Versione classicaVersione mobile

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

1. Antefatto

I formati HTML, PDF, ePub sono accessibili agli utenti delle biblioteche e degli istituti che hanno richiesto la licenza OpenEdition Freemium per Books. Ad ogni modo, l'opera potrà essere acquistata online tramite le nostre librerie affiliate, nei formati PDF e ePub. Se la versione a stampa è disponibile sono proposti dei link verso le librerie in questa stessa pagina.

Estratto del testo

Commentando le proprie ricerche sulla libertà del volere, avviate a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, Benjamin Libet dichiarava di aver affrontato la questione secondo «un approccio sperimentale», rispettando i seguenti parametri:

  1. nessun segnale o controllo esterno doveva influire sull’insorgere dell’atto volontario, che pertanto era endogeno;

  2. il soggetto doveva sentire non solo di “doverlo” compiere, di propria iniziativa, ma anche di poter controllare ciò che stava facendo e quando.

A proposito della seconda condizione, Libet osservava che essa è disattesa sia in determinati casi clinici (corea di Huntington, sindrome di Tourette, morbo di Parkinson…, lesioni alla porzione frontomediale della corteccia premotoria) sia allorquando, a seguito di stimolazione da parte del neurofisiologo di parti dell’area motoria primaria (in genere su pazienti neurochirurgici), il soggetto è costretto a eseguire atti che di fatto non intende eseguire, e che pertanto sfuggono al suo controllo.

Ven...

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search