Version classiqueVersion mobile

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

7. Le reazioni dei neurofisiologi

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Prime perplessità “neurofisiologiche”

All’indomani della pubblicazione dei risultati sperimentali del gruppo di Haynes, tra le voci dissonanti nei confronti delle (presunte) certezze conseguite in quella ricerca non hanno tardato a farsi sentire quelle dei neurofisiologi, molti dei quali sono ben lontani da posizioni deterministiche. Nel panorama italiano, chi ha mostrato circospezione per non dire scetticismo sulle risultanze del gruppo tedesco è stato Filippo Tempia dell’Università di Torino, il quale ha enumerato critiche molto circostanziate a quei risultati. Se ne darà in questa sede ampio resoconto, in quanto si tratta di rilievi che hanno preso l’avvio da differenti prospettive.

Il punto centrale intorno al quale Tempia ha elaborato la sua trama di perplessità riguarda proprio il carattere dei segnali Bold, i quali – come si è detto – sono una misura indiretta della variazione del flusso sanguigno. A tale proposito Tempia sottolinea che:

queste attività cerebrali così precoci...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search