Versión clásicaVersión móvil

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

2. Un primo round tra filosofi e scienziati

Pueden acceder a los formatos HTML, PDF y ePub los usuarios de bibliotecas e instituciones que lo hayan adquirido en el marco de OpenEdition Freemium for Books. La obra podrá ser comprada de igual modo en formato PDF y ePub en los sitios web de nuestras librerias asociadas. Si la edición papel se encuentra disponible, tendrá enlaces a disposición para dirigirse a las librerías desde esta página.

Extracto del texto

1. Intenzioni e azioni: i convincimenti dei filosofi

In maniera parallela, più o meno indipendente dalla ricerca neurofisiologica, proseguivano le discussioni dei filosofi e degli psicologi. In questo contesto, un contributo significativo allo studio delle basi fisiche dell’attività preparatoria all’azione provenne dall’impostazione cognitivistica, nell’ambito della quale alcune suggestioni di non poco conto arrivarono dai filosofi. Tra questi, John Searle (1983) aveva posto l’accento su due aspetti dell’intenzione:

  1. quello dell’intenzione “antecedente” (prior intention), cioè l’intenzione che si forma precedentemente all’azione, che consiste quindi nella pianificazione o progettazione dell’azione, l’inizio della “transazione” tra la mente e il mondo (ivi, p. 88);

  2. la vera e propria “intenzione nell’azione”, che rappresenta la componente mentale dell’azione, vale a dire quella forma di intenzione che causa il movimento corporeo e che mette capo all’esecuzione dell’azione (per esempio, no...

Buscar en OpenEdition Search

Se le redirigirá a OpenEdition Search