Version classiqueVersion mobile

Postille a Derrida

 | 
Maurizio Ferraris

Parte seconda. Il dibattito sulla decostruzione

2. 1967-1980

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

Il problema della coscienza storica – e in particolare il fatto che ogni tentativo di oltrepassamento della metafisica si muove entro il linguaggio della tradizione – assume una cogenza ben maggiore nel momento in cui, a differenza di Heidegger, Derrida non si riferisce alla tradizione come a una continuità vivente, ma piuttosto (per riprendere l’espressione della conferenza parigina del 1968 sulla différance)1 come a un «testo senza voce». La tradizione opera come un apparato testuale vincolante che indefinitamente condiziona le nostre scelte di pensiero; ma il carattere pervasivo della tradizione diviene particolarmente acuto nel momento in cui gli stessi atti linguistici viventi si presentano come una semplice modificazione di un testo trasmesso. Il nuovo, alla fine, non è che mimesi del morto, e l’oblio dell’essere che Heidegger imputa alla metafisica consiste, in questa prospettiva, nella pretesa sempre rinnovata di porre capo a una novità e a una alterità (superamento della tr...

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search