Desktop versionMobile Version

Che fare, quando fare, se fare

 | 
Germana Pareti
, 
Antonio G. Zippo

1. Antefatto

Das Programm OpenEdition Freemium bietet den abonnierten Benutzern Zugang zu dem Volltext im HTML-, PDF- und ePub-Format. Das Buch kann auch für Privatnutzer über unsere Partnerbuchhändler im PDF- und ePub-Format online erworben werden. Falls die gedruckte Version erhältlich ist, sind die Buchhandlungen auf dieser Seite rechts verlinkt.

Textauszug

Commentando le proprie ricerche sulla libertà del volere, avviate a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, Benjamin Libet dichiarava di aver affrontato la questione secondo «un approccio sperimentale», rispettando i seguenti parametri:

  1. nessun segnale o controllo esterno doveva influire sull’insorgere dell’atto volontario, che pertanto era endogeno;

  2. il soggetto doveva sentire non solo di “doverlo” compiere, di propria iniziativa, ma anche di poter controllare ciò che stava facendo e quando.

A proposito della seconda condizione, Libet osservava che essa è disattesa sia in determinati casi clinici (corea di Huntington, sindrome di Tourette, morbo di Parkinson…, lesioni alla porzione frontomediale della corteccia premotoria) sia allorquando, a seguito di stimolazione da parte del neurofisiologo di parti dell’area motoria primaria (in genere su pazienti neurochirurgici), il soggetto è costretto a eseguire atti che di fatto non intende eseguire, e che pertanto sfuggono al suo controllo.

Ven...

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search