Versión clásicaVersión móvil

Filosofie della natura dopo Schelling

 | 
Iain Hamilton Grant

5. Ciò che pensa in me è ciò che è fuori di me: la fenomenicità, la fisica e l’idea

Pueden acceder a los formatos HTML, PDF y ePub los usuarios de bibliotecas e instituciones que lo hayan adquirido en el marco de OpenEdition Freemium for Books. La obra podrá ser comprada de igual modo en formato PDF y ePub en los sitios web de nuestras librerias asociadas. Si la edición papel se encuentra disponible, tendrá enlaces a disposición para dirigirse a las librerías desde esta página.

Extracto del texto

 

Che cosa penso quando penso ciò che esiste? (SW, I/10, p. 303).

Schelling non può semplicemente abbandonare il trascendentale. Kant e Fichte avevano inventato un nuovo terreno per l’attività filosofica, ma non lo avevano sfruttato a sufficienza; Fichte in particolare mostrò una considerevole comprensione delle facoltà di astrazione. Tali facoltà, in quanto effettivamente attuali, richiedono un fondamento fisico per rimuoverle dalla ‘non-natura’ nella quale il trascendentalista le aveva collocate, in «ogni branca della cultura e dell’educazione della natura» (SW, I/7, p. 80). Fra il Primo abbozzo di un sistema di filosofia della natura e l’Introduzione a esso (entrambi del 1799), il Sistema dell’Idealismo trascendentale e la Deduzione generale del processo dinamico (entrambe del 1800), l’Esposizione del mio sistema di filosofia (1801) e le Ulteriori esposizioni (1802), Schelling lavora progressivamente alla naturalizzazione dell’astratto o alla fisica dell’ideazione. Lo spostamento f...

Buscar en OpenEdition Search

Se le redirigirá a OpenEdition Search