Versione classicaVersione mobile

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

2. Un primo round tra filosofi e scienziati

I formati HTML, PDF, ePub sono accessibili agli utenti delle biblioteche e degli istituti che hanno richiesto la licenza OpenEdition Freemium per Books. Ad ogni modo, l'opera potrà essere acquistata online tramite le nostre librerie affiliate, nei formati PDF e ePub. Se la versione a stampa è disponibile sono proposti dei link verso le librerie in questa stessa pagina.

Estratto del testo

1. Intenzioni e azioni: i convincimenti dei filosofi

In maniera parallela, più o meno indipendente dalla ricerca neurofisiologica, proseguivano le discussioni dei filosofi e degli psicologi. In questo contesto, un contributo significativo allo studio delle basi fisiche dell’attività preparatoria all’azione provenne dall’impostazione cognitivistica, nell’ambito della quale alcune suggestioni di non poco conto arrivarono dai filosofi. Tra questi, John Searle (1983) aveva posto l’accento su due aspetti dell’intenzione:

  1. quello dell’intenzione “antecedente” (prior intention), cioè l’intenzione che si forma precedentemente all’azione, che consiste quindi nella pianificazione o progettazione dell’azione, l’inizio della “transazione” tra la mente e il mondo (ivi, p. 88);

  2. la vera e propria “intenzione nell’azione”, che rappresenta la componente mentale dell’azione, vale a dire quella forma di intenzione che causa il movimento corporeo e che mette capo all’esecuzione dell’azione (per esempio, no...

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search