Version classiqueVersion mobile

Dire l’anima

 | 
Massimo Donà

Corollario

Di un equivoco kantiano

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Già per Sofia Vanni Rovighi – ma anche Italo Mancini, nella sua formidabile ‘Guida’ della Critica della ragion pura, sarebbe tornato a ribadirlo – «le definizioni kantiane di tempo e di schema sono identiche: il tempo è la condizione formale dei fenomeni, lo schema è la condizione formale della sensibilità. Tempo e schema hanno la stessa definizione, sono la stessa cosa»1.

Il problema a cui Kant avrebbe cercato di dare risposta era quello della conciliazione – certo, già data nell’esperienza, secondo il suo funzionamento, eppur tutta da fondare, in relazione alle sue reali condizioni di possibilità – di sensibilità e intelletto.

Davvero, infatti, questi due momenti costitutivi dell’umana esperienza sembrerebbero non poter giustificare, in alcun modo, il loro peraltro sempre perfetto con-venire nella costituzione della realtà, almeno in relazione al modo in cui la medesima viene effettivamente esperita dall’umana conoscenza.

Nature assolutamente opposte, l’una rispetto all’altra, che pu...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search