Version classiqueVersion mobile

Postille a Derrida

 | 
Maurizio Ferraris

Parte seconda. Il dibattito sulla decostruzione

3. 1980-1990

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Con gli anni Ottanta, la decostruzione appare come una delle maggiori vie seguite dalla eredità di Heidegger o, più precisamente, come la maggiore alternativa rispetto alla «urbanizzazione» della riflessione heideggeriana suggerita dalla ontologia ermeneutica di Hans-Georg Gadamer. E proprio in un tale quadro si spiega come il testo di riferimento principale per questo nuovo sguardo nei confronti del decostruzionismo sia la conferenza parigina del 1968 La différance1. Qui si tematizza esplicitamente il rapporto della idea di decostruzione e della ipotesi grammatologica con la filosofia heideggeriana. Il discorso dell’essere che non è l’essere dell’ente trova la propria finale realizzazione nella tematizzazione della scrittura. Il linguaggio è «la casa dell’essere», ma proprio nella misura in cui l’essere non è l’essere dell’ente, l’oggetto disponibile per le manipolazioni umane, nessun soggetto potrà mai pretendere di impossessarsi interamente del logos. Questo è stato piuttosto il ...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search