Version classiqueVersion mobile

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

10. Storia e contesto

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Il “peso” della storia pregressa

Una strategia adottata da Bode et al. nel 2014 per prendere le distanze dal cognitivismo consisteva nel ribadire l’impossibilità di correlare i risultati conseguiti negli esperimenti cruciali sulle “determinanti inconsce” a un modello cognitivistico di decision-making. L’idea fondamentale alla base di questa presunzione era che il comportamento decisionale è libero, spontaneo e casuale, e che ogni decisione può venir presa in maniera indipendente da qualsiasi altra. Per questo motivo occorreva stabilire se l’attività neurale che precede immediatamente una prova non sia influenzata in qualche modo dalla memoria delle prove precedenti nonché dalla preparazione nei confronti della decisione che si sta per assumere. Senza dubbio le osservazioni di Lages e colleghi avevano dato forte sostegno all’idea che le nuove scelte risentano dell’influenza delle decisioni precedenti, perlomeno fino a un certo punto (Bode et al., 2014, p. 640). Di conseguenza, pur ...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search