nell’essere. Per la natura del suo contenuto, dunque, il pensare è attratto fuori di sé. Ciò che trapassa nell’essere, infatti, non è più contenuto del mero pensare, esso è divenuto oggetto di un conoscere (empirico) procedente oltre il mero pensare (SW, II/3, p. 102).

Schelling infatti non pensa «concetti», egli pensa forze e pensa posizioni del volere (Heidegger, 1971, p. 133).

Dato che lo straniero eleatico, che Deleuze rinomina come l’intelligente dinamista, suggerisce che l’essere non è altro che potenza (Sofista, 247e3-4), sorprenderebbe il fatto che Platone non avesse tentato un approccio parallelo per risolvere il problema cruciale della ‘materia dell’Idea’, come avrebbe poi fatto Plotino (VI.6.6). In luogo del somatismo che egli critica (Politico, 273b5; Timeo, 31b5), Platone si domanda: di quali ‘potenze’ un qualcosa è ‘per natura dotato’ ...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search