Version classiqueVersion mobile

Filosofie della natura dopo Schelling

 | 
Iain Hamilton Grant

5. Ciò che pensa in me è ciò che è fuori di me: la fenomenicità, la fisica e l’idea

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

 

Che cosa penso quando penso ciò che esiste? (SW, I/10, p. 303).

Schelling non può semplicemente abbandonare il trascendentale. Kant e Fichte avevano inventato un nuovo terreno per l’attività filosofica, ma non lo avevano sfruttato a sufficienza; Fichte in particolare mostrò una considerevole comprensione delle facoltà di astrazione. Tali facoltà, in quanto effettivamente attuali, richiedono un fondamento fisico per rimuoverle dalla ‘non-natura’ nella quale il trascendentalista le aveva collocate, in «ogni branca della cultura e dell’educazione della natura» (SW, I/7, p. 80). Fra il Primo abbozzo di un sistema di filosofia della natura e l’Introduzione a esso (entrambi del 1799), il Sistema dell’Idealismo trascendentale e la Deduzione generale del processo dinamico (entrambe del 1800), l’Esposizione del mio sistema di filosofia (1801) e le Ulteriori esposizioni (1802), Schelling lavora progressivamente alla naturalizzazione dell’astratto o alla fisica dell’ideazione. Lo spostamento f...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search