Version classiqueVersion mobile

Filosofie della natura dopo Schelling

 | 
Iain Hamilton Grant

1. Perché Schelling? Perché la filosofia della natura?

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Schelling non è pensatore facile. I suoi diversi sistemi, tutti riconducibili a una filosofia dell’Assoluto o dell’Incondizionato, sono complicati dall’esigenza di partire sempre dall’inizio per ripensare il tutto in modo assoluto, come precondizione fondamentale per pensare il tutto ripetutamente, vale a dire continuamente e ogni volta in modo assoluto. L’esposizione filosofica dell’Incondizionato – o dell’Assoluto – non è l’analisi dello stato di fatto, essa costituisce piuttosto l’esposizione dell’Assoluto che accade all’interno dell’Assoluto stesso come medium della sua stessa esposizione: «la filosofia è interamente e perfettamente nell’Assoluto» (SW, I/4, p. 388). Un tale sistema filosofico non cerca dunque di individuare un punto fisso dal quale dedurre un mondo esterno né di porsi al di là di questo, esso è anzi in se stesso incondizionatamente un movimento ‘genetico’ (SW, I/2, p. 39) del mondo e nel mondo. Secondo Schelling, la filosofia non consiste nella ridescrizione di ...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search